Difference between revisions of "NVIDIA (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
m (Configurazione: rmossi riferimenti ad hal)
(Configurazione automatica con monitor multipli)
Line 83: Line 83:
 
{{Warning| TQuesta procedura potrebbe non funzionare correttamente con Xorg-server 1.8 }}
 
{{Warning| TQuesta procedura potrebbe non funzionare correttamente con Xorg-server 1.8 }}
  
===Automatic configuration with multiple monitors===
+
===Configurazione automatica con monitor multipli===
The NVIDIA package provides Twinview. This tool will help by automatically configuring all the monitors connected to your video card. This only works for multiple monitors on a single card.
+
Il pacchetto NVIDIA fornisce l'applicativo Twinview. Questo strumento permette la configurazione automatica di tutti i monitor collegati alla scheda video. La configurazione avviene correttamente solo su monitor collegati ad una sola scheda video.
To configure Xorg Server with Twinview run:
+
Per configurare il server Xorg con Twinview eseguire il comando:
  nvidia-xconfig --twinview
+
  # nvidia-xconfig --twinview
  
 
===Configurazione minimale===
 
===Configurazione minimale===

Revision as of 22:28, 28 June 2010

This template has only maintenance purposes. For linking to local translations please use interlanguage links, see Help:i18n#Interlanguage links.


Local languages: Català – Dansk – English – Español – Esperanto – Hrvatski – Indonesia – Italiano – Lietuviškai – Magyar – Nederlands – Norsk Bokmål – Polski – Português – Slovenský – Česky – Ελληνικά – Български – Русский – Српски – Українська – עברית – العربية – ไทย – 日本語 – 正體中文 – 简体中文 – 한국어


External languages (all articles in these languages should be moved to the external wiki): Deutsch – Français – Română – Suomi – Svenska – Tiếng Việt – Türkçe – فارسی

Sommario help replacing me
Informazioni su installazione, configurazione e risoluzione problemi dei driver proprietari NVIDIA.
Articoli correlati
ATI Catalyst
ATI
Intel
Xorg

Questo articolo tratta dell'installazione e configurazione dei driver propietari per schede grafiche NVIDIA. Si veda Nouveau per le informazioni sui driver open-source. Si veda invece nForce per i quesiti riguardanti i driver della scheda madre.

Contents

Installazione

Queste istruzioni sono per gli utenti che usano il pacchetto stock kernel26. Per kernel personalizzati si veda il prossimo passaggio.

Tip: E' consigliato l'utilizzo di pacman per l'installazione dei driver NVIDIA rispetto al pacchetto fornito dal sito NVIDIA, questo permette che i driver vengano aggiornati assieme al resto del sistema

1. Visitare il sito NVIDIA per il download dei driver in modo da stabilire quali siano i più adatti alla vostra scheda video.

2. Installazione dei driver per schede video recenti:

# pacman -S nvidia nvidia-utils
Mentre per schede video datate si installi:
# pacman -S nvidia-96xx nvidia-96xx-utils
oppure:
#pacman -S nvidia-173xx nvidia-173xx-utils
Nota: Attualmente i driver Nvidia-173xx e -96xx non supportano la versione 1.8 di Xorg. Si consulti la la news si segnalazione. [1].
Nota: Per gli ultimi modelli di schede video potrebbe essere richiesta l'installazione di Template:Package AUR e Template:Package AUR dal repository AUR dato che i driver stabili potrebbero non supportare le più recenti caratteristiche.
Nota: Sui sistemi a 64 bit, per poter utilizzare appieno i programmi a 32-bit è necessaria l'installazione del pacchetto nvidia-utils che utilizzi le lib32, oltre ai varie dipendenze che poggino sulle lib32 (per esempio potreste dover installare il pacchetto lib32-nvidia-utils).

