Netcfg (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 10:36, 21 September 2012 by Toketin (Talk | contribs)

Jump to: navigation, search
Summary help replacing me
Una guida per l'installazione e la configurazione di netcfg, gli script e il profilo di configurazione della rete.
Overview
Arch Linux fornisce due opzioni per l'amministrazione della rete: network e netcfg. Il demone network è una semplice e lineare soluzione per desktop e server cablati. La navigazione tramite Wireless richiede una configurazione ulteriore. Lo script netcfg fornisce il supporto roaming per utenti mobili e facilita la gestione dei profili di rete; NetworkManager e Wicd sono due popolari alternative.
Resources
netcfg network scripts repository

Tango-view-refresh-red.pngThis article or section is out of date.Tango-view-refresh-red.png

Reason: Questa pagina è in fase di revisione e potrebbe non essere aggiornata. Seguite per ora le istruzioni della versione inglese. (Discuss in Talk:ArchWiki Translation Team (Italiano)#Pagine Marcate come "out of date" e "Traslateme")

Dalla pagina netcfg man:

netcfg viene utilizzato per configurare e gestire le connessioni di rete tramite profili. Ha il supporto plugin per vari tipi di connessione, come il wireless, Ethernet, e ppp. È anche in grado di avviare/arrestare molte connessioni in una, cioè può gestire connessioni multiple all'interno dello stesso profilo, opzionalmente anche con il "bonding".

netcfg è utile a quegli utenti che cercano un mezzo semplice e robusto per gestire configurazioni di rete multiple (ad esempio gli utenti laptop). Per i sistemi che solitamente si connettono ad una rete unica, il demone network potrebbe essere più adatto.

Nota: Con la versione netcfg-2.8.9 si è interrotta la compatibilità con il file rc.conf. Gli utenti di netcfg dovranno configurare tutte le interfacce nel file /etc/conf.d/netcfg invece che in /etc/rc.conf.

Preparazione

Nei casi più semplici, gli utenti devono conoscere solamente il nome della/e loro interfaccia/e di rete (es. eth0, wlan0). Per la configurazione di indirizzi IP statici, bisogna conoscere anche i gateway e i nomi degli indirizzi dei server.

Per la connessione ad una rete wireless, tenere a portata di mano alcune informazioni di base, ossia quale tipo di protezione viene utilizzato, il nome della rete (ESSID), e le eventuali password o chiavi di crittografia. Assicurarsi inoltre che il driver e il firmware corretti siano installati sul proprio dispositivo wireless, come descritto nella sezione Wireless Setup.

Installazione

Assicurarsi di avere l'ultima versione di netcfg installato. Le versioni più datate sono più soggette a bug e potrebbero non funzionare bene con i driver più recenti. Il pacchetto netcfg è disponibile nei repository ufficiali:

# pacman -S netcfg

Dalla versione 2.5.x, le dipendenze opzionali includono wpa_actiond, richiesto per il roaming automatico delle connessioni wireless, e ifplugd, richiesto per la configurazione automatica Ethernet. (Ulteriori informazioni)

# pacman -S wpa_actiond ifplugd

Se sia necessario avere un perfezionamento del supporto Bash di netcfg, installare il pacchetto bash-completion dai repository ufficiali.

Configurazione

I profili di rete sono memorizzati nella cartella /etc/network.d. Per ridurre al minimo il rischio di errori, copiare una configurazione d'esempio da /etc/network.d/examples/ a /etc/network.d/mynetwork. Il nome del file è il nome del profilo di rete ("mynetwork" è usato come esempio in questo articolo). Il nome non è una configurazione di rete e non deve necessariamente corrispondere al nome della rete wireless (SSID).

A seconda del tipo di connessione e livello di sicurezza, utilizzare uno dei seguenti esempi da /etc/network.d/examples come base. Diffidate dagli esempi trovati su Internet in quanto contengono spesso opzioni deprecate che possono causare problemi.

