GNOME (Italiano)

From ArchWiki
(Redirected from GNOME 3 (Italiano))
Jump to navigation Jump to search

GNOME(/(ɡ)noʊm/) e un desktop environment che mira ad essere semplice e facile da usare. È stato progettato da The GNOME Project ed è composto interamente da software gratuito e open source. GNOME fa parte del GNU Project. La visualizzazione predefinita è Wayland invece di Xorg.

Installazione

Sono disponibili due gruppi:

  • gnome ha il desktop di base e delle applicazioni integrate.
  • gnome-extra contiene applicazioni per GNOME, tra cui un client di posta elettronica, un client IRC, GNOME Tweaks, e una serie di impostazioni di personalizzazioni. questo gruppo si basa su gnome.

Il desktop di base è composto da GNOME Shell, un plugin per il Mutter window manager. Può essere installato separatamente con gnome-shell.

Nota: mutter funge da gestore composito per il desktop, utilizzando l'accelerazione della grafica hardware per fornire effetti e ridurre il disordine dello schermo. Il gestore delle sessioni GNOME rileva automaticamente se il tuo driver video è in grado di eseguire GNOME Shell e in caso contrario, ricade sul rendering del software utilizzando llvmpipe.

Release Unstable

Vedere Official repositories#gnome-unstable.

GNOME Sessioni

GNOME ha tre sessioni disponibili, tutte usano GNOME Shell.

  • GNOME è l'impostazione predefinita che utilizza Wayland. Le applicazioni X tradizionali vengono eseguite attraverso Xwayland.
  • GNOME Classic è un layout desktop tradizionale con un'interfaccia simile a GNOME 2, che utilizza estensioni e parametri pre-attivati. [1] Quindi è più una GNOME shell personalizzata che una modalità veramente distinta.
  • GNOME on Xorg esegue GNOME Shell usando Xorg.

Starting

GNOME può essere avviato graficamente con un display manager o manualmente dalla console (alcune funzioni potrebbero non essere presenti). Il display manager incluso in gnome è GDM.

Nota: Supporto per il blocco dello schermo (e altro ancora) in GNOME è fornito da GDM. Se GNOME non viene avviato con GDM, un'altra schermata di blocco può essere utilizzata. Vedere List of applications/Security#Screen lockers.

Ambienti Grafici

Seleziona la sessione: GNOME , GNOME Classic o GNOME su Xorg dal menu della sessione del display manager.


Xorg sessioni

  • Per la sessione GNOME su Xorg, aggiungi al file ~/.xinitrc (Vedere qui per dettagli):
    export XDG_SESSION_TYPE=x11
    export GDK_BACKEND=x11
    exec gnome-session
  • Per la sessione GNOME Classic, aggiungi al file ~/.xinitrc :
    export XDG_CURRENT_DESKTOP=GNOME-Classic:GNOME
    export GNOME_SHELL_SESSION_MODE=classic
    exec gnome-session --session=gnome-classic

Dopo aver modificato il file ~/.xinitrc , GNOME può essere lanciato con il comando startx (vedere xinitrc per ulteriori dettagli, come preservare la sessione di logind). Dopo aver impostato il file~/.xinitrc a cui può anche essere organizzato Start X at login, ad es. su tty2 aggiungendo sul file.bash_profile:

if [[ -z $DISPLAY && $(tty) == /dev/tty2; ]]; then
  XDG_SESSION_TYPE=x11 GDK_BACKEND=x11 exec startx
fi

Wayland sessioni

Nota:
  • Un server X: fornito da xorg-server-xwayland<-pacchetto, e ancora necessario per eseguire applicazioni che non sono ancora state trasferite aWayland. Applicazioni che utilizzano determinate librerie grafiche, ad esempio Qt, può essere costretto a utilizzare Wayland impostando le variabili di ambiente. Vedere Wayland#GUI libraries per maggiori informazioni.
  • Quando si utilizza il driver proprietario NVIDIA, non-Wayland-native le applicazioni soffrono di scarse prestazioni a causa della mancanza di accellerazione hardware su XWayland. Questo è expected da risolvere nella primavera del 2020, ma non esiste una linea temporale impegnata da NVIDIA.

È possibile avviare manualmente una sessione Wayland con XDG_SESSION_TYPE=wayland dbus-run-session gnome-session.