Una volta terminata l'installazione, si prosegua a: #Configurazione

Installazione alternativa: kernel personalizzato

Per prima cosa potrebbe essere utile sapere come funziona il sistema ABS, leggendo alcuni articoli al riguardo:

Quello che segue è un piccolo tutorial per la creazione di un pacchetto di driver nvidia personalizzato utilizzando ABS:

Installazione di ABS e generazione dell'albero:

# pacman -S abs
# abs

Utilizzando un utente non privilegiato, si crei una cartella temporanea per la creazione del nuovo pacchetto:

$ mkdir -p ~/devel/abs

Si copi la cartella del pacchetto nvidia:

$ cp -r /var/abs/extra/nvidia/ ~/devel/abs/

Ci si sposti nella cartella di compilazione nvidia temporanea:

$ cd ~/devel/abs/nvidia

E' ora necessario modificare i file Template:Filename e Template:Filename in modo che le variabili riportino la giusta versione del kernel.

Utilizzando un kernel personalizzato, si ottengano la giusta versione kernel e locale:

$ uname -r

1. Si sostituisca, nel file Template:Filename, la variabile KERNEL_VERSION="2.6.xx-ARCH" con la versione del kernel personalizzato, come KERNEL_VERSION="2.6.22.6" oppure KERNEL_VERSION"2.6.22.6-custom" a seconda della versione del kernel e il testo/numero di quella locale. Si ripeta poi l'operazione per tutte le occorrenze in questo file.

2. Si cambi la variabile _kernver='2.6.xx-ARCH' nel file Template:Filename, in modo che corrisponda alla corretta versione, allo stesso modo del passaggio precedente.

3. Se ci sono più di un kernel installati in parallelo sullo stesso sistema, (come un kernel personalizzato a fianco al kernel -ARCH di default) si cambi la variabile "pkgname=nvidia" nel file Template:Filename con un nuovo unico identificativo, come "pkgname=nvidia-2622" o "pkgname=nvidia-custom". Questo permetterà ad entrambi i kernel di utilizzare il modulo nvidia dal momento che il pacchetto del modulo personalizzato avrà un nome differente e non sovrascriverà l'originale.

Si esegua poi:

$ makepkg -c -i

L'operando Template:Codeline dice a makepkg di eliminare i file residui del processo di pacchetizzazione dopo la creazione del pacchetto, mentre Template:Codeline farà in modo che makepkg esegua automaticamente pacman per installarlo.

Configurazione

E' possibile che dopo l'installazione dei driver non sia necessario creare un file di configurazione per il server Xorg, si può verificare il corretto funzionamento del server Xorg senza un file di configurazione. Tuttavia può essere necessario creare un file di configurazione Template:Filename in modo da poter modificare varie impostazioni. Questa configurazione può essere generata dal tool di configurazione Xorg NVIDIA, o può essere creato manualmente. Se creato manualmente possiamo creare una configurazione minimale (nel senso che verranno passate solo le opzioni base al server Xorg), o può includere una serie di impostazioni che possono bypassare le opzioni preconfigurate o di autoricerca di Xorg.

Configurazione automatica

Il pacchetto NVIDIA include un tool di configurazione automatica per creare un file di configurazione(Template:Filename) per il server Xorg e può essere eseguito con:

nvidia-xconfig

Questo comando ricercherà automaticamente e creerà (o modificherà se già presente) la configurazione di Template:Filename, a seconda dell'hardware installato.

Warning: TQuesta procedura potrebbe non funzionare correttamente con Xorg-server 1.8

Configurazione automatica con monitor multipli

Il pacchetto NVIDIA fornisce l'applicativo Twinview. Questo strumento permette la configurazione automatica di tutti i monitor collegati alla scheda video. La configurazione avviene correttamente solo su monitor collegati ad una sola scheda video. Per configurare il server Xorg con Twinview eseguire il comando:

# nvidia-xconfig --twinview

Configurazione minimale

Per creare un Template:Filename di base eseguire da root:

touch /etc/X11/xorg.conf

E aggiungere i driver:

Section "Device"
   Identifier     "Device0"
   Driver         "nvidia"
   VendorName     "NVIDIA Corporation"
EndSection
Tip: Per avere accesso a tutte le funzionalità multimediali, ci si accerti che 'xorg-input-drivers sia installato.

