Difference between revisions of "Official Installation Guide (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
m (Uscire dall'installatore)
(Divisa la Guida ufficiale in 2 parti - guida e appendice - a modello della guida inglese)
Line 803: Line 803:
  
 
Vedere [[Official Arch Linux Install Guide Appendix (Italiano)]]
 
Vedere [[Official Arch Linux Install Guide Appendix (Italiano)]]
 
===Boot Scripts===
 
 
Arch Linux usa una sequenza di inizializzazione (bootup) relativamente semplice, molto simile a quella dei sistemi *BSD. Il primo script che viene eseguito è /etc/rc.sysinit. Quando è stato eseguito completamente, viene chiamato /etc/rc.multi (in un boot normale). L'ultimo script ad essere chiamato, è /etc/rc.local. Quando partite nel runlevel 1, la modalità ad utente singolo, /etc/rc.single viene chiamato al posto di /etc/rc.multi. Non troverete una infinita serie di collegamenti simbolici nella cartella /etc/rc?.d per definire la sequenza di bootup per tutti i possibili runlevels. Difatto in Arch, a causa del suo approccio troverete realmente solo 3 runlevels, aggiungendo a quelli già citati il runlevel 5 se volete avviare il sistema direttamente con un sistema grafico X. Gli script di boot usano variabili di sistema e definizioni posizionate nel file /etc/rc.conf e inoltre una serie di funzioni generali definite nello script /etc/rc.d/functions. Se avete intenzione di scrivere il vostro file demone personalizzato, considerate l'idea di dare un'occhiata a questi script demoni esistenti.
 
 
Prospetto dei Boot Script
 
 
#/etc/rc.sysinit
 
#/etc/rc.single
 
#/etc/rc.multi
 
#/etc/rc.local
 
#/etc/rc.shutdown
 
#/etc/rc.local.shutdown
 
#/etc/rc.d/*
 
 
 
'''/etc/rc.sysinit'''
 
 
The main system boot script. It does boot-critical things like
 
mounting filesystems, running udev, activating swap, loading modules,
 
setting localization parameters, etc. You will most likely never need
 
to edit this file!
 
 
 
'''/etc/rc.single'''
 
 
Single-user startup. Not used in a normal boot-up. If the system is
 
started in single-user mode, for example with the kernel parameter 1
 
before booting or during normal multi-user operation with the command
 
init 1, this script makes sure no daemons are running except for the
 
bare minimum; syslog-ng and udev. The single-user mode is useful if
 
you need to make any changes to the system while making sure that no
 
remote user can do anything that might cause data loss or damage.
 
 
For desktop users, this mode usually is useless as crud. You should
 
have no need to edit this script, either.
 
 
 
'''/etc/rc.multi'''
 
 
Multi-user startup script. It starts all daemons you configured in the
 
DAEMONS array (set in /etc/rc.conf) after which it calls
 
/etc/rc.local. You shouldn't feel a pressing need to edit this file.
 
 
 
'''/etc/rc.local'''
 
 
Local multi-user startup script. It is a good place to put any
 
last-minute commands you want the system to run at the very end of the
 
bootup process. This is finally the one and only script you should
 
modify if needed, and you have total freedom on what to add to this
 
script.
 
 
Most common system configuration tasks, like loading modules, changing
 
the console font or setting up devices, usually have a dedicated place
 
where they belong. To avoid confusion, you should make sure that
 
whatever you intend to add to your rc.local isn't feeling just as home
 
in /etc/profile.d/ or any other already existant config location
 
instead.
 
 
 
'''/etc/rc.shutdown'''
 
 
System shutdown script. It stops daemons, unmounts filesystems,
 
deactivates the swap, etc. Just don't touch.
 
 
 
'''/etc/rc.local.shutdown'''
 
 
Analogous to the /etc/rc.local file, this file may contain any
 
commands you want to run right before the common rc.shutdown is
 
executed. Please note that this file does not exist by default, and
 
for it to work properly, it must be set as executable.
 
 
 
'''/etc/rc.d/*'''
 
 
This directory contains the daemon scripts referred to from the
 
rc.conf's DAEMONS array. In addition to being called on bootup, you
 
can use these scripts when the system is running to manage the
 
services of your system. For example the command
 
  /etc/rc.d/postfix stop
 
 
will stop the postfix daemon. Of course a script only exists when the
 
appropriate package has been installed (in this case postfix). With a
 
basic system install, you don't have many scripts in here, but rest
 
assured that all relevant daemon scripts end up here. This directory
 
is pretty much the equivalent to the /etc/rc3.d/ or /etc/init.d/
 
directories of other distributions, without all the symlink hassle.
 
 
===Gestione degli utenti===
 
 
Utenti e gruppi possono essere aggiunti e rimossi con i comandi standard forniti con il pacchetto util-linux: useradd, userdel, gropuadd, groupdel, passwd e gpasswd. Il modo tipico per aggiungere un utente è simile a questa procedura:
 
  useradd -m -s /bin/bash johndoe
 
  passwd johndoe
 
Il primo comando aggiungerà l'utente johndoe al sistema, creerà una directory home per lo stesso al path /home/johndoe, e piazzerà alcuni file di default nella home stessa. Inoltre, setterà la sua shell di login come /bin/bash. Il secondo comando vi chiederà una password per l'utente johndoe, password che sarà necessaria per attivare l'account.
 
 
Come via alternativa al comando useradd, esiste lo script adduser che vi guiderà interrattivamente nella creazione del nuovo utente, dovrete limitarvi a rispondere alle domande che vi verranno poste.
 
 
Fare riferimento alle manpages per maggiori informazioni sui restanti comandi. È una buona idea creare uno o più utenti normali per le vostre operazioni comuni, evitando di utilizzare per la normale attività l'utente root, dato che i maggiori privilegi di quest'ultimo potrebbero portare a spiacevoli conseguenze. Utilizzare i privilegi di amministratore solo per le attività di amministrazione di sistema.
 
 
===Accesso a Internet===
 
 
A causa della mancanza di sviluppatori per le utility relative agli utenti dial-up (56k), connettersi con Arch a internet tramite linea analogica necessita di un po' di configurazioni manuali. Se vi è possibile, sarebbe enormemente più semplice connettersi tramite un router dedicato, da utilizzare come gateway per la Arch box.
 
 
Inoltre, anche se poche, ci sono delle pagine del Wiki dedicate a questo tipo di connessione. Usate la ricerca nel caso.
 
 
====Modem Analogici====
 
 
Per poter usare a modem analogico, esterno, Hayes-compatibile, è
 
necessario avere installato almeno il pacchetto ppp. Modificate
 
il file /etc/ppp/options secondo le vostre esigenze e tenendo
 
presente il man di pppd. Avrete bisogno di definire un chat script
 
per fornire il proprio nome utente e la password all'ISP dopo aver
 
stabilito la connessione iniziale. Le pagine man per pppd e chat
 
contengono esempi che dovrebbero essere sufficienti ad ottenere una
 
connessione attiva e funzionante se siete esperti o abbastanza
 
ostinati. Con udev, le vostre porte seriali solitamente sono
 
/dev/tts/0 e /dev/tts/1.
 
 
Invece di combattere una gloriosa battaglia con pppd, potreste
 
decidere di installare wvdial o un simile strumento per rendere
 
il processo di configurazione molto più semplice.
 
 
Nel caso stiate usando un WinModem, che non è altro che una scheda PCI
 
che lavora come un modem interno analogico, dovreste guardare nel grande
 
numero di informazioni sull'homepage di LinModem.
 
 
====ISDN====
 
 
Setting up ISDN is done in three steps:
 
#Install and configure hardware
 
#Install and configure the ISDN utilities
 
#Add settings for your ISP
 
 
The current Arch stock kernels include the necessary ISDN modules,
 
meaning that you won't need to recompile your kernel unless you're
 
about to use rather odd or old ISDN hardware. After physically
 
installing your ISDN card in your machine or plugging in your USB
 
ISDN-Box, you can try loading the modules with modprobe. Nearly all
 
passive ISDN PCI cards are handled by the hisax module which needs two
 
parameters; type and protocol. You must set protocol to '1' if your
 
country uses the 1TR6 standard, '2' if it uses EuroISDN (EDSS1), '3'
 
if you're hooked to a so called leased-line without D-channel, and '4'
 
for US NI1.
 
 
Details on all those settings and how to set them is included in the
 
kernel documentation, more specifically in the isdn subdirectory,
 
available online. The type parameter depends on your card; A list of
 
all possible types is to be found in the README.HiSax kernel
 
documentation. Choose your card and load the module with the
 
appropriate options like this:
 
  modprobe hisax type=18 protocol=2
 
 
This will load the hisax module for my (Dennis) ELSA Quickstep
 
1000PCI, being used in Germany with the EDSS1 protocol. You should
 
find helpful debugging output in your /var/log/everything.log file in
 
which you should see your card being prepared for action. Please note
 
that you will probably need to load some usb modules before you can
 
work with an external USB ISDN Adapter.
 
 
Once you confirmed that your card works with certain settings, you can
 
add the module options to your /etc/modprobe.conf:
 
 
  alias ippp0 hisax
 
  options hisax type=18 protocol=2
 
 
Alternatively you can only add the options line here, and add hisax to
 
your MODULES array in the rc.conf. Your choice, really, but this
 
example has the advantage that the module will not be loaded until
 
it's really needed.
 
 
That being done you should have working, supported hardware. Now you
 
need the basic utilities to actually use it!
 
 
Install the isdn4k-utils package, and read the manpage to isdnctrl,
 
it'll get you started. Further down in the manpage you will find
 
explanations on how to create a configuration file that can be parsed
 
by isdnctrl, as well as some helpful setup examples.
 
 
Please note that you have to add your SPID to your MSN setting
 
separated by a colon if you use US NI1.
 
 
After you configured your ISDN card with the isdnctrl utility, you
 
should be able to dial into the machine you specified with the
 
PHONE_OUT parameter, but fail the username and password
 
authentication. To make this work add your username and password to
 
/etc/ppp/pap-secrets or /etc/ppp/chap-secrets as if you were
 
configuring a normal analogous PPP link, depending on which protocol
 
your ISP uses for authentication. If in doubt, put your data into both
 
files.
 
 
If you set up everything correctly, you should now be able to
 
establish a dialup connection with isdnctrl dial ippp0 as root. If you
 
have any problems, remember to check the logfiles!
 
 
====DSL (PPPoE)====
 
 
Queste istruzioni sono importanti solo se è il vostro PC a gestire la connessione all'ISP. Se invece usate un router separato, di qualunque sorta, non dovete far altro che definire un gateway  di default corretto per lasciare ad esso il "lavoro sporco".
 
