Difference between revisions of "Optical disc drive (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
m (Altre risorse: aggiunto link al progetto libburnia)
m (modificato parametri comando)
(One intermediate revision by one other user not shown)
Line 212: Line 212:
 
Successivamente calcolare il checksum MD5 del file system ISO sul media. Anche se alcuni tipi di supporto forniscono esattamente la stessa quantità di dati , come sono stati sottoposti al programma di masterizzazione, molti altri aggiungono una dimensione fittizia quando viene letto. Così si dovrebbe limitare a leggere la dimensione del file di immagine ISO.
 
Successivamente calcolare il checksum MD5 del file system ISO sul media. Anche se alcuni tipi di supporto forniscono esattamente la stessa quantità di dati , come sono stati sottoposti al programma di masterizzazione, molti altri aggiungono una dimensione fittizia quando viene letto. Così si dovrebbe limitare a leggere la dimensione del file di immagine ISO.
  
$ blocks=$(expr $(ls -l isoimage.iso | awk '{print $5}') / 2048)
+
  $ blocks=$(expr $(du -b isoimage.iso | awk '{print $1}') / 2048)
  
 
{{hc|<nowiki>$ dd if=/dev/cdrw bs=2048 count=$blocks | md5sum</nowiki>|
 
{{hc|<nowiki>$ dd if=/dev/cdrw bs=2048 count=$blocks | md5sum</nowiki>|
Line 446: Line 446:
 
  $ mplayer -dvd-device movie.iso dvd://N
 
  $ mplayer -dvd-device movie.iso dvd://N
  
Per abilitare l'utilizzo del menu DVD (NOTA : si utilizzano i tasti freccia per spostarsi e il tasto {{Keypress|Invio}} per scegliere) :
+
Per abilitare l'utilizzo del menu DVD (NOTA : si utilizzano i tasti freccia per spostarsi e il tasto {{ic|Invio}} per scegliere) :
  
 
  $ mplayer dvdnav://
 
  $ mplayer dvdnav://

Revision as of 16:05, 2 September 2013

Template:Article summary start Template:Article summary text Template:Article summary heading Template:Article summary wiki Template:Article summary wiki Template:Article summary heading Template:Article summary wiki Template:Article summary wiki Template:Article summary wiki Template:Article summary end Da wikipedia

In informatica, una unità di disco ottico (ODD), è un disco che utilizza la luce laser o onde elettromagnetiche all'interno, o vicino lo spettro della luce visibile come parte del processo di lettura o scrittura di dati su o da dischi ottici. Alcune unità possono leggere solo i dischi, ma le recenti unità sono comunemente lettori e registratori, chiamati anche masterizzatori. Compact disc, DVD e dischi Blu-ray sono comuni tipi di supporti ottici che possono essere letti e registrati da tali unità. Unità ottica è il nome generico; le unità sono solitamente descritte come "CD", "DVD " o "Blu-ray ", seguito da "Lettore", "Masterizzatore", ecc.

Contents

Masterizzare

Il processo di masterizzazione delle unità disco ottico è costituito dal creare, o ottenere, una immagine e scriverla su di un supporto ottico. L'immagine può essere in linea di principio qualsiasi file di dati. Se si desidera montare il media risultante, allora di solito si tratta di un file di immagine del filesystem ISO 9660. CD audio e multi-media sono spesso masterizzanti partendo da un file BIN, sotto il controllo di un file TOC, o un file CUE, che descrive il tracciato desiderato.

Installare le utility per la masterizzazione

Se si desidera utilizzare i programmi con una interfaccia grafica, seguire questo link per l' elenco di programmi con interfaccia grafica.

I programmi elencati qui sono i back end che vengono utilizzati dalla maggior parte dei programmi con interfaccia grafica gratuiti per CD, DVD e BD. Sono orientati alla linea di comando. Gli utenti che utilizzano programmi con interfaccia grafica possono utilizzarli quando si tratta di risolvere dei problemi, o per la creazione di script per le attività di masterizzazione.

È necessario avere almeno un programma per la creazione di immagini di filesystem, e un programma che sia in grado di masterizzare i dati sul tipo di supporto desiderato .

Programmi disponibili per la creazione di immagini ISO 9660 sono:

La scelta tradizionale è genisoimage.

Programmi disponibili per la masterizzazione su supporti sono :

  • cdrdao dal pacchetto cdrdao (solo CD, solo TOC/CUE/BIN)
  • cdrecord dal pacchetto cdrtools
  • cdrskin dal pacchetto libburn
  • growisofs dal pacchetto dvd+rw-tools (solo DVD e BD)
  • wodim dal pacchetto cdrkit (solo CD, deprecato per DVD)
  • xorriso e xorrecord dal pacchetto libisoburn

Le scelte tradizionali sono wodim per CD e growisofs per DVD e Blu-ray Disk. Per growisofs e BD-R vedere la soluzione bug qui sotto. Per la scrittura di file TOC/CUE/BIN su CD, installare cdrdao.

I programmi ad interfaccia grafica gratuiti per CD, DVD, e BD dipendono almeno da uno dei suddetti pacchetti.

I programmi genisoimage, mkisofs e xorrisofs supportano tutti e tre le opzioni di genisoimage che sono indicati in questo documento.