Tweaking

GUI: nvidia-settings

Il pacchetto NVIDIA include il programma Template:Codeline che permette l'adattamento di diverse impostazioni aggiuntive.

Per caricare le impostazioni al login eseguire questo comando dal terminale:

$ nvidia-settings --load-config-only

O lo si aggiunga alle regole di auto avvio del proprio ambiente desktop.

Tip: In rare occasioni il Template:Filename può risultare corrotto. Se questo accade il server Xorg può crashare e il file dovrà essere cancellato per risolvere il problema.

Avanzato: xorg.conf

Modificare Template:Filename e aggiungere le opzioni alla la sezione corretta. NVIDIA testa e rilascia i driver con le impostazioni raccomandate quindi si ricordi che alcune modifiche possono causare instabilità e problemi di visualizzazione tra gli altri casi. Dal momento che non tutte le opzioni potrebbero funzionare per un dato sistema, è consigliato un backup del file Template:Filename prima di qualsiasi modifica. Il server Xorg dovrà essere riavviato prima che le modifiche abbiano effetto.

Abilitare la desktop composition

Dalla versione 180.44 dei driver NVIDIA il supporto per GLX con Damage e l'estensione Composite X sono abilitate di default. Si faccia riferimento a Composite per delle istruzioni dettagliate.

Disabiliare visione logo all'avvio

Aggiungere l'opzione Template:Codeline nella sezione Template:Codeline:

Option "NoLogo" "True"

Abilitare accelerazione hardware

Aggiungere l'opzione Template:Codeline nella sezione Template:Codeline:

Option "RenderAccel" "True"
Note: Template:Codeline è abilitato di default dalla versione 97.46.xx dei driver.

Annullare la ricerca del monitor

L'opzione Template:Codeline nella sezione Template:Codeline permette di annullare la ricerca del monitor all'avvio del server X, il che può far risparmiare diverso tempo. Le opzioni disponibili sono: Template:Codeline per connessioni analogiche, Template:Codeline per monitor digitali e Template:Codeline per le televisioni.

La seguente dichiarazione forza i driver NVIDIA a bypassare i controlli d'avvio e a riconoscere il monitor come DFP:

Option "ConnectedMonitor" "DFP"
Note: Si utilizzi "CRT" per tutte le connessioni analogiche 15 pin VGA, anche se il display è uno schermo piatto. "DFP" è da utilizzarsi solamente per le connessioni digitali DVI.

Abilitare il triple buffering

Per abilitare il triple buffering si aggiunga l'opzione Template:Codeline nella sezione Template:Codeline:

Option "TripleBuffer" "True"

Si usi questa opzione se la scheda video abbonda di RAM (uguale o superiore a 128MB). L'impostazione ha effetto solamente quando Template:Codeline, una delle opzioni disponibili in Template:Codeline, è abilitata.

Note: Questa opzione può causare problemi di visualizzazione a schermo intero

Abilitare il backing store

Questa opzione è da usarsi per abilitare il supporto del server al backing store, un meccanismo con il quale i dati dei pixel delle zone delle finestre non visibili sono salvati dal server, attenuando in tal modo la necessità di inviare gli "expose events" al client X quando i dati devono essere nuovamente visualizzati. BackingStore non è legato ai driver NVIDIA, ma direttamente al server X. Gli utenti ATI trarrebbero beneficio da questa opzione.

Nella sezione Template:Codeline aggiungete:

Option "BackingStore" "True"

Usare gli eventi di sistema

Dal file LEGGIMI dei driver NVIDIA: "Usa gli eventi di sistema per dare notifica ad X quando un client ha compiuto il direct rendering su una finestra che necessita di essere composta." Qualsiasi cosa identifichi, aiuta ad aumentare le prestazioni. Questa opzione è al momento incompatibile con le tecnologie SLI e Multi-GPU.

Nella sezione Device aggiungete:

Option "DamageEvents" "True"
Nota: Questa opzione è abilitata di default nei driver più recenti.