 
Prima di poter usare la vostra connessione DSL, dovrete fisicamente installare nel computer la scheda di rete che dovrà connettersi al modem DSL. Dopo aver aggiunto il modulo corretto per la vostra scheda di rete a /etc/modprobe.conf o all'array MODULES di <code>/etc/rc.conf</code>, dovete installare il pacchetto rp-pppoe e avviare da terminale lo script pppoe-setup per configurare la connessione. Dopo aver inserito tutti i dati richiesti, potete connettervi e disconnettervi dalla rete con
 
 
# /etc/rc.d/adsl start
 
# /etc/rc.d/adsl stop
 
 
rispettivamente. La configurazione è normalmente piuttosto facile e diretta, ma non abbiate timore di leggere le pagine di man per suggerimenti. Se volete connettervi automaticamente all'avvio, aggiungete <code>adsl</code> al vostro array DAEMONS.
 
 
==Gestione dei pacchetti==
 
 
===Pacman===
 
 
[[pacman|Pacman]] è il gestore dei pacchetti di Arch, esso si occupa di tener traccia di tutto il software installato sul sistema. Ha un sistema semplice di supporto per le dipendenze e usa il formato standard .tar.gz per la compressione\archiviazione dei pacchetti. Alcune delle sue funzioni basilari sono spiegate qua sotto, unite al comando sia in forma breve che estesa necessario per sfruttarle. Per una spiegazione più completa e aggiornata delle opzioni di pacman, fate riferimento al man di pacman, poichè quella che segue è solo una piccola introduzione, che non tratta tutte le sue (enormi) funzionalità e capacità.
 
 
Ecco una lista delle funzioni base:
 
 
====Installare un nuovo software disponibile in un pacchetto====
 
 
  pacman --upgrade foo.pkg.tar.gz
 
  pacman -U foo.pkg.tar.gz
 
 
Questo comando installerà il pacchetto foo.pkg.tar.gz nel sistema. Se pacman noterà la mancanza di alcune dipendenze, uscirà restituendo un errore e segnalando le dipendenze mancanti, ma non tenterà autonomamente di risolvere le dipendenze.. per questa funzionalità, fate riferimento all'opzione --sync. È possibile aggiungere più pacchetti in una volta sola, e se i file aggiunti dipendono l'uno dall'altro, verranno installati nell'ordine corretto in modo da soddisfare le relazioni di dipendenza.
 
 
====Aggiornare un software disponibile in un pacchetto====
 
 
  pacman --upgrade foo.pkg.tar.gz
 
  pacman -U foo.pkg.tar.gz
 
 
Questo comando è praticamente uguale al precedente e provvede ad aggiornare il pacchetto già presente nel sistema.
 
 
====Rimuovere un pacchetto====
 
 
  pacman --remove foo
 
  pacman -R foo
 
 
Questo comando rimuoverà il pacchetto foo e quindi tutti i file del sistema ad esso imputabili, eccetto i file di configurazione eventualmente modificati. È necessario indicare al comando il nome del pacchetto, senza il suffisso .tar.gz
 
 
Per rimuovere qualsiasi traccia del pacchetto dal sistema, aggiungete l'opzione --nosave al comando.
 
 
====Aggiornare il database dei pacchetti====
 
 
  pacman --sync --refresh
 
  pacman -Sy
 
 
Questo comando si occuperà di scaricare dai server una lista aggiornata dei pacchetti disponibili nei repository definiti nel file /etc/pacman.conf e la decomprimerà nell'area database. Dovreste usare questo comando prima del comando --sysupgrade per essere certi di scaricare i pacchetti più aggiornati. A seconda del vostro pacman.conf, questo comando potrebbe necessitare di una connessione ad internet attiva per accedere ai repository FTP/HTTP. È un'opzione molto simile al comando "apt-get update" delle distribuzioni basate su debian.
 
 
====Aggiornare il sistema====
 
 
  pacman --sync --sysupgrade
 
  pacman -Su
 
 
Questo è il comando che vi permetterà di aggiornare tutti i pacchetti che sono presenti nel vostro sistema, comparando le versioni dei pacchetti installati con quelli presenti nel database che avete aggiornato precedentemente col comando --refresh. È una buona idea dare regolarmente questo comando per mantenere il sistema aggiornato. Notare che questo comando NON aggiorna implicitamente il database dei pacchetti, per questo motivo è meglio utilizzare sempre la 'fusione' di questo comando e di quello precedente, in questa maniera:
 
  pacman --sync --refresh --sysupgrade
 
  pacman -Syu
 
 
Con queste opzioni, pacman si occuperà di aggiornare i database dei pacchetti, e successivamente si occuperà di aggiornare il sistema nel caso nel database siano rilevati dei pacchetti più aggiornati di quelli installati, oltre ad aggiornare le eventuali dipendenze in maniera completamente automatica. '''È un comando fondamentale, imparate ad usarlo e usatelo spesso per manterere il sistema in splendida forma.'''
 
 
====Aggiungere/Aggiornare un pacchetto dai repository====
 
 
  pacman --sync foo
 
  pacman -S foo
 
 
Il comando trova il pacchetto foo dai repository, lo scarica e lo installa, così come tutte le sue dipendenze. Prima di utilizzare questa funzione, è consigliabile aver aggiornato il database dei pacchetti in precedenza, o addirittura è possibile fare le due operazioni in contemporanea aggiungendo nello stesso comando l'opzione --refresh (o -y) appunto. A differenza di --add, la funzione --sync non fa differenze fra installare o aggiornare un pacchetto. A seconda del vostro pacman.conf e dei settaggi al suo interno, questa funzione necessita di un collegamento a internet per funzionare.
 
 
Nel caso otteniate strani errori durante lo scaricamento di un pacchetto da un server (es. download interrotti, file non trovati) essi sono solitamente causati dal non aver aggiornato il database dei pacchetti con --refresh, o nel caso siate veramente sfortunati, può essere che nel momento in cui stavate scaricando, il mirror era in fase di aggiornamento dei pacchetti, e di conseguenza poteva trovarsi in uno stato temporaneo di inconsistenza.
 
 
====Elenca i pacchetti installati====
 
 
  pacman --query
 
  pacman -Q
 
 
Il comando visualizza una lista dei pacchetti installati nel sistema.
 
 
====Controlla se un pacchetto particolare è installato====
 
 
  pacman --query foo
 
  pacman -Q foo
 
 
Invece di utilizzare il comando grep sulla lista completa alla ricerca di un particolare nome, potete accodare il nome del pacchetto che cercate al comando precedente (query). In questo modo, pacman vi restituirà il nome del pacchetto, insieme all'indicazione della versione installata (solo se il pacchetto risulta installato ovviamente).
 
 
====Visualizza informazioni su un pacchetto specifico====
 
 
  pacman --query --info foo
 
  pacman -Qi foo
 
 
Il comando visualizza informazioni sul pacchetto installato foo (dimensione, data di installazione, data di compilazione, dipendenze, conflitti, ecc..). Per visualizzare queste informazioni relativamente a un pacchetto non ancora installato, è necessario aggiungere l'opzione --file (o -p) in questo modo:
 
 
  pacman --query --info --file foo.pkg.tar.gz
 
  pacman -Qip foo.pkg.tar.gz
 
 
====Visualizza una lista dei file contenuti in un pacchetto====
 
 
  pacman --query --list foo
 
  pacman -Ql foo
 
 
Questo comando elenca tutti i file che appartengono ad un pacchetto (nell'esempio, il pacchetto foo).
 
 
====Trova a quale pacchetto appartiene un particolare file====
 
 
  pacman --query --owns /path/to/file
 
  pacman -Qo /path/to/file
 
 
In questo caso, verrà visualizzato il nome e la versione del pacchetto che contiene il file indicato dalla sua path completa. Indicare solo il nome del file, senza il suo percorso, non visualizzerà nessuna informazione.
 
 
===Accedere ai repository===
 
 
Un repository di pacchetti è una collezione di pacchetti e di meta-pacchetti che può essere contenuta in una directory locale o in un server remoto HTTP/FTP. Il reposotyro di default di Arch è il repository '''core''', il quale è mantenuto da alcuni sviluppatori con le ultime versioni dei vari software e che di conseguenza rappresenta un deposito di pacchetti praticamente aggiornatissimo.
 
 
Molti utenti inoltre scelgono di attivare il repository '''extra''', il quale contiene molti pacchetti aggiuntivi che però non fanno parte di quelli presenti nel repository fondamentale di Arch, il core appunto. Potreste attivare questo repository aggiuntivo decommentando le righe appropriate nel vostro /etc/pacman.conf. Di default comunque questo repository è già attivato.
 
 
Potete inoltre decidere di compilare, mantenere e usare un vostro repository personalizzato. A questo proposito, vi rimando alla manpage di pacman.
 
 
Se installate il sistema da CD e alla fine avete dei problemi ad accedere ad internet, potreste aver bisogno di installare dei pacchetti aggiuntivi dal CD. Fate riferimento alle FAQ in questa pagina, in particolare alla numero 2, per capire come definire un repository che faccia riferimento al CD invece che ad un server in rete come sorgente dei pacchetti.
 
 
==Arch Build System (ABS)==
 
 
===Binari vs Sorgenti===
 
 
Laddove pacman è il 'responsabile' per il 'lato binario' dei pacchetti (cioè, per i pacchetti precompilati), ABS è il responsabile per il 'lato sorgenti': esso vi aiuterà nel compilare i vostri pacchetti personalizzati da codice sorgente, oltre a permettervi di ricompilare i pacchetti Arch con le vostre personalizzazioni.
 
 
La procedura di solito è la seguente:
 
# Installare il pacchetto '''abs''' grazie a pacman
 
# Sincronizzare il vostro 'albero ABS' con i server, eseguendo il comando '''abs''' come root.
 
# Creare una build directory, col nome del pacchetto che state per creare.
 
# Copiare il prototipo di PKGBUILD, PKGBUILD.proto, da /var/abs/ nella cartella appena creata, rimuovere poi il suffisso .proto, e modificarlo in modo da renderlo conforme al nuovo pacchetto che si vuole creare.
 
# Eseguire makepkg nella directory contentente il PKGBUILD.
 
# Infine, installare il nuovo pacchetto compilato con pacman -U.
 
# Mandate il pacchetto ai vostri amici e vantatevi a manetta per il lavoro svolto (or give it to an Archer so s/he can stick it in the master ABS tree).
 
 
===Sincronizzare il vostro albero ABS===
 
 
Potete sincronizzare tutti i file per la compilazione dei pacchetti di cui abbiate bisogno in /var/abs eseguendo il comando abs come root. È inoltre necessaria una connessione ad internet funzionante, ovviamente. Usando SVN come mezzo di trasporto permette di seguire differenti rami di sviluppo restando all'interno di ABS - potete configurare ciò tramite il file /etc/abs/supfile.arch.. per esempio, il supfile di default è configurato per controllare il ramo dei pacchetti core, che è "bleeding-edge" e di fatto è il ramo che si raccomanda di seguire. Potete però oltre a ciò, seguire specifiche versioni dei pacchetti. Vedere i commenti nei supfiles per maggiori informazioni.
 
