Arch compared to other distributions (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 23:04, 13 August 2009 by Ciampix (Talk | contribs)

Jump to: navigation, search

Tango-preferences-desktop-locale.pngThis article or section needs to be translated.Tango-preferences-desktop-locale.png

Notes: please use the first argument of the template to provide more detailed indications. (Discuss in Talk:Arch compared to other distributions (Italiano)#)
Template:I18n links start

Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n links end Questa pagina raccoglie alcune delle somiglianze e delle differenze tra Arch e le altre distribuzioni. Questa è una discussione che torna periodicamente e sarebbe bello avere una risposta definitiva. Nota: il modo migliore per confrontare Arch con le altre distribuzioni è quello di installarla e provarla in prima persona. Arch ha una magnifica comunità di utenti sempre pronta ad aiutare i nuovi arrivati. Le informazioni qui sotto sono pensate per aiutarti a decidere se Arch è giusta per te.

Distribuzioni basate su sorgenti

Le distribuzioni basate su sorgenti sono molto "portabili", dando il vantaggio di controllare e compilare l'intero Sistema Operativo e i suoi pacchetti per una particolare architettura di processore e modalità di utilizzo, con lo svantaggio della naturale richiesta di tempo per la compilazione del codice. La "base" di Arch e tutti i pacchetti sono ottimizzati per architetture i686 e x86-64, offrendo un potenziale aumento di performance rispetto alle distribuzioni binarie i386/i486/i586, con il vantaggio aggiunto di un'installazione "conveniente".

Arch vs Gentoo

Siccome Arch distribuisce pacchetti binari, richiede molto meno tempo rispetto a Gentoo. Gentoo dispone di più pacchetti e permette di scegliere l'esatta versione da installare di un software. Arch permette sia la distribuzione binaria che quella dei sorgenti. Inoltre installare un software non presente nei repository è molto più semplice che scrivere un ebuild. I PKGBUILD sono più facili da creare che gli ebuild. Gentoo è più portabile dal momento che i pacchetti saranno compilati per la specifica architettura, mentre Arch è sviluppata per processori i686 (anche se esistono progetti gestiti da utenti per rendere disponibili versioni per i586 e x86_64). Non c'è nessuna prova documentata che Gentoo sia più veloce di Arch.

Arch vs Sorcerer/Lunar-linux/Sourcemage

Sorcerer/Lunar-linux/Sourcemage (SLS) sono tutte distro basate su sorgenti, proprio come gentoo, ma sono collegate originariamente ad un'altra. La distro SLS usa un insieme di script piuttosto semplici da utilizzare per creare pacchetti e descrizioni, e usa un file di configurazione globale per configurare il processo di compilazione, in modo molto simile al sistema ABS di Arch. I tool di SLS garantiscono un pieno controllo delle dipendenze (compresa la gestione di caratteristiche opzionali), e il monitoraggio dei pacchetti (e disinstallazione/aggiornamento). Non ci sono pacchetti binari per una qualsiasi distro appartenente alla famiglia SLS, anche se tutti possono facilmente effettuare un rollback a pacchetti installati precedentemente.

L'installazione implica l'installazione di un sistema di base (un po' come Arch: ottimizzazione i686, CLI e menu ncurses, solo strumenti essenziali), quindi successivamente una ricompilazione del sistema di base (opzionale). Non c'è ovviamente uno "standard" WM/DE/DM e non installano un server X durante l'installazione di base, ma permettono di installare in modo semplice una delle diverse alternative disponibili per un server X (xorg 6.8 oppure 7, xfree86).

SLS ha una storia davvero complicata. Il migliore articolo che ne parla lo si puo' trovare qui: http://wiki.sourcemage.org/Our_History

Lunar Linux: http://lunar-linux.org/ SourceMage: http://www.sourcemage.org/ Sorcerer: http://sorcerer.berlios.de/

Arch vs Rock

Dall'Introduzione di http://www.rocklinux.org/wiki/About

Rock Linux è un flessibile Kit di Costruzione di una Distribuzione Linux (per esempio è un toolchain/framework per costruire la tua distribuzione Linux). Vedi anche la nostra "Mission Statement" [letteralmente una "Dichiarazione per l'obiettivo", NdT] Se non vuoi costruirti tutta la tua distribuzione ma sei semplicemente interessato in una buona distribuzione general-purpose [con obiettivi generali, per utenti medi, NdT], potresti dare un'occhiata a Crystal ROCK (http://www.rocklinux.org/wiki/Crystal_ROCK).