Abilitare il risparmio energetico

Per un pianeta più pulito (non strettamente legato ai soli utenti NVIDIA). Nella sezione Monitor aggiungete:

Option "DPMS" "True"

Forzare il livello di performance Powermizer (per portatili)

Nel vostro file xorg.conf, aggiungete le seguenti linee nella sezione Template:Codeline:

# Force Powermizer to a certain level at all times
# level 0x1=highest
# level 0x2=med
# level 0x3=lowest
# AC settings:
Option "RegistryDwords" "PowerMizerLevelAC=0x3"
# Battery settings:
Option	"RegistryDwords" "PowerMizerLevel=0x3"

Ulteriori spiegazioni su i vari settaggi li potete trovare leggendo NVIDIA Driver for X.org:Performance and Power Saving Hints.

Lasciare che la GPU imposti automaticamente il livello di performance (basato sulla temperatura)

Nel vostro file xorg.conf, aggiungete la seguente linea nella sezione Device

Option "RegistryDwords" "PerfLevelSrc=0x3333"

Disabilitare i vblank interrupts (per portatili)

Quando l'utility di riconoscimento degli interrupt è attiva, è noto che i driver NVIDIA generano un interrupt per ogni vblank. Per evitare questo inconveniente, aggiungere la seguente riga nella sezione Device:

Option         "OnDemandVBlankInterrupts" "True"

Questa modifica ridurrà sensibilmente gli interrupt al secondo.

Abilitare l'overclocking

Per abilitare l'overclocking, aggiungere la riga seguente nella sezione device:

Option         "Coolbits" "1"

Questa modifica abiliterà la gestione dell'overclocking attraverso nvidia-settings all'interno di X.

Note: ATTENZIONE! L'overclocking può danneggiare il vostro hardware e alcuna responsabilità può pendere sugli autori di questa pagina in seguito a possibili danni riportati dalla strumentazione hardware modificata in modo da operare diversamente dalle specifiche tecniche di fabbrica.

Abilitare la rotazione dello schermo attraverso XRandR

Per abilitare la rotazione dello schermo tramite XRandr aggiungere la seguente linea nella sessione Template:Codeline del vostro xorg.conf:

Option "RandRRotation" "True"

Dopo aver riavviato Xorg, digitare in un terminale:

xrandr -o left

Lo schermo ora dovrebbe essere stato ruotato. Per ripristinare, digitare:

xrandr -o normal
Nota: La modifica del file xorg.conf non è più necessaria, poichè la rotazione dello schermo dovrebbe essere abilitata e funzionante. L'ideale sarebbe utilizzare direttamente i vari tool compresi nel vostro per Ambiente Desktop, come Systemsettings per KDE.

Trucchi e consigli

Usare l'uscita TV

Un buon articolo a riguardo può essere trovato qui

X con la TV (DFP) come unico display

Il server X ritorna a CRT-0 se nessun monitor viene riconosciuto automaticamente. Ciò può rappresentare un problema nel caso in cui si usi una TV connessa tramite DVI come display principale, e il server X venga avviato mentre la TV è spenta o disconnessa.

Per forzare i driver nvidia ad usare DFP, si conservi una copia dell' EDID da qualche parte nel filesystem in modo tale che X possa analizzare il file invece di leggere l' EDID dalla TV/DFP.

Per acquisire l' EDID, si avvii nvidia-settings. Verranno mostrate alcune informazioni in una struttura ad albero, si ignorino per il momento il resto delle impostazioni e si selezioni GPU (l'entrata corrispondente dovrebbe intitolarsi "GPU-0" o qualcosa di simile), quindi la sezione "DFP" (di nuovo, "DFP-0" o qualcosa di simile), si clicchi su "Acquire Edid" e lo si salvi da qualche parte, ad esempio, Template:Filename.

Si modifichi xorg.conf aggiungendo alla sezione "Device":

Option "ConnectedMonitor" "DFP"
Option "CustomEDID" "DFP-0:/etc/X11/dfp0.edid"

L'opzione "ConnectedMonitor" forza il driver a riconoscere la DFP come se fosse connessa. L'opzione "CustomEDID" fornisce l'informazione EDID per il device, ciò significa che sarà avviato esattamente come se la TV/DFP fosse stata connessa durante il processo X.