 
'''''Lascio anche l'originale così che se qualcuno riesce a tradurre meglio questo pezzo, possa farlo al volo'''''
 
 
''You can synchronize all the required package building files in
 
/var/abs by running the abs script as root. A
 
working internet connection is also required, of course. Using SVN as
 
the transfer medium allows you to follow different version trees
 
within ABS - this can be configured in /etc/abs/supfile.arch. For
 
example, the default supfile is set to track the core package tree,
 
which is bleeding-edge and the recommended source to follow. You can
 
also follow specific versions. See the comments in the supfiles for
 
more info.''
 
 
ABS supporta repository multipli, i quali possono essere abilitati o disabilitati in /etc/abs/abs.conf. Di default, abs seguirà solo le modifiche ai repository core ed extra, nient'altro.
 
 
Vi accorgerete inoltre della presenza di un file /etc/abs/supfile.extra. Questo vi darà accesso a tutti gli script di compilazione non ufficiali, che non sono stati inclusi nel repository principale ABS. Se non volete usare questo repository, potete anche eliminare questo file, ma generalmente ha più senso limitarsi a editare accuratamente il file abs.conf e disabilitare da li i repository di cui non necessitiamo.
 
 
===Come compilare i pacchetti===
 
 
Il processo di compilazione è prevalentemente spiegato nella pagina man di makepkg. Leggetela per avere istruzioni dettagliate su come compilare i vostri pacchetti. Se ciò non vi è d'aiuto, tenete gli occhi aperti per eventuali nuovi tutorial nel Wiki, o chiedete aiuto nei forum o in chat su IRC.
 
 
===Linee guida per i pacchetti===
 
 
Quando vi mettete a realizzare un pacchetto per Arch Linux, dovreste aderire alle linee guida descritte qui sotto, specialmente se volete poi distribuire il vostro pacchetto agli altri utenti Arch Linux.
 
 
'''Nome dei pacchetti'''
 
Il nome di un pacchetto è composto da almeno 3 tag (o parti):
 
* Il nome del pacchetto deve essere composto da soli caratteri alfanumerici; tutte le lettere devono essere in minuscolo.
 
* La versione del pacchetto deve essere uguale alla versione del programma rilasciata dall'autore. L'indicazione della versione può includere delle lettere se necessarie (es tempo fa nmap era alla versione 2.54beta32). I tag di versione non devono includere trattini! Sono ammesse solo lettere, numeri e periodi.
 
* Il contatore del pacchetto è specifico per i pacchetti Arch Linux. Questo, dà la possibilità all'utente di differenziare fra vecchi e nuovi rilasci del pacchetto medesimo. Quando un pacchetto è rilasciato per la prima volta, questo contatore sengerà 1. In seguito, man mano che vengono apportate migliorie, correzioni e ottimizzazioni, il pacchetto potrà essere ricompilato e ri-rilasciato presso il pubblico e il contatore sarà incrementato. Quando una nuova versione del programma verrà rilasciata, verrà fatto un nuovo pacchetto e il contatore verrà resettato a 1. Il tag del contatore del pacchetto segue le stesse limitazioni presenti per il tag della versione dei pacchetti.
 
 
 
'''Directory'''
 
 
I file di configurazione devono essere posti nella directory /etc. Se c'é piú di un file di configurazione, é di norma usare una sottodirectory in modo da tenere l'area /etc la piú pulita possibile. Usate /etc/{pkgname}/ dove {pkgname} é il nome del vostro pacchetto (od una valida alternativa, per esempio, apache usa /etc/httpd/).
 
 
I file del pacchetto devono seguire le seguenti linee generali per le directory:
 
 
  /etc            File di configurazione essenziali per il sistema
 
  /usr/bin        Binari dell'applicazione
 
  /usr/sbin        Binari di sistema
 
  /usr/lib        Librerie
 
  /usr/include    File di header
 
  /usr/lib/{pkg}  Moduli, plugin, ecc.
 
  /usr/share/man  Pagine di man
 
  /usr/share/{pkg} Dati delle applicazioni
 
  /etc/{pkg}      File di configurazione per {pkg}
 
  /opt            I pacchetti che non rientrano chiaramente nel layout del filesystem GNU possono essere posti qui. Se i file di un pacchetto possono essere posti in modo pulito nelle directory di cui sopra, allora quello é il loro posto.  Se ci sono altre directory di alto livello che non rientrano, allora dovreste usare /opt.
 
 
Per esempio, il pacchetto acrobat ha le directory Browser, Reader, and Resource poste allo stesso livello della directory bin. Questo non rientra in un layout di filesystem GNU normale, quindi mettiamo tutti i file in una sottodirectory di /opt.
 
 
Chiaro?
 
 
'''I compiti di makepkg'''
 
 
Quando usate makepkg per compilare un pacchetto per voi, esegue le seguenti operazioni in automatico:
 
# Controlla che le dipendenze siano installate
 
# Scarica i file sorgente dai server
 
# Decomprime i file sorgente
 
# Applica ogni patch necessaria, se specificato nello script PKGBUILD
 
# Compila il software e lo installa in fake root
 
# Rimuove /usr/doc, /usr/info, /usr/share/doc, e /usr/share/info dal pacchetto
 
# Rimuove i simboli dai binari
 
# Rimuove i simboli di debug dalle librerie
 
# Genera il meta file del pacchetto che é incluso in ogni pacchetto
 
# Comprime il fake root nel file pacchetto
 
# Salva il file pacchetto nella directory di destinazione configurata (cwd di default)
 
 
 
'''Altro'''
 
 
Non introducete nuove variabili nei vostri script build del PKGBUILD, a meno che il pacchetto non sia compilabile senza, dato che queste potrebbero confliggere con le variabili usate in makepkg. Se é strettamente necessaria una nuova variabile, inserite come prefisso della variabile un underscore.
 
 
Evitate di usare /usr/libexec/ per qualunque cosa. Usate /usr/lib/{pkgname} al suo posto.
 
 
Il campo "Packager" dal meta file del pacchetto può essere personalizzato dal creatore del pacchetto modificando l'appropriata opzione nel file
 
/etc/makepkg.conf, od altrimenti esportando la variabile d'ambiente PACKAGER prima di compilare i pacchetti con makepkg:
 
  export PACKAGER="John Doe <vostra.email>"
 
 
 
'''Contribuire con un pacchetto'''
 
 
Se voleste contribuire con dei pacchetti, date uno sguardo all'Arch User
 
Repository e alle sue linee guida. I nuovi pacchetti devono essere presentati su AUR.
 
 
Se state contribuendo con un pacchetto, dovete compiere le seguenti operazioni:
 
*Aggiungete una linea di commento al vostro file PKGBUILD che segua questo formato:
 
  Contributor: Your Name <your.email>
 
*Verificate le dipendenze del pacchetto (ovvero, date il comando ldd sugli eseguibili dinamici, controllate gli strumenti richiesti dagli script, ecc.). E' anche una buona idea usare l'utility namcap, scritta da Jason Chu jason@archlinux.org, per analizzare la sanità  del vostro pacchetto. namcap vi informerà su permessi mal impostati, dipendenze mancanti, dipendenze non necessarie e altri errori comuni. Potete installare il pacchetto namcap con pacman, come usuale.
 
* Tutti i pacchetti sono compressi in un file tar contenente una directory con il pacchetto appena compilato, il PKGBUILD, la lista dei file e eventuali file addizionali (patch, install, ...). Il nome dell'archivio dovrebbe contenere almeno il nome del pacchetto.
 
* Leggete gli appositi documenti riguardanti AUR e l'ultima versione delle linee guida per i pacchetti sull'Homepage di AUR.
 
 
==Domande Frequenti (Frequently Asked Questions)==
 
 
Le FAQs qui elencate coprono solo alcuni dei problemi che si possono presentare impedendovi di far partire o installare un sistema Arch Linux iniziale. Se avete ulteriori domande relative all'utilizzo del sistema, al setup del server grafico X11, ecc ecc o su come configurare il vostro hardware, per favore fate una ricerca nel wiki. Se pensate di avere una domanda relativa all'installazione, e che qui non è contemplata, riferite questa domanda all'autore di questo documento il cui indirizzo può essere trovato all'inizio di questo documento.
 
 
===Durante l'installazione dei pacchetti, pacman fallisce nel risolvere le dipendenze del pacchetto A perchè il pacchetto B non è nel set di pacchetti===
 
 
A meno che qualcosa sia realmente fallato, e quindi sia un difetto riportato da più persone, avete probabilmente dimenticato di montare appropriatamente le partizioni d'installazione. Questo porta Pacman a decomprimere il database dei pacchetti nel ramdisk iniziale, che ha la caratteristica di esaurire in fretta lo spazio disponibile, conducendo infine a errori di questo tipo.
 
 
Assicuratevi di aver selezionato il pulsante DONE e non il pulsante CANCEL offertovi dal menu Filesystem Mountpoints per confermare le vostre scelte. Questo errore non dovrebbe capitare se utilizzate la funzionalità di Auto-Preparazione dell'hard disk; se però vi capita anche in questo caso, segnalate per favore questo problema come se fosse un bug.
 
 
===Come posso installare pacchetti dal cd di installazione con pacman --sync (cosicchè esso risolva le dipendenze per me)?===
 
 
Se preferite installare dei pacchetti da CD invece che scaricarli da Internet, allora fate il mount del CD di installazione da qualche parte (es. /mnt/cd) e aggiungete poi questa riga al file /etc/pacman.conf appena sotto la linea [core]:
 
 
Server = file:///mnt/cd
 
 
Ovviamente sostituite a /mnt/cd con il punto di mount da voi scelto. Usate poi pacman --sync come fareste normalmente, così facendo verrà scandagliato innanzitutto il CD per recuperare eventuali pacchetti.
 
 
===Come posso creare partizioni di swap multiple durante l'installazione?===
 
 
Ovviamente non potrete utilizzare l'opzione automatica di partizionamento se volete creare partizioni di swap multiple. Create invece le partizioni manualmente, creando quante partizioni swap desiderate. Continuate poi normalmente il processo di perparazione del disco, ignorando il fatto che la procedura vi chiederà solo una volta quale partizione usare per la swap. Arrivati al punto di dover editare i file di configurazione, potrete procedere ad editare il file /etc/fstab e includere li dentro tante righe quante saranno le vostre partizioni swap, semplicemente copiando l'unica riga per la swap generata automaticamente, e adattandola alle ulteriori swap presenti. Tutte le swap verranno attivate al successivo riavvio, quando il processo di init eseguirà il comando swapon -a. Assicuratevi ovviamente di aver eseguito mkswap su tutte le vostre partizioni swap, o altrimenti il sistema si lamenterà non poco al primo riavvio..
 