Una distribuzione che vuole essere ancora un tool di costruzione. Contro ARCH: ancora gli stessi problemi delle "source-based" con il tempo di compilazione, etc. Sembra funzionare su molti processori, come SPARC, ARM, etc.

Distribuzioni minimaliste

Le distribuzioni minimali sono abbastanza compatibili con Arch, condividendone alcune somiglianze.

Arch vs LFS

LFS (Linux from Scratch, letteralmente "Linux da zero"), è solo questo: il minimale set di pacchetti per un sistema GNU/Linux funzionale, compilato manualmente e configurato da zero. LFS è minimale così come arriva, e offre un eccellente ed educativo processo per costruire un sistema base. Arch fornisce pacchetti molto simili a questi, più un init [processo di avvio del sistema, NdT] in stile BSD, un po' di tool extra e il potente gestore di pacchetti pacman come suo sistema di base, già compilato per i686/x86-64. LFS non fornisce repository [posti da cui attingere "pacchetti", NdT]: i codici sorgente sono ottenuti manualmente, compilati e installati con make [popolare comando per compilare codici sorgente su sistemi Linux, NdT] (esistono molti metodi manuali di pacchettizzazione, che sono elencati nelle LFS Hints). Assieme col sistema minimale di Arch, la comunità di Arch fornisce, sviluppa e mantiene migliaia di pacchetti binari installabili con pacman, e script PGKBUILD da usare con ABS (The Arch Build System). Arch include anche il tool makepkg per costruire velocemente o personalizzare pacchetti .pgk.tar.gz, prontamente installabili con pacman. Judd Vinet costruì Arch da zero, e quindi scrisse pacman in C. Arch è qualche volta, comunque, descritta umoristicamente semplicemente come "Linux, con un bel package manager"

Arch vs CRUX

  • Q: Arch è Basata su CRUX?
  • A: No. Arch è sviluppata indipendentemente, è stato costruito da zero e non si basa su qualsiasi altra distribuzione GNU/Linux.

Prima di creare Arch, Judd Vinet ha ammirato ed utilizzato CRUX, una distribuzione minimalista, creata da Per Lidén. Originariamente ispirate da idee in comune con CRUX, Arch è stata costruita da zero, e poi pacman è stato codificato in C.

Judd (il creatore di Arch, N.d.T.) ha riassunto le differenze:

"Usavo Crux prima di iniziare Arch. Arch iniziò come Crux, più o meno. Poi ho scritto pacman e makepkg per sostituire i miei script bash per gestire i pacchetti (ho costruito Arch come un sistema LFS per iniziare). Dunque le due distribuzioni sono completamente separate, ma tecnicamente sono molto simili. Noi abbiamo ufficialmente il supporto alle dipendenze, ad esempio, anche se Crux ha una comunità che offre altre caratteristiche. Il prt-get di CLC esegue un rudimentale controllo logico sulle dipendenze. Crux inoltre evita molti dei problemi che abbiamo, poichè ha un set di pacchetti molto ridotto, costituito da ciò che usa Per e nient'altro."

Guarda questo post del forum inglese per delle impressioni degli utenti riguardo ad entrambe le distribuzioni.

Arch vs Slackware

Slackware e Arch sono entrambe distribuzioni 'semplici'. Entrambe usano script di inizializzazione in stile BSD. Arch fornisce un sistema di gestione dei pacchetti molto più robusto (pacman) il quale, a differenza degli strumenti standard di Slackware, permette aggiornamenti di sistema semplici e automatici. Slackware è considerato più conservatore nel suo ciclo di release, preferendo pacchetti stabili e testati. Arch è molto più 'bleeding edge' in questo senso. Arch è progettata per funzionare solo su processori i686 mentre Slackware può funzionare anche su sistemi i486. Arch è un sistema molto indicato per gli utenti Slack che vogliono un sistema di gestione dei pacchetti più robusto o pacchetti più aggiornati.

Distribuzioni grafiche

Le distro grafiche hanno molte similitudini, ed Arch è molto differente da tutte loro. Arch è basata su file di testo ed orientata alla riga di comando. Se vuoi veramente imparare Linux, Arch è una delle distro migliori per farlo. Le distro grafiche tendono ad includere installer grafici (come Anaconda di Fedora) e tool di configurazione grafici (come Yast di SUSE). Differenze specifiche fra le distro sono spiegate più sotto.