In questa maniera, si può avviare automaticamente un display manager al boot e quindi avere una schermata di X funzionante e propriamente configurata entro l'accensione della TV.

Visualizzare la temperatura GPU nella shell

Metodo 1 - nvidia-settings

Nota: Questo metodo richiede l'uso di X. Si segua altrimenti il metodo 2 od il metodo 3. Si noti inoltre che il metodo 3 non funzionerà con nuove schede nvidia come la G210/220 o le Zotac IONITX's 8800GS

Per visualizzare la temperatura GPU nella shell, si usi nvidia-settings come segue:

$ nvidia-settings -q gpucoretemp

Ciò darà come output qualcosa di simile a:

Attribute 'GPUCoreTemp' (hostname:0.0): 41.
'GPUCoreTemp' is an integer attribute.
'GPUCoreTemp' is a read-only attribute.
'GPUCoreTemp' can use the following target types: X Screen, GPU.

La temperatura GPU di questa scheda è di 41 C.

Per ottenere solamente la temperatura per usarla in programmi come rrdtool o conky, tra gli altri:

$ nvidia-settings -q gpucoretemp -t
41

Method 2 - nvidia-smi

Note: The application taught in this method is included with the standard nvidia driver package but as of 06-Jun-2010 is not included in the Arch packages. A [feature request] has been made to include it into the nvidia-utils package.

Use nvidia-smi which can read temps directly from the GPU without the need to use X at all. This is important for a small group of users who do not have X running on their boxes, perhaps because the box is headless running server apps. To display the GPU temp in the shell, use nvidia-smi as follows:

$ nvidia-smi -a

This should output something similar to the following:

==============NVSMI LOG==============


Timestamp			: Sun Jun  6 06:17:53 2010

GPU 0:
	Product Name		: ION
	PCI ID			: 87d10de
	Temperature		: 35 C

In order to get just the temperature for use in utils such as rrdtool or conky, among others:

$ nvidia-smi -a | grep Temp | cut -c17-18
35

Reference: http://www.question-defense.com/2010/03/22/gpu-linux-shell-temp-get-nvidia-gpu-temperatures-via-linux-cli


Metodo 3 -nvclock

Si usi nvclock che è disponibile nel repo [extra]. Si noti che nvclock non può accedere ai sensori termali di nuove schede nvidia come la G210/220.

Troubleshooting

Giocare usando Twinview

Nel caso in cui si desideri giocare a schermo intero con l'opzione Twinview, si avrà notato come i giochi riconoscono i due schermi come fossero uno solo. Sebbene ciò è tecnicamente corretto (lo schermo virtuale X è esattamente della dimensione della combinazione dei tuoi schermi), probabilmente non si vorrà giocare su entrambi gli schermi contemporaneamente.

Per correggere questo comportamento per SDL, si provi con:

export SDL_VIDEO_FULLSCREEN_HEAD=1

Per OpenGL, si aggiungano gli appropriati Metamodes al xorg.conf nella sezione Template:Codeline e si riavvi X:

Option "Metamodes" "1680x1050,1680x1050; 1280x1024,1280x1024; 1680x1050,NULL;  1280x1024,NULL;"

Un altro metodo che può funzionare da solo o congiuntamente a quelli sopra descritti consiste nel starting games in a seperate X server.

Vecchie impostazioni Xorg

Se si effettua l'upgrade da una vecchia installazione, si rimuovino i vecchi percorsi a Template:Filename dal momento che possono creare problemi durante l'installazione.

Schermata corrotta: il problema dei "Sei schermi"

Per alcuni utilizzatori delle schede video Geforce GT 100M, la schermata si rivela corrotta dopo aver avviato X; divisa in 6 sezioni con la risoluzione limitata a 640x480.