Connessione tipo/sicurezza Esempio di profile
Wireless; WEP hex key wireless-wep
Wireless; WEP string key wireless-wep-string-key
Wireless; WPA-Personal (passphrase/pre-shared key) wireless-wpa
Wireless; WPA-Enterprise wireless-wpa-config (wpa_supplicant configurazione esterna)
wireless-wpa-configsection (wpa_supplicant configurazione salvata su stringa)
Cavo; DHCP ethernet-dhcp
Cavo; IP statico ethernet-static
Cavo; Configurazione iproute ethernet-iproute

Successivamente, modificare il nuovo file di configurazione, /etc/network.d/mynetwork:

  • Impostare INTERFACE per l'interfaccia corretta, wireless o Ethernet. Questo può essere controllato con ifconfig e iwconfig.
  • Assicurarsi che ESSID e KEY (passphrase) siano impostate correttamente per le connessioni wireless. I caratteri errati in questi campi sono gli errori più comuni.
    • Notare che le WEP keys string (non hex) devono essere specificate con all'inizio una s: (es. KEY="s:somepasskey").
Note: Le configurazioni di Netcfg sono degli script Bash validi. Qualsiasi configurazione che coinvolge caratteri speciali come $ o \ deve essere quotata correttamente altrimenti verrà interpretata da Bash. Per evitare che questo si verifichi, usare le virgolette singole o i caratteri di escape backslash, in caso.
Note: Le informazioni di connessione (es. wireless passkey) verranno memorizzate in formato testo normale, quindi gli utenti potrebbero preferire cambiare i permessi sul profilo appena creato (es. chmod 0600 /etc/network.d/mynetwork per renderlo leggibile solo da root).
Note: Per WPA-Personali, è anche possibile usare la chiave di cifratura WPA codificata in una stringa esadecimale, invece che una chiave in testo normale.

Seguire la procedura del primo esempio alla pagina di WPA supplicant per generare una stringa esadecimale a partire dalla tua chiave WPA.
Salvare la nuova stringa esadecimale nel proprio profilo WPA nel file /etc/network.d/mynetwork come valore della variabile KEY (assicurarsi che questa sia la sola variabile KEY abilitata), per assomigliare a questa (sostituite la stringa con la vostra):

KEY='7b271c9a7c8a6ac07d12403a1f0792d7d92b5957ff8dfd56481ced43ec6a6515'

Che dovrebbe farlo, senza la necessità di rivelare la chiave di accesso.

Uso

Per connettere un profilo:

# netcfg mynetwork

Per disconnettere un profilo:

# netcfg down <profile-name>

Se stabilita la connessione con successo, gli utenti possono configurare netcfg per la connessione automatica o durante l'avvio. Se la connessione non riesce, consultare #Risoluzione dei problemi per possibili soluzioni o su come ottenere aiuto.

Per altre funzioni, vedere:

$ netcfg help

Connessione automatica

Sono disponibili diversi metodi per coloro che desiderano connettere automaticamente i profili di rete (ad esempio durante l'avvio o in roaming). Si noti che un profilo di rete deve essere prima configurato correttamente nella cartella /etc/network.d (consultare #Configurazione).

Tip: Se si abilita uno dei seguenti demoni e non sono state eseguite configurazioni nella stringa INTERFACES in /etc/rc.conf, si può rimuovere il demone network dalla stringa DAEMONS. Se si montano condivisioni NFS durante l'avvio, assicurarsi che il demone netfs sia comunque specificato (altrimenti la rete verrà abbandonata prima dello smontaggio delle condivisioni durante l'arresto).

net-profiles

I net-profiles permettono di collegare i profili durante l'avvio.

Per attivare questa funzione bisogna aggiungere net-profiles alla stringa DAEMONS in /etc/rc.conf e specificare i profili da connettere nella stringa NETWORKS in /etc/conf.d/netcfg:

/etc/rc.conf
DAEMONS=(... net-profiles ...)
/etc/conf.d/netcfg
NETWORKS=(mynetwork yournetwork)

Un profilo network può anche essere avviato in background aggiungendone il prefisso @ nella stringaNETWORKS. Notare che questo si dovrebbe fare solamente se i profili in background configurino interfacce distinte, altrimenti si potrebbero verificare delle incongruenze.

/etc/conf.d/netcfg
NETWORKS=(@mynetwork @yournetwork)

Alternativamente, i net-profiles possono essere configurati in modo da ripristinare i profili attivi all'ultimo spegnimento della macchina impostando la stringa NETWORKS a last, come descritto in seguito.

/etc/conf.d/netcfg
NETWORKS=(last)

Infine, i net-profiles si possono configurare per mostrare un menu – permettendo agli utenti di scegliere il profilo desiderato – impostando il contenuto della stringa NETWORKS a menu:

/etc/conf.d/netcfg
NETWORKS=(menu)

È richiesto inoltre il pacchetto dialog.

Tip: Accedere al menu in qualsiasi momento eseguendo netcfg-menu in un terminale.

net-auto-wireless

net-auto-wireless consente agli utenti di connettersi automaticamente alle reti wireless con un'adeguato supporto al roaming.