 
Se, per qualsiasi malsana ragione, non potete aspettare il riavvio per avere le partizioni swap attive, potete eseguire manualmente swapon <partizione> su tutte le partizioni su cui avrete eseguito precedentemente il comando mkswap. Continuate poi normalmente il processo di installazione.
 
 
Nel caso vogliate veramente creare partizioni di swap multiple, ricordatevi solo che un kernel che necessita di utilizzare memoria swap, in genere indica solo che avrebbe bisogno di più memoria RAM, piuttosto che più spazio swap... Nutrite il vostro pinguino in maniera corretta. Grazie
 
 
===Come posso riconfigurare LILO dal sistema di ripristino?===
 
 
As a first step you simply boot from the Arch Install CD or disks. If
 
your partitions are intact and don't need checking, you can try
 
choosing one of the recovery boot options according to your partition
 
layout, or fiddle with the GRUB boot manager settings on your own to
 
get your existing system to boot properly. That will boot directly
 
into your system, and you can skip all but the last step of actually
 
reconfiguring and running LILO.
 
 
If you cannot boot your old root directly, boot from the CD as if you
 
were going to start an installation. Once you're in a shell, you mount
 
the root partition of your harddisk into the /mnt directory, for
 
example like this:
 
  mount /dev/hda3 /mnt
 
 
Then you mount any other partitions to their respective mount points
 
within that root of yours, for example a /boot partition:
 
  mount /dev/hda1 /mnt/boot
 
 
Now you need to mount a /dev tree in the /mnt area, where LILO will be
 
able to find it:
 
  /mnt/bin/mount --bind /dev /mnt/dev
 
 
Once everything is mounted, make this /mnt directory your new root
 
with the chroot /mnt command. This will start a new shell and drop you
 
into the /mnt directory, which will be considered your / from then on.
 
 
Now you can edit /etc/lilo.conf to your liking and run lilo to fix
 
anything that needs fixing. Simply type exit when you want to break
 
out of this root again, back into the original file tree. You can now
 
reboot and test your changes.
 
 
===Non riesco a connettermi alla mia linuxbox via ssh!===
 
 
La configurazione di default rifiuta automaticamente qualsiasi connessione in entrata, non limitandosi alle sole connessioni ssh. Modificate il vostro /etc/hosts.allow e aggiungete la riga:
 
<code>sshd:all</code>
 
per abilitare tutte le connessioni ssh in entrata.
 
 
===Come posso caricare i moduli durante il boot?===
 
 
Se volete caricare incondizionatamente un modulo senza legarlo all'accesso ad un device particolare, aggiungete il nome del suddetto nell'array MODULES del vostro /etc/rc.conf. Per un caricamento "on demand" all'accesso di un particolare device, aggiungetelo come fate abitualmente con i comandi alias e optioncommands nel vostro /etc/modprobe.conf, nei rari casi in cui gli automatismi impiegati da udev non lo facciano già. Per passare delle opzioni ai moduli caricati attraverso l'array MODULES, aggiungete le necessarie righe di opzioni al file /etc/modprobe.conf
 
 
===Il kernel si rifiuta di partire a causa di un "lost interrupt"===
 
 
Il kernel si rifiuta di partire, bloccandosi al messaggio:
 
IRQ probe failed for hda
 
hda lost interrupt
 
 
Questo errore o uno simile capita a causa di alcuni controller degli HD con i kernel 2.6.x. Per aggirare il problema, provate a passare l'opzione acpi=off al kernel per il boot.
 
 
===Ottengo un errore di "access denied" se tento di ascoltare della musica o se eseguo un DVD===
 
 
Aggiungete il vostro utente ai gruppi optical e audio (nell'esempio, usiamo l'utente johndoe):
 
  gpasswd -a johndoe optical
 
  gpasswd -a johndoe audio
 
 
Fate il logout, poi loggatevi di nuovo cosicchè le modifiche ai gruppi abbiano effetto, dopodichè i permessi di accesso alle periferiche non dovrebbero più costituire un problema.
 
 
Se avete un lettore DVD, potreste voler creare un link simbolico /dev/dvd verso il vostro vero device DVD. Solitamente, udev fa questo automaticamente per voi, potreste però voler creare dei link similari..
 
 
Per esempio, se il vostro lettore DVD è accessibile da /dev/sdc, potete fare così da root:
 
  cat >>/etc/udev/rules.d/00.rules <<EOF
 
  > KERNEL="sdc", NAME="sdc", SYMLINK="dvd"
 
  > EOF
 
  /etc/start_udev
 
  mount /dev/pts
 
  mount /dev/shm
 

Revision as of 14:29, 24 January 2009


Tango-preferences-desktop-locale.pngThis article or section needs to be translated.Tango-preferences-desktop-locale.png

Notes: please use the first argument of the template to provide more detailed indications. (Discuss in Talk:Official Installation Guide (Italiano)#)

IN TRADUZIONE E SISTEMAZIONE

Template:Article summary start Template:Article summary text Template:Article summary heading Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:Article summary heading Template:Article summary wiki (Se sei un nuovo utente Arch, è consigliabile leggerla) Template:Article summary end

Questa è la documentazione per l'utente generico della distribuzione Arch Linux. Essa tratta dell'ottenimento dei file necessari, dell'installazione base e del setup di un sistema minimale, ma inizializzabile e funzionante. Inoltre, è disponibile un piccolo vademecum su alcuni tools caratteristici della distibuzione, come il gestore dei pacchetti di Arch -- Pacman, e l'Arch Build System (ABS).

Introduzione

Che cos'è Arch Linux?

Arch Linux è una distribuzione GNU/Linux ottimizzata per sistemi i686/x86-64 sviluppata in maniera indipendente. Il suo sviluppo è focalizzato sulla semplicità, sull'eleganza, sulla correttezza del codice e su software aggiornatissimo.

Il sistema Arch e i pacchetti binari sono ottimizzati per processori i686 e x86-64. La sua leggerezza e il suo design semplificato la rendono molto facile da estendere e plasmare in un qualsiasi tipo di sistema vogliate.

Il sistema di pacchettizzazione di Arch è basato sul modello cosiddetto 'rolling-release', cioè a rilascio continuo. Difatto, i 'rilasci' di Arch sono meramente dei CD di installazione contenenti una istantanea del repository core, e in genere coincidono con i rilasci dei kernel. Gli aggiornamenti di sistema sono eseguiti con un unico, semplice comando, e mantengono il vostro sistema 'al passo' delle più recenti versioni dei software. Inoltre, Arch fornisce un sistema di compilazione dei pacchetti basato sul modello dei port BSD (il cosiddetto Arch Build System - ABS) per snellire e migliorare il processo di compilazione da sorgenti. L'albero ABS è sincronizzato anch'esso con un solo semplice comando, così come è possibile ricompilare l'intero sistema.

Arch utilizza un sistema di inizializzazione init molto simile a quello dei sistemi *BSD, un sistema che inizializza e configura i servizi da un solo file di configurazione allo startup. I file di configurazione di sistema sono scritti in maniera essenziale, semplice e ben commentata.

Ricordando i sistemi *BSD, Arch viene installata di defalut come un sistema base minimale. Il sistema base include solamente il kernel Linux e GNU. La shell inclusa nel sistema è Bash. Durante l'installazione, l'utente può scegliere di installare una manciata di librerie e di moduli, e solo pochi comandi basilari come make e links. Dalla linea di comando, il sistema viene espanso a seconda delle necessità dell'utente, tramite lo scaricamento dalla rete del software necessario tramite pacman, il gestore dei pacchetti di Arch. Questo significa che virtualmente non viene installato nessun sistema di default (se escludiamo il minuscolo set di pacchetti del sistema di base). L'utente ha il completo controllo del sistema mediante la scelta di qualsiasi pacchetto addizionale da installare, e così facendo, ha la possibilità di realizzarsi un sistema su misura in base alle sue esigenze.

Arch Linux si sforza di mantenere l'ultimissima versione stabile del software. Attualmente, viene supportato un ristretto set di software di base (repository core), un ampio set di pacchetti extra mantenuti dagli sviluppatori ufficiali di Arch (repository extra), così come migliaia di pacchetti aggiuntivi forniti dagli utenti 'di fiducia' della comunità AUR affinchè possano essere utilizzati da chiunque ne abbia necessità.

Arch Linux si sforza inoltre di utilizzare alcune delle funzionalità più recenti disponibili per gli utenti GNU/Linux. Dalla versione 0.8 (Voodoo), Arch Linux utilizza di default il kernel 2.6 e udev, inoltre supporta fin dall'installazione i filesystem Ext2/Ext3/ReiserFS/XFS/JFS, RAID/LVM, e i filesystem criptati.

Licenza

Arch Linux, pacman, la documentazione, gli scripts sono copyright ©2002-2007 di Judd Vinet, ©2007-2008 di Aaron Griffin e sono concesse in licenza sotto la GNU General Public License Versione 2.

Installare Arch Linux

Pre-Installazione

Arch Linux è ottimizzata per processori i686 e non gira su chip più lenti come i386, i486 o i586, è necessario quindi avere almeno un Pentium II (a onor del vero, il passaggio all’architettura i686 è avvenuto con il Pentium Pro vedi wikipedia).

E’ disponibile anche un set di pacchetti per processori i586 ma al momento non è mantenuto. Volontari?

Prima di installare Arch Linux bisogna decidere il metodo di installazione che si vuole usare. Arch Linux fornisce una ISO avviabile per l’installazione da CD-ROM oltre alle immagini per i floppy disk per chi vuole eseguire l’installazione via FTP. Si può anche scaricare una ISO base da soli 200MB che contiene solo i pacchetti necessari per avere una Arch base funzionante.

Se non si ha a disposizione un lettore cdrom la scelta migliore è ovviamente l’installazione via FTP grazie ai floppy disk.

Altrimenti cerca di reperire un CD di installazione Arch, scaricandolo e masterizzandolo, oppure facendotelo copiare da amici se la tua connessione modem non ce la fa oppure non hai un masterizzatore. Puoi anche comprare un CD online da OSDisc, che spedisce in tutto il mondo.

Puoi altresì effettuare un’installazione FTP con il CD, la variante floppy è consigliata solo come ultima risorsa perché i dischetti sono estremamente lenti e hanno il brutto vizio di rompersi facilmente.

Non preoccuparti se hai un’immagine ISO vecchia, aggiornare il sistema una volta installato sarà molto semplice, almeno se possiedi una connessione veloce.

Al momento NON è possibile utilizzare una connessione PPP per l’installazione, questo perché alcuni software necessari non sono presenti nel disco di installazione.

Per un’installazione FTP devi avere un gateway già connesso ad Internet all’interno della tua LAN. Alternativamente potresti avere un server FTP con tutti i pacchetti e connetterti a quello. Il punto è che non puoi connettere il modem al tuo PC ed impostare una connessione al tuo provider attraverso il programma di installazione.

