Difference between revisions of "HAL (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
(NTFS)
(... finally)
Line 244: Line 244:
 
   </device>
 
   </device>
  
===... finally===
+
===... infine===
  
Remember to restart the HAL-daemon for your changes to take effect immediately:
+
Ricordatevi di riavviare il demone HAL perchè i vostri cambiamenti abbiano immediatamente effetto:
 
  # /etc/rc.d/hal restart
 
  # /etc/rc.d/hal restart
  

Revision as of 12:36, 20 December 2008

Tango-preferences-desktop-locale.pngThis article or section needs to be translated.Tango-preferences-desktop-locale.png

Notes: please use the first argument of the template to provide more detailed indications. (Discuss in Talk:HAL (Italiano)#)
Template:I18n links start

Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n links end

HAL (Hardware Abstraction Layer) è un demone che permette alle applicazioni desktop di accedere velocemente alle informazioni hardware, di modo che possono localizzare e usare tale hardware senza badare al bus o al tipo di device. In questa maniera una GUI può presentare tutte le risorse all'utente in modo uniforme e coerente.

HAL e l'hotplugging

Ci sono più elementi coinvolti nell' 'hotplugging' e HAL è solo uno di loro. Quando si aggiunge un nuovo device, per esempio si connette un'unià USB, succede quanto segue (brevemente):

  • Il kernel si accorge di un nuovo device e lo scrive su /sys.
  • Udev crea un device node (p. es. /dev/sdb1), e carica i driver/moduli necessari.
  • Il demone HAL è informato da D-Bus e aggiunge il device e quanto può sapere di esso al proprio database.
  • L'aggiunta del nuovo device è trasmessa da HAL attraverso D-Bus ad ogni programma che ne faccia richiesta, per esempio Thunar che lo mostra come icona nel pannello laterale delle scorciatoie o Metacity/Nautilus che aggiunge un'icona al desktop.
  • Un altro programma in ascolto potrebbe essere un volume manager, come thunar-volman AutoFS, configurato per creare automaticamente i punti di mount e montare certi tipi di unità , per avviare Rhythmbox quando si connette un iPod, ecc..

HAL non rileva l'hardware (lo fa il kernel), non gestisce i device o i driver (udev) o monta in automatico le unità (volume manager). Il suo ruolo è più affine a una centrale di comunicazioni che offre un'interfaccia pulita e semplice verso i device alle applicazioni. I problemi con device connessi a caldo (hotplug) non propriamente rilevati, usabili, o montati, dovrebbero essere esaminati, sapendo che è una lunga catena e ci sono vari componenti coinvolte (vedere 'Risoluzione di problemi').

Configurazione iniziale

Il demone HAL richiede la presenza del demone D-Bus, perciò è necessario accertarsi che siano installati entrambi.

Se si vuole, si può installare pmount:

Aprite un terminale e digitate quanto segue come root:

# pacman -S pmount

Oltre a installare pmount, che permette agli utenti normali di montare le unità rimovibili senza il contributo di sudo o modificando prima /etc/fstab, questo comando porterà i pacchetti D-Bus e HAL come dipendenze.

Comunque, si può anche installare solo HAL e D-Bus:

# pacman -S hal dbus

Sia che si scelga di installare pmount, sia che no, continuate con quanto segue: Modificate il file /etc/rc.conf da root con il proprio editor preferito e aggiungete hal all'array DAEMONS, per esempio:

DAEMONS=(syslog-ng hal network netfs ...)

Il demone HAL ora si caricherà al boot. Quando HAL si inizializzerà, controllerà la presenza di D-Bus e lo caricherà automaticamente. Se avete dbus nella vostra lista di demoni, cancellatelo, dato che può creare problemi.

Si può anche avviare HAL manualmente con il seguente comando, da root:

# /etc/rc.d/hal start

Perché D-Bus e HAL siano effettivamente utili, gli account degli utenti locali devono essere membri dei gruppi optical e storage. Per fare questo, aprite un terminale e digitate i seguenti comandi, da root:

# gpasswd -a username optical
# gpasswd -a username storage
Sostituite username con il proprio nome utente (p.es. johndoe).

Affinché questi cambiamenti di gruppi abbiano effetto, bisogna eseguire il logout e fare poi il login di nuovo.

Policy

Policy dei permessi

I programmi comunicano con i device controllati da HAL attraverso un'interfaccia D-Bus. Sono definite molte interfacce, ognuna associata a diversi metodi: l'interfaccia storage device (device di memorizzazione), per esempio, ha i metodi 'eject' e 'close tray' (per le unità ottiche). Per 'montare' una partitione su una chiavetta USB, bisogna accedere all'interfaccia D-Bus pertinente ('volume' in questo caso).

Il file di configurazione /etc/dbus-1/system.d/hal.conf specifica i privilegi di HAL, ovvero quali utenti hanno accesso a quali interfacce. Queesti sono definiti come eccezioni alle restrizioni complessive sull'uso delle interfacce D-Bus, specificate in /etc/dbus-1/system.conf. In breve, bisogna verificare che hal.conf garantisca al proprio utente il permesso di accedere determinate interfacce D-Bus/HAL, perché le impostazioni di default di D-Bus sono di non lasciarvi accedere ad esse.

