Autofs (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 05:29, 24 April 2012 by Fengchao (Talk | contribs) (Re-catogory. Merge Category:Auto-mounting to Category:File systems.)

Jump to: navigation, search

This template has only maintenance purposes. For linking to local translations please use interlanguage links, see Help:i18n#Interlanguage links.


Local languages: Català – Dansk – English – Español – Esperanto – Hrvatski – Indonesia – Italiano – Lietuviškai – Magyar – Nederlands – Norsk Bokmål – Polski – Português – Slovenský – Česky – Ελληνικά – Български – Русский – Српски – Українська – עברית – العربية – ไทย – 日本語 – 正體中文 – 简体中文 – 한국어


External languages (all articles in these languages should be moved to the external wiki): Deutsch – Français – Română – Suomi – Svenska – Tiếng Việt – Türkçe – فارسی

Questo documento evidenzia la procedura necessaria per configurare AutoFS, un pacchetto che permette l'automount di periferiche rimovibili o cartelle di rete quando inserite o accessibili.

Installazione

  • Installare il pacchetto autofs.

Configurazione

AutoFS usa dei file template per la configurazione, questi file posso essere trovati in /etc/autofs. Il template principale si chiama auto.master, che può fare riferimento ad uno o più template per determinate periferiche.

  • Aprire il file /etc/autofs/auto.master con il proprio editor di testo preferito, conterrà qualcosa di simile a questo:
/etc/autofs/auto.master
/var/autofs/misc	/etc/autofs/auto.misc
/var/autofs/net  	/etc/autofs/auto.net

La prima parte di ogni riga determina la cartella dove verranno effettuati i mount delle periferiche, il secondo parametro indica il template da utilizzare. Il valore di default è /var/autofs, ma può essere cambiato con una qualsiasi cartella a piacimento. Per esempio:

/etc/autofs/auto.master
/media/misc     /etc/autofs/auto.misc     --timeout=5 --ghost
/media/net      /etc/autofs/auto.net      --timeout=60 --ghost

I parametri opzionali timeout impostano dopo quanti secondi verrà effettuato l'umount delle cartelle. Il parametro ghost imposta la visualizzazione permanente dei mount delle periferiche configurati, invece di essere mostrati solo se inseriti o accessibili. Può essere utile se non è possibile ricordare i nomi delle periferiche rimovibili o delle condivisioni di rete.

Le cartelle indicate nel file devono esistere nel sistema e devono essere vuote, dato che il loro contenuto sarà cambiato dinamicamente al caricamento delle periferiche. Questa procedure comunque non sovrascrive di dati contenuti nelle cartelle, quindi se si effettua l'automount di una periferica su di una cartella attiva sarà possibile cambiarne il punto di mount nel file auto.master e riavviare AutoFS per poter accedere nuovamente al suo contenuto originale.

Nota: Assicurarsi di lasciare una riga vuota alla fine dei ogni file template (premendo Template:Keypress dopo l'ultima parola del file). Se AutoFS non trova un EndOfFile(EOF) corretto, non sarà caricato correttamente.
  • Aprire il file /etc/nsswitch.conf ed aggiungere l'opzione per l'automount:
automount: files
  • Quando la configurazione è terminata, avviare il demone AutoFS come utente root.

Per avviare il demone durante il boot sarà necessario aggiungere autofs all'interno dell'array DAEMONS nel file /etc/rc.conf, ed il modulo autofs4 nell'array MODULES sempre nel solito file.

Le periferiche verranno ora montate automaticamente quando accessibili, rimarranno montate fino a che l'accesso ad esse è garantito.

Periferiche rimovibili

  • Aprire il file /etc/autofs/auto.misc ed aggiungere, rimuovere o modificare le varie periferiche. Ad esempio:
/etc/autofs/auto.misc
#kernel   -ro                                        ftp.kernel.org:/pub/linux
#boot     -fstype=ext2                               :/dev/hda1
usbstick  -fstype=auto,async,nodev,nosuid,umask=000  :/dev/sdb1
cdrom     -fstype=iso9660,ro                         :/dev/cdrom
#floppy   -fstype=auto                               :/dev/fd0

Nel caso sia presente un lettore combo CD/DVD sarà necessario cambiare la riga cdrom con -fstype=auto per avere l'auto-riconoscimento delle periferiche inserite.