I programmi cdrecord, cdrskin e wodim supportano tutti e tre le opzioni di wodim mostrate. Il programma xorrecord supporta quelle che non riguardano i CD audio.

Nota:
  • I pacchetti cdrkit e cdrtools andranno in conflitto tra loro, installare solo uno di questi.
  • Assicurarsi di avere la possibilità di creare un pacchetto utilizzando makepkg ed instalalrlo con pacman. I wrapper di pacman possono risolvere cdrkit allo stesso modo.

Creare un immagine ISO da un file esistente sul disco rigido

Il modo più semplice per creare una immagine ISO, facendosi aiutare da genisoimage, è quello di copiare i file necessari in una cartella ./for_iso e da successivamente:

$ genisoimage -V "ARCHIVE_2013_07_27" -J -r -o isoimage.iso ./for_iso

Il significato delle opzioni è :

-V
Dà al filesystem un nome che probabilmente apparirà come punto di montaggio se il media viene montato automaticamente. Le specifiche ISO lasciano al massimo solo 32 caratteri, i quali comprendono dalla "A" alla "Z", da "0" a "9", e il carattere speciale "_".
-J
Prepara i nomi fino ad un massimo di 64 caratteri UTF-16 per i lettori di MS-Windows. Denominato "Joliet".
-joliet-long
Permetterebbe fino a 103 caratteri UTF-16 per i lettori di MS-Windows. Non conforme alle specifiche Joliet.
-r
Prepara i nomi fino a 255 caratteri per i lettori Unix e conferisce il permesso di lettura per tutti. Denominato "Rock Ridge".
-o
Consente di impostare il percorso del file per l'immagine ISO risultante.

Si piò lasciare che genisoimage raccolga i file e le directory da vari percorsi :

 $ genisoimage -V "BACKUP_2013_07_27" -J -r -o backup_2013_07_27.iso \
  -graft-points \
  /photos=/home/utente/foto \
  /mail=/home/utente/mail \
  /photos/holidays=/home/utente/vacanze/foto
-graft-points
Abilita il riconoscimento dei pathspecs che consistono di un indirizzo di destinazione nel filesystem ISO (ad esempio /photos) e un indirizzo di origine sul disco rigido (ad esempio /home/utente/foto). Entrambi sono separati da un carattere =.

Quindi questo esempio mette le directory presenti sul disco /home/utente/foto, /home/utente/mail e /home/utente/vacanze/foto rispettivamente nell'immagine ISO come directory /photos, /mail e /photos/holidays/.

O programmi mkisofs e xorrisofs accettano le stesse opzioni. Per un backup sicuro, si consideri di utilizzare xorrisofs con l'opzione -for_backup, che registra eventuali ACL e memorizza un checksum MD5 per ogni file di dati.

Vedere i manuali dei programmi ISO 9660 per ulteriori informazioni circa le loro opzioni : genisoimage mkisofs xorrisofs

Montare un'immagine ISO

Per verificare se l'immagine ISO è corretta , è possibile montare (come root ) :

# mount -t iso9660 -o ro,loop=/dev/loop0 cd_image /cdrom

È necessario caricare prima il modulo loop :

# modprobe loop

Non dimenticare di smontare l'immagine quando il controllo dell'immagine è stato effettuato :

# umount /cdrom

Si veda Mounting images as user per il montaggio senza privilegi di root.

Convertire immagini img/ccd in immagini ISO

Per convertire un'immagine img/CCD, è possibile utilizzare ccd2iso :

$ ccd2iso ~/image.img ~/image.iso

Conoscere il nome del drive ottico

Per il resto di questa sezione il nome del dispositivo di registrazione si presume sia /dev/cdrw.

Controllarlo con

 $ wodim dev=/dev/cdrw -checkdrive

che dovrebbe segnalare "Vendor_info" e "Identification" del drive. Eventualmente potrebbe essere /dev/sr0.

Se nessuna unità viene trovata, controllare se ogni /dev/sr* esiste e se offrono il permesso di lettura e scrittura (rw-) a voi o al vostro gruppo.

Se /dev/sr* non esiste provare

# modprobe sr_mod

Lettura di un'immagine ISO da un CD, DVD o BD

È necessario determinare la dimensione del file system ISO prima di copiarlo sul disco rigido . La maggior parte dei tipi di supporto forniscono più dati di quanto è stato scritto per loro con la più recente esecuzione di masterizzazione.

Utilizzare il programma isosize dal pacchetto util-linux per ottenere le dimensioni dell'immagine.

 $ blocks=$(expr $(isosize /dev/cdrw) / 2048)

Controllare se il numero ottenuto di blocchi è plausibile.

$ echo "That would be $(expr $blocks / 512) MB"
Sarebbe 589 MB

Quindi copiare l'importo determinato di dati dal media al disco rigido :

 $ dd if=/dev/cdrw of=isoimage.iso bs=2048 count=$blocks

Omettere count=$blocks se non determinare il formato. Probabilmente otterrete più dati del necessario.

Se il media originario era avviabile, la copia sarà un'immagine avviabile. Potete usarlo come pseudo CD per una macchina virtuale o masterizzarlo su un supporto ottico, che dovrebbe poi diventare avviabile.

