Install from SSH (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 20:45, 25 December 2010 by Morbin (Talk | contribs) (Aggiornamento completo a pag. inglese)

Jump to: navigation, search

This template has only maintenance purposes. For linking to local translations please use interlanguage links, see Help:i18n#Interlanguage links.


Local languages: Català – Dansk – English – Español – Esperanto – Hrvatski – Indonesia – Italiano – Lietuviškai – Magyar – Nederlands – Norsk Bokmål – Polski – Português – Slovenský – Česky – Ελληνικά – Български – Русский – Српски – Українська – עברית – العربية – ไทย – 日本語 – 正體中文 – 简体中文 – 한국어


External languages (all articles in these languages should be moved to the external wiki): Deutsch – Français – Română – Suomi – Svenska – Tiếng Việt – Türkçe – فارسی

Tango-preferences-desktop-locale.pngThis article or section needs to be translated.Tango-preferences-desktop-locale.png

Notes: please use the first argument of the template to provide more detailed indications. (Discuss in Talk:Install from SSH (Italiano)#)

Introduzione

Questo articolo ha lo scopo di mostrare agli utenti come installare Arch da remoto tramite una connessione SSH. Considerare questo approccio, rispetto a quello standard, nell'eventualità degli scenari seguenti:

Configurare Arch su...

  • HTPC senza monitor corretto (cioè un SDTV).
  • Un PC che si trova in un'altra città, stato, nazione.
  • Un PC in cui si preferisca l'installazione da remoto, per esempio, dalla comodità della propria postazione di lavoro con capacità copia/incolla dal wiki di Arch.
Note: I primi due passaggi richiedono l'accesso fisico alla macchina. Ovviamente, se fisicamente localizzata altrove, ciò dovrà essere coordinato con un'altra persona!

Supporto d'avvio

Avviare in un ambiente Arch live tramite il [live CD/USB image] e accedere come root.

Configurare l'ambiente live per usare SSH

A questo punto dovrebbe essere presentato il prompt di root [root@archiso ~]#.

In primo luogo, configurare la rete sul computer di destinazione:

aif -partial-configure-network

In secondo luogo, sincronizzare l'ambiente live ad un mirror, installare il pacchetto openssh, e avviarlo:

pacman -Syy 
pacman -S openssh
/etc/rc.d/sshd start
Note: A seconda dell'età del supporto di installazione, pacman potrebbe richiederne un aggiornamento come primo passo. Poiché l'obiettivo è quello di installare semplicemente il pacchetto OpenSSH, si consiglia di negare questa richiesta ed installare semplicemente il pacchetto in questione.
# pacman -S  openssh
:: The following packages should be upgraded first :
    pacman  
:: Do you want to cancel the current operation
:: and upgrade these packages now? [Y/n] n

Infine, autorizzare le connessioni sshd e impostare una password di root, necessaria per la connessione ssh; la password Arch di default per root è vuota.

echo "sshd: ALL" >> /etc/hosts.allow
passwd

Collegarsi al PC di destinazione tramite SSH

Collegarsi al computer di destinazione tramite il seguente comando:

$ ssh root@ip.address.of.target

A questo punto viene presentato l'ambiente live con il messaggio di benvenuto, e si è in grado di amministrare il computer di destinazione come se si fosse seduti fisicamente alla sua tastiera.

$ ssh root@10.1.10.105
root@10.1.10.105's password: 
Last login: Thu Dec 23 08:33:02 2010 from 10.1.10.200
**************************************************************
* To begin installation, run /arch/setup                     *
* You can find documentation at                              *
*  /usr/share/aif/docs/official_installation_guide_en        *
*                                                            *
* i18n: Use the 'km' utility to change your keyboard layout  *
*       and console font.                                    *
*                                                            *
* If you are looking to install Arch on something more       *
* exotic, such as your kerosene-powered cheese grater,       *
* please consult http://wiki.archlinux.org.                  *
*                                                            *
**************************************************************
[root@archiso ~]#

Note

  • Se la macchina di destinazione è dietro un firewall/router, la porta SSH di default 22 avrà ovviamente bisogno di essere impostata all'indirizzo LAN IP della macchina di destinazione. L'utilizzo del "port forwarding" non viene trattato in questa guida.
  • Si può modificare Template:Filename nell'ambiente live prima di avviare il demone, ad esempio per l'esecuzione su una porta non standard, se desiderato.

Passi successivi

Il cielo è l'unico limite. Se il proposito è quello di installare semplicemente Arch dal supporto live, eseguire il comando Template:Filename. Se il proposito è invece quello di apportare delle modifiche su un'installazione Linux difettosa, seguire l'articolo wiki Install from Existing Linux.

Si vuole optare per grub2 o la possibilità di utilizzare supporti GPT?

  • Partizionare manualmente i supporti HDD/SDD di destinazione usando l'utilità gdisk installata tramite pacman -S gdisk prima di avviare il programma di installazione. Quando viene presentata la possibilità di installare un boot loader nel quadro d'installazione, rispondere no e tornare indietro al root prompt dell'ambiente live d'installazione.
  • L'installazione di grub2 è banale a questo punto. Basta eseguire il chroot nella nuova installazione Arch (di default è pre-montato se si esce dal programma di installazione), e poi installare e configurare grub2:
cd /mnt
rm console ; mknod -m 600 console c 5 1 
rm null ; mknod -m 666 null c 1 3 
rm zero ; mknod -m 666 zero c 1 5
mount -t proc proc /mnt/proc
mount -t sysfs sys /mnt/sys
mount -o bind /dev /mnt/dev
chroot /mnt /bin/bash

Ora all'interno della chroot di Arch:

pacman -S grub2
grep -v rootfs /proc/mounts > /etc/mtab

Modificare Template:Filename a proprio piacimento.

Installare grub e generare il file grub.cfg
grub-install /dev/sdX --no-floppy
grub-mkconfig -o /boot/grub/grub.cfg
Note: Quanto sopra presuppone che se l'utente intende fare il boot da un disco GPT, ha pienamente letto e compreso gli articoli wiki di cui sopra e ha creato una partizione di 1M ef02 per grub2.

Quando si è pronti a riavviare la nuova installazione di Arch, uscire dal chroot e smontare le partizioni prima di riavviare il sistema.

exit
umount /mnt/boot   # if mounted this or any other separate partitions
umount /mnt/{proc,sys,dev}
umount /mnt