Arch vs Ubuntu

Arch ha una struttura piu semplice di Ubuntu. Se ti piace compilare kernel a mano, provare progetti molto innovativi da CVS, o compilare un programma da sorgenti ogni volta in poco tempo, Arch è più adatta. Se vuoi avere un sistema pronto all'uso velocemente e non vuoi giocherellare con le impostazioni del sistema, Ubuntu è più adatta. In generale, gli sviluppatori e gli smanettoni preferiranno Arch ad Ubuntu.

Arch vs RPM-based Distros

I paccehtti RPM si trovano in molti, molti posti, ma i pacchetti di terze parti hanno spesso problemi di dipendenze, come ad esempio richiedere una vecchia versione di una libreria. C'è anche confusione tra pacchetti RPM per Red Hat e pacchetti RPM per Mandrake. (Questi sono problemi che ho avuto come newbie Linux con Mandrake 8.2, e potrebbero non rispecchiare la situazione attuale). Pacman è molto più potente ed affidabile di RPM.

Arch vs Fedora

Fedora è una costola della distribuzione Red Hat ed è stata nel tempo una delle distribuzioni più note. Pertanto, c'è una enorme comunità, molti pacchetti precompilati e supporto disponibile. Come tutte le distribuzioni basate su RPM, la gestione dei pacchetti è un problema. Fedora include Yum come interfaccia per l'acquisizione di RPM e la gestione di dipendenze. Il sistema manca di un'integrazione solida con Yum. Fedora innova ed ha recendemente guadagnato kudos per l'integrazione di SELinux e l'inclusione dei pacchetti compilati di GCJ per togliere la necessità della JRE di Sun. Fedora notoriamente non prova ad includere il supporto al formato mp3 a causa di problemi di brevetti.

  • nota: Up2Date è stato rimosso da Fedora Core 5. Ora c'è un'integrazione di yum più solida.

Arch vs Mandriva

Mandriva (precedentemente Mandrake), famosa per il suo installer, è una distro molto limitante, che può annoiare dopo un po' di tempo. Un altro problema è che si tratta di una distro basata su RPM come discusso in precedenza. Arch consente molta più libertà e meno limitazioni. Arch permette effettivamente di imparare a usare Linux.

Arch vs SUSE

SUSE è centrata attorno al suo tool di configurazione Yast, il quale è sufficiente per le esigenze di configurazione della maggior parte degli utenti. Arch non offre un tool così funzionale perché non rispetterebbe Il Metodo Arch. Tuttavia SUSE è considerata una distribuzione più appropriata per gli utenti con meno esperienza, o chiunque voglia una vita semplice con le funzionalità desiderate senza preoccuparsi del loro funzionamento. SUSE non offre immediatamente un supporto per gli mp3 dopo l'installazione, ma questo problema puo' essere facilmente colmato successivamente tramite Yast.

Arch vs PCLinuxOS

PCLinuxOS è una nota distribuzione basata su Mandriva che offre un ambiente desktop completo, realizzata per essere user-friendly e viene definita come semplice, tuttavia questa definizione di semplice è leggermente differente dalla definizione di Arch. Arch è realizzata come un semplice sistema di base da personalizzare in maniera totale ed è destinata ad utenti esperti. PCLinuxOS utilizza il gestore dei pacchetti apt per l'installazione di pacchetti RPM. Arch utilizza un suo gestore dei pacchetti sviluppato indipendentemente, pacman, che utilizza pacchetti in formato .tar.gz. PCLinuxOS offre diversi strumenti grafici, come ad esempio Synaptic per la gestione delle applicazioni o altri per la configurazione hardware, e permette di evitare l'utilizzo della riga di comando. Arch è orientata ad un utilizzo da riga di comando e realizzata per un più semplice approccio alla configurazione, la gestione e la manutenzione del sistema. PCLinuxOS richiede almeno 256MB di RAM come configurazione hardware minima. Essendo più leggera, Arch può girare su sistemi con molta meno memoria, in quanto richiede solo 64MB di RAM per un'installazione su un'architettura i686, e funzionerà ancora meglio su macchine più recenti.

I *BSDs

Arch è molto più simile ai vari sistemi *BSD, dal punto di vista architetturale, di molte distribuzioni GNU/Linux. Sia Arch che *BSD offrono una base molto integrata ed un sistema di port unito alla disponibilità di pacchetti binari. I vari BSD derivano dal codice UNIX di Berkeley. Per questa ragione i vari *BSD non sono distribuzioni GNU/Linux ma, sistemi operativi di tipo UNIX.