Formattare CD-RW e DVD-RW

I supporti CD-RW devono essere cancellati prima di poter scrivere sopra i dati precedentemente registrati. Questo viene fatto tramite :

 $ wodim -v dev=/dev/cdrw blank=fast

I supporti DVD-RW non formattati hanno bisogno dello stesso trattamento prima del loro riutilizzo. Ma una formattazione veloce li priva della capacità di multi-sessione e registrazione dei flussi di lunghezza imprevisti. Così si dovrebbe applicare :

 $ dvd+rw-format -blank=full /dev/cdrw

dvd+rw-format fa parte del pacchetto dvd+rw-tools. Comandi alternativi sono :

 $ cdrecord -v dev=/dev/cdrw blank=all
 $ cdrskin -v dev=/dev/cdrw blank=all
 $ xorriso -outdev /dev/cdrw -blank as_needed

I supporti DVD-RW formattati possono essere sovrascritti senza tale cancellazione. Quindi prendere in considerazione di applicarlo una volta nella loro vita

 $ dvd+rw-format -force /dev/cdrw

Comandi alternativi sono :

 $ cdrskin -v dev=/dev/cdrw blank=format_overwrite
 $ xorriso -outdev /dev/cdrw -format as_needed

Tutti gli altri media sono o scrivibili una volta sola (CD-R, DVD-R, DVD+R, BD-R) o sono riscrivibili senza la necessità di formattare (DVD-RAM, DVD+RW, BD-RE).

Masterizzare una immagina ISO su un CD, DVD o BD

Per masterizzare un file immagine ISO prontamente preparato (isoimage.iso), su un supporto ottico, eseguire:

per CD :

$ wodim -v -sao dev=/dev/cdrw isoimage.iso

Per DVD o BD :

$ growisofs -dvd-compat -Z /dev/cdrw=isoimage.iso

I programmi cdrecord, cdrskin e xorrecord possono essere utilizzati su tutti i tipi di media con le opzioni indicate con wodim.

Nota:
  • Assicurarsi che il supporto non sia montato quando si inizia a scrivere. Il montaggio può avvenire automaticamente se il media contiene un filesystem leggibile. Nel migliore dei casi si impedisce ai programmi di masterizzazione di utilizzare il dispositivo masterizzato. Nel peggiore dei casi non vi sarà nessuna masterizzazione perché le operazioni di lettura disturbato l'unità. Quindi, in caso di dubbio, smontare con:
 # umount /dev/cdrw
  • growisofs ha un piccolo bug con supporti BD-R vuoti. Si emette un messaggio di errore dopo la masterizzazione. Programmi come k3b quindi non masterizzano correttamente tali media. Per evitare questo :
    • Formattare il BD-r vuoto con dvd+rw-format /dev/cdrw prima di sottoporlo al growisofs
    • oppure utilizzare l'opzione per growisofs -use-the-force-luke=spare:none

Verificare l'immagine ISO masterizzata

È possibile verificare l'integrità del media masterizzato per assicurarsi che non contenga errori. Espellere sempre il media e reinserirlo prima di verificarlo. Il kernel sarà in grado di riconoscere il nuovo contenuto da solo dopo tale reinserimento.

In primo luogo calcolare l'md5sum dell'immagine ISO originale :

$ md5sum isoimage.iso
 e5643e18e05f5646046bb2e4236986d8 isoimage.iso

Successivamente calcolare il checksum MD5 del file system ISO sul media. Anche se alcuni tipi di supporto forniscono esattamente la stessa quantità di dati , come sono stati sottoposti al programma di masterizzazione, molti altri aggiungono una dimensione fittizia quando viene letto. Così si dovrebbe limitare a leggere la dimensione del file di immagine ISO.

 $ blocks=$(expr $(du -b isoimage.iso | awk '{print $1}') / 2048)
$ dd if=/dev/cdrw bs=2048 count=$blocks | md5sum
  43992+0 records in
  43992+0 records out

Entrambe le piste dovrebbero produrre la stessa somma MD5 (qui: e5643e18e05f5646046bb2e4236986d8). Altrimenti si avrà probabilmente anche un messaggio di errore di I/O dall'esecuzione di dd. dmesg potrebbe poi aiutarvi sugli errori SCSI e sui numeri di blocco, se siete interessati.

ISO 9660 e masterizzazione On-The-Fly

Non è necessario memorizzare un filesystem ISO sul disco rigido prima di scriverlo sui supporti ottici. Solo i vecchi lettori CD o computer molto vecchi potrebbero subire errori di masterizzazione in caso di Buffer del disco vuoto.

Se si omette l'opzione -o da genisoimage, allora scriverà l'immagine ISO con un output standard. Questo può essere convogliato dentro lo standard input dei programmi di masterizzazione.

 $ genisoimage -V "ARCHIVE_2013_07_27" -J -r ./for_iso | \
  wodim -v dev=/dev/cdrw -waiti -

L'opzione -waiti non è realmente necessaria. Previene wodim dalla scrittura al media prima che genisoimage inizi la sua produzione. Ciò consentirebbe a genisoimage di leggere il media senza disturbare una già avviata masterizzazione in atto. Vedere la sezione successiva relativa a multi-sessione.

Su DVD e BD si può lasciare che growisofs gestisca genisoimage al posto vostro, per masterizzare on-the-fly.