Per attivare questa funzione, si deve aggiungere net-auto-wireless alla stringa DAEMONS in /etc/rc.conf:

/etc/rc.conf
DAEMONS=(... net-auto-wireless ...)

e specificare l'interfaccia wireless desiderata nella variabile WIRELESS_INTERFACE in /etc/conf.d/netcfg:

/etc/conf.d/netcfg
WIRELESS_INTERFACE="wlan0"

È inoltre possibile definire una lista delle reti wireless che dovrebbe automaticamente connettersi con la variabile AUTO_PROFILES in /etc/conf.d/netcfg. Se AUTO_PROFILES non è settato, verrà tentata la connessione ad ogni rete wireless.

È richiesto inoltre il pacchetto wpa_actiond. Si noti che i profili wpa-config non funzionano con net-auto-wireless. Convertirli perciò in WPA-configsection.

net-auto-wired

net-auto-wired consente agli utenti di connettersi automaticamente alle reti cablate.

Per attivare questa funzione, bisogna prima installare ifplugd, poi aggiungere net-auto-wired alla stringa DAEMONS in /etc/rc.conf e specificare l'interfaccia cablata desiderata nella variabile in /etc/conf.d/netcfg:

/etc/rc.conf
DAEMONS=(... net-auto-wired ...)
/etc/conf.d/netcfg
WIRED_INTERFACE="eth0"

Il demone avvia un processo ifplugd che esegue /etc/ifplugd/netcfg.action quando lo stato dell'interfaccia cablata cambia (per esempio quando un cavo è collegato o scollegato). Collegando un cavo, vengono tentati gli avvii di qualsiasi profilo, come CONNECTION = "ethernet" o "ethernet-iproute" e INTERFACE = WIRED_INTERFACE, finchè uno di questi viene eseguito con successo.

Note: I profili DHCP vengono provati prima di quelli statici, il che potrebbe portare, in alcuni casi, a risultati indesiderati.
Note: Il demone net-auto-wired non può avviare processi multipli ifplugd per interfacce multiple (come invece ifplugd /etc/rc.d/ifplugd).

Supporto a systemd

Dalla versione 2.8.2 netcfg fornisce i file unit di systemd. I file service net-auto-wireless.service e net-auto-wired.service corrispondono ai demoni /etc/rc.d/net-auto-wireless e /etc/rc.d/net-auto-wired di initscripts . Per connettere più profili al boot si può usare netcfg.service che è equivalente a /etc/rc.d/net-profiles e avviare tutti i profili specificati nella stringa NETWORKS in /etc/conf.d/netcfg. Questi file service possono essere abilitati ed avviati con systemctl come di consueto.

In alternatica si può usare il file temlate service netcfg@.service che permette di connettersi ad un sinngolo profilo al boot senza doverlo specificare in /etc/conf.d/netcfg. Per definire il profilo desiderato, abilitare il template service e usare il nome del profilo di rete da invocare:

# systemctl enable netcfg@<profile-name>.service

Suggerimenti utili

Passare argomenti a iwconfig prima di connettersi

È sufficiente aggiungere ad un profilo le seguenti:

IWCONFIG="<arguments>"

Dove <arguments> può essere qualsiasi argomento iwconfig valido. Lo script poi eseguirà iwconfig $INTERFACE $IWCONFIG.

Ad esempio, forzare la scheda a registrare uno specifico punto di accesso dato dall'indirizzo MAC:

IWCONFIG="ap 12:34:56:78:90:12"

Questo sostituisce le opzioni IWOPTS e WEP_OPTS che non erano implementate completamente.

rfkill (abilita/disabilita il wireless)

Netcfg può abilitare/disabilitare l'emissione radio delle schede wireless dotate di software di controllo di tale funzionalità. Per le schede wireless con controlli hardware, netcfg può rilevarne l'eventuale stato di spegnimento o disabilitazione, che talvolta può dare luogo ad errori.

Per abilitare il supporto rfkill, è necessario specificare qual'è il tipo di controllo switch dell'interfaccia wireless, cioè se hardware o software. Questo può essere impostato all'interno di un profilo o a livello di interfaccia (/etc/network.d/interfaces/$INTERFACE; consultare #Configurazione tramite interfaccia).

RFKILL=soft # può essere sia 'hard' che 'soft'

Per alcuni "kill switch" la voce rfkill in /sys non è puntata sull'interfaccia e la variabile RFKILL_NAME deve essere impostata con il contenuto del corrispondente /sys/class/rfkill/rfkill#/name.