Per risolvere questo problema, si abiliti il Validation Mode Template:Codeline nella sezione Template:Codeline:

Section "Device"
 ...
 Option "ModeValidation" "NoTotalSizeCheck"
 ...
EndSection

Errori '/dev/nvidiactl'

Provando ad iniziare un'applicazione opengl si riscontrano errori del tipo:

Error: Could not open /dev/nvidiactl because the permissions are too
restrictive. Please see the FREQUENTLY ASKED QUESTIONS 
section of /usr/share/doc/NVIDIA_GLX-1.0/README 
for steps to correct.

Si risolve aggiungendo l'user appropiato al gruppo "video" e rieffettuando il login:

# gpasswd -a username video

Le applicazioni 32 bit non si avviano

Nei sistemi a 64 bit, installare Template:Codeline ,che corrisponde alla stessa versione installata per i driver a 64 bit, risolve il problema.

Errori dopo l'aggiornamento del kernel

Ogni volta che il pacchetto kernel26 viene aggiornato, si richiede la reinstallazione del pacchetto nvidia e quindi il riavvio della macchina.

Crash generali

export IGNORE_CC_MISMATCH=1

Maggiori informazioni sulla risoluzione dei problemi dei driver possono essere trovate in NVIDIA forums.

Brutte performance dopo aver installato una nuova versione dei driver

Se gli FPS sono calati rispetto quelli con i vecchi driver, innanzitutto si controlli di aver abilitato il direct rendering:

glxinfo | grep direct

Se il comando da come risposta:

direct rendering: No 

allora questo può essere indice dell'improvviso calo di FPS.

Una soluzione possibile consiste nel tornare alla versione di driver precedente e quindi riavviare.

Per i laptop: X si blocca durante il login/out, ovviato con Ctrl+Alt+Backspace

Se durante l'utilizzo dei drivers nvidia ufficiali Xorg si dovesse bloccare durante il login e logout (in particolare con una schermata insolita divisa in due pezzi neri e bianco/grigi), ma è ancora possibile effettuare il login con Ctrl-Alt-Backspace (o qualsiasi sia la nuova scorciatoia "kill X"), si provi ad aggiungere questo in Template:Filename:

options nvidia NVreg_Mobile=1

Invece un utente ha avuto fortuna in questa maniera, ma per altri questa soluzione va a ledere sulle performance:

options nvidia NVreg_DeviceFileUID=0 NVreg_DeviceFileGID=33 NVreg_DeviceFileMode=0660 NVreg_SoftEDIDs=0 NVreg_Mobile=1

Si noti che Template:Codeline necessita di essere modificato in linea con il laptop:

  • 1 per i laptops Dell.
  • 2 per i laptops non Compal Toshiba.
  • 3 per gli altri laptops.
  • 4 per i laptops Compal Toshiba.
  • 5 per i laptops Gateway.

Si veda NVIDIA Driver's Readme:Appendix K per maggiori informazioni.

La frequenza di refresh non viene rilevata correttamente dalle utility dipendenti da XRandR

L'estensione XRandR X al momento non è in grado di gestire device con display multipli in un'unica schermata di X; si vede solamente il box fisso di Template:Codeline, che può contenere uno o più actual modes. Ciò significa che se diversi MetaMode hanno lo stesso box fisso, XRandR non sarà in grado di distinguerli.

In modo da supportare la Template:Codeline, i driver NVIDIA devono far apparire a XRandR ogni MetaMode come unico. Al momento, i driver Nvidia realizzano questo usando la frequenza di refresh come unico identificatore.

Si usi Template:Codeline per richiedere l'attuale frequenza di refresh su ogni display.

L'estensione XRandR al momento sta per essere ridisegnata dalla comunità di X.Org, così la soluzione della frequenza di refresh potrà essere rimossa tra un pò di tempo.

Questa soluzione può essere anche disabilitata impostando l'opzione di configurazione di X "DynamicTwinView" a "false", che disabiliterà il supporto a NV-CONTROL per manipolare i MetaMode, ma causerà, per essere accurata, visibili frequenze di refresh a XRandR e a XF86VidMode.

Link esterni