Mount delle condivisioni NFS

AutoFS fornisce un metodo aggiuntivo di localizzare e montare le condivisioni NFS dai server remoti (il template per la rete di AutoFS /etc/autofs/auto.net è stato rimosso in autofs dalla versione 5 e successive). Per abilitare l'automagic discovery(servizio che permette di trovare le condivisioni) e di montare le cartelle condivise da tutti i server accessibili senza ulteriori configurazioni, sarà necessario aggiungere la seguente linea al file /etc/autofs/auto.master:

/net -hosts --timeout=60

Tutti i nomi host devono essere risolvibili, es. aggiungendo l'indirizzo IP ed il nome host nel file /etc/hosts oppure tramite DNS quindi assicurarsi di aver installato ed avviato nfs-common.

Ad esempio, nel caso in cui un server remoto fileserver avente una condivisione NFS chiamata /home/share, sarà possibile accedere alla condivisione semplicemente digitando:

# cd /net/fileserver/home/share
Nota: Si prega di notare che utilizzando l'opzione ghost, quindi la creazione delle cartelle contenitrici prima del mount delle condivisioni è abilitata di default, anche se nell'installazione di AutoFS viene rimossa questa opzione dal file /etc/conf.d/autofs per poter avviare il demone AutoFS.

L'opzione -host usa un meccanismo simile al comando showmount, per identificare le condivisioni di rete. Sarà possibile visualizzare le condivisioni esportate digitando:

# showmount <nomeserver> -e 

Sostituendo <nomeserver> con il nome del proprio server.

Samba

Il pacchetto di AutoFS fornito da Arch non fornisce nessun template/script per le condivisioni Samba o CIFS(23/07/2009), ma il quello riportato di seguito funziona per una singola condivisione:

aggiungere la seguente linea al file /etc/autofs/auto.master

/media/[my_server] /etc/autofs/auto.[my_server]

e creare il file /etc/autofs/auto.[my_server]

[any_name] -fstype=cifs,[other_options] ://[remote_server]/[remote_share_name]

Sarà possibile specificare un nome utente ed una password da utilizzare per la condivisione nella sezione other_options

[any_name] -fstype=cifs,username=[username],password=[password],[other_options] ://[remote_server]
Nota: Antecedere il carttere di escape per $, e gli altri caratteri speciali, usando il backslash dove necessario.

FTP ed SSH (usando FUSE)

I server FTP ed SSH sono accessibili da AutoFS tramite l'uso di FUSE, un gestore di filesystem virtuali.

Server remoti FTP

Per prima cosa, installare curlftpfs dai repository ufficiali.

Caricare il modulo fuse.

Aggiungere fuse all'array MODULES nel file /etc/rc.conf in modo che sia caricato all'avvio del sistema.

Successivamente, aggiungere una nuova linea per i server FTP nel file /etc/autofs/auto.master:

/media/ftp        /etc/autofs/auto.ftp    --timeout=60 --ghost

Creare il file /etc/autofs/auto.ftp ed aggiungere un server usando il formato ftp://myuser:mypassword@host:port/path:

servername -fstype=curl,rw,allow_other,nodev,nonempty,noatime    :ftp\://myuser\:mypassword\@remoteserver
Nota: Le password saranno visibili in chiare per chiunque possa lanciare il comando df (nel momento in cui i server sono montati), oppure visualizzando il contenuto del file /etc/autofs.ftp.

Per aumentare il livello di sicurezza, sarà possibile creare il file ~root/.netrc ed inserire le password in esso. Le password saranno sempre in chiaro, ma sarà possibile cambiare i permessi sul file in 600, ed il comando df non permetterà di mostrarle, sia che i server siano montanti o meno. Questo metodo ha meno problemi con i caratteri speciali (che altrimenti devono essere preceduti dal carattere di escape) all'interno delle password. Il formato è:

machine remoteserver  
login myuser
password mypassword

La linea nel file /etc/autofs/auto.ftp sarà quindi così senza utenti e password:

servername -fstype=curl,allow_other    :ftp\://remoteserver

Creare il file /sbin/mount.curl inserendo questo codice:

/sbin/mount.curl
#! /bin/sh
curlftpfs $1 $2 -o $4,disable_eprt

Creare il file /sbin/umount.curl inserendo questo codice:

/sbin/umount.curl
#! /bin/sh
fusermount -u $1

Impostare i permessi sui file:

# chmod 755 /sbin/mount.curl
# chmod 755 /sbin/umount.curl

Dopo un riavvio sarà possibile accedere ai server FTP in /media/ftp/servername

Server remoti SSH

Queste sono le istruzioni base per accedere al filesystem remoto tramite SSH usando AutoFS.

Nota: L'esempio seguente non contempla l'uso di ssh-passphrase, per semplificare la procedura di installazione, notare che può essere un rischio sotto il punto di vista della sicurezza dell'integrità del sistema.