Per esempio, su un Eee PC:

RFKILL=soft
RFKILL_NAME='eeepc-wlan'

On a mid-2011 Thinkpad:

RFKILL=hard
RFKILL_NAME='phy0'
Note: Il demone net-auto-wireless richiede un'interfaccia di configurazione a livello di rfkill altrimenti non verrà eseguito.
Attenzione: Alcuni dispositivi (almeno alcune schede SiS) possono creare voci a /sys/class/rfkill/rfkill# con nomi differenti per ogni switch. Qualcosa come ciò che segue potrà funzionare in tali casi (soluzione solo per il Wifi!):
/etc/network.d/interfaces/wlan0
RFKILL=hard
RFKILL_NAME=`cat /sys/class/rfkill/rfkill*/name 2> /dev/null || echo ""`

Eseguire comandi prima o dopo che l'interfaccia sia accesa o spenta

Se l'interfaccia richiede azioni speciali prima o dopo l'accesso o abbandono di una connessione, è possibile utilizzare le variabili PRE_UP, POST_UP, PRE_DOWN, and POST_DOWN.

Ad esempio, se si desidera configurare la scheda wireless per funzionare in modalità ad-hoc, ma si può cambiare la modalità solo quando l'interfaccia è spenta, si potrebbe usare qualcosa di simile:

PRE_UP="ifconfig wlan0 down; iwconfig wlan0 mode ad-hoc"

Oppure, per il montaggio delle condivisioni di rete a connessione avvenuta, è possibile utilizzare:

POST_UP="sleep 5; mount /mnt/shares/nexus/utorrent 2>/dev/null"

A volte potrebbe essere utile poter eseguire qualcosa da netcfg con un altro utente:

POST_UP="su -c '/you/own/command' username"
Note: Se i comandi specificati restituiscono qualcosa diverso da 0 (successo), netcfg interrompe l'operazione corrente. Quindi, se si vuole montare una condivisione di rete che potrebbe non essere disponibile al momento della connessione (restituendo un errore), è possibile creare uno script Bash separato con i comandi per il montaggio e un exit 0 alla fine. In alternativa si può aggiungere || true alla fine del comando che potrebbe restituire l'errore.
Note: Il contenuto di queste variabili viene valutato con una dichiarazione eval. Le variabili profili ed interfaccia come ESSID sono disponibili all'uso, ma deve essere evitato in modo che la loro valutazione sia rinviata all'eval. Il modo più semplice per far questo è di usare apici singoli. Per esempio: PRE_UP='echo $ESSID >/tmp/essid' valuterà correttamente, indipendentemente da dove sia il comando PRE_UP.

Errore di connessione intermittente

Alcune combinazioni driver+hardware possono talvolta interrompere la sincronizzazione. Usare i comandi pre e post per aggiungere/rimuovere il driver e utilizzare uno script come il seguente per aggiustare la connessione corrente:

/usr/local/bin/netcfgd
#!/bin/bash
log() { logger -t "$( basename $0 )" "$*" ; }

main() {
        local host
        while sleep 1; do
                [[ "$( netcfg current )" = "" ]] && continue

                host=$( route -n | awk '/^0.0.0.0/ { print $2 }' )
                ping -c 1 $host && continue

                log "trying to reassociate"
                wpa_cli reassociate
                ping -c 1 $host && continue

                log "reassociate failed, reconfiguring network"
                netcfg -r $( netcfg current )
        done
}

exec 1>/dev/null
[[ $EUID != 0 ]] && { log "must be root"; exit 1; }

for cmd in wpa_cli ping netcfg; do
        ! which $cmd && {
                log "can't find command ${cmd}, exiting..."
                exit 1
        }
done

log 'starting...'
main 

Configurazione tramite interfaccia

Le opzioni di configurazione che si applicano a tutti i profili utilizzando un'interfaccia possono essere impostate con /etc/network.d/interfaces/$INTERFACE. Per esempio:

/etc/network.d/interfaces/wlan0

Può risultare utile per le opzioni wpa_supplicant, il supporto switch rfkill, gli script pre/post up/down e net-auto-wireless. Queste opzioni vengono caricate prima dei profili in modo che tutte le opzioni basate sui profili abbiano la priorità.