$ export MKISOFS="genisoimage"
$ growisofs -Z /dev/cdrw -V "ARCHIVE_2013_07_27" -r -J ./for_iso

Multi-sessione

Una multi-sessione ISO 9660, significa che un media con filesystem leggibile è ancora scrivibile al suo primo indirizzo di blocco non utilizzato, e che un nuovo albero di directory ISO viene scritto su questa parte non utilizzata. Il nuovo albero di directory è accompagnato dai blocchi che contengono i file di dati appena aggiunti o sovrascritti . I blocchi di file di dati, che devono rimanere nel vecchio albero ISO, non verranno scritti nuovamente.

Linux e molti altri sistemi operativi montano l'albero delle directory sul supporto durante l'ultima sessione. L'albero più giovane mostra normalmente anche i file delle sessioni più vecchie.

Multisessione con wodim

CD-R e CD-RW possono continuare ad essere scritti (in gergo "appendibili") se è stata utilizzato wodim con l'opzione -multi :

 $ wodim -v -multi dev=/dev/cdrw isoimage.iso

Poi si può indagare il media per i parametri della sessione successiva :

$ m=$(wodim dev=/dev/cdrw -msinfo)

Con l'aiuto di questi parametri e del supporto leggibile nel lettore è possibile produrre la sessione ISO aggiuntiva :

$ genisoimage -M /dev/cdrw -C "$m" \
   -V "ARCHIVE_2013_07_28" -J -r -o session2.iso ./more_for_iso

Infine aggiungere la sessione al media e mantenerlo ancora una volta appendibile

 $ wodim -v -multi dev=/dev/cdrw session2.iso

I programmi cdrskin e xorrecord fanno questo anche con DVD-R, DVD+R, BD-R e DVD-RW non formattato. Il programma cdrecord effettua una multi-sessione con almeno DVD-R e DVD-RW. Naturalmente tutti sono in grado di farlo con supporti CD-R e CD-RW.

La maggior parte dei tipi di supporti riutilizzabili non registrano una cronologia della sessione che sarebbe riconoscibile per un kernel di montaggio. Ma con la ISO 9660 è possibile ottenere l'effetto multi-sessione, anche su tali dispositivi.

growisofs e xorriso posono farlo nascondendo la maggior parte della complessità.

Multisessione con growisofs

growisofs è un programma molto avanzato e la maggior parte dei suoi argomenti è compatibile con mkisofs. Vedi sopra gli esempi di genisoimage. Esso vieta l'opzione -o e disapprova l'opzione -C. Per impostazione predefinita, viene utilizzato il programma installato denominato mkisofs. Si può lasciarlo o sceglierne un altro impostando variabile ambientale mkisofs.

$ export MKISOFS="genisoimage"
$ export MKISOFS="xorrisofs"

Il desiderio di iniziare con un nuovo filesystem ISO sul supporto ottico è espresso dall'opzione -Z

$ growisofs -Z /dev/cdrw -V "ARCHIVE_2013_07_27" -r -J ./for_iso

Il desiderio di aggiungere più file come una nuova sessione di un filesystem ISO esistente, è espresso dall'opzione -M

$ growisofs -M /dev/cdrw -V "ARCHIVE_2013_07_28" -r -J ./more_for_iso

Per i dettagli vedere il growisofs manuale e la documentazione di genisoimage, mkisofs, xorrisofs.

Multisessione con xorriso

xorriso necessita di iniziare con un nuovo filesystem ISO da un dispositivo ottico vuoto. Quindi è opportuno svuotarlo se contiene dati. Il comando -blank as_needed si applica a tutti i tipi di supporti riutilizzabili e anche di immagini ISO in file di dati sul disco rigido. Non causa errore se applicato per una scrittura su una unica unità media vuota.

$ xorriso -outdev /dev/cdrw -blank as_needed \
          -volid "ARCHIVE_2013_07_27" -joliet on -add ./for_iso --

Su un media non-vuoto riscrivibile, xorriso accoda i file del disco più recenti se il comando -dev viene usato al posto di -outdev. Naturalmente, nessun comando -blank necessità di essere usato qui.

 $ xorriso -dev /dev/cdrw \
          -volid "ARCHIVE_2013_07_28" -joliet on -add ./more_for_iso --

Per maggiori dettagli vedere il manuale e nello specifico i suoi esempi

Gestione dei difetti nei Blu-ray disk

BD-RE e supporti BD-R formattati sono normalmente scritti con la gestione dei difetti abilitata. Questa funzione legge i blocchi scritti mentre sono ancora memorizzati nel buffer dell'unità. In caso di scarsa qualità di lettura dei blocchi vengono scritti di nuovo, o reindirizzati alla Spare Area in cui i dati vengono memorizzati in blocchi di sostituzione.

Questo controllo di lettura riduce la velocità di scrittura al massimo alla metà della velocità nominale del masterizzatore e del supporto BD. A volte anche in modo peggiore. L'uso continuo della Spare Area provoca lunghi ritardi durante le operazioni di lettura. Quindi l'opzione Defect Management non è sempre auspicabile.

cdrecord non formatta BD-R. Però Non ha alcun mezzo per prevenire il Defect Management sui media BD-RE.

growisofs formatta i BD-R di default. Questo può essere prevenuta con l'opzione -use-the-force-luke=spare:none. Anch'esso non ha alcun mezzo per prevenire il Defect Management sui media BD-RE.

cdrskin, xorriso e xorrecord non formattano BD-R per impostazione predefinita. Sono in grado di farlo rispettivamente con cdrskin blank=format_if_needed, xorriso -format as_needed e xorrecord blank=format_overwrite.