Per iniziare, accedi a tty1, aggiungi quanto segue al tuo file .bash_profile poiché non tutte le applicazioni rispettano XDG_SESSION_TYPE, aggiungere una variabile per Firefox, applicazioni QT:

if [[ -z $DISPLAY && $(tty) == /dev/tty1 && $XDG_SESSION_TYPE == tty ]]; then
  MOZ_ENABLE_WAYLAND=1 QT_QPA_PLATFORM=wayland XDG_SESSION_TYPE=wayland exec dbus-run-session gnome-session
fi

Applicazioni GNOME in Wayland

Quando viene utilizzata la sessione GNOME, le applicazioni GNOME verranno eseguite utilizzando Wayland.

Per i casi di debug, il Manuale GTK vi elenca le opzioni e le variabili di ambiente.

Navigazione

Per sapere come usare la shell GNOME leggi in modo efficace il file GNOME Shell Cheat Sheet; evidenzia le funzionalità della shell GNOME e le scorciatoie da tastiera. Le funzioni includono il cambio di attività, l'uso della tastiera, il controllo della finestra, il pannello, la modalità panoramica e altro ancora. Alcune delle scorciatoie sono:

  • Super + m: mostra l'elenco delle notifiche
  • Super + a: mostra griglia dell'applicazione
  • Alt + Tab: ciclo di applicazioni attive
  • Alt + ` ( la chiave sopra Tab sui layout di tastiera degli Stati Uniti): ciclo di finestre dell'applicazione in primo piano
  • Alt + F2, digita r o restart: riavviare la shell in caso di problemi grafici della shell (solo in X/modalità legacy, non in modalità Wayland).

Vedere Keyboard navigation per più scorciatoie.

Suggerimento: To make Alt+Tab cambiare applicazioni solo nell'area di lavoro corrente, è possibile impostare current-workspace-only per true:
$ gsettings set org.gnome.shell.app-switcher current-workspace-only true

Nomi legacy

Nota: Alcuni programmi GNOME hanno subito cambiamenti di nome in cui il nome dell'applicazione nella documentazione e sulle finestre di dialogo è stato modificato ma il nome dell'eseguibile non è stato modificato. Alcune di queste applicazioni sono elencate nella tabella seguente.
Suggerimento: La ricerca del nome legacy di un'applicazione nella barra di ricerca di Shell restituirà correttamente l'applicazione in questione. Ad esempio, la ricerca di nautilus tornerà Files.
Current Legacy
Files Nautilus
Web Epiphany
Videos Totem
Main Menu Alacarte
Document Viewer Evince
Disk Usage Analyzer Baobab
Image Viewer EoG (Eye of GNOME)
Passwords and Keys Seahorse
GNOME Translation Editor Gtranslator

Configurazione

Il pannello Impostazioni di sistema GNOME ( gnome-control-center ) e le applicazioni GNOME usano il sistema di configurazione dconf per memorizzare le loro impostazioni.

È possibile accedere direttamente al database dconf utilizzando gli strumenti della riga di comando 1 gsettings( 1 ). Ciò consente anche di configurare le impostazioni non esposte dalle interfacce utente. Lo strumento da riga di comando 1 dconf( 1 ) può modificare direttamente il database sottostante, ignorando la convalida.

Fino a quando le impostazioni di GNOME 3.24 sono state applicate dal demone delle impostazioni di GNOME (che si trova in /usr/lib/gnome-settings-daemon/gnome-settings-daemon), che poteva essere eseguito al di fuori di una sessione GNOME.

GNOME 3.24 tuttavia ha sostituito il demone delle impostazioni di GNOME con diversi plugin di impostazioni separati /usr/lib/gnome-settings-daemon/gsd- * che sono stati successivamente spostati in /usr/lib/gsd- * . Questi plugin sono ora controllati tramite file desktop in /etc/xdg/autostart (org.gnome.SettingsDaemon.*. Desktop). Per eseguire questi plugin al di fuori di una sessione GNOME ora dovrai copiare/modificare le desktop entries appropriate in ~ /.config/autostart.

La configurazione viene generalmente eseguita in base all'utente, questa sezione non tratta come creare modelli di configurazione per più utenti.

Impostazioni di Sistema

Colore

Il demone colord legge l'EDID del display ed estrae il profilo colore appropriato. La maggior parte dei profili di colore sono precisi e non è necessaria alcuna impostazione; tuttavia per quelli che non sono precisi, o per i display più vecchi, i profili di colore possono essere inseriti in ~/.local/share/icc/ e indirizzati.

