Openbox (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 22:04, 25 December 2007 by Finferflu (Talk | contribs) (New page: Category:Desktop environments (Italiano) Category:HOWTOs (Italiano) {{i18n_links_start}} {{i18n_entry|English|Openbox}} {{i18n_entry|Русский|Openbox (Русский)}} {{i1...)

(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

Template:I18n links start Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n links end

Introduzione

Openbox è un window manager leggero ed estremamente configurabile con un estensivo supporto di standard. Le sue funzionalità sono ben documentate sul sito ufficiale. Questo articolo riguarderà Openbox su Arch Linux.


Installazione

Openbox è disponibile nei repository:

# pacman -S openbox

Una volta installato, pacman vi indicherà di copiare le configurazioni menu.xml e rc.xml predefinite in ~/.config/openbox/, ad esempio:

$ mkdir -p ~/.config/openbox/
$ cp /etc/xdg/openbox/rc.xml ~/.config/openbox/rc.xml
$ cp /etc/xdg/openbox/menu.xml ~/.config/openbox/menu.xml

Nota: fare questo come utente, non come root.

Il file rc.xml è il file di configurazione principale di Openbox. Viene usato per gestire le scorciatoie di tastiera, i temi, i desktop virtuali e altre funzioni.

Il file menu.xml controlla il menu delle applicazioni di Openbox che appare quando si fa clic con il tasto destro sul desktop. I componenti predefiniti nel menu sono alquanto scarsi (se non del tutto inutili), ma è molto facile modificarne la struttura per convenire ai propri bisogni. Visitate la sezione menu in basso per maggiori informazioni, o visitate il sito web di Openbox.


Per iniziare

Come usare Openbox

Per avviare soltanto Openbox, basta aggiungere questo comando in fondo al file ~/.xinitrc:

exec openbox-session

Come usare Openbox con GNOME

  1. Se si usa il GDM, selezionare l'opzione di accesso "Gnome/Openbox"
  2. Se si usa startx, aggiungere exec openbox-gnome-session al file ~/.xinitrc

Come usare Openbox con KDE

  1. Se si usa il KDM, selezionare l'opzione di accesso "KDE/Openbox"
  2. Se si usa startx, aggiungere exec openbox-kde-session al file ~/.xinitrc


Configurazione

Preferenze

Al momento ci sono due opzioni per configurare le preferenze di base di Openbox; modificare manualmente il file rc.xml oppure utilizzare lo strumento ObConf.

Definire le preferenze manualmente

Per configurare Openbox manualmente, basta semplicemente modificare ~/.config/openbox/rc.xml con il vostro editor di testi preferito.

Definire le preferenze con ObConf

ObConf è uno strumento di configurazione per Openbox basato su un'interfaccia grafica, che può essere usato per definire la maggior parte delle preferenze, inclusi temi, desktop virtuali, proprietà delle finestre e margini del desktop.


Per installare ObConf:

# pacman -S obconf

Al momento ObConf non può essere usato per gestire le scorciatoie di tastiera e alcune funzioni avanzate. Per queste modifiche, l'utente deve ricorrere alla modifica manuale del file rc.xml.

Gestione del menu

Il menu di base di Openbox è abbastanza basico e se non si hanno nessuno dei programmi nella lista installati, è totalmente inutile. Ci sono un numero di modi per personalizzare il proprio menu.

MenuMaker

MenuMaker è un potente strumento per creare menu XML per diversi Windows Manager, incluso Openbox. MenuMaker cercherà programmi eseguibili nel computer e creerà un menu XML basato sui risultati. Può essere configurato per escludere applicazioni Legacy di X, applicazioni di GNOME, KDE o Xfce, se l'utente lo desidera.

MenuMaker è disponibile in AUR.

Una volta installato, si può generare un menu completo con il seguente comando:

$ mmaker -v OpenBox3

Come opzione predefinita, MenuMaker non sovrascriverà un menu.xml già esistente. Per fare in modo che lo faccia invece, eseguire il comando con l'argomento -f (force):

$ mmaker -vf OpenBox3

Per vedere tutta la lista di opzioni, eseguire il comando mmaker --help

Questo vi darà un menu abbastanza approfondito. Ora è possibile il menu.xml a mano, o rigenerare la lista ogni volta che si installa nuovo software.

Obmenu

Obmenu è un editor di menu per Openbox con un'interfaccia grafica. E' propabilmente la migliore opzione per coloro che non amano sporcarsi le mani con codice XML.

