Difference between revisions of "NFSv4 (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
(simplification and beautification of wikilinks, fixing whitespace, capitalization and section fragments (https://github.com/lahwaacz/wiki-scripts/blob/master/link-checker.py (interactive)))
 
(5 intermediate revisions by 3 users not shown)
Line 1: Line 1:
 
[[Category:Networking (Italiano)]]
 
[[Category:Networking (Italiano)]]
[[en:NFSv4]]
+
[[ar:NFS]]
[[zh-CN:NFSv4]]
+
[[cs:NFS]]
 +
[[de:Network File System]]
 +
[[en:NFS]]
 +
[[es:NFS]]
 +
[[fr:NFS]]
 +
[[ja:NFS]]
 +
[[ru:NFS]]
 +
[[zh-CN:NFS]]
 
{{merge|Nfs (Italiano)}}
 
{{merge|Nfs (Italiano)}}
  
'''NFSv4''', ''n''etwork ''f''ile ''s''ystem ''v''ersione 4, è la nuova versione di NFS (per configurare un vecchio NFSv3, guarda su [[Nfs (Italiano)]] con nuove funzionalità come autenticazione sicura e integrità via Kerberos e SPKM-3, prestazioni migliorate,  file caching sicuro, lock migration, UTF-8, ACLs e un miglior supporto per la semantica di condivisione file di Windows.
+
'''NFSv4''', ''n''etwork ''f''ile ''s''ystem ''v''ersione 4, è la nuova versione di NFS (per configurare un vecchio NFSv3, guarda su [[NFS (Italiano)]] con nuove funzionalità come autenticazione sicura e integrità via Kerberos e SPKM-3, prestazioni migliorate,  file caching sicuro, lock migration, UTF-8, ACLs e un miglior supporto per la semantica di condivisione file di Windows.
  
 
Questo articolo si occupa dell'installazione e della configurazione di NFSv4.
 
Questo articolo si occupa dell'installazione e della configurazione di NFSv4.

Latest revision as of 20:11, 24 April 2016

Merge-arrows-2.pngThis article or section is a candidate for merging with Nfs (Italiano).Merge-arrows-2.png

Notes: please use the second argument of the template to provide more detailed indications. (Discuss in Talk:NFSv4 (Italiano)#)

NFSv4, network file system versione 4, è la nuova versione di NFS (per configurare un vecchio NFSv3, guarda su NFS (Italiano) con nuove funzionalità come autenticazione sicura e integrità via Kerberos e SPKM-3, prestazioni migliorate, file caching sicuro, lock migration, UTF-8, ACLs e un miglior supporto per la semantica di condivisione file di Windows.

Questo articolo si occupa dell'installazione e della configurazione di NFSv4.

Installazione

Sia i client che i servers richiedono il pacchetto nfs-utils. Installa nfs-utils con pacman.

Configurazione

Server

La configurazione del server è molto fine.

Export

Prima di tutto dobbiamo modificare i nostri export (esportazione, ma preferisco il termine inglese) in /etc/exports.

Un tipico export di NFSv4 dovrebbe sembrare come questo:

/export    192.168.0.12(rw,fsid=0,no_subtree_check,async,no_root_squash)
/export/music 192.168.0.12(rw,no_subtree_check,async,no_root_squash)
Note: fsid=0 è richiesto dal filesystem di root per essere esportato.
Note: Per ammettere un intervallo di indirizzi, lo schema vecchio stile 192.168.0.* non è più supportato con NFSv4. Usa 192.168.0.0/24 o simili per specificare tali export. (Ciò funzionava con export non NFSv4, ma non funziona più. L'errore riportato è "no such file or directory" nel montaggio, cosa che rende problematico la risoluzione dei problemi.)

/export nel nostro caso è la radice NFS (grazie all'opzione fsid=0). Qualunque altra cosa si voglia condividere tramite NFS deve essere accessibile sotto /export.

Note: Specificare una radice NFS sembra essere necessario.

Per esportare cartelle al di fuori della radice NFS guarda più sotto.

Note: L'opzione no_root_squash significa che l'utente root sul client è considerato utente root anche sul server. Ovviamente ciò è un rischio per la sicurezza. Rimuovila se non ne hai bisogno.
Exporting directories outside your NFS root

Per fare questo si dovranno usare i montaggi legati (bind). Per esempio, per legare /home/john a /export/john:

# mount --bind /home/john /export/john

Ed ora dobbiamo aggiungere /export/john a /etc/exports:

/export    192.168.0.12(rw,fsid=0,no_subtree_check,async,no_root_squash)
/export/music 192.168.0.12(rw,no_subtree_check,async,no_root_squash)
/export/john 192.168.0.12(rw,no_subtree_check,async,no_root_squash,nohide)

L'opzione nohide è necessaria, poiché il kernel del server NFS nasconde automaticamente le cartelle montate. Per aggiungere il montaggio legato a /etc/fstab:

/home/john    /export/john    none    bind  0 0

Mappatura ID

A questo punto dobbiamo modificare /etc/idmapd.conf. Come minimo si dovrà specificare il proprio domainio. Per esempio:

[General]

Verbosity = 1
Pipefs-Directory = /var/lib/nfs/rpc_pipefs
Domain = archlinux.org

[Mapping]

Nobody-User = nobody
Nobody-Group = nobody

Avviare il server

Per avviare il server NFS, semplicemente fai:

# /etc/rc.d/rpcbind start
# /etc/rc.d/nfs-common start
# /etc/rc.d/nfs-server start

Se vuoi sistemare la configurazione, sentiti libero di modificare /etc/conf.d/nfs-server.conf per adattarlo ai tuoi bisogni.