Luce Notturna

GNOME viene fornito con un filtro per la luce blu incorporato simile a Redshift. È possibile abilitare e personalizzare l'ora in cui si desidera abilitare la luce notturna dal menu delle impostazioni del display. Inoltre, puoi modificare la temperatura in kelvin con la seguente impostazione dconf, dove 5000 è un valore di esempio:

$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.color night-light-temperature 5000
Suggerimento: Per modificare la temperatura diurna in una sessione Wayland, installa questa estensione.

Data & ora

Se il sistema ha un Network Time Protocol daemon configurato, sarà efficace anche per GNOME. La sincronizzazione può essere impostata sul controllo manuale dal menu, se necessario.

GNOME supporta la selezione automatica del fuso orario (può essere abilitato nella sezione Data e ora delle impostazioni di sistema, dato che i servizi di localizzazione sono abilitati (vedere la sezione Privacy delle impostazioni).

Per mostrare la data nella barra in alto, eseguire:

$ gsettings set org.gnome.desktop.interface clock-show-date true

Inoltre, per mostrare i numeri delle settimane nel calendario aperto nella barra in alto, eseguire:

$ gsettings set org.gnome.desktop.calendar show-weekdate true

Applicazioni Predefinite

Quando si installa GNOME per la prima volta, è possibile che alcune applicazioni errate gestiscano determinati protocolli. Ad esempio, "totem" apre i video anziché usare VLC che era precedentemente utilizzato. Alcune associazioni possono essere impostate dalle impostazioni di sistema tramite: Dettagli > Applicazioni predefinite .

Per altri protocolli e metodi, vedere Default applications per la configurazione.

Mouse e touchpad

La maggior parte delle impostazioni del touchpad può essere configurata dalle impostazioni di sistema tramite: Dispositivi > Mouse e touchpad .

A seconda del dispositivo, potrebbero essere disponibili altre impostazioni di configurazione, ma non esposte tramite la GUI predefinita. Ad esempio, un touchpad diverso click-method

$ gsettings range org.gnome.desktop.peripherals.touchpad click-method
 
enum
'default'
'none'
'areas'
'fingers'

da impostare manualmente:

$ gsettings set org.gnome.desktop.peripherals.touchpad click-method 'fingers'

o via gnome-tweaks.

Nota: Il synaptics il driver non è supportato da GNOME. Invece, dovresti usare libinput. Vedi questa segnalazione di bug.

Rete

NetworkManager è lo strumento nativo del progetto GNOME per controllare le impostazioni di rete dalla shell. Installa il pacchetto networkmanager e abilita il servizio NetworkManager.service.

Sebbene sia possibile utilizzare qualsiasi altro network manager, NetworkManager fornisce la piena integrazione tramite le impostazioni della rete e dalla shell e un'applet indicatore di stato network-manager-applet (non e richiesto per GNOME).

Nota: Le reti wireless nascoste impostate con networkmanager 's' 'nmtui' 'non si connettono automaticamente. È necessario creare un nuovo profilo utilizzando il centro di controllo GNOME per ripristinare le funzionalità di connessione automatica per quella rete.

Account online

I backend per l'applicazione di messaggistica GNOME empathyAUR e la sezione GNOME Online Accounts del pannello Impostazioni di sistema sono forniti in un gruppo separato: telepathy. Vedi Unable to add accounts in Empathy and GNOME Online Accounts. Alcuni account online, come ownCloud, richiedono l'installazione di gvfs-goa per la piena funzionalità in applicazioni GNOME come GNOME Files e Documenti GNOME ThreePointSeven/Caratteristiche/ownCloud.

Ricerca

GNOME shell ha una ricerca a cui è possibile accedere rapidamente premendo il tasto Super e iniziando a digitare. Il pacchetto tracker è installato per impostazione predefinita come parte del gruppo gnome e fornisce un'applicazione di indicizzazione e un database di metadati. Può essere configurato con la voce di menu Ricerca e indicizzazione ; monitorare lo stato con tracker-control . Viene avviato automaticamente da gnome-session quando l'utente accede. L'indicizzazione può essere avviata manualmente con tracker-control -s. Le impostazioni di ricerca possono anche essere configurate nel pannello "Impostazioni di sistema".