/etc/network.d/interfaces/$INTERFACE può contenere qualsiasi opzione di profilo valida, anche se è più probabile l'uso di PRE_UP/DOWN e POST_UP/DOWN (descritto nella sezione precedente) o una delle opzioni elencate di seguito. Ricordarsi che queste opzioni sono impostate per tutti i profili che usano l'interfaccia; ad esempio, se non si desidera effettuare la connessione VPN del proprio ufficio, tenerlo presente, perchè cercherà comunque di connettersi ad ogni connessione wireless!

WPA_GROUP   - Imposta il gruppo dell'interfaccia wpa_ctrl
WPA_COUNTRY - Impone limiti di regolazione locale e permette l'uso di più canali
WPA_DRIVER  - Di default è wext, può essere utile nl80211 per dispositivi mac80211 
Note: POST_UP/POST_DOWN richiede il pacchetto wpa_actiond.

Output hooks

netcfg ha un supporto limitato per caricare gli hooks che si occupano dell'output. Di default viene caricato l'hook arch che fornisce l'output che si visualizza normalmente. Viene fornito inoltre un syslog logging hook. Possono essere trovati in /usr/lib/network/hooks.

ArchAssitant (GUI)

Esiste un'utilità grafica per netfg basata sulle Qt chiamata ArchAssistant. Il proposito è quello di gestire e collegare/scollegare i vari profili da un'icona nel vassoio di sistema. È inoltre disponibileIl il rilevamento automatico delle reti wireless. Questo strumento è particolarmente utile per gli utilizzatori di computer portatili.

Collegamenti:

C'è anche un'interfaccia grafica relativamente nuova per netcfg2 su qt-apps.org che si occupa solo della configurazione di rete. È reperibile qui.

Netcfg Easy Wireless LAN (newlan)

newlan è una applicazione mono tramite console che avvia una finestra di configurazione user-friendly per creare i profili netcfg; supporta inoltre le connesioni cablate.

Installare il pacchetto newlanAUR da AUR.

newlan deve essere avviato con i permessi di root:

# newlan -n mynewprofile

wifi-select

Vi è uno strumento da console per la selezione delle reti wireless in "tempo reale" (in modalità NetworkManager) chiamato wifi-select. Lo strumento è utile per l'uso negli Internet café o in altri luoghi che si sta visitando per la prima (e forse l'ultima) volta. Con questo strumento, non è necessario creare un profilo per una nuova rete, basta digitare # wifi-select wlan0 e selezionare la rete che si vuole.

Installare il pacchetto wifi-select, attualmente disponibile nei repository ufficiali.

wifi-select esegue quanto segue:

  • analizza i risultati di iwlist scan e presenta un elenco delle reti con le relative impostazioni di sicurezza (WPA/WEP/none) usando dialog
  • Se l'utente seleziona una rete con profilo esistente, basta usare questo profilo per connettersi con netcfg
  • Se l'utente seleziona una nuova rete (per esempio, un hotspot Wi-Fi), wifi-select genera automaticamente un nuovo profilo con le $SECURITY corrispondenti e richiede una password (se necessaria). Utilizza DHCP come $IP in maniera predefinita
  • poi, se la connessione riesce, il profilo viene salvato per un utilizzo successivo
  • se la connessione non riesce, all'utente viene comunque richiesto se desidera mantenere il profilo generato per un ulteriore uso (ad esempio per cambiare l'$IP a statico o regolare alcune opzioni aggiuntive)

Collegamenti:

Note: La versione più recente di netcfg fornirà un wifi-menu con funzioni del tutto equivalenti al wifi-select.

Passing arguments to dhcpcd

For example, add

DHCP_OPTIONS='-C resolv.conf -G'

to the desired profile. The above example prevents dhcpcd from writing to /etc/resolv.conf and setting any default routes.

Speed up DHCP with dhcpcd

By default, dhcpcd confirms that the assigned IP address is not already taken via ARP. If you are confident that it will not be, e.g. in your home network, you can speed up the connection process by about 5 seconds by adding --noarp to DHCP_OPTIONS:

DHCP_OPTIONS="--noarp"

If you never want dhcpcd to perform this check for any connection, you can globally configure this by adding the following line to /etc/dhcpcd.conf:

noarp

Uso di dhclient al posto di dhcpcd

Aggiungere semplicemente

DHCLIENT=yes

nel profilo desiderato.

Risoluzione dei problemi

Debugging

Per eseguire netcfg con l'output di debug, impostare la variabile NETCFG_DEBUG su "yes", per esempio:

# NETCFG_DEBUG="yes" netcfg <arguments>

Le informazioni di debug per wpa_supplicant possono essere elencate su log usando WPA_OPTS all'interno di un profilo, ad esempio:

WPA_OPTS="-f/path/to/log"

Tutto ciò che è inserito sarà aggiunto al comando quando viene richiamato wpa_supplicant.