E' disponibile nei repository ufficiali:

# pacman -S obmenu

Una volta installato, basta eseguire il comando obmenu e aggiungere o rimuovere le applicazioni desiderate.

obm-xdg

obm-xdg è uno strumento per riga di comando che viene installato assieme a Obmenu. Può generare un sottomenu categorizzato di applicazioni GTK/GNOME installate.

Per usare obm-xdg, aggiungere la riga seguente al file '~/.config/openbox/menu.xml:

<menu execute="obm-xdg" id="xdg-menu" label="xdg"/>

Dopodichè eseguire il comando openbox --reconfigure per aggiornare il menu di Opebox. Un sottomenu chiamato xdg dovrebbe essere ora apparso nel vostro menu.

Esecuzione automatica

Openbox 3.4+ supporta l'esecuzione automatica di programmi all'avvio, provvisto dal comando "openbox-session"

Ci sono due modi per abilitare l'esecuzione automatica:

  1. Se si usa startx per accedere alla sessione X, cambiare la riga che esegue openbox in modo che esegua openbox-session invece.
  2. Se si usa GDM/KDM, selezionare la sessione Openbox e questa utilizzerà l'esecuzione automatica.

I programmi in esecuzione automatica sono gestiti dal file ~/.config/openbox/autostart.sh. Tutte le istruzioni e i modi migliori per farlo sono disponibili sul sito web di Openbox.

Temi e aspetto

A parte i temi di Openbox, la sezione seguente è mirata agli utenti che hanno configurato Openbox per essere utilizzato senza GNOME o KDE.

Temi di Openbox

I temi di Openbox controllano l'aspetto dei bordi delle finestre, inclusi la barra del titolo e i tasti della barra.

Altri temi sono disponibili nei repository ufficiali:

# pacman -S openbox-themes

Questo pacchetto non è assolutamente definitivo.box-look.org è un'altra grande risorsa per i temi di Openbox.

I temi scaricati vanno estratti nella cartella ~/.themes e possono essere installati o selezionati con lo strumento ObConf.

Creare nuovi temi è alquanto semplice e ben documentato.

Sfondo del desktop

Openbox in sé non include un modo per cambiare lo sfondo del desktop. Questo può essere raggiunto facilmente con programmi come Feh o Nitrogen. Altre opzioni includono ImageMagick, hsetroot e xsetbg.

Temi GTK

I temi GTK2 possono essere facilmente gestiti con gtk-chtheme:

# pacman -S gtk-chtheme

Basta eseguire il comando gtk-chtheme e scegliere il tema desiderato.

Per i vecchi temi GTK1, installare il pacchetto gtk-theme-swithch ed eseguire il comando switch.

Caratteri GTK

Se si vuole cambiare il tipo e la dimensione dei propri caratteri, aggiungere quanto segue al file ~/.gtkrc.mine:

style "user-font"
{
font_name = "[nome-carattere] [dimensione]"
}
widget_class "*" style "user-font"
gtk-font-name = "[nome-carattere] [dimensione]"

Dove [nome-carattere] e [dimensione] sono il carattere desiderato e le dimensioni del testo in pt. Ad esempio:

style "user-font"
{
font_name = "DejaVu Sans 8"
}
widget_class "*" style "user-font"
gtk-font-name = "DejaVu Sans 8"

I campi font_name e gtk-font-name sono entrambi richiesti per compatibilità con vecchie applicazioni.

Icone GTK

Estrarre il tema di icone desiderato nella cartella /usr/share/icons (per accesso in tutto il sistema) o ~/.icons (per accesso solo per l'utente).

Aggiungere quanto segue al file ~/.gtkrc.mine:

gtk-icon-theme-name = "[nome-tema-icone]"

dove [nome-tema-icone] è il nome della cartella del tema di icone. Ad esempio:

gtk-icon-theme-name = "Tango"

Temi del cursore del mouse

Estrarre il tema dell'Xcursor desiderato o nella cartella /usr/share/icons (per accesso in tutto il sistema) o ~/.icons (per accesso solo per l'utente).

Aggiungere quanto segue al file ~/.Xdefaults:

Xcursor*theme:   [nome-tema-cursore]

dove [nome-tema-cursore] è il nome della cartella del tema del cursore. Ad esempio:

Xcursor*theme:	Vanilla-DMZ-AA

Icone sul desktop

Openbox non provvede un modo di mostrare le icone sul desktop. ROX, iDesk, o anche Nautilus (e il gnome-settings-daemon) possono provvedere questa funzione. ROX ha il vantaggio aggiuntivo di essere un gestore di file leggero.

Trucchi e suggerimenti

Programmi consigliati

Login Manager

SLiM provvede una soluzione di login leggera ed elegante per le configurazioni di Openbox soltanto (senza GNOME o KDE). Fare riferimento alla wiki di Arch su SLiM per istruzioni dettagliate.

