Difference between revisions of "PulseAudio/Examples (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
(Created page with "Category:Audio/Video (Italiano) {{i18n|PulseAudio Examples}} ===Usare l'uscita HDMI e analogica contemporaneamente=== Pulseaudio permette l'output simulteaneo su più di...")
 
(No difference)

Revision as of 18:28, 10 February 2012

This template has only maintenance purposes. For linking to local translations please use interlanguage links, see Help:i18n#Interlanguage links.


Local languages: Català – Dansk – English – Español – Esperanto – Hrvatski – Indonesia – Italiano – Lietuviškai – Magyar – Nederlands – Norsk Bokmål – Polski – Português – Slovenský – Česky – Ελληνικά – Български – Русский – Српски – Українська – עברית – العربية – ไทย – 日本語 – 正體中文 – 简体中文 – 한국어


External languages (all articles in these languages should be moved to the external wiki): Deutsch – Français – Română – Suomi – Svenska – Tiếng Việt – Türkçe – فارسی

Usare l'uscita HDMI e analogica contemporaneamente

Pulseaudio permette l'output simulteaneo su più dispositivi. Nell'esempio presentato di seguito, alcune applicazioni sono configurate per usare l'uscita HDMI, mentre altre utilizzeranno quella analogica. E' possibile inviare l'audio a più applicazioni contemporaneamente.

Innanzitutto, bisogna conoscere il layout audio del proprio sistema, utilizzando l'utility aplay, contenuta nel pacchetto alsa-utils.


$ aplay -l
**** List of PLAYBACK Hardware Devices ****
card 0: Intel [HDA Intel], device 0: ALC889A Analog [ALC889A Analog]
  Subdevices: 0/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 0: Intel [HDA Intel], device 1: ALC889A Digital [ALC889A Digital]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 1: NVidia [HDA NVidia], device 3: HDMI 0 [HDMI 0]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 1: NVidia [HDA NVidia], device 7: HDMI 0 [HDMI 0]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 1: NVidia [HDA NVidia], device 8: HDMI 0 [HDMI 0]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0
card 1: NVidia [HDA NVidia], device 9: HDMI 0 [HDMI 0]
  Subdevices: 1/1
  Subdevice #0: subdevice #0

Sul sistema d'esempio, il dispositivo "card 0 device 0" indica l'output analogico. La chiave per realizzare con succcesso una configurazione come questa è capire che il dispositivo selezionato in pavucontrol, verrà trattato come quello di default. Si avvii pavucontrol, ci si rechi nella sezione Configurazion e si selezioni il profilo HDMI.

Si aggiungano poi le seguenti linee ad /etc/pulse/default.pa, per impostare l'uscita analogica come sorgente secondaria:

### Load analog device
load-module module-alsa-sink device=hw:0,0
load-module module-combine-sink sink_name=combined
set-default-sink combined

Si riavvii PulseAudio, e si selezioni la tab Playback in pavucontrol. Qui gli utenti potranno avviare ciascuna applicazione in una shell separata, e scegliere quale sorgente audio utilizzeranno attraverso l'opzione corrispondente nel menu a tendina.

Usare l'uscita analogica e digitale contemporaneamente

Si supponga di voler ascoltare della musica sul proprio pc usando il classico jack da 3.5mm collegato agli altoparlanti, e contemporaneamente inviare la stessa musica al proprio impianto hi-fi, situato in un'altra stanza, attraverso l'uscita digitale della propria scheda audio. Si potrebbe essere indotti a pensare che questo sia un problema di facile soluzione, ma per molti chipsets sono necessarie alcune modifiche, poichè i profili di default di Pulseaudio non permettono di usare entrambe le uscite contemporaneamente.

La soluzione è la seguente (riferimenti: http://superuser.com/questions/267442/how-to-get-simultaneous-sound-from-pulseadio-on-two-outputs-analog-and-digital). Viene usato Amarok come programma d'esempio.

Si installi pavucontrol. Non è necessario utilizzare l'utility "paprefs" per compiere questa operazione.

In un terminale, si esegua

pacmd -a

una utility necessaria a caricare i moduli Pulseaudio.

Si inseriscano i seguenti comandi in pacmd, in quest'ordine (i numeri per hw:0,0 sono ottenibili lanciando aplay -l nel terminale. Un numero è l'ID hardware per il dispositivo analogico, l'altro per il digitale):

 load-module module-alsa-sink device="hw:0,0" sink_name=analog_output
 load-module module-alsa-sink device="hw:0,1" sink_name=digital_output
 load-module module-combine sink_name=analog_digital slaves=digital_output,analog_output

Si apra pavucontrol da un terminale.