Il database Tracker può essere interrogato usando il comando tracker-sparql . Visualizza la sua pagina di manuale 1 tracker-sparql( 1 ) per maggiori informazioni.

Impostazioni avanzate

Come notato sopra, molte opzioni di configurazione come la modifica del tema GTK o window manager non sono esposte nel pannello Impostazioni di sistema di GNOME ( gnome-control-center ). Gli utenti che desiderano configurare queste impostazioni potrebbero voler usare GNOME Tweaks ( gnome-tweaks), un comodo strumento grafico che espone molte di queste impostazioni.

Le impostazioni GNOME (che sono memorizzate nel database DConf) possono anche essere configurate usando 1 dconf-editor( 1 ) (uno strumento grafico di configurazione DConf) o gsettings strumento da riga di comando. GNOME Tweaks non fa nient'altro sullo sfondo della GUI; nota tuttavia che non troverai tutte le impostazioni descritte nelle seguenti sezioni.

Aspetto

Temi

GNOME usa Adwaita per impostazione predefinita. Per applicare Adwaita dark solo alle applicazioni GTK 2, utilizzare il seguente link simbolico:

$ ln -s /usr/share/themes/Adwaita-dark ~/.themes/Adwaita

Per selezionare nuovi temi (spostarli nella directory appropriata e) usare GNOME Tweaks o i comandi GSettings di seguito:

Per il tema GTK:

$ gsettings set org.gnome.desktop.interface gtk-theme theme-name

Per il tema dell'icona:

$ gsettings set org.gnome.desktop.interface icon-theme theme-name
Nota: Il tema del gestore di finestre segue il tema GTK. utilizzando org.gnome.desktop.wm.preferences theme è deprecato e ignorato.

Vedere GTK#Themes e Icons#Manually.

Altezza della barra del titolo
Nota: L'applicazione di questa configurazione riduce la barra del titolo delle applicazioni che non utilizzano CSD in stile GNOME. Le applicazioni GNOME native con CSD non sono interessate.
~/.config/gtk-3.0/gtk.css
headerbar.default-decoration {
 padding-top: 5px;
 padding-bottom: 5px;
 min-height: 0px;
 font-size: 0.8em;
}

headerbar.default-decoration button.titlebutton {
 padding: 0px;
 min-height: 0px;
}

Vedere [2] per maggiori informazioni.

Ordine dei pulsanti della barra del titolo

Per impostare l'ordine per il gestore di finestre GNOME (Mutter, Metacity):

$ gsettings set org.gnome.desktop.wm.preferences button-layout ':minimize,maximize,close'
Suggerimento: I due punti indicano da quale lato della barra del titolo appariranno i pulsanti della finestra.
Nascondi barra del titolo quando ingrandita
Nota: L'estensione sopra non funziona per la versione 3.32 o successiva di gnome-shell [3].
GNOME Shell temi

Il tema della stessa GNOME Shell è configurabile. Per usare un tema Shell, assicurati innanzitutto di aver installato il pacchetto gnome-shell-extensions. Quindi abilitare l'estensione Temi utente , tramite GNOME Tweaks o attraverso la pagina Web GNOME Shell Extensions. I temi della shell possono quindi essere caricati e selezionati usando GNOME Tweaks.

Esistono diversi temi della shell GNOME disponibili nell'AUR. I temi della shell possono anche essere scaricati da gnome-look.org.

Icone nel menu

Lo schema GNOME predefinito non mostra alcuna icona nei menu. Per visualizzare le icone sui menu, immettere il seguente comando.

$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.xsettings overrides "{'Gtk/ButtonImages': <1>, 'Gtk/MenuImages': <1>}"

Cartelle della griglia delle app

Suggerimento: Il gnome-catgen (gnome-catgen-gitAUR) script consente di gestire le cartelle attraverso la creazione di file in ~/.local/share/applications-categories prende il nome da ciascuna categoria e contiene un elenco dei file desktop appartenenti alle app che si desidera avere all'interno. Facoltativamente, puoi farlo scorrere ogni app senza una cartella e inserire la categoria desiderata fino a te Ctrl-c o a corto di app.