Il metodo più semplice per installare Arch Linux è sicuramente installare solo il sistema base dal CD, dopo potrai aggiornare tutti i software all’ultima versione e aggiungere tutti i pacchetti che vorrai dopo aver configurato la connessione ad internet.

Un’altra cosa che devi sapere prima di provare ad installare Arch Linux è che durante il processo di installazione ti verranno poste alcune domande circa il disco rigido da preparare, i moduli da caricare e quali cambiamenti effettuare a certi file di sistema quali lilo.conf e rc.conf. Il programma di installazione non ti guiderà attraverso le impostazioni ma dovrai sapere cosa fare. Questo è il principale requisito per un novizio, se non ti senti sicuro allora leggi attentamente tutto il manuale di installazione e saprai cosa ti verrà chiesto. In questo modo potrai cercare aiuto sui nostri forum oppure su IRC oppure dal tuo vicino di casa. Certamente puoi anche buttarti nella mischia e combattere duro finché tutto non funzionerà a dovere... ma se qualcosa va storto non dire che non ti avevamo avvertito. Detto questo... non poi così difficile come può sembrare. ;) Di cosa hai bisogno:

   * una base di conoscenza di Linux e del tuo sistema
   * un media di installazione di Arch Linux (guarda la lista dei server)
         o il CD di installazione
         o da 2 a 7 dischi floppy a seconda delle tue necessità (SCSI, ethernet ecc...)
   * un computer i686 (PPro, Pentium 2 o superiore, Athlon/Duron, ecc... Nota che AMD K6, Transmeta Crusoe, CyrixIII e VIA-C3 NON sono supportati)
   * un po’ di tempo

Ottenere Arch Linux

Puoi scaricare Arch Linux da uno qualsiasi dei server riportati qui sotto. SERVER DI DOWNLOAD

http://prdownloads.sourceforge.net (solo ISO) USA ftp://ftp.nethat.com USA ftp://ftp.ibiblio.org USA ftp://ftp.oit.unc.edu USA ftp://ftp-linux.cc.gatech.edu USA ftp://ftp.belnet.be Belgium ftp://ftp.kegep.tuc.gr/archlinux/ Greece ftp://ftp.du.se (ISO only) Sweden ftp://ftp.fsn.hu Hungary http://darkstar.ist.utl.pt Portugal ftp://ftp.parrswood.net Great Britain ftp://ftp.nluug.nl Netherlands ftp://ftp.surfnet.nl Netherlands ftp://ftp.archlinux.de Germany ftp://ftp.mpi-sb.mpg.de Germany ftp://ftp.tu-chemnitz.de Germany ftp://ftp.gwdg.de Germany ftp://ftp.rez-gif.supelec.fr France http://archlinux.antesis.org France ftp://archlinux.creativa.cl Chile ftp://saule.mintis.lt Lithuania ftp://sunsite.icm.edu.pl Poland http://mirror.pacific.net.au Australia ftp://gd.tuwien.ac.at Austria

Preparare i media di installazione

Floppy

   * Scarica images/boot.img (percorso relativo alla cartella radice del server di download)
   * Scarica images/root.img
   * Scarica tutti i file add-on di cui hai bisogno dalla cartella images/addons:

ether_pcmcia.img moduli e software PCMCIA e moduli Etherner fs.img software per filesystem XFS/JFS, utilità aggiuntive per Ext2 keymaps_usb_firewire.img mappe tastiera aggiuntive e font aggiuntivi per console, moduli USB/Firewire raid_lvm.img moduli e software per RAID/LVM scsi.img moduli SCSI

   * Trova alcuni dischetti vuoti e scrivi le immagini su di essi:

(inserisci il primo disco)

  1. dd if=boot.img of=/dev/fd0

(inserisci il secondo disco)

  1. dd if=root.img of=/dev/fd0

(ripeti la stessa procedura per le immagini add-on)

  1. dd if=scsi.img of=/dev/fd0

Se vuoi scrivere i dischietti da un computer Windows puoi scaricare il programma rawrite.exe e utilizzarlo al posto di dd.

   * Scriviti tutte le tue impostazioni di rete, così potrai configurare il tuo sistema Arch in seguito:
         o Indirizzo IP
         o Subnet Mask
         o Gateway
         o Modulo Ethernet per la tua scheda di rete (es.: eepro100, 8139too)

Installazione da CD

   * Scarica 0.7/iso/i686/arch-0.7.iso (percorso relativo alla cartella radice del server di download)
   * Scarica 0.7/iso/i686/arch-0.7.md5sum
   * Verifica l’integrità dell’immagine .iso utilizzando md5sum:
  1. md5sum --check arch-0.7.md5sum

arch-0.7.iso: OK

   * Masterizza l’immagine .iso su un CD-R vergine (questo passo varia a seconda del software che utilizzi).

Se vuoi scaricare l’immagine base, utilizza il filename appropriato, ad esempio arch-0.7-base.iso invece che arch-0.7.iso. Fai altrettanto per il file md5sum.

   * Scriviti tutte le tue impostazioni di rete, così potrai configurare il tuo sistema Arch in seguito:
         o Indirizzo IP
         o Subnet Mask
         o Gateway
         o Modulo Ethernet per la tua scheda di rete (es.: eepro100, 8139too)

Utilizzare il CD-ROM

Se stai utilizzando i dischetti floppy allora salta questa sezione e vai direttamente alla successiva. Se hai familiarità con le operazioni di boot allora puoi passare a leggere direttamente le procedure di installazione.

Riavvia il tuo computer con il CD di installazione di ArchLinux nel tuo drive. Controlla che il tuo BIOS sia impostato per accettare il boot da CD-ROM (leggi il manuale della scheda madre se non sai come fare). Una volta che il computer si è avviato da CD vedrai una linea di comando in attesa di input, con alcune linee di spiagazione delle opzioni disponibili. Se stai installando un sistema IDE premi semplicemente Enter. Se stai installando un sistema SCSI digita arch-scsi per caricare il kernel con il supporto SCSI. Puoi anche passare tutti i parametri che vuoi al kernel.

Se il tuo CD-ROM fallisce il boot per ragioni non ovvie, probabilmente stai utilizzando un lettore CD molto vecchio e magari hai masterizzato Arch su un CD riscrivibile. Considera la possibilità di utilizzare un normale CD-R. Alcuni lettori CD molto vecchi infatti non sono in grado di leggere correttamente CD riscrivibili.

Al termine della procedura di boot dovresti vedere una shell di amministrazione con un testo di istruzioni nella parte alta dello schermo. A questo punto puoi cominciare l’installazione vera e propria.

Utilizzare i floppy

Se hai possibilità di avviare il sistema con un CD ti consigliamo di utilizzare quel metodo. Non solo i dischetti sono inclini alle perdite di dati, ma tutto il processo di boot risulta molto più lento e il cambiamento di più dischetti può essere snervante. Nota che non è necessario avviare da floppy per installare via FTP, la versione CD-ROM è in grado di farlo ugualmente.

Riavvia il tuo computer con il disco di boot nel lettore floppy. Dopo alcuni secondi dovresti vedere un prompt di avvio in attesa di input. Premi Invio per contianuare il processo di boot (se ne hai la necessità puoi aggiungere parametri per il kernel).

Se stai utilizzando una tastiera USB avrai bisogno di caricare il supporto USB automaticamente all’avvio. Puoi fare questo impostando il parametro NEEDUSB al tuo tipo di bus USB. Ad esempio se ha un bus UHCI digita NEEDUSB=uhci al prompt di boot. Dopo che il disco di root sarà caricato, ti verrà chiesto di inserire il disco di add-on USB, che sarà caricato dopo 10 secondi di attesa. Se non sei sicuro di quale sia il modello del tuo bus USB allora digita NEEDUSB=auto, così il sistema caricherà in automatico tutti e tre i moduli possibili (UHCI,OHCI,EHCI).

Durante il processo di avvio riceverai questo messaggio:

VFS: Insert root floppy disk to be loaded into RAM disk and press ENTER

Inserisci il disco root nel drive e premi Invio. Dopo alcuni secondi vedrai comparire una linea di comando. Se devi caricare i moduli ethernet del kernel allora inserisci il dischetto ether_pcmcia e digita:

  1. loaddisk /dev/floppy/0

Dopo un attimo tutti i moduli verranno estratti. Se la cartella /lib/modules/ è ancora vuota e/o hai ricevuto dei messaggi di errore allora il tuo dischetto era probabilmente fallato. Crea nuovamente il dischetto dei moduli (non è necessario riavviare) e lancia nuovamente il comando loaddisk.

Dovresti anche caricare tutti i dischetti aggiuntivi di cui hai bisogno, ad esempio SCSI o RAID/LVM. Utilizza sempre il comando loaddisk per ogni floppy, l’ordine di esecuzione non è importante.

Se sai quale modulo ethernet caricare allora ti consigliamo di farlo con il comando modprobe. Non ti preoccupare se non sai quale modulo caricare, l’installatore proverà a fare quest’operazione automaticamente. Procedura di installazione comune

A questo punto il tuo sistema dovrebbe essere avviato e il disco su cui vuoi installare Arch Linux (così come il tuo media di installazione) dovrebbero essere accessibili. Controlla che i moduli necessari (se ce ne sono) siano correttamente caricati.

Passi di installazione

  1. Caricare un set tastiera non-US
  2. Lanciare l’installatore
  3. Configurare la rete (solo installazione FTP)
  4. Preparare il disco rigido
        1. Preparazione automatica
        2. Partizionamento dei dischi rigidi
        3. Impostazione dei punti di montaggio
  5. Selezionare i pacchetti
  6. Installare i pacchetti
  7. Installare il kernel
  8. Configurare il sistema
  9. Installare un bootloader
  10. Uscire dall’installatore

Utilizzando i tool di shell gli utenti più esperti possono preparare i dischi rigidi e gli altri dispositivi prima di far partire l’installatore. Puoi semplicemente saltare questo paramentro se non vedi necessità immediata di interazione manuale. Nota che l’installazione di Arch Linux contiene anche un programma /arch/quickinst per utenti esperti. Questo programma installa il set di pacchetti “base” all’interno di una directory specificata. Se stai facendo un’installazione “esotica” con cosette divertenti tipo RAID o LVM, oppure se non vuoi l’installatore, allora quickinst probabilmente fa per te.

Caricare un set tastiera non-US

Effettuato il login come 'root', se non avete una tastiera americana sarà necessario dare il comando:

# km

selezionando poi l'opzione 'qwerty\it' e confermate, ignorando la schermata che vi si presenta per testare il nuovo keymap. Selezionate anche il carattere della console, se volete mantenere quello di default, selezionate appunto il 'default'.

Lanciare l'installatore

Ora puoi lanciare /arch/setup per invocare il programma di installazione. Dopo alcuni messaggi informativi ti verrà chiesto di scegliere il metodo di installazione. Se hai una connessione veloce ad Internet potresti preferire l’installazione FTP, così sarai sicuro di avere tutti i pacchetti aggiornati (magari sul CD potrebbero essere più vecchi). Nota che potresti avere problemi in caso di configurazioni particolari di proxy. Se non puoi usare un CD-ROM, allora questo sarà l’unico metodo di installazione disponibile.