Rete non disponibile

Questo errore è in genere causato da:

  • Fuori campo; oppure
  • Problemi con i driver.

Associazione wireless non riuscita

Questo errore è in genere causato da:

  • Fuori campo/ricezione;
  • Configurazione errata;
  • Password errata;
  • Problemi con i driver; oppure
  • Tentativo di connessione a una rete nascosta.

Se il problema di connessione è dovuto ad una cattiva ricezione, aumentare la variabile TIMEOUT in /etc/network.d/mynetwork, come segue:

TIMEOUT=60

Se viene usato un AP con SSID nascosto, provare:

PRE_UP='iwconfig $INTERFACE essid $ESSID'

Impossibile ottenere l'indirizzo IP con DHCP

Questo errore è in genere causato da:

  • Fuori campo/ricezione

Provare ad incrementare la variabile DHCP_TIMEOUT nella propria rete /etc/network.d/profile.

Connessione non valida, controllo ortografico o guardare gli esempi

È necessario impostare CONNECTION a uno dei tipi di connessione elencati nella cartella /usr/lib/network/connections. In alternativa, utilizzare una delle configurazioni d'esempio fornite in /etc/network.d/examples.

Driver quirks

Note: Quasi sicuramente non si avrà bisogno dei quirks (arguzie); per prima cosa assicurarsi che la configurazione sia corretta prima di farne uso. I quirks sono destinati ad una ridotta gamma di driver con problemi insoliti, molti dei quali sono obsoleti. Questi sono rimedi alternativi, non soluzioni.

Alcuni driver si comportano stranamente e hanno bisogno di soluzioni alternative per funzionare. I quirks devono essere abilitati manualmente. Le migliori soluzioni sono determinate dalla lettura nei forum, traendo spunto da quello che altri hanno sperimentato, e, se non funziona , riprovare ancora. I quirks possono essere anche vari.

prescan
Eseguire iwlist $INTERFACE scan prima di tentare la connessione (broadcom)
preessid
Eseguire iwconfig $INTERFACE essid $ESSID prima di tentare la connessione (ipw3945, broadcom e Intel PRO/Wireless 4965AGN)
wpaessid
Come sopra, eseguire prima dell'avvio wpa_supplicant. Non più supportato - usare invece
IWCONFIG="essid $ESSID"
(ath9k).
predown
Neutralizzare l'interfaccia (down) prima dell'associazione e ripristinarla solo in seguito (madwifi)
postsleep
Aspettare un momento prima di verificare se l'associazione è riuscita
postscan
Eseguire iwlist scan dopo l'associazione

Aggiungere i quirks richiesti al file di configurazione di netcfg /etc/network.d/mynetwork, per esempio:

QUIRKS=(prescan preessid)

Se si ottengono gli errori "Wireless network not found", "Association failed" avendo provato le soluzioni descritte sopra, o se è usato un AP con un SSID nascosto, consultare la sezione precedente #Associazione wireless non riuscita.

Ralink legacy driver rt2500, rt2400 usando iwpriv

Non ci sono soluzioni per aggiungere il supporto WPA per questi driver. rt2x00 è comunque supportato, e andrà a sostituire questi.

Se è necessario utilizzarli, creare uno script che esegue i comandi necessari iwpriv e mettere il suo percorso in PRE_UP.

Nel caso di: "/var/run/network//suspend/": No such file or directory

Se si riceve questo messaggio di errore non preoccuparsi, perché è un bug noto. Creare la directory a mano.

Ancora non funziona, che cosa devo fare?

Se questo articolo non ha aiutato a risolvere il problema, il miglior posto per chiedere aiuto è il forum o la mailing list.

Per essere in grado di determinare il problema, abbiamo bisogno di informazioni. Quando richiesto, fornire il seguente output:

  • ALL OUTPUT FROM netcfg
  • ALL OUTPUT FROM netcfg
  • ALL OUTPUT FROM netcfg
    • Questo è assolutamente fondamentale per poter determinare cosa sia andato storto. Il messaggio potrebbe essere breve o inesistente, ma può significare molto.
  • /etc/network.d network profiles
    • Questo è anche importante, in quanto molti problemi sono semplici errori di configurazione.
  • netcfg version
  • lsmod
  • iwconfig

Domande frequenti

Template:FAQ

Template:FAQ

Template:FAQ