Questi tre programmi possono disabilitare la gestione ei difetti sui BD-RE e BD-R già formattati, rispettivamente tramite i comandi cdrskin stream_recording=on, xorriso -stream_recording on e xorrecord stream_recording=on.

Masterizzare un CD audio

Crea le tracce audio e memorizzarle come file non compressi, 16 -bit stereo WAV. Per convertire i file MP3 in WAV, assicurarsi che il pacchetto lame sia installato, entrate con cd nella la Directoy contenente i file MP3, ed eseguire :

$ for i in *.mp3; do lame --decode "$i" "$(basename "$i" .mp3)".wav; done

Nel caso in cui si verifica un errore quando si tenta di masterizzare i file WAV convertiti con lame provare la decodifica con mpg123 :

$ for i in *.mp3; do mpg123 --rate 44100 --stereo --buffer 3072 --resync -w $(basename $i .mp3).wav $i; done

Nominare i file audio in ordine alfabetico in modo tale che siano inclusi nell'ordine dei brani da voi desiderati, ad esempio 01.wav, 02.wav, 03.wav, ecc... Utilizzare il seguente comando per simulare la masterizzazione dei file wav su un CD audio :

$ wodim -dummy -v -pad speed=1 dev=/dev/cdrw -dao -swab *.wav

Nel caso in cui si rilevano errori o tracce vuote come :

Track 01: audio    0 MB (00:00.00) no preemp pad

Provare un altro decoder (ad es mpg123) o provare a utilizzare cdrecord dal pacchetto cdrtools.

Si noti che cdrkit contiene anche un comando cdrecord, ma è solo un link simbolico a wodim.

Se avete avuto esito positivo allora si può togliere il flag -dummy e masterizzare realmente il CD.

Per testare il nuovo CD audio , usa MPlayer :

$ mplayer cdda://

Masterizzazione di un bin/cue

Per masterizzare un immagine bin/cue eseguire :

$ cdrdao write --device /dev/cdrw image.cue

TOC/CUE/BIN per dischi in modalità mista

Le immagini ISO memorizzano solo una singola traccia di dati. Se si desidera creare un'immagine di un disco in modalità mista (tenere traccia dei dati con più tracce audio), bisognerà creare un'accoppiata TOC/BIN:

 $ cdrdao read-cd --read-raw --datafile IMAGE.bin --driver generic-mmc:0x20000 --device /dev/cdrom IMAGE.toc

Alcuni software supportano solo accoppiate CUE/BIN, si dovrà quindi creare un foglio CUE con toc2cue (come parte di cdrdao):

$ toc2cue IMAGE.toc IMAGE.cue

Problemi con i back-end di masterizzazione

In caso di problemi , si può chiedere per consigliare a mailing list cdwrite@other.debian.org. O chiedere consigli agli indirizzi di posta elettronica di supporto, alcuni sono elencati verso la fine della pagina di manuale del programma.

Elencare le righe di comando utilizzate, il tipo di supporto (ad esempio, CD-R, DVD+RW, ... ), ed i sintomi riscontrati (messaggi di programma, delusa aspettativa utente, ...).

Si potrà eventualmente ottenere la versione di rilascio più recente, o di sviluppo del programma interessato, e vi sarà chiesto di effettuare dei test. Ma la risposta potrebbe anche essere, che l'unità non ama in modo particolare il media utilizzato.

Masterizzare CD/DVD con una interfaccia grafica

Template:Wikipedia

Ci sono diverse applicazioni disponibili per masterizzare CD/DVD in un ambiente grafico.

  • AcetoneISO — Strumento "tutto in uno" per la gestione di file .iso (supporta BIN, MDF, NRG, IMG, DAA, DMG, CDI, B5I, BWI, PDI and ISO)
http://sourceforge.net/projects/acetoneiso || acetoneiso2
  • BashBurn — Leggero strumento per masterizzare CD/DVD da terminale provvisto di un menu
http://bashburn.dose.se/ || bashburn
  • Brasero — Applicazione di masterizzazione su disco per il desktop GNOME che è stato progettato per essere il più semplice possibile. Parte di gnome-extra
http://projects.gnome.org/brasero/ || brasero
  • cdw — Frontend Ncurses per cdrecord, mkisofs, growisofs, dvd+rw-mediainfo, dvd+rw-format, xorriso
http://cdw.sourceforge.net/ || cdwAUR
  • GnomeBaker — Applicazione per masterizzare CD/DVD ricco di funzionalità, per il desktop GNOME
http://gnomebaker.sourceforge.net/ || gnomebakerAUR
  • Graveman — Applicazione per masterizzare CD/DVD basato sulle GTK. Si richiede la configurazione per puntare a dispositivi corretti
http://graveman.tuxfamily.org/ || gravemanAUR
http://littlesvr.ca/isomaster || isomasterAUR
  • K3b — Applicazione per masterizzare CD/DVD ricco di funzionalità e semplice da usare, basato su Kdelibs
http://www.k3b.org/ || k3b
  • Silicon empire — Strumento basato sulle Qt per gestire i dispositivi ottici come CD, DVD e Blu-ray
http://getsilicon.org/ || silicon-empireAUR
  • X-CD-Roast — Leggero frontend per cdrtools, per scrivere su CD e DVD
http://www.xcdroast.org/ || xcdroastAUR
  • Xfburn — Semplice frontend alle librerie libburnia con supporto per CD/DVD(-RW), immagini ISO e BurnFree
http://goodies.xfce.org/projects/applications/xfburn || xfburn