Naviganto all’interno del programma di installazione assicurati di selezionare DONE dai sottomenù quando esegui ogni singolo passo. Questo salva tutti i settaggi e va al passaggio successivo. Cerca per quanto possibile di evitare di tornare indietro perché alcune operazioni potrebbero confondere l’installatore.

Attualmente è abbastanza facile creare un proprio mirror FTP oppure creare un CD di installazione con i pacchetti di cui hai bisogno, così l’installazione di Arch Linux su più macchine potrebbe essere molto più semplice e potresti risparmiare molta banda. Rendi la tua e la nostra vita più facile, dai un’occhiata a queste alternative!

Quando scegli un’installazione da CD-ROM potrai installare solo i pacchetti contenuti nel CD, che potrebbero anche essere vecchi. Certamente questa soluzione ha il merito di non necessitare di una connessione ad Internet ed è quindi la scelta raccomandata per gli utenti dialup e per chiunque non desideri scaricare almeno 100MB di pacchetti.

Dopo aver scelto tra le due alternative, vedrai il menù di installazione, contenente tutti i passi necessari nell’ordine in cui dovranno essere completati.

In qualsiasi momento potrai andare sulla quinta console virtuale (ALT-F5) per vedere l’output di tutti i comandi che l’installatore lancerà automaticamente. Usa (ALT-F1) per ritornare alla prima console (dove viene visualizzato l’installatore) e ogni altro tasto funzione se hai bisogno di aprire un’altra console virtuale (per interventi manuali).

Configurare la rete (solo installazione FTP)

Il menù “configure network” ti permetterà di installare e configurare i tuoi dispositivi di rete.

Se il dispositivo eth0 non è disponibile in questo momento, ti verrà chiesto se vuoi che l’installatore provi a cercare il modulo adatto. Scegli sì a meno che tu non sappia di eventuali problemi di compatibilità (non dovrebbe mai accadere). Scegli no se vuoi fare tutto manualmente. Se l’installatore non riesce a configurare automaticamente i dispositivi di rete, assicurati di aver caritato i moduli con il comando loaddisk. Se hai utilizzato il CD-ROM questo è già stato fatto automaticamente. Se la tua scheda di rete non è ancora stata rilevata allora assicurati che sia fisicamente installata nella maniesta corretta e che sia supportata dal kernel Linux.

Quando il modulo corretto è caricato potrai scegliere se configurare la rete con DHCP (se scegli sì l’installatore farà tutto in automatico) oppure con configurazione statica (dovrai inserire le informazioni manualmente).

Questo elemento di menù è disponibile sono se hai scelto l’installazione FTP. Preparare il disco rigido

Il menù “Prepare Hard Drive” ti fara accedere ad un sottomenù con due alternative.

La prima scelta è “Auto-Prepare”, che partizionerà automaticamente il tuo disco in tre parti: boot, swap e root. Queste partizioni saranno anche formattate e montate nei punti giusti. Per maggiore precisione, questa opzione creerà:

   * una partizione /boot ext2 da 32 MB
   * una partizione swap da 256 MB
   * una partizione root ext3 per tutto lo spazio rimanente

Attenzione: “AUTO-PREPARE” CANCELLERA’ TUTTI I DATI PRESENTI SUL TUO DISCO RIGIDO! Leggi attentamente il messaggio che dell’installatore e assicurati di aver selezionato il dispositivo corretto!

Un modo per verificare il dispositivo sceto è aprire un altro terminale (ALT-F2, Invio) e digitare

  1. cfdisk -P s <nome del dispositivo>

così avrai l’elenco delle partizioni presenti sul disco selezionato e potrai facilmente verificare che sia quello giusto.

Se nessun dispositivo viene mostrato (”[nothing] will be COMPLETELY ERASED! ...”) e l’installatore produce un messaggio di errore “Device not valid” assicurati di aver caricato i moduli necessari (richiesti se SCSI, RAID ecc...). Puoi ancora caricare i moduli corretti spostandoti su un terminale e digitando i comandi corretti, per poi tornare all’installatore con (ALT-F1).

Se preferisci fare il partizionamento manualmente, utilizza se opzioni “Partition Hard Drives” e “Set Filesystem Mountpoints”, altrimenti ritorna al menù principale dopo aver auto-preparato il disco.

Partizionamento dei dischi rigidi

Salta questa sezione se hai utilizzato l’opzione “Auto-Prepare”.

Altrimenti seleziona il disco che vuoi partizionare e verrà automaticamente caricato il programma cfdisk, grazie a cui potrai modificare la configurazione e salvarla con write e quit.

Avrai bisogno almeno di una partizione swap e una root per poter continuare l’installazione.

Impostazione dei punti di montaggio

Salta questa sezione se hai utilizzato l’opzione “Auto-Prepare”.

Seleziona questa opzione solamente se hai già partizionato il tuo disco rigido.

La prima domanda a cui dovrai rispondere è quale partizione utilizzare come swap, selezionandola dalla lista delle partizioni disponibili. Successivamente dovrai selezionare quale partizione utilizzare come root.

Ogni volta che selezionerai una partizione da montare, ti verrà chiesto se desideri che su di essa venga creato un file system. Selezionando sì ti verrà chiesto quale tipo di file system creare (ext2 ecc... scegli quello che preferisci), in seguito la partizione sarà formattata con il file system prescelto e tutti i dati saranno distrutti. Non è un problema annullare l’operazione digitando no.

Se vuoi preservare i dati esistenti sulla partizione, ti consigliamo fortemente di creare backup e non di sperare che nulla vada storto durante l’installazione. Non dire che non ti avevamo avvertito!

Non ti verrà chiesto quale file system utilizzare per la swap, perché quest’ultima utilizza un unico file system apposito.

Se vuoi montare altre partizioni, ad esempio per separare /boot o /home, puoi tranquillamente farlo ora in questo modo:

   * seleziona la partizione da montare
   * scegli il filesystem (se ne vuoi creare uno invece che mantenere i dati presenti)
   * scegli il punto di montaggio (la cartella)

Ripeti questi passi finché non avrai terminato, poi seleziona DONE per procedere. Dopo che il sistema avrà lavorato alcuni secondi ti verrà riproposto il menù principale.

Non montare /tmp su una partizione separata a questo punto perché confonderebbe l’installatore! Lascia semplicemente le impostazioni per /tmp così come sono fintanto che l’installazione non sia terminata, dopo potrai manualmente variarla a tuo piacimento.

Selezionare i pacchetti

Questa opzione ti permetterà di selezionare i pacchetti che desideri installare, dal CD oppure FTP.

Se scegli l’installazione da CD-ROM dovrai dire all’installatore se deve provare a montarlo oppure se l’hai già montato in /src. Seleziona l’opzione secondo le tue necessità, normalmente vorrai utilizzare il CD e ti verrà chiesto quale lettore CD-ROM utilizzare dalla lista di quelli connessi al tuo computer.

Se il tuo lettore CD-ROM non è nella lista, controlla di aver correttamente caricato i moduli necessari al suo funzionamento, ad esempio SCSI oppure USB.

Se scegli l’installazione via FTP, ti verrà chiesto di selezionare un server da cui scaricare i pacchetti, selezionane uno dalla lista oppure vai su CUSTOM se vuoi digitare un indirizzo non presente (ad esempio se hai un tuo mirror nella tua LAN).

Qualsiasi sorgente tu scelga, dopo che l’installatore avrà scaricato la lista dei pacchetti ti verrà chiesto di scegliere le categorie da installare.

Se ricevi un errore durante il download del database dei pacchetti prova a selezionare un altro mirror FTP, controlla che la tua rete stia funzionando correttamente e di non aver effettuato errori di battitura durante la digitazione dell’indirizzo del server. Potrebbe anche esserci stato un errore durante il montaggio del sorgente di installazione della directory /src se questo è stato effettuato manualmente.

Ora che tutto è andato a buon fine puoi selezionare quali gruppi di pacchetti vuoi installare, dopo potrai ancora selezionare o deselezionare i singoli pacchetti.

Tutti i pacchetti nella categoria BASE dovrebbero restare selezionati in ogni circostanza.

Nota che la selezione dei singoli pacchetti viene mostrata solo per le categorie selezionate, quindi se hai selezionato solo la categoria BASE vedrai solamente i pacchetti nella categoria BASE.

Se non vuoi selezionare solamente il minimo indispensabile per l’installazione, ma vuoi navigare tutti i pacchetti allora seleziona tutte le categorie, ma ti consigliamo di selezionare anche l’opzione NO a “select all packages by default”.

L’opzione “seleziona tutti i pacchetti di default” può essere facilmente confusa, se scegli SI allora tutti i pacchetti veranno selezionati, altrimenti nessun pacchetto lo sarà.

Scegliendo NO avrai sicuramente un sistema più pulito!

Ricorda, è sempre raccomandato installare tutti i pacchetti della categoria BASE ma null’altro. Non ti preoccupare perché aggiungere nuovi pacchetti è veramente semplice una volta che il sistema sarà avviato. L’unica eccezione può essere quella di porre maggiore attenzione ai pacchetti per la connessione ad Internet:

dhcpcd (base) Aggiungilo se la tua macchina è un client DHCP. isdn4k-utils (network) Aggiungilo se utilizzi una linea ISDN per la connessione dialup. ppp (daemons) Aggiungilo se utilizzi un modem analogico. rp-pppoe (network) Aggiungilo se utilizzi una connessione DSL con protocollo pppoe.

La ISO denominata base non contiene alcun pacchetto che non sia nella categoria BASE, per cui per poter configurare la connessione ad Internet avrai bisogno della ISO completa.

Una volta terminata questa serie di operazioni puoi continuare al prossimo passo ed installare i pacchetti.

Installare i pacchetti

Questo parte del programma andrà ad installare tutti i pacchetti selezionati (risolvendone le dipendenze) sul tuo disco rigido.

Se hai saltato la preparazione del disco rigido ti verrà chiesto dove hai montato la tua partizione di root. Questo capiterà solo a chi ha creato manualmente le partizioni. L’installatore monta la partizione di root nella directory /mnt.

Tutti i messaggi di errore e debug sono visibili sul terminale 5 (ALT-F5). Dopo che tutti i pacchetti saranno stati installati potrai procedere al prossimo passo, l’installazione del kernel.