Il file hal.conf di default contiene un certo numero di policy che permettono o vietano l'accesso, tra loro questa (l'ultima di due e perciò verosimilmente quella decisiva):

<policy context="default">
  <deny send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.SystemPowerManagement"/>
  <deny send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.VideoAdapterPM"/>
  <deny send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.LaptopPanel"/>
  <deny send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.Volume"/>
  <deny send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.Volume.Crypto"/>
</policy>

In breve, agli utenti è per impostazione predefinita vietato l'accesso a interfacce come Volume, che possiede metodi come mount e unmount. Ciò è annullato da policy che permettono agli utenti dei gruppi 'power' e 'storage' l'accesso ai rispettivi dispositivi:

<policy group="power">
  <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.SystemPowerManagement"/>
  <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.LaptopPanel"/>
</policy>
<policy group="storage">
  <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.Volume"/>
  <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.Volume.Crypto"/>
</policy>

Questo è il motivo per cui dovete aggiungere il vostro utente a tali gruppi (vedere 'Configurazione iniziale'), riducendo così il numero di file di configurazione personalizzati. Una soluzione meno elegante è di inserire il proprio nome utente all'interno della sezione di policy dell'utente che garantisce l'accesso a tutte i dispositivi HAL elencati (sostituite lo zero col vostro nome utente):

 <policy user="0">
   <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.SystemPowerManagement"/>
   <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.VideoAdapterPM"/>
   <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.LaptopPanel"/>
   <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.Volume"/>
   <allow send_interface="org.freedesktop.Hal.Device.Volume.Crypto"/>
 </policy>

Policy per dispositivi specifici

NTFS

Aggiungete quanto segue al file /etc/hal/fdi/policy/10osvendor/20-ntfs-config-write-policy.fdi (create il file se non esiste)

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?> 
<deviceinfo version="0.2">
   <device>
       <match key="volume.fstype" string="ntfs">
           <match key="@block.storage_device:storage.hotpluggable" bool="true">
               <merge key="volume.fstype" type="string">ntfs-3g</merge>
               <merge key="volume.policy.mount_filesystem" type="string">ntfs-3g</merge>
               <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">locale=</append>
           </match>
       </match>
   </device>
</deviceinfo>

Link di mount.ntfs

A partire da hal >= 0.5.10 la policy soprascritta potrebbe non funzionare. Questo è un workaround che obbliga HAL a usare il driver ntfs-3g al posto del normale driver ntfs. Notare che tale metodo farà usare il driver ntfs-3g per tutte le unità NTFS sul proprio sistema! Da root create un link simbolico da mount.ntfs a mount.ntfs-3g.

# ln -s /sbin/mount.ntfs-3g /sbin/mount.ntfs

Problemi possibili con questo metodo:

  • se mount è chiamato con l'opzione "-i" non funziona
  • eventuali problemi con il modulo ntfs del kernel

Problemi con i locale

Se usate KDE, potreste avere problemi con i nomi di file contenenti caratteri non latini. Questo succede perchè il mounthelper di KDE non analizza correttamente le policy e le opzioni locale. Potete usare questa procedura:

1) Eliminate questo link simbolico: rm /sbin/mount.ntfs-3g

2) Sostituitelo con un nuovo script bash contenente:

#!/bin/bash
/bin/ntfs-3g $1 "$2" -o locale=en_US.UTF-8,$4 #inserite il vostro locale qui

3) Rendetelo eseguibile: chmod +x /sbin/mount.ntfs-3g

4) Aggiungete "NoUpgrade = sbin/mount.ntfs-3g" a /etc/pacman.conf.


Ed ecco una soluzione alternativa per il problema dei caratteri non latini:

1) Aprite una shell di root

2) Scrivete: "mv /sbin/mount.ntfs-3g /sbin/mount.ntfs-3g.sav"

3) Create il file /sbin/mount.ntfs-3g contenente:

#!/bin/bash
/sbin/mount.ntfs-3g.sav $1 $2 -o locale=de_DE.UTF-8

Cambiate l'opzione locale in accordo col vostro sistema.

4) Rendete il nuovo file eseguibile

" chmod +x /sbin/mount.ntfs-3g "

5) Aggiungete "NoUpgrade = sbin/mount.ntfs-3g" a /etc/pacman.conf.

6) Sostituite la sezione ntfs, all'interno del file /usr/share/hal/fdi/policy/10osvendor/20-storage-methods.fdi, con quanto segue:

<match key="volume.fstype" string="ntfs">
 <match key="/org/freedesktop/Hal/devices/computer:system.kernel.name" string="Linux">
   <merge key="volume.fstype" type="string">ntfs-3g</merge>
   <merge key="volume.policy.mount_filesystem" type="string">ntfs-3g</merge>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">uid=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">gid=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">umask=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">dmask=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">fmask=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">locale=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">utf8</append>
 </match>
 <match key="/org/freedesktop/Hal/devices/computer:system.kernel.name" string="FreeBSD">
   <merge key="volume.fstype" type="string">ntfs-3g</merge>
   <merge key="volume.policy.mount_filesystem" type="string">ntfs-3g</merge>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">-u=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">-g=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">-m=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">-a</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">-i</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">-C=</append>
  <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">-W=</append>
 </match>

Permessi dmask e fmask per ntfs-3g

dmask e fmask sono molto utili per impostare diversi permessi d'accesso per directory e file, per esempio dmask=000,fmask=111 renderà le directory accessibili a tutti, mentre i file rimarranno non eseguibili.