Nero Linux

Nero Linux è una suite di masterizzazione commerciale sviluppata dai creatori di Nero per Windows - Nero AG. Il più grande vantaggio di Nero Linux è la sua interfaccia che simile alla versione di windows. Quindi, gli utenti che migrano da tale sistema potrebbero trovarlo facile da usare. La versione per Linux ora include Nero Express, una procedura guidata che porta gli utenti passo passo attraverso il processo di masterizzazione di CD e DVD, gli utenti che provengono da windows avranno già familiarità con questo metodo. Un'altra novità della versione 4 è la gestione dei difetti dei dischi Blu-ray, l'integrazione di Isolinux per la creazione di mezzi di comunicazione e il supporto per Musepack e formati audio AIFF avviabili.

Nero Linux 4 viene venfuto al dettaglio per £17,99 con una versione di prova gratuita disponibile.

Nero Linux offre alcune caratteristiche, come :

  • Facile, interfaccia utente in stile wizard per la masterizzazione guidata di Nero Linux Express 4
  • Pieno supporto alla Masterizzazione dei Blu-ray
  • Supporta la masterizzazione di CD audio (CD-DA), ISO 9660 (supporto Joliet), CD-Text, ISOLINUX avviabile, dischi multi-sessione, DVD-Video e miniDVD, supporto a DVD Double Layer.
Nota: Per Nero Linux è necessario caricare il modulo sg al momento del boot. Mettere un file omonimo in /etc/modules-load.d:
/etc/modules-load.d/sg.config
sg
Dopo gli utlimi aggiornamenti il modulo sg non era più automaticamente caricato e Nero ne ha bisogno.

Riproduzione di DVD

Un DVD, conosciuto anche come Digital Versatile Disc o Digital Video Disc , è un formato di supporto di archiviazione disco ottico utilizzato per il video e la memorizzazione dei dati .

Requisiti

Se si desidera riprodurre i DVD criptati , è necessario installare i pacchetti libdvd* :

Inoltre, è necessario installare un software per il lettore. I più diffusi lettori DVD sono MPlayer, xine e VLC.

Suggerimento: Gli utenti possono avere bisogno di appartenere al gruppo optical per essere in grado di accedere all'unità DVD. Per aggiungere un UTENTE al gruppo optical, eseguire le seguenti operazioni:
# gpasswd -a UTENTE optical
Non dimenticare di uscire dalal sessione corente e rientrare affinché le modifiche abbiano effetto. È possibile visualizzare i gruppi attuali del vostro utente con il comando groups.

Lettori DVD

Vedere anche : Multimedia/Lettori Video

MPlayer

MPlayer è efficiente e supporta una vasta gamma di formati multimediali (cioè quasi tutti). Per riprodurre un DVD con MPlayer :

$ mplayer dvd://N

... dove N è il numero del capitolo desiderato. Iniziano da 1 aumentalo se incerto.

Mplayer controlla /dev/dvd per impostazione predefinita. Bisogna dirgli di usare /dev/sr0 con l'opzione da riga di comando dvd-device, o impostando la variabile dvd-device in ~/.mplayer/config.

Per riprodurre un file immagine del DVD :

$ mplayer -dvd-device movie.iso dvd://N

Per abilitare l'utilizzo del menu DVD (NOTA : si utilizzano i tasti freccia per spostarsi e il tasto Invio per scegliere) :

$ mplayer dvdnav://

Per abilitare il supporto del mouse nei menu dei DVD usare :

$ mplayer -mouse-movements dvdnav://

Per trovare la lingua audio, avviare MPlayer con il flag -v per conoscere l'ID dell'uscita audio. Una traccia audio viene selezionato con {-aid <audio_id>. Impostare una lingua audio di default modificando ~/.mplayer/config e aggiungendo la riga Alang=en per l'inglese.

Con MPlayer, il DVD può essere impostato su un volume basso. Per aumentare il volume massimo del 400%, usare softvol=yes e softvol-max=400. Le impostazioni predefinite del volume di avvio per il 100% del volume del software e dei livelli del mixer globali rimarranno intatte. Utilizzando i tasti 9 e 0, il volume può essere regolato tra 0 e 400 per cento.

 alang=en
 softvol=yes
 softvol-max=400

MPlayer home page

VLC

vlc è un media player open source scritto in Qt, performante e portatile (VLC home page).