Arch vs FreeBSD

Sia Arch che FreeBSD offrono software ottenibile in forma binaria compilabile con un sistema di 'port'. Entrambi condividono un sistema init molto simile. FreeBSD vanta ciò che può essere considerato un sistema concepito globalmente, confrontato con le varie distribuzioni GNU/Linux, con ogni applicazione 'port-ata' su FreeBSD e verificata per il suo funzionamento. Da questo punto di vista Arch è invece focalizzata più sul rilascio di software di ultima generazione. Entrambi usano /etc/rc.conf come file di configurazione principale. La licenza di FreeBSD è più stile facci-quello-che-vuoi non apprezzata da molti utenti GNU/Linux. Arch è rilasciatai invece sotto la GPL. In FreeBSD, come in Arch, le decisioni sono lasciate all'utente esperto. Questo è il confronto più significativo rispetto ad Arch dato che sono paragonabili sia per quanto riguarda la modernità del sistema di pacchetti che per tipo di comunità. Entrambi i sistemi condividono molte similitudini e gli utenti FreeBSD si trovano generalmente a loro agio con molti aspetti di Arch.

Arch vs NetBSD

NetBSD is a free, secure, and highly portable UNIX-like open-source operating system available for over 50 platforms, from 64-bit Opteron machines and desktop systems to handheld and embedded devices. Its clean design and advanced features make it excellent in both production and research environments, and it is user-supported with complete source. Many applications are easily available through pkgsrc, the NetBSD Packages Collection. Arch may not operate on the vast number of devices NetBSD operates on, but for an i686 system it may offer more apps. Also, the default installation method in pkgsrc is to pull and compile sources whereas Arch offers binary packages. Arch does share many similarities with NetBSD; both use /etc/rc.conf as the main conf file, they are very minimalist and lightweight, they both offer ports systems as well as binaries and both have active, no-nonsense devs and communities. Arch also borrows from *BSD for its init system concepts.

Arch vs OpenBSD

The OpenBSD project produces a free, multi-platform 4.4BSD-based UNIX-like operating system. Efforts focus on portability, standardization, code correctness, proactive security, and integrated cryptography. In contrast, Arch focuses more on simplicity, elegance, minimalism and bleeding edge software. OpenBSD supports binary emulation of most programs from SVR4 (Solaris), FreeBSD, GNU/Linux, BSD/OS, SunOS and HP-UX. OpenBSD is perhaps the #1 security OS. In common with Arch, OpenBSD offers a small, elegant, base install and uses a ports system and packaging systems to allow for easy installation and management of programs which are not part of the base operating system. In contrast to a GNU/Linux system like Arch, but in common with most other BSD-based operating systems, the OpenBSD kernel and userland programs, such as the shell and common tools (like ls, cp, cat and ps), are developed together in a single source repository.

Altri Sistemi Operativi

Questi sistemi sono ricaduti nella categoria "Altri"

Arch vs Debian GNU/Linux

Debian è un progetto molto più grande, la comunità, le caratteristiche branche stable, testing e instabile, offrono più di 18.000 pacchetti binari. Arch non 'splitta' i pacchetti-dev come Debian, pertanto, i repository di Arch sembreranno molto più piccoli. Debian ha un atteggiamento più veemente sul software libero. Arch è più indulgente riguardo ai programmi 'non-free' definiti da GNU. Debian è disponibile per molte architetture alpha, arm, hppa, i386, ia64, m68k, mips, mipsel, powerpc, s390 e sparc. Arch è solo per i686 e x86_64. Arch dispone di un migliore supporto per l'autobuild dei pacchetti che Debian non dà, è ottimizzata per i686 ed è più veloce di Debian (anche se non è ducumentato con certezza). I pacchetti di Arch sono più sperimentali di quelli Debian (Arch current è spesso più aggiornata di Debian unstable!)

Arch vs Frugalware

Arch è orientata alla linea di comando testuale (che gli utenti dobrebbero imparare). Frugalware è un sistema basato su Slackware. Frugalware fornisce un supporto multilingue migliore e anche più documentazione localizzata. Qualcuno afferma che questa distro sia più veloce di Arch. Entrambe utilizzano pacman, ma i loro pacchetti non sono molto compatibili.