pacman/Package signing (Italiano)

From ArchWiki
< Pacman
Revision as of 22:16, 17 June 2012 by Ninquitassar (Talk | contribs) (Funzionamento)

Jump to: navigation, search

Pacman-key è un nuovo tool disponibile con pacman 4. Con la nuova implementazione dei pacchetti firmati, permette all'utente di amministrarne la lista delle chiavi affidabili in pacman.

Introduzione

Il sistema di firmatura pacchetti in pacman utilizza il modello "web of trust" per assicurare che i pacchetti vengano dagli sviluppatori e non da qualcuno che si sostituisca a loro indebitamente. Gli sviluppatori dei pacchetti e i Trusted User hanno chiavi PGP individuali che utilizzano per firmare i propri pacchetti. Questo significa che loro garantiscono il contenuto del pacchetto. Anche l'utente comune possiede una PGP key unica, che viene generata quando questi configura pacman-key.

Le chiavi possono essere usate per firmare altre key. Ciò significa che il proprietario della chiave firmante garantisce per l'autenticità della chiave firmata. Per verificare un pacchetto, è necessario avere una catena di firme dalla propria chiave PGP al pacchetto stesso. Con la struttura di chiavi Arch questo può avventire in tre modi:

  • Pacchetti personali (custom): l'utente crea da sé il proprio pacchetto e lo firma con una key personale.
  • Pacchetti non ufficiali (unofficial): uno sviluppatore fa un pacchetto e lo firma. L'utente utilizza la propria key per firmare quella dello sviluppatore.
  • Pacchetti ufficiali (official): uno sviluppatore fa un pacchetto e lo firma. La chiave dello sviluppatore viene convalidata dalle chiavi principali (master-key). L'utente fa poi affidamento su queste ultime per garantire gli sviluppatori.

Per un po' di storia sulla questione, si rimanda a questi articoli blog: [1] [2] [3] [4] e alla proposta di controllo delle firme in Pacman della wiki.

Nota: Il protocollo HKP usa la porta 11371/tcp per comunicare. Per ricevere le chiavi firmate dai server (usando pacman-key), è richiesto che questa porta sia aperta.

Installazione

Configurare pacman

Prima di tutto, si deve decidere che livello di controllo si desidera. A determinarlo è l'opzione SigLevel nel file /etc/pacman.conf. Alcune possibilità sono menzionate nei commenti di quel file. Per un'esposizione più dettagliata, si rimanda alla pagina di manuale pacman.conf. Fondamentalmente si può abilitare il controlle delle firme a livello globale o per repository. Si tenga presente che settando il SigLevel a livello globale (globally) nella sezione [options], non sarà permesso di installare i propri pacchetti usando il comando pacman -U, a meno che siano firmati da una trusted key.

Warning: L'opzione SigLevel TrustAll esiste per uno scopo di debugging. Essa rende molto facile convalidare key che non sono state verificate. L'utente dovrebbe usare l'opzione TrustedOnly per tutti i repository ufficiali.
Note: Ad ora, Aprile 2012, il sistema di firme del database non è ancora stato completato, quindi si dovrebbe aggiungere l'opzione DatabaseOptional se si usa un livello di controllo Required, ad esempio:
SigLevel = Required DatabaseOptional TrustedOnly
In questo modo pacman installerà soltanto i pacchetti che sono firmati da chiavi che l'utente ha convalidato.
Note: Sembra che SigLevel = PackageRequired stia per diventare l'opzione standard per la verifica dei pacchetti ufficiali:
[core]
SigLevel = PackageRequired
Include = /etc/pacman.d/mirrorlist

Inizializzare il portachiavi

Per inizializzare il portachiavi di pacman, usare il comando:

# pacman-key --init

Per questa inizializzazione è richiesta entropia. Per generarla, muovere il proprio mouse, premere caratteri a caso nella tastiera o avviare attività basata sul disco (ad esempio in un'altra console dare updatedb o ls -R /). L'inizializzazione potrebbe richiedere alcuni minuti.

In tal modo si crea un nuovo portachiavi in /etc/pacman.d/gnupg e si genera una chiave principale (master-key) unica per il proprio sistema.

Affinché pacman comincia a controllare le firme dei pacchetti, si devono importare le chiavi degli sviluppatori nel proprio portachiavi. La prossima sezione spiegherà come fare.

Nota: Se si necessita di avviare pacman-key --init su ssh, installare il pacchetto haveged sulla macchina in questione, connettersi via ssh e dare:
# rc.d start haveged	
# pacman-key --init

Dopo che pacman-key è stato avviato con successo semplicemente si fermi haveged e si rimuova il pacchetto.