Client

La configurazione del client è molto più semplice

Mappatura ID del client

Bisogna modificare /etc/idmapd.conf su tutti i client e la voce del domainio dovrebbe essere identica a quella del server. Per esempio:

[General]

Verbosity = 1
Pipefs-Directory = /var/lib/nfs/rpc_pipefs
Domain = archlinux.org

[Mapping]

Nobody-User = nobody
Nobody-Group = nobody

[Translation]
Method = nsswitch
Note: In una configurazione solo client sii sicuro che rpc.idmapd sia in esecuzione. Il demone nfs-common normalmente rileva in automatico se rpc.idmapd deve essere avviato, ma potrebbe fallire se non ci sono voci di montaggio NFSv4 in /etc/fstab o se /etc/exports è vuoto (che potrebbero accadere insieme se si usa autofs per montare le condivisioni NFSv4). In questo caso imposta NEED_IDMAPD="yes" in /etc/conf.d/nfs-common.conf.

Montare le condivisioni sul client

Tango-inaccurate.pngThe factual accuracy of this article or section is disputed.Tango-inaccurate.png

Reason: please use the first argument of the template to provide a brief explanation. (Discuss in Talk:NFSv4 (Italiano)#)

Sul client, per montare le condivisioni NFSv4: assicurati che il modulo nfs sia caricato (lsmod | grep nfs). Altrimenti esegui il comando "modprobe nfs"

# /etc/rc.d/rpcbind start
# /etc/rc.d/nfs-common start
# mount -t nfs4 server:/ /mnt/server/
# mount -t nfs4 server:/music /mnt/music/
# mount -t nfs4 server:/john /mnt/john

Rimpazza 'server' con il nome host o l'indirizzo IP del tuo server NFS ed ovviamente 'server', 'music' e 'john' con i nomi delle cartelle hai esportato nel server.

Se vuoi che i columi NFS si montino automaticamente al boot, aggiungili in fstab. Per esempio:

server: /mnt/server nfs4 async,user 0 0

Ricordati di aggiungere netfs alla lista di demoni nel /etc/rc.conf.

Note: la radice del percorso sul server è la radice NFS specificata; tutti i percorsi devono essere specificati a lei relativi.

Client & Server: sincronizzazione orari

Per funzionare in modo appropriato, sia il server che il client devono avere valori di orario molto vicini. Se l'orologio del client è troppo differente da quello del server, allora funzioni base come la copia dei file può rimanere in sospeso a lungo lasciando il sistema inutilizzabile finché non riprende. Gli orologi non devono coincidere al micro/nano secondo, ma per dare un'idea dovrebbero essere entro un secondo l'uno dall'altro.

Si raccomanda il sistema NTP per sincronizzare sia il server che il client agli accurati server NTP disponibili in Internet. Per sistemi piccoli come una rete domestica, l'utility ntpdate potrebbe essere usata per sincronizzare entrambi allo stesso orologio. Per sistemi più grandi potrebbe essere desiderabile installare un server OpenNTP (guarda NTP) nella stessa macchina che funge da server NFS, e quindi tutti i client dovrebbero sincronizzare i valori di orario dal server. Questo ha il vantaggio di abbassare lo stess sui server NTP esterni, e di assicurare che i client NFS useranno esattamente lo stesso orario che ha il server NFS, anche se il server NFS dovesse sperimentare qualche deriva.

Risoluzione problemi

messages.log contiene "nfsdopenone: Opening /proc/net/rpc/nfs4.nametoid/channel failed: errno 2 (No such file or directory)"

Aggiungi nfsd alla lista MODULES in /etc/rc.conf.

Note: Potresti dover aggiungere Verbosity = 3 in /etc/idmapd.conf e riavviare i servizi per rilevare l'errore.

exportfs: /etc/exports:2: syntax error: bad option list

Cancella tutti gli spazi dalla lista di opzioni in /etc/exports

mount.nfs4: No such device

controlla che sia stato caricato il modulo nfs

lsmod | grep nfs

e se con il comando precedente non risulta nulla o solo nfsd-stuff dai il comando

modprobe nfs

mount.nfs4: access denied by server while mounting

Controlla che i permessi nella cartella del client siano corretti. Prova ad usare 755.

Problemi di permessi

Se scopri che non puoi impostare adeguatamente i pemessi nei file, assicurati che l'utente/gruppo che stai impostando siano sia sul client che sul server. Se ciò non aiuta, prova a modificare queste linee in /etc/conf.d/nfs-common.conf

# /etc/conf.d/nfs-common.conf

# Do you want to start the statd daemon? It is not needed for NFSv4.
NEED_STATD="no"

# Do you want to start the idmapd daemon? It is only needed for NFSv4.
NEED_IDMAPD="yes"

Riavvia il modulo nfs-common daemon affinché i cambiamenti abbiano effetto. Io riavvierei tutti gli altri demoni, giusto per essere sicuri.

Problemi di permessi Group/gid

Se le condivisioni NFS si montano senza problemi, e sono pienamente accessibili al proprietario, ma non ai membri del gruppo, controlla il numero di gruppi a cui l'utente appartiene. NFS ha un limite di 16 nel numero di gruppi a cui può appartenere un utente. Se hai utenti con più di tale numero, devi abilitare il flag di avvio --manage-gids per rpc.mountd nel server NFS.

/etc/conf.d/nfs-server.conf

# Options for rpc.mountd.
# If you have a port-based firewall, you might want to set up
# a fixed port here using the --port option.
# See rpc.mountd(8) for more details.

MOUNTD_OPTS="--manage-gids"