Predefinito in GNOME

Copiare il file sul desktop del sistema a quello locale (file .desktop locali sostituiscono quelli globali) :

cp /usr/share/applications/vlc.desktop ~/.local/share/applications/

Definire i tipi mime (conosciuta come abilità per tipo file per la riproduzione) facendo :

sed -i 's|^Mimetype.*$|MimeType=video/dv;video/mpeg;video/x-mpeg;video/msvideo;video/quicktime;video/x-anim;video/x-avi;video/x-ms-asf;video/x-ms-wmv;video/x-msvideo;video/x-nsv;video/x-flc;video/x-fli;application/ogg;application/x-ogg;application/x-matroska;audio/x-mp3;audio/x-mpeg;audio/mpeg;audio/x-wav;audio/x-mpegurl;audio/x-scpls;audio/x-m4a;audio/x-ms-asf;audio/x-ms-asx;audio/x-ms-wax;application/vnd.rn-realmedia;audio/x-real-audio;audio/x-pn-realaudio;application/x-flac;audio/x-flac;application/x-shockwave-flash;misc/ultravox;audio/vnd.rn-realaudio;audio/x-pn-aiff;audio/x-pn-au;audio/x-pn-wav;audio/x-pn-windows-acm;image/vnd.rn-realpix;video/vnd.rn-realvideo;audio/x-pn-realaudio-plugin;application/x-extension-mp4;audio/mp4;video/mp4;video/mp4v-es;x-content/video-vcd;x-content/video-svcd;x-content/video-dvd;x-content/audio-cdda;x-content/audio-player;|' ~/.local/share/applications/vlc.desktop 

Poi in Impostazioni di Sistema > Dettagli >> Applicazioni predefinite nel menu a disccesa Video, selezionare Open VLC media player .

xine

Un lettore multimediale leggero con supporto ai menu DVD.

xine home page

DVD ripping

Per ripping si intende il processo di copia dei contenuti audio o video su un disco rigido, in genere da un supporto rimovibile o flussi multimediali. wikipedia:Ripping

Spesso , il processo di ripping di un DVD può essere suddiviso in due fasi :

  1. Estrazione dei dati - Copia l'audio e/o i dati video su un disco rigido
  2. Transcodifica - Converte i dati estratti in un formato adatto.

Alcune utilità di svolgono entrambi i compiti, mentre altri si concentrano su un aspetto o l'altro.

dvdbackup

dvdbackup è usato semplicemente per l'estrazione di dati, e non per transcodificare. Questo strumento è utile per creare esatte copie di DVD criptati in collaborazione con il pacchetto libdvdcss, o per decifrare video per altre utility in grado di leggere i DVD criptati.

dvd::rip

dvd::rip è un front-end per transcode, utilizzato per estrarre e convertire al volo (on-the-fly).

I seguenti pacchetti dovrebbero essere installati :

  • dvdrip : front-end GTK per transcode, che esegue il ripping e la codifica
  • libdv : Codec software per video DV
  • xvidcore : Se volete codificare i file rippati come XviD, un codec video open source MPEG-4 (alternativa gratuita a DivX)
  • divx4linuxAUR : Se volete codificare i file rippati come DivX (disponibile su AUR)

Le preferenze di dvd::rip sono per lo più ben documentate e autoesplicative. Se avete bisogno di aiuto, vedere http://www.exit1.org/dvdrip/doc/gui-gui_pref.cipp.

Il ripping di un DVD è spesso una semplice questione di scelta del codec preferito, selezionare i titoli desiderati, quindi fare clic sul pulsante "Rip".

FFmpeg

FFmpeg è in grado di fare uno ripping diretto in qualsiasi formato (audio/video da un'immagine .iso di un DVD-Video, basta selezionare l'ingresso come immagine *.iso e procedere con le opzioni desiderate. Permette inoltre il downmix, shrinking, spliting e la selezione dei flussi, tra le altre caratteristiche.

HandBrake

HandBrake è un transcoder video multithreaded, che offre sia un'interfaccia grafica che utilizzo da riga di comando, con molte configurazioni preimpostate. Il pacchetto è disponibile nei repository ufficiali : handbrake.

MEncoder

MEncoder è uno strumento da linea di comando libero per la decodifica video, la codifica e filtraggio, rilasciato sotto la GNU General Public License. É strettamente correlato a MPlayer e può convertire tutti i formati che MPlayer legge in una varietà di formati compressi e non compressi con codec diversi. Programmi wrapper come h264encAUR e undvdAUR sono in grado di fornire un'interfaccia di assistenza.

Hybrid

Hybrid è un frontend multi-piattaforma (Linux/Mac OSX/Windows) basato sulle Qt, che offre molti strumenti e che può convertire quasi ogni ingresso x264/Xvid/VP8 + ac3/ogg/mp3/aac/flac all'interno di un contenitore mp4/m2ts/mkv/webm/mov/avi, un lettore Blu- ray o una struttura AVCHD.

Il pacchetto è disponibile in AUR : hybrid-encoderAUR.

Per informazioni dettagliate visitare il sito.

DVD-VR

Da Wikipedia - DVD-VR:

Lo standard DVD-VR definisce un formato logico per la registrazione video su DVD-R, DVD-RW e DVD-RAM, tra cui le versioni a doppio strato di questi mezzi di comunicazione. Al contrario dei supporti registrati con lo standard di registrazione DVD+VR, i media che ne derivano non sono DVD-Video compatibili, e non vengono riprodotti in alcuni lettori DVD-Video. La maggior parte dei videoregistratori DVD del mercato che supportano DVD-R, DVD-RW o DVD-RAM consentirà la registrazione di questi mezzi di comunicazione in modo DVD-VR, così come in una modalità compatibile DVD-Video. E 'possibile utilizzare il formato DVD-VR con DVD+R e DVD+RW, ma non esistono esempi noti da parte di alcuni programmi di utilità di registrazione basati su PC.