Desktop Composite

xcompmgr è un composite manager leggero in grado di creare ombre, finestre in dissolvenza e trasparenza sia in Openbox che in altri window manager.

Run dialog

gmrun provvede un Run dialog eccellente, simile alla funzione Alt+F2 di GNOME e KDE:

pacman -S gmrun

Aggiungere quanto segue alla sezione <keyboard> nel file ~/.config/rc.xml per abilitare la funzionalità Alt+F2:

<keybind key="A-F2">
<action name="execute"><execute>gmrun</execute></action>
</keybind>

Gestori di file

Ci sono diverse possibilità, ma i gestori di file più leggeri e popolari sono:

  • Thunar (Supporta funzionalità di auto-mount features e altri plugin)
  • ROX (ROX provvede anche icone sul desktop)
  • PCMan (molto leggero e in grado di provvedere icone sul desktop)

Per opzioni ancora più leggere, considerare Gentoo o emelFM, entrambi dei quali usano la struttura a due pannelli come il Midnight Commander (entrambi richiedono GTK 1.2.x).

Ovviamente si può utilizzare anche Nautilus. Sebbene sia più lento delle soluzioni elencate, ha il vantaggio addizionale del supporto VFS (ad esempio SSH remoto, connessioni FTP e Samba).

Pannelli

Ci sono un bel numero di pannelli da installare per provvedere una taskbar e un pager per Openbox. I più comuni sono:

Dopo averne scelto uno, aggiungerlo al file di esecuzione automatica.

Impostazioni per-applicazione

Openbox offre la disponibilità di definire impostazioni per applicazione, a partire dalla versione 3.3. Queste impostazioni possono essere definite nel file ~/.config/openbox/rc.xml creando un nuovo elemento XML in <openbox_config> chiamato <applications>. che conterrà le impostazioni. All'interno di <applications> si necessiterà <application name="">, il quale determinerà il nome dell'applicazione che questa impostazione andrà ad effetture. I modi di determinare l'applicazione sono name, class e role, ad esempio: <application class="Firefox-bin"> Class e name possono essere trovate eseguendo il seguente comando: xprop | grep WM_CLASS Facendo clic sull'applicazione che si vuole configurare, si otterrà qualcosa di simile:

WM_CLASS(STRING) = "Gecko", "Thunderbird-bin"

La prima è quella da inserire all'interno di name="" e la seconda quella per class="". Si possono usare entrambe le opzioni, ma è consigliabile scegliere quella più difficile da essere confusa con altre. Dopodichè è necessario definire le impostazioni desiderate. Le impostazioni disponibili sono:

decor - se la finestra ha bordi o meno, barra del titolo, e così via. I valori sono yes o no, on o off;
shade - se la finestra è minimizzata alla barra del titolo o no (non funziona se le decorazioni sono disattivate). I valori sono yes o no, on o off;
position - posizione della finestra quando inizializzata. Necessita le sottosezioni:
 <x>pos</x>     - posizione in pixel, dal lato in alto a sinistra;
 <y>pos</y>     - valori come "center" sono validi, anche, si può anche definire un solo valore, se si vuole;
focus - se la finestra riceve focus quando inizializzata. I valori sono yes o no, on o off;
desktop - desktop (workspace) sul quale l'applicazione compare. Il valore è il numero del desktop a partire da 0 (se viene aperta su un altro desktop, non riceve focus);
monitor - xinerama head sul quale l'applicazione viene inizializzata (utile quando si hanno due monitor e si vuole che l'applicazione venga aperta in un altro monitor, ad esempio nvidia twinview usa xinerama). I valori sono 0, 1, numero-dello-schermo e così via; 
layer - livello sul quale l'applicazione viene inizializzata. I valori sono Bottom, Normal e Top;
iconic - se l'applicazione viene inizializzata come ridotta a icona. I valori sono yes o no, on o off;
skip_pager - l'applicazione non appare nel pager. I valori sono yes o no, on o off;
skip_taskbar - l'applicazione non appare nella taskbars. I valori sono yes o no, on o off;
fullscreen - se l'applicazione viene inizializzata a schermo intero. I valori sono yes o no, on o off;
maximized - tipo di massimizzazione della finestra. I valori sono Horizontal, Vertical, yes o no, on o off;

Un esempio di configurazione dove Firefox viene aperto a 30 pixel dall'alto, centrato e con massimizzazione orizzontale:

<applications>
  <application class="Firefox-bin">
    <position>
      <x>center</x>
      <y>30</y>
    </position>
    <maximized>Horizontal</maximized>
  </application>
</applications>

Risorse aggiuntive