Installare sshfs dai repository ufficiali.

Caricare il modulo fuse.

Aggiungere il fuse all'interno dell'array MODULES nel file /etc/rc.conf così verrà caricato ad ogni avvio del sistema:

Installare openssh. Generare dunque una coppia di chiavi SSH:

$ ssh-keygen -t dsa

Quando il generatore di chiavi chiederà la passphrase, premere Template:Keypress. L'uso delle chiavi SSH senza passphrase non è sicuro, d'altro canto usare AutoFS con chiavi protette da passphrase aggiunge delle difficoltà d'uso che non sono(ancora) affrontate in questo articolo.

Successivamente, copiare la chiave pubblica sul server remoto:

$ ssh-copy-id -i /home/username/.ssh/id_dsa.pub username@remotehost

Controllare che il collegamento con il server non abbia bisogno dell'immissione della password:

$ sudo ssh -i /home/username/.ssh/id_dsa username@remotehost
Nota: Il precedente comando è necessario per aggiungere il server remoto alla lista dei known_hosts dell'utente root. Alternativamente può essere aggiunto all'interno del file /etc/ssh/ssh_known_hosts.

Creare una nuova voce per i server SSH nel file /etc/autofs/auto.master:

/media/ssh		/etc/autofs/auto.ssh	--timeout=60 --ghost

Creare il file /etc/autofs/auto.ssh ed aggiungere un server SSH:

servername     -fstype=fuse,rw,allow_other,IdentityFile=/home/username/.ssh/id_dsa :sshfs\#username@host\:/

Dopo aver riavviato, il server SSH sarà accessibile in /media/ssh/servername.

Risoluzione di problemi

Questa sezione contiene alcune soluzioni ai problemi comuni con AutoFS.

Uso di NIS

A partire dalla versione 5.0.5 di AutoFS è stato introdotto un supporto avanzato per NIS. Per usare AutoFs insieme a NIS, aggiungere yp: prima del nome indicato nel file /etc/autofs/auto.master:

/home   yp:auto_home    --timeout=60 
/sbtn   yp:auto_sbtn    --timeout=60
+auto.master

Nelle precedenti versioni(prima della 5.0.4) per usare NIS, sarà necessario aggiungere nis al file /etc/nsswitch.conf:

automount: files nis

Parametri Opzionali

Sarà possibile usare parametri opzionali come timeount per tutte le periferiche gestite da AutoFS in /etc/conf.d/autofs:

  • Aprire il file /etc/conf.d/autofs e modificare la linea daemonoptions:
daemonoptions='--timeout=5'
  • Per abilitare il log (di default non è abilitato nessun log), aggiungere --verbose alla linea daemonoptions nel file /etc/conf.d/autofs, ad esempio:
daemonoptions='--verbose --timeout=5'

Dopo aver riavviato il demone autofs, i messaggi delle attività sarranno visibili in /var/log/daemon.log.

Identificare le periferiche rimovibili

Se si utilizzano molte periferiche rimovibili come pennine/dischi USB e si vogliono distinguere, sarà possibile usare AutoFS per impostare i punti di mount ed Udev per creare nomi differenti per le periferiche USB. Consultare questo articolo per informazioni sulle configurazioni delle regole di Udev.

Permessi per AutoFS

Se AutoFS non funziona correttamente, assicurarsi che i permessi dei file template siano corretti, altrimenti AutoFS non si avvierà. Questo può succedere ad esempio se si è ripristinato un backup effettuato senza mantenere i permessi dei file. Qui sono elencati gli schemi dei permessi che dovrebbero avere i file:

  • 0644 - /etc/autofs/auto.master
  • 0644 - /etc/autofs/auto.media
  • 0644 - /etc/autofs/auto.misc
  • 0644 - /etc/conf.d/autofs

In generale, gli script(come il precedente auto.net dovranno essere eseguibili (chown a+x filename mentre l'elenco dei mount no.

Se nel file /var/log/daemon.log sono presenti messaggi simili a questi, allora sono presenti problemi con i permessi.

May  7 19:44:16 peterix automount[15218]: lookup(program): lookup for petr failed
May  7 19:44:16 peterix automount[15218]: failed to mount /media/cifs/petr

Altre risorse

Alternative ad AutoFS

  • Thunar Volume Manager è un sistema di automount per gli utenti del file manager Thunar.
  • Pcmanfm-fuseAUR è un file manager leggero con integrato il supporto per accedere alle condivisioni di rete.
  • udiskie è un servizio minimalistico per il mount automatico dei dischi, utilizza udisks