File .VRO estratti da un DVD-VR possono essere facilmente convertiti e suddivisi in regulari file .VOB utilizzando il programma DVD-VR.

Installare dvd-vrAUR dae AUR.

Risoluzione dei problemi

K3b e l'errore sul locale

Durante l'esecuzione di K3B , se viene visualizzato il seguente messaggio:

System locale charset is ANSI_X3.4-1968
Your system's locale charset (i.e. the charset used to encode file names) is 
set to ANSI_X3.4-1968. It is highly unlikely that this has been done intentionally.
Most likely the locale is not set at all. An invalid setting will result in
problems when creating data projects.Solution: To properly set the locale 
charset make sure the LC_* environment variables are set. Normally the distribution 
setup tools take care of this.

Significa che il locale non è impostato bene.

Per risolvere il problema ,

  • Rimuovere /etc/locale.gen
  • Re-installare glibc
  • Editare /etc/locale.gen, decommentare tutte le linee corrispondenti alla vostra lingua ed anche le opzioni en_US per la compatibilità:
en_US.UTF-8 UTF-8
en_US ISO-8859-1
it_IT.UTF-8
it_IT.ISO-8859-1
  • Ri-generare i profili con locale-gen:
# locale-gen
 Generating locales...
 en_US.UTF-8... done
 en_US.ISO-8859-1... done
 it_IT.UTF-8... done
 it_IT.ISO-8859-1... done
 Generation complete.

Maggiori informazioni qui.

Brasero non riesce a trovare dischi vergini

Brasero utilizza gvfs per gestire i dispositivi di masterizzazione CD/DVD.

Brasero non riesce a normalizzare CD audio

Se si tenta di masterizzare, si può fermare alla prima fase denominata Normalizzazione. Come soluzione alternativa è possibile disattivare il plugin di normalizzazione con la funzione del menu Modifica > Plugin.

VLC: Error "... could not open the disc /dev/dvd"

Se si ottiene l'errore: "vlc dvdread could not open the disc "/dev/dvd"" può essere perché non c'è il device /dev/dvd sul vostro sistema. Udev non crea più /dev/dvd ma invece usa /dev/sr0. Per risolvere questo problema, modificare il file di configurazione di VLC (~/.config/vlc/vlcrc):

# DVD device (string)                                                           
dvd=/dev/sr0

Unità DVD rumorosa

Se durante la riproduzione di DVD video, il sistema diventa molto rumoroso, può essere perché il disco gira più velocemente di quanto dovrebbe. Per modificare temporaneamente la velocità del drive, come root, eseguire :

# eject -x 12 /dev/dvd

Oppure :

# hdparm -E12 /dev/dvd

Qualsiasi velocità che viene supportato dal convertitore può essere utilizzata, o 0 per la velocità massima.

La riproduzione non funziona con il nuovo computer (nuovo dispositivo DVD)

Se la riproduzione non funziona e si ha un nuovo computer (o un nuovo dispositivo DVD), il motivo potrebbe essere che il codice della regione non è impostato. È possibile leggere e impostare il codice regionale con regioLeggi RIAA e reale consentono di backup dei supporti fisici ottenuti in queste condizioninsetAUR reperibile su AUR.

Leggi RIALeggi RIAA e reale consentono di backup dei supporti fisici ottenuti in queste condizioniA e reale consentono di backupLeggi RIAA e reale consentono di backup dei supporti fisici ottenuti in queste condizioni dei supporti fisici ottenuti in queste condizioni

Nessuno dei programmi elencati è in grado di estrarre/codificare un DVD sul mio disco rigido!

Assicurarsi che la regione del lettore DVD sia impostato correttamente, altrimenti si otterranno molti errori inspiegabili legati a CSS. Usare regionsetAUR per farlo.

I log del programma con interfaccia grafica indica problemi con il programma di backend

Se si utilizza un programma con interfaccia grafica e riscontrate dei problemi che nel log del programma in questione dà la colpa su qualche a qualche backend, provare a riprodurre il problema con gli argomenti utilizzando direttamente il programma di backend per registrare.

Se si riesce a riprodurli o meno, si possono segnalere le linee di errore, il comando utilizzato e la scoperta di tale malfunzionamento, come menzionato in Problemi con i back-end di masterizzazione.

Caso particolare : Medium error / Write error

Ecco alcuni messaggi tipici dove l'unità prende in antipatia il dispositivo ottico utilizzato. Questo può essere risolto solo utilizzando una diversa unità o un supporto diverso. Un programma diverso difficilmente aiuterà.

K3b con backend wodim:

Sense Bytes: 70 00 03 00 00 00 00 12 00 00 00 00 0C 00 00 00
Sense Key: 0x3 Medium Error, Segment 0
Sense Code: 0x0C Qual 0x00 (write error) Fru 0x0

Brasero con backend growisofs:

BraseroGrowisofs stderr: :-[ WRITE@LBA=0h failed with SK=3h/ASC=0Ch/ACQ=00h]: Input/output error

Brasero con backend libburn :

BraseroLibburn Libburn reported an error SCSI error on write(16976,16): [3 0C 00] Write error

Altre risorse