Perl package guidelines (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 15:25, 23 March 2011 by Hilinus (Talk | contribs) (Modulo)

Jump to: navigation, search


This template has only maintenance purposes. For linking to local translations please use interlanguage links, see Help:i18n#Interlanguage links.


Local languages: Català – Dansk – English – Español – Esperanto – Hrvatski – Indonesia – Italiano – Lietuviškai – Magyar – Nederlands – Norsk Bokmål – Polski – Português – Slovenský – Česky – Ελληνικά – Български – Русский – Српски – Українська – עברית – العربية – ไทย – 日本語 – 正體中文 – 简体中文 – 한국어


External languages (all articles in these languages should be moved to the external wiki): Deutsch – Français – Română – Suomi – Svenska – Tiếng Việt – Türkçe – فارسی

Tango-preferences-desktop-locale.pngThis article or section needs to be translated.Tango-preferences-desktop-locale.png

Notes: please use the first argument of the template to provide more detailed indications. (Discuss in Talk:Perl package guidelines (Italiano)#)
Nota: Questo articolo è in fase di traduzione. Seguite per ora le istruzioni della versione inglese.

Nomenclatura pacchetti

Per quanto riguarda i moduli, il nome del pacchetto dovrebbe iniziare con perl- e il resto del nome dovrebbe essere ricavato dal nome del modulo scritto in minuscolo, sostituendo i due punti con dei trattini. Per esempio, il nome pacchetto corrispondente al modulo HTML::Parser sarà perl-html-parser. Le applicazioni in Perl, dovrebbero mantenere il loro nome, avendo però cura di scriverlo in minuscolo.

Posizione dei files

I moduli Perl dovrebbero installare i propri files in Template:Filename (questo comportamento si può ottenere impostando la variabile Template:Codeline, come mostrato sotto). Nessun file dovrebbe essere inserito in Template:Filename, poichè quella directory è riservata ai pacchetti Perl non installati tramite il package manager. I files Template:Filename e Template:Filename dovrebbero essere presenti. Le operazioni sopra elencate vengono eseguite nel PKGBUILD d'esempio mostrato sotto.

Esempio

Un PKGBUILD d'esempio può essere trovato in Template:Filename, file fornito dal pacchetto Template:Package Official. Viene anche riportato sotto (senza i commenti):

 # Contributor: Your Name <youremail@domain.com>
 pkgname=perl-foo-bar
 pkgver=VERSION
 pkgrel=1
 pkgdesc=""
 arch=()
 url=""
 license=('GPL' 'PerlArtistic')
 depends=('perl>=5.10.0')
 makedepends=()
 provides=()
 conflicts=()
 replaces=()
 backup=()
 options=(!emptydirs)
 install=
 source=(http://search.cpan.org/CPAN/authors/id/***/***-$pkgver.tar.gz)
 md5sums=()

 build() {
  cd "$srcdir/***-$pkgver"

  # install module in vendor directories.
  PERL_MM_USE_DEFAULT=1 perl Makefile.PL INSTALLDIRS=vendor || return 1
  make || return 1
  make install DESTDIR="$pkgdir/" || return 1

  ## for packages with Build.PL, do this instead:
  # perl Build.PL installdirs=vendor destdir="$pkgdir/"
  # perl Build
  # perl Build install

  # remove perllocal.pod and .packlist
  find "$pkgdir" -name perllocal.pod -delete
  find "$pkgdir" -name .packlist -delete
 }

 # vim:set ts=2 sw=2 et:

Nella maggior parte dei casi, è consigliato inserire any nell'array Template:Codeline, poichè molti pacchetti Perl sono indipendenti dall'architettura del sistema.

Automatizzazione

Poichè Perl si basa su CPAN, esistono alcuni script che eseguono quanto scritto sopra automaticamente, risparmiandovi dallo scrivere i PKGBUILD a mano.

Il metodo più consono allo stile Perl, è quello di usare il plugin Template:Codeline, che consente di generare automaticamente pacchetti per pacman. Il plugin è installabile da qui: Template:Package AUR

Esiste inoltre uno script, chiamato Template:Package Official, che è in grado di generare ricosivamente dei PKGBUILD per un dato modulo.

Vale la pena segnalare che Bauerbill supporta la generazione di PKGBUILD in modo simile a quanto fatto da Template:Codeline, così come è in grado di aggiornare tutti i moduli CPAN direttamente da CPAN stesso attraverso un'interfaccia a pacman. Assicurarsi di leggere la pagina di manuale di Bauerbill per le istruzioni d'uso.


Argomenti avanzati

Una volta che si è acquisita dimestichezza con la creazione di pacchetti perl, è possibile leggere la sezione sottostante, che potrebbe offrire parecchi spunti interessanti. Le informazioni sotto riportate potrebbero inoltre essere utili per risolvere i problemi di pacchettizzazione.

Glossario

Si dovrebbe aver già acquisito familiarità con i seguenti termini:

Modulo

In Perl, moduli sono dichiarati con la parola chiave Template:Codeline. Essi sono contenuti all'interno di un file con estensione Template:Filename, che può a sua volta ospitare diversi moduli al suo interno. I namespace dei moduli sono separati da Template:Codeline, (due doppi punti), ad esempio: Template:Codeline. Quando si carica un modulo, i due doppi punti sono sostituiti con uno slash. Per esempio, il modulo Template:Codeline caricherà il file Template:Filename.

Core Module

I Core Modules sono quelli inclusi in un'installazione di Perl, ed alcuni di essi sono disponibili solamente con Perl stesso. Altri moduli possono invece essere scaricati tramite CPAN.

Dist Packages

Sono l'equivalente Perl di un pacchetto di Archlinux. I dist packages sono archivi Template:Filename pieni di files con estensione .pm, tests, documentazione, e tutto il necessario per i moduli ivi contenuti.

Installazione di Perl locale

Il fatto che i programmatori perl potrebbero voler installare diverse versioni di perl potrebbe rappresentare un problema, benchè ciò sia utile per verificare la retrocompatibilità dei programmi. Compilare una propria versione di perl potrebbe garantire inoltre benefici prestazionali. Inoltre, poichè spesso il perl di sistema non è all'ultima versione disponibile, l'utente potrebbe decidere di voler provare una versione più recente.

Se l'utente ha l'eseguibile perl nel proprio Template:Codeline, esso verrà eseguito quando si scrive il comando "perl" nella shell. Inoltre, questo verrà eseguito anche all'interno del Template:Filename, cosa che potrebbe causare problemi di difficile individuazione.

Il problema principale risiede nei moduli XS, che fungono da bridge tra Perl e C, usando le API proprie del Perl. Poichè queste ultime possono cambiare in modo significativo tra due versioni di Perl, se l'utente compila dei moduli XS con la propria versione dell'interprete, questi saranno incompatibili con il Perl di sistema, il quale darà luogo ad un errore di linkin quando si proverà a caricarli.

Una soluzione potrebbe essere quella di specificare il path assoluto dell'interprete di sistema (Template:Filename) quando si richiama il comando perl nel Template:Filename.