# rc.d stop haveged
# pacman -Rs haveged

Gestire il portachiavi

Verificare le cinque chiavi principali o master-key

L'installazione iniziale delle chiavi è ottenuta usando

# pacman-key --populate archlinux

È opportuno prendersi del tempo per verificare le Chiavi principali quando vengono mostrate, in quanto sono usate per co-firmare (e convalidare) tutte le altre chiavi degli sviluppatori.

Le chiavi PGP di solito sono troppo grandi (2048 bit o più) perché le persone possano lavorarci, quindi di solito sono spezzate per creare una fingerprint a 40 cifre esadecimali, che possono essere usate per controllare a mano che le due chiavi siano le medesime. Le ultime otto cifre sono note come "key ID" e sono una sorta di "nome" della key.

Aggiungere le chiavi degli sviluppatori

Le chiavi degli sviluppatori ufficiali e dei Trusted User vengono firmate dalle master-key, quindi all'utente non sarà necessario usare pacman-key per firmarle in locale. Nel caso in cui pacman incontri una key e non la riconosca, domanderà all'utente se desidera scaricarla dal keyserver impostato in /etc/pacman.d/gnupg/gpg.conf (o usasndo l'opzione --keyserver da riga di comando). Wikipedia mette a disposizione una lista di keyserver.

Una volta che la chiave di uno sviluppatore è stata scaricata, non sarà necessario farlo una seconda volta: quella key verrà usata per verificare ogni pacchetto da lui firmato.

Nota: Il pacchetto archlinux-keyring (una dipendenza di pacman) contiene le ultime chiavi. In ogni caso queste si possono aggiornare usando:
# pacman-key --refresh-keys
Facendo --refresh-keys, anche la propria chiave locale sarà controllata sul keyserver remoto, e si riceverà una notifica sul fatto che non è stata trovata. Non è nulla di cui preoccuparsi.

Aggiungere chiavi non ufficiali

Prima di tutto, ci si deve procurare l'ID dal proprietario della key. Dare da riga di comando:

# pacman-key -r <keyid>

per scaricarla da un keyserver. Assicurarsi di verificare la fingerprint, come si farebbe per una chiave principale, o con ogni altra chiave che si stia per convalidare. Dopo aver fatto ciò, sarà necessario firmare localmente questa key:

# pacman-key --lsign-key <keyid>

In questo modo si permetterà alla chiave di firmare i pacchetti.

Usare gpg

Se pacman-key non fosse sufficiente, è possibile amministrare il portachiavi di pacman da gpg così:

# gpg --homedir /etc/pacman.d/gnupg $OPTIONS

oppure

# env GNUPGHOME=/etc/pacman.d/gnupg gpg $OPTIONS

Risoluzione dei problemi

Impossibile importare le key

Alcuni ISP potrebbe aver bloccato la porta utilizzata per importare le chiavi PGP. Una soluzione è quella di utilizzare il keyserver del Massachusset's Institute of Technology che mette a disposizione una porta alternativa. Per farlo, modificare /etc/pacman.d/gnupg/gpg.conf, rimpiazzando la linea dei keyserver keyserver hkp://keys.gnupg.net con keyserver hkp://pgp.mit.edu:11371. Qualora ci si fosse dimenticati di avviare pacman-key --populate archlinux si potrebbero avere degli errori tentando di importare le chiavi.

Disabilitare il controllo delle firme

Warning: Usare con cautela. Disabilitare la firma dei pacchetti permette a pacman di installare automaticamente pacchetti inaffidabili.

Se non si è interessati alla firma dei pacchetti, è possibile disabilitare il controllo delle firme PGP completamente. È sufficiente modificare /etc/pacman.conf e scommentare la linea seguente sotto [options]:

SigLevel = Never

Inoltre, nei singoli repository, è necessario commentare ogni settaggio del SigLevel specifico, in quanto essi sovrascrivono la configurazione globale. Da ciò consegue l'assenza di controllo delle firme (il comportamento predefinito prima di pacman 4). Se si decide di farlo, non è necessario impostare un portachiavi con pacman-key. Sarà possibile modificare tale opzione, qualora si decida di abilitare la verifica dei pacchetti.

Resettare tutte le chiavi

Se si desidera rimuovere ogni chiave installata nel proprio sistema, basta eliminare da root la cartella /etc/pacman.d/gnupg e dare di nuovo il comando pacman-key --init per generare una nuova chiave catena personale. Quindi sarà possibile procedere ad aggiungere nuove chiavi come meglio si desidera.

Fonti aggiuntive