    <device>
        <match key="volume.fstype" string="ntfs">
            <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">dmask=</append>
            <append key="volume.mount.valid_options" type="strlist">fmask=</append>
        </match>
    </device>

Impostare il punto di mount per iPod

Se non istruite HAL su dove montare gli iPod, esso li monterà sotto /media in una directory il cui nome segue quello del vostro iPod. Per cambiare questo comportamento dovete creare una policy per HAL.

  <device>
    <match key="@block.storage_device:storage.model" string="iPod">
      <merge key="volume.policy.desired_mount_point" type="string">ipod</merge>
      <merge key="volume.policy.mount_option.iocharset=iso8859-15" type="bool">true</merge>
      <merge key="volume.policy.mount_option.sync" type="bool">true</merge>
    </match>
  </device>

Secondo la logica della sintassi, la riga

<merge key="volume.policy.mount_option.iocharset=iso8859-15" type="bool">true</merge>

potrebbe diventare

<merge key="volume.policy.mount_option.iocharset" type="string">iso8859-15</merge>

Da testare se la prima scrittura sembra non funzionare, poiché gli sviluppatori di HAL potrebbero aver cambiato.

Montare automaticamente solo unità rimovibili

Di default HAL monta in automatico tutte le partizioni disponibili non inserite in /etc/fstab e crea delle icone sul desktop per esse. Per sovrascrivere questo comportamento e montare automaticamente solo le unità rimovibili, aggiungete questa regola:

 <device>
   <match key="storage.hotpluggable" bool="false">
     <match key="storage.removable" bool="false">
       <merge key="storage.automount_enabled_hint" type="bool">false</merge>
     </match>
   </match>
 </device>

Se usate KDE e l'unità è montata in automatico (ovvero è visualizzata in Konqueror) ma non è sul desktop, andate su Centro di Controllo -> Desktop -> Comportamento -> Device Symbols (terzo tab) e assicuratevi che vi sia la spunta.

Enable the noatime mount option for removable devices

This will speed up file operations and also reduce wear on flash memory devices like USB sticks or SD cards.

 <device> 
   <match key="block.is_volume" bool="true">
     <match key="@block.storage_device:storage.hotpluggable" bool="true">
       <merge key="volume.policy.mount_option.noatime" type="bool">true</merge>
     </match>
     <match key="@block.storage_device:storage.removable" bool="true">
       <merge key="volume.policy.mount_option.noatime" type="bool">true</merge>
     </match>
   </match>
 </device>

... infine

Ricordatevi di riavviare il demone HAL perchè i vostri cambiamenti abbiano immediatamente effetto:

# /etc/rc.d/hal restart

Troubleshooting

Security error

If inserted CD/DVDs are recognized and an icon is placed on the desktop, but you are not able to open and explore the device, then the device is recognised by the udev system but something is preventing HAL from mounting it. If double-clicking the icon gives the error window "A security policy prevents this sender from sending this message to this recipient...", you will need to check your permissions settings (see the 'Initial configuration' and 'Permissions policies' sections).

Inserted CD/DVD doesn't get recognized by HAL

If inserted CDs/DVDs are not recognized by HAL (no icon on the desktop), check /etc/fstab and remove the lines for the optical drives.

USB sticks and drives do not automount correctly

This sub-section is sourced from this forum page.

If you are experiencing problems with automounting USB sticks and/or drives, but do not have problems with automounting CDs or DVDs, and if you are able to manually mount the USB device in question, then you should create the file "preferences.fdi" in the folder /etc/hal/fdi/policy and paste the following line into the file

<merge key="volume.ignore" type="bool">false</merge>

Also, if you have GParted installed, you might need to delete this file:

/usr/share/hal/fdi/policy/gparted-disable-automount.fdi

... as being mentioned at the end of this thread: [1]

If

# hald --verbose=yes --daemon=no

says something like

18:50:59.028 [I] blockdev.c:502: Probing storage device /dev/sda
Run started hald-probe-storage (10000) (0) 
!  full path is '/usr/lib/hal/hald-probe-storage', program_dir is '/usr/lib/hal'
/usr/lib/hal/hald-probe-storage: error while loading shared libraries: libvolume_id.so.1: cannot open shared object file: No such file or directory

You'd have to create a symlink to the library:

# ln -s /lib/libvolume_id.so.0 /lib/libvolume_id.so.1

External links

HAL 0.5.10 specifications - A comprehensive HAL specification and introduction.

Dam's blog - An attempt to clarify the division of labor among the kernel, udev, D-Bus and HAL with links to HOWTOs and FAQs on each.

Dynamic Device Handling (pdf) - A presentation of device handling.