Nel 'dconf-editor' vai su org.gnome.desktop.app-cartelle e imposta il valore di folder-children su un array di nomi di cartelle separati da virgola :

['Utilities', 'Sundry']

Aggiungi applicazioni usando gsettings:

$ gsettings set org.gnome.desktop.app-folders.folder:/org/gnome/desktop/app-folders/folders/Sundry/ apps "['alacarte.desktop', 'dconf-editor.desktop']"

Ciò aggiunge le applicazioni alacarte.desktop e dconf-editor.desktop alla cartella Sundry. Questo creerà anche la cartella org.gnome.desktop.app-cartelle.folders.Sundry.

Per nominare la cartella (se non ha un nome che appare nella parte superiore delle applicazioni):

$ gsettings set org.gnome.desktop.app-folders.folder:/org/gnome/desktop/app-folders/folders/Sundry/ name "Sundry"

Le applicazioni possono anche essere ordinate per categoria (specificate nel loro file .desktop ):

$ gsettings set org.gnome.desktop.app-folders.folder:/org/gnome/desktop/app-folders/folders/Sundry/ categories "['Office']"

Se alcune applicazioni corrispondenti a una categoria non sono desiderate in una determinata cartella, è possibile impostare esclusioni:

$ gsettings set org.gnome.desktop.app-folders.folder:/org/gnome/desktop/app-folders/folders/Sundry/ excluded-apps "['libreoffice-draw.desktop']"

Per ulteriori informazioni, consultare [4] e [https: //wiki.gentoo.org/wiki/Gnome_Applications_Folders].

Avvio automatico

GNOME implementa XDG Autostart.

gnome-tweaks consente di gestire le voci di avvio automatico.

Suggerimento: Se il pulsante con il segno più nella sezione Applicazioni di avvio di Tweaks non risponde, provare ad avviare Tweaks dal terminale usando il comando seguente: gnome-tweaks. Vedi quanto segue forum thread.
Nota: La finestra di dialogo gnome-session-properties obsoleta può essere aggiunta install dal pacchetto gnome-session-propertiesAUR.

Desktop

Icone sul desktop

Fino a GNOME 3.28, le icone sul desktop erano fornite da Files che disegnava una finestra trasparente sul desktop contenente le icone. A partire da GNOME 3.28 questa funzionalità è stata rimossa e le icone del desktop non sono più disponibili in GNOME. Le possibili soluzioni alternative includono l'uso di Nemo (un fork di file che ha ancora la funzionalità delle icone del desktop) o l'installazione di gnome-shell-extension-desktop-iconsAUR, che replica la funzionalità dell'icona del desktop disponibile in GNOME 3.26 e prima, ma con alcune piccole differenze. Per ulteriori informazioni, consultare il seguente Arch thread thread.

Blocca schermo e sfondo

Quando si imposta lo sfondo della schermata Desktop o Blocco, è importante notare che la scheda Immagini mostrerà solo le immagini che si trovano nella cartella /home/ nome utente /Immagini. Se si desidera utilizzare un'immagine non presente in questa cartella, utilizzare i comandi indicati di seguito.

Per lo sfondo del desktop:

$ gsettings set org.gnome.desktop.background picture-uri 'file:///path/to/my/picture.jpg'

Per lo sfondo della schermata di blocco:

$ gsettings set org.gnome.desktop.screensaver picture-uri 'file:///path/to/my/picture.jpg'
Disabilita l'angolo in alto a sinistra

A partire da GNOME 3.34 puoi disabilitarlo con questo:

$ gsettings set org.gnome.desktop.interface enable-hot-corners false

o via gnome-tweaks, in Top Bar > Activities Overview Hot Corner

Estensioni

Il catalogo delle estensioni è disponibile su extensions.gnome.org. Possono essere installati e attivati ​​in un browser impostando l'interruttore nella parte superiore sinistra dello schermo su 'ON' e facendo clic su 'Installa' nella finestra popup (se l'estensione in questione non è installata ). Le estensioni installate sono disponibili all'indirizzo [5], dove è possibile verificare gli aggiornamenti disponibili. Le estensioni installate possono anche essere abilitate o disabilitate con gnome-tweaks.

Nota: Le estensioni da extensions.gnome.org possono essere installate dai browser, per questo è necessario installare chrome-gnome-shell e il browser appropriato estensione.