Installare il kernel

Qui ti verrà chiesto quale immagine del kernel vuoi installare:

2.6 IDE Il kernel 2.6.x con il solo supporto IDE. Nota che questa versione permette di utilizzare i masterizzatori ATAPI e le memorie di massa USB senza l'emulazione SCSI. 2.6 SCSI Il kernel 2.6.x con supporto IDE e SCSI. Scegli questa immagine se hai unità SCSI installate. Se hai dubbi considera questo come un kernel più grande e lento però più adatto a configurazioni "delicate". 2.4 IDE Il kernel 2.4.x con il solo supporto IDE. 2.4 SCSI Il kernel 2.4.x con supporto IDE e SCSI. Scegli questa immagine se hai unità SCSI oppure necessiti dell'emulazione SCSI. 2.6 SRC Decomprime i sorgenti del kernel 2.6 al fine di permetterti di compilarlo come preferisci. Se non sei sicuro lascia stare. 2.4 SRC Decomprime i sorgenti del kernel 2.4 al fine di permetterti di compilarlo come preferisci. Se non sei sicuro lascia stare.

Se vuoi compilare il tuo kernel manualmente ti consigliamo comunque di farlo dopo aver terminato l’installazione.

Nota che Arch Linux utilizza il kernel 2.6 come scelta predefinita. Questo non conta realmente ma volevamo fartelo sapere.

Configurare il sistema

L’installatore di Arch Linux ti permette di editare i file di configurazione cruciali per il tuo sistema appena installato.

Se sei proprio di fretta puoi saltare questa sezione e sperare che i valori impostati di default siano corretti, ma è fortemente raccomandato che tu controlli i file proposti e effettui eventuali cambiamenti con attenzione. Fai riferimento alla sezione Configurare il sistema per istruzioni più dettagliate.

File di Configurazione

Questi sono i file di configurazione fondamentali per Arch Linux, adatti ad essere modificati con un qualsiasi editor di testo. In questa sezione sono elencati solo quelli relativi alla configurazione di base. Se necessitate di supporto nella configurazione di un servizio specifico, fate riferimento alla pagina man del servizio stesso o ad una qualsiasi documentazione online. In molti casi, nel Wiki di Arch Linux stesso o nei forum della comunità potreste trovare le informazioni che vi servono.

Template:Box Note

Elenco dei file di configurazione

  • File di configurazione rilevanti ai fini del setup del sistema:
    • /etc/rc.conf
    • /etc/hosts
    • /etc/fstab
    • /etc/mkinitcpio.conf
    • /etc/modprobe.conf
    • /etc/resolv.conf
    • /etc/locale.gen
    • /boot/grub/menu.lst
    • /etc/lilo.conf
  • File di configurazione aggiuntivi:
    • /etc/conf.d/*
    • /etc/profile


/etc/rc.conf

Questo è il file di configurazione principale di Arch Linux. Vi permetterà di impostare la tastiera, il fuso orario, il nome del sistema, la rete, i demoni e i moduli da caricare all'avvio, i profili e molto di più. Dovreste leggere bene tutte le impostazioni in questo file e assicurarvi di capirle, cambiandole dove appropriato:

LOCALE Questo rappresenta la lingua del vostro sistema, che verrà utilizzata da tutte le applicazioni che fanno uso della specifica i18n. Vedere inoltre locale.gen qua sotto per le opzioni disponibili. Il default è ovviamente settato sull'Inglese.

HARDWARECLOCK Mettete UTC se il vostro orologio di sistema del BIOS è configurato su UTC, oppure mettete localtime se il vostro orologio di sistema è configurato sulla vostra ora locale. Se avete sul sistema un sistema operativo che non può gestire l'ora UTC del BIOS (come Windows), scelgiete localtime, mentre in caso contrario UTC è preferibile, poichè cambierà automaticamente l'ora solare\legale ad esempio oltre ad avere altri piccoli aspetti positivi.

TIMEZONE Specificate qui il vostro fuso orario. Le opzioni possibili, sono i path relativi ad un file di fuso orario presente nella cartella /usr/share/zoneinfo. Per esempio, un fuso orario per la Germania sarà 'Europe/Berlin', che fa riferimento al file /usr/share/zoneinfo/Europe/Berlin. Se non conoscete il fuso orario corretto per la zona in cui siete, non preoccupatevene ora, ma rimandate pure questa configurazione. Il fuso orario corretto per l'Italia è 'Europe/Rome'

KEYMAP Definisce la mappa dei tasti da caricare col programma loadkeys al boot del sistema. Possibili mappe dei tasti si trovano in /usr/share/kbd/keymaps. Considerate che questo settaggio è valido solo nell'ambiente TTY, non per tutti i window managers o per l'intero X server! L'impostazione di default è per la tastiera americana.

CONSOLEFONT Indica il font da utilizzare per la console, che verrà caricato al boot con il comando setfont. Possibili font da utilizzare si trovano in /usr/share/kbd/consolefonts.

CONSOLEMAP Indica la mappa dei caratteri da caricare con il programma setfont durante il bootup. Mappe possibili si trovano in /usr/share/kbd/consoletrans. Potreste voler indicare una mappa adatta al vostro locale (8859-1 per Latin1, per esempio) se avete definito un locale utf8 sopra, e usate programmi che generano output a 8-bit. Se utilizzate X per il lavoro di tutti i giorni, potete anche ignorare questo settaggio, visto che influisce solo sull'output dei programmi GNU\Linux da console.

USECOLOR Abilita (o disabilita) i messaggi di stato colorati durante la fase di inizializzazione del sistema.

MOD_AUTOLOAD Se settato su "yes", Arch scansionerà il vostro hardware durante l'inizializzazione e tenterà di caricare automaticamente i moduli del kernel appropriati per il vostro sistema. Questo verrà fatto con l'utility hwdetect.

MOD_BLACKLIST Questo è un vettore di moduli che non volete caricare in fase di inizializzazione. Per esempio, se non desiderate sentire l'irritante beep del computer, potreste mettere in blacklist il modulo pcspkr.

MODULES In questo array potete elencare i nomi dei moduli che volete caricare durante l'avvio, senza dover legarli ad una particolare periferica hardware come nel file modprobe.conf. Semplicemente, aggiungete il nome del modulo qui, e mettete le eventuali opzioni che necessitate nel file modprobe.conf. Apponendo un ('!') davanti al nome del modulo, farà si che esso non venga caricato all'avvio, è utile per "commentare" certi moduli se necessario. Un beneficio di caricare i moduli con questo metodo, è che ad esempio le schede di rete verranno rilevate in base all'ordine del caricamento dei moduli relativi, prevenendo così eventuali errori di assegnamento in modo casuale dei nomi alle diverse periferiche ad ogni boot. Una via ancora migliore per definire i nomi delle interfaccie di rete, in effetti, sarebbe quella di configurare in maniera appropriata udev, comunque.

USELVM Mettere su "YES" per eseguire un vgchange durante il sysinit, così come attivare qualsiasi gruppo LVM. Se non avete idea di cosa significhi ciò, non preoccupatevene.

HOSTNAME Indicate qui il nome della macchina, senza la parte del dominio. Questo nome è completamente a vostra scelta, sempre che vi limitiate a lettere, numeri e pochi altri caratteri speciali come la barra. Non siate troppo creativi comunque, e se in dubbio, usate il nome di default.

INTERFACES Qui definirete le impostazioni delle vostre interfacce di rete. Le righe di default e i commenti inclusi sono abbastanza autoesplicativi. Se usate il DHCP, 'eth0="dhcp"' dovrebbe funzionare per voi. Se invece non lo utilizzate, tenete solo a mente che il valore della variabile (il cui nome deve essere uguale al nome della periferica di rete che intendete configurare) sarà uguale alla lista di opzioni che si dovrebbe accodare al comando ifconfig se steste configurando la periferica manualmente da console.

ROUTES Qui potete definire le vostre routes statiche con un nome casuale. Per avere un'idea, guardate l'esempio per un gateway predefinito. Fondamentalmente la parte tra apici è identica a cosa vorreste passare a un normale comando add di route, quindi è consigliabile una lettura al man di route se non sapete cosa scrivere qui, o semplicemente lasciate vuoto.

NET_PROFILES Abilita specifici profili di rete all'avvio. I profili di rete forniscono una vantaggiosa via per la gestione di multiple configurazioni di rete, e sono pensate per sostituire la configurazione standard INTERFACES/ROUTES che è ancora consigliata per sistemi con solo una configurazione di rete. Se il vostro computer farà parte di varie reti in momenti diversi (esempio un notebook) allora dovreste dare uno sguardo alla cartella /etc/network-profiles/ per impostare qualche profilo. Nella cartella c'è un file modello che può essere usato per creare nuovi profili.

DAEMONS Questo array è semplicemente una lista dei nomi degli script contenuti in /etc/rc.d/ che si vuole siano lanciati durante il processo di avvio. Se il nome di uno script è preceduto da un punto esclamativo (!), non sarà eseguito. Se uno script è preceduto dalla simbolo della chiocciola (@), allora sarà eseguito in background, ovvero la sequenza d'avvio non attenderà il completamento prima di continuare. Solitamente non è necessario cambiare i valori predefiniti per avere un sistema funzionante, ma vorrete modificare questo array nel caso aveste installato un servizio di sistema come sshd, e vorreste che questo parta automaticamente all'avvio. Questa fondamentalmente è la modalità alla Arch di controllare ciò che gli altri gestiscono con vari collegamenti simbolici alla cartella init.d.


/etc/hosts

This is where you stick hostname/ip associations of computers on your network. If a hostname isn't known to your DNS, you can add it here to allow proper resolving, or override DNS replies. You usually don't need to change anything here, but you might want to add the hostname and hostname + domain of the local machine to this file, resolving to the IP of your network interface. Some services, postfix for example, will bomb otherwise. If you don't know what you're doing, leave this file alone until you read man hosts.


/etc/fstab

Your filesystem settings and mountpoints are configured here. The installer should have created the necessary entries for you, but you should look over it and make sure it's right, especially when using an encrypted root device, LVM or RAID.

With the current kernel, an important change has been introduced pertaining to the ATA/IDE subsystem. The new pata (Parallel ATA) drivers replace the legacy IDE subsystem, and one important change is that the naming scheme for IDE disks has changed from the old hda, hdb, etc. to also use device names of the type sda, sdb, etc, just like SCSI and SATA devices do. Because of this, when using the new pata driver in the HOOKS of the /etc/mkinitcpio.conf, remember to use the appropriate device names in your /etc/fstab and bootloader configuration! Alternatively, you could use the /dev/disk/by-uuid/... or /dev/disk/by-label/... representations of your disk drives where available to make absolutely sure you're referring to the right partitions, and save yourself the trouble of sorting out whether you're supposed to use sda or hda. If that's not an option, here's the rundown; If you're using pata instead of ide in the HOOKS array of the /etc/mkinitcpio.conf, you'll be using the sd? names. If not, use the old style hd? names. It is therefore crucial to check the HOOKS array in the /etc/mkinitcpio.conf, to be able to adapt the other files accordingly.