La shell GNOME può essere personalizzata con estensioni per utente o a livello di sistema. L'installazione delle estensioni con pacman le rende disponibili per tutti gli utenti del sistema e automatizza il processo di aggiornamento. Il pacchetto gnome-shell-extensions fornisce una serie di estensioni gestite come parte del progetto GNOME (molte delle estensioni incluse sono usate dalla sessione GNOME Classic). Gli utenti che desiderano una barra delle applicazioni ma non desiderano utilizzare la sessione GNOME Classic potrebbero voler abilitare l'estensione "Elenco finestre" (fornita dal pacchetto gnome-shell-extensions).

Per elencare le estensioni attualmente abilitate:

$ gsettings get org.gnome.shell enabled-extensions

Per ulteriori informazioni sulle estensioni della shell GNOME, consultare [6].

Caratteri

Suggerimento: Se si imposta il Fattore di scala su un valore superiore a 1,00, il menu Accessibilità verrà abilitato automaticamente.

I caratteri possono essere impostati per i titoli Window, Interface (applicazioni), Documents e Monospace. Vedere la scheda Font in Tweaks per le opzioni pertinenti.

Per i suggerimenti, sarà probabilmente desiderato RGBA poiché si adatta alla maggior parte dei tipi di monitor e se i caratteri appaiono troppo bloccati riducono i suggerimenti su "Leggero" o "Nessuno".

WEBP, miniature

Install pixbuf-webp-thumbnailerAUR per rendere il visualizzatore di immagini di GNOME (eog) lavorare con le immagini WEBP e aggiungere un thumbnailer che crea miniature per le immagini WEBP in cui visualizzarleGNOME Files.

Metodi di input

GNOME ha integrato il supporto per input method tramite IBus, solo ibus e il motore del metodo di input desiderato (ad es. ibus-libpinyin per Pinyin intelligente) necessario dopo l'installazione, il motore del metodo di input può essere aggiunto come layout di tastiera nelle Impostazioni internazionali e della lingua di GNOME.

Potenza

Quando si utilizza un laptop, è possibile che si desideri modificare le seguenti impostazioni:

$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.power sleep-inactive-ac-timeout 3600
$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.power sleep-inactive-ac-type hibernate
$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.power sleep-inactive-battery-timeout 1800
$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.power sleep-inactive-battery-type hibernate
$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.power power-button-action suspend
$ gsettings set org.gnome.desktop.lockdown disable-lock-screen true

Per mantenere attivo il monitor quando il coperchio è chiuso:

$ gsettings set org.gnome.settings-daemon.plugins.xrandr default-monitors-setup do-nothing

GNOME 3.24 ha deprecato le seguenti impostazioni:

org.gnome.settings-daemon.plugins.power button-hibernate
org.gnome.settings-daemon.plugins.power button-power
org.gnome.settings-daemon.plugins.power button-sleep
org.gnome.settings-daemon.plugins.power button-suspend
org.gnome.settings-daemon.plugins.power critical-battery-action
Non sospendere, quando il coperchio del laptop è chiuso

Il pannello delle impostazioni di GNOME non offre all'utente la possibilità di modificare l'azione attivata quando il coperchio del laptop è chiuso. Tuttavia gnome-tweaks può sovrascrivere l'impostazione applicata da systemd. Nella scheda Generale disattiva l'interruttore Sospendi quando il coperchio del laptop è chiuso . Quindi il sistema non "Sospende su RAM (S3)" alla chiusura del coperchio.

Per modificare l'azione dell'interruttore del coperchio a livello di sistema, assicurarsi che l'impostazione sopra descritta sia 'non disattivata' e modificare le impostazioni del sistema in /etc/systemd/logind.conf. Per disattivare la sospensione alla chiusura del coperchio, impostare HandleLidSwitch = ignore, come descritto in Power management#ACPI events.

Modifica del livello critico della batteria

Il pannello delle impostazioni non fornisce un'opzione per modificare l'azione del livello di batteria critica. Queste impostazioni sono state rimosse anche da dconf. Ora sono gestiti da upower. Modifica le impostazioni di potenziamento in /etc/UPower/UPower.conf. Trova queste impostazioni e adatta alle tue esigenze.

/etc/UPower/UPower.conf
PercentageLow=10
PercentageCritical=3
PercentageAction=2
CriticalPowerAction=HybridSleep

Utilizza un gestore finestre diverso

GNOME Shell non supporta l'uso di un window manager diverso, tuttavia GNOME Flashback fornisce sessioni per Metacity e Compiz. Inoltre, è possibile definire le proprie custom GNOME sessions che utilizzano componenti alternativi.

link esterni