/etc/mkinitcpio.conf

This file allows you to fine-tune the initial ramdisk (also commonly referred to as the "initrd") for your system. The initrd is a gzipped image that is read by the kernel during bootup. The purpose of the initrd is to bootstrap the system to the point where it can access the root filesystem. This means it has to load any modules that are required to "see" things like IDE, SCSI, or SATA drives (or USB/FW, if you are booting off a USB/FW drive). Once the initrd loads the proper modules, either manually or through udev, it passes control to the Arch system and your bootup continues. For this reason, the initrd only needs to contain the modules necessary to access the root filesystem. It does not need to contain every module you would ever want to use. The majority of your everyday modules will be loaded later on by udev, during the init process.

By default, mkinitcpio.conf is configured to provide all known modules for IDE, SCSI, or SATA systems through so-called HOOKS. This means the default initrd should work for almost everybody. The downside to this is that there are many modules loaded that you will not need. This is easily visible by examining your module table after booting up (with the lsmod command). While this doesn't actually hurt anything, some people find it annoying. To cull this list down to only what you actually need, you can edit mkinitcpio.conf and remove the subsystem HOOKS (ie, IDE, SCSI, RAID, USB, etc) that you don't need.

You can customize even further by specifying the exact modules you need in the MODULES array and remove even more of the hooks, but take heed to the comments in the file, as this is a touchy place to go crazy with removing entries!

If you're using RAID or encryption on your root filesystem, then you'll have to tweak the RAID/CRYPT settings near the bottom. See the wiki pages for RAID/LVM, filesystem encryption, and mkinitcpio for more info.

When you're finished tweaking mkinitcpio.conf, you must run mkinitcpio -p kernel26 as root to regenerate the images, unless you're still installing the system; In that case this step will be done automatically after choosing Install Kernel later in the process.

WARNING: If you fail to set up your mkinitcpio.conf correctly, your system will not boot! For this reason, you should be especially careful when tweaking this file.

If you do manage to render your system unbootable, you can try using the fallback image that is installed alongside the stock kernel. A boot option for this is included in the default GRUB and LILO configuration.

Read the warning about the pata transition problems elaborated in the fstab section carefully!


/etc/modprobe.conf

This tells the kernel which modules it needs to load for system devices, and what options to set. For example, to have the kernel load your Realtek 8139 ethernet module when it starts the network (ie. tries to setup eth0), use this line: alias eth0 8139too

The syntax of this file is nearly identical to the old modules.conf scheme, unless you use some of the more exotic options like post-install. Then you should invest a little time into reading man modprobe.conf.

Most people will not need to edit this file.


/etc/resolv.conf

Use this file to manually setup your nameserver(s) that you want to use. It should basically look like this: search domain.tld nameserver 192.168.0.1 nameserver 192.168.0.2

Replace domain.tld and the ip addresses with your settings. The so-called search domain specifies the default domain that is appended to unqualified hostnames automatically. By setting this, a ping myhost will effectively become a ping myhost.domain.tld with the above values. These settings usually aren't mighty important, though, and most people should leave them alone for now. If you use DHCP, this file will be replaced with the correct values automatically when networking is started, meaning you can and should happily ignore this file.


/etc/locale.gen

This file contains a list of all supported locales and charsets available to you. When choosing a LOCALE in your /etc/rc.conf or when starting a program, it is required to uncomment the respective locale in this file, to make a "compiled" version available to the system, and run the locale-gen command as root to generate all uncommented locales and put them in their place afterwards. You should uncomment all locales you intend to use.

During the installation process, you do not need to run locale-gen manually, this will be taken care of automatically after saving your changes to this file.

By default, all locales are commented out, including the default en_US.utf8 locale referred to in the /etc/rc.conf file. To make your system work smoothly, you must edit this file and uncomment at least the one locale you're using in your rc.conf.


/boot/grub/menu.lst

GRUB is the default bootloader for Arch Linux. You should check and modify this file to accommodate your boot setup if you want to use GRUB, otherwise read on about the LILO configuration.

Make sure you read the warning regarding the pata transition elaborated on in the fstab section!

Configuring GRUB is quite easy, the biggest hurdle is that it uses yet another device naming scheme different from /dev; Your hard disks as a whole are referred to as (hd0), (hd1), etc., sequentially numbered in order of appearance on the IDE/SCSI bus, just like the hda, hdb, etc. names in GNU/Linux. The partitions of a disk are referred to with (hd0,0), (hd0,1) and so on, with 0 meaning the first partition. A few conversion examples are included in the default menu.lst to aid your understanding.

Once you grasped the concept of device naming, all you need to do is to choose a nice title for your boot section(s), supply the correct root partition device as a parameter to the root option to have it mounted as / on bootup, and create a kernel line that includes the partition and path where the kernel is located as well as any boot parameters. If using the stock Arch 2.6.x kernel, you'll also need an initrd line that points to the kernel26.img file in your /boot directory. The path you put on your initrd line should be the same as the path to vmlinuz26 that you provide on the kernel line. You should be fine with the defaults, just check whether the partition information is correct in the root and kernel lines, especially in regard to the pata issue!

To create a boot option that loads the bootsector of a different OS, the following example might be helpful. You will probably succeed in starting any Microsoft-based operating system with it, just add this block to the file after any other sections, and modify the partition device accordingly to refer to the partition containing the bootsector of the OS you are intending to boot.

 (1) Other OS
 title My Other OS
 rootnoverify (hd0,1)
 makeactive
 chainloader +1

For advanced configuration of other OSes, please refer to the online GRUB manual.

After checking your bootloader configuration for correctness, you'll be prompted for a partition to install the loader to. Unless you're using yet another boot loader, you should install GRUB to the MBR of the installation disk, which is usually represented by the appropriate device name without a number suffix.


/etc/lilo.conf

This is the configuration file for the LILO bootloader. Make sure you check this one and get it right if you want to use LILO to boot your system. See LILO documentation for help on this.

Things you should check are the root= lines in the image sections and the boot= line right at the beginning of the file. The root lines specify the device which shall be mounted as the root filesystem on bootup. If you don't know what is supposed to be entered here, change to another terminal and type mount to see a list of all currently mounted drives, and look for the line which displays a device name mounted on /mnt type [...]. The device path at the beginning of this very line should be entered in the root lines of your lilo.conf. Change if necessary, and keep the pata issue in mind!

The boot line should be okay by default in most cases. Unless you have a weird boot manager setup in mind with multiple OSes, the device referenced here should be having the same prefix your root lines have, but not end with a number. For example, a root of /dev/hda3 means you probably want to install LILO into the Master Boot Record of the hard disk, so you would set boot to /dev/hda, which references the disk as a whole. During installation, the boot device must be the current name of the device where you want to write the boot sector to; This may differ from the name of the device after the first boot, thanks to the pata transition! Check carefully what device to write to during the installation stage, for example with the mount command.

To prevent some serious grief, you should make sure you know how to restore the bootsector of your other OSes, for example with Windows's FIXBOOT/FIXMBR tools.

To be on the safe side, you should keep the option lba32 listed. This will prevent some geometry issues from happening.

In some cases, depending on your BIOS, LILO will not run on bootup and spill out an error code infinitely. In most cases you either removed the lba32 option, or your hardware setup is a little special, meaning that maybe your CD-ROM drive is primary master and the hard disk you installed secondary slave. This can very well confuse your BIOS, and thus stop the boot process. To prevent that you can try and make the install drive the primary master on your IDE bus. If you've got a mixed IDE and SCSI system and the problem persists, you'll probably need some experimentation with the disk and bios options of LILO to provide a working mapping; The disk drives in your system are numbered sequentially by your BIOS, starting with 0x80. If you're lucky your SCSI controller tells you which drive has which BIOS ID, but usually you're not. How the drives are effectively numbered is depending on your BIOS, so in the worst case you can only guess until it works. A typical disk line would look like this:

 boot=/dev/hda
 disk=/dev/hda bios=0x80

The disk option maps a BIOS ID to the disk device known to the system. Note that there is still no guarantee that things will work as other things can be wrong, so do not despair if all your tries fail, but rather try rearranging your hardware in a way that's not totally odd. In this area too much can go wrong and needs special handling to be explained here. In most cases the lba32 option will suffice anyway. Old hard drives will usually need a little more special care until they do as told.

Don't become fidgety when reading this section, I (Dennis) just happened to stumble over this problem when experimenting with a rather odd system, and figured it'd be a good idea to mention this show stopper and workarounds here. You probably won't ever experience this, as you should be using GRUB anyway.

How to recreate a LILO boot sector with only a rescue disk is explained later in this document.


/etc/conf.d/*

During setup, this is totally unimportant. Consider this as reference for the interested.

Some daemon scripts will have a matching configuration file in this directory that contains some more-or-less useful default values. When a daemon is started, it will first source the settings from it's config file within this directory, and then source the /etc/rc.conf. This means you can easily centralize all your daemon configuration options in your /etc/rc.conf simply by setting an appropriate variable value, or split up your configuration over multiple files if you prefer a decentralized approach to this issue. Isn't life great if it's all just simple scripting?


/etc/profile

This script is run on each user login to initialize the system. It is kept quite simple under Arch Linux, as most things are. You may wish to edit or customize it to suit your needs.

Kernel

The CD-ROM includes the latest kernel available at time of release. If you are using the FTP Installation method, the kernel about to be installed will be the current version waiting on your FTP source, and might therefore introduce changes and/or incompatibilities unknown at the present time. This is unlikely, but keep this in mind.

Installare un bootloader

Puoi installare un bootloader (GRUB o LILO) sul tuo disco rigido. Scegli quale dei due preferisci anche se ti raccomandiamo GRUB.

Controlla di aver correttamente editato i file di configurazione prima di installare il bootloader.

Se scegli di istallare LILO, il bootloader sarà automaticamente installato secondo le opzioni impostate nel file di configurazione, mentre GRUB ti chiederà prima su quale partizione installarsi. Qui dovresti scegliere ciò che avresti impostato come opzione boot di LILO, che normalmente è [...]/disc, in quanto si riferisce al master boot record di un disco rigido. Eventuali messaggi di errori possono essere visionati sul terminale 5.

Se vuoi impostare un sistema multiboot potrebbe essere meglio installare il bootloader nella tua partizione root o boot e riferirsi a quel settore di boot dal bootloader principale (installato sul master boot record).

Installare un bootloader sull’MBR eliminerà permanentemente qualsiasi altro bootloader! Cerca di comprendere tutte le implicazioni di questo problema se vuoi un sistema multiboot oppure se vuoi preservare il bootloader di altri sistemi operativi!

Uscire dall'installatore

Ora puoi uscire dall’installatore, rimuovere il CD dal lettore e:

reboot

Quando il tuo sistema si sarà avviato potrai autenticarti come root senza alcuna password (la prima cosa che ti consigliamo di fare è di impostarne una con il comando passwd).

Congratulazioni! Ora puoi procedere con la configurazione delle parti più interessanti del tuo sistema.

Appendice

Vedere Official Arch Linux Install Guide Appendix (Italiano)