Nella tab "Playback" di pavucontrol, si selezioni "Simultaneous output to Internal Audio, Internal Audio" per Amarok (sarà necessario che il programma in questione sia avviato e in riproduzione) In "Configurazione" si selezioni "Digital Stereo Dublex (IEC958)" per "Internal Audio" (i nomi potrebbero variare, a seconda di come ALSA nomina i dispositivi). A questo punto, dovreste essere in grado di sentire Amarok suonare usando entrambe le uscite, analogica e digitale!

La soluzione proposta sopra è valida finchè pacmd è in esecuzione, ed è specifica per l'applicazione su cui vengono applicate le impostazioni (in questo caso, Amarok).

Per impostare i sinks ad ogni reboot e per tutte le applicazioni audio, ai aggiungano i comandi di cui sopra al proprio /etc/pulse/default.pa. Potrebbe essere necessario aggiungerli all'inizio del file, sopra la linea "### Automatically restore the volume of streams and devices", o potrebbe non funzionare come richiesto.

Infine, si usino le preferenze audio di GNOME3 per impostare l'uscita di default di sistema su "Simultaneous output to Internal Audio, Internal Audio".

Sistemi surround

Molte persone hanno una scheda che supporta il surround, ma diffusori che usano solamente due canali, cosa che impedisce a Pulseaudio di configurarsi per il supporto al surround in modo automatico. Per abilitare tutti i canali, modificare /etc/pulse/daemon.conf: si decommenti la linea "default-sample-channels" (ossia si rimuova il ';' dall'inizio della linea), modificando il valore a 6 se si ha un impianto 5.1, oppure a 8 se si dispone di un sistema 7.1.

# Default
default-sample-channels=2
# Sistemi 5.1
default-sample-channels=6
# Sistemi 7.1
default-sample-channels=8

Dopo aver effettuato le modifiche, sarà necessario riavviare Pulseaudio.

Dividere le uscite frontali/posteriori

Si potrebbe voler connettere gli altoparlanti all'output analogico frontale e le cuffie a quello posteriore. Sarebbe utile dividere le uscite in sink separati. Si aggiunga al file default.pa:

load-module module-remap-sink sink_name=speakers remix=no master=alsa_output.pci-0000_05_00.0.analog-surround-40 channels=2 master_channel_map=front-left,front-right channel_map=front-left,front-right
load-module module-remap-sink sink_name=headphones remix=no master=alsa_output.pci-0000_05_00.0.analog-surround-40 channels=2 master_channel_map=rear-left,rear-right  channel_map=front-left,front-right

(Si sostituisca alsa_output.pci-0000_05_00.0.analog-surround-40 con il nome della propria scheda audio, ottenuto con pacmd list-sinks).

E' ora possibile scegliere se usare le cuffie o gli altoparlanti direttamente dal player audio.

Remixing LFE

Di default, Pulseaudio effettua il remix del numero di canali basandosi sul valore di default-sample-channels, escludendo però il canale LFE. Per abilitare il remixing LFE, si decommenti la linea:

; enable-lfe-remixing = no

sostituendo "no" con "yes":

enable-lfe-remixing = yes

Si riavvii quindi Pulseaudio.

Configurazione avanzata di ALSA

Affinché ALSA utilizzi Pulseaudio, è necessario modificare il file /etc/asound.conf (modifiche effettive per tutto il sistema; raccomandato) oppure ~/.asoundrc (modifiche applicate solo per l'utente corrente):

/etc/asound.conf
pcm.pulse {
    type pulse
}
ctl.pulse {
    type pulse
}
pcm.!default {
    type pulse
}
ctl.!default {
    type pulse
}

Se si omettono gli ultimi due gruppi, Pulseaudio non sarà usato come predefinito. Sarà quindi necessario cambiare il device ALSA in "pulse" nelle applicazioni che lo utilizzano affinché funzioni.

Nota: È anche possibile installare semplicemente il pacchetto pulseaudio-alsa.

ALSA Monitor source

Per registrare da una monitor source (ossia "What-U-Hear", "Stereo Mix"), si utilizzi pactl list per individuare il nome della sorgente in Pulseaudio (es: alsa_output.pci-0000_00_1b.0.analog-stereo.monitor). Si aggiungano quindi le linee simili a quella di cui sopra al file /etc/asound.conf, oppure ~/.asoundrc:

pcm.pulse_monitor {
  type pulse
  device alsa_output.pci-0000_00_1b.0.analog-stereo.monitor
}
ctl.pulse_monitor {
  type pulse
  device alsa_output.pci-0000_00_1b.0.analog-stereo.monitor
}

È ora possibile selezionare pulse_monitor come sorgente di registrazione.

È altresì possibile usare pavucontrol per svolgere questo compito: ci si assicuri di aver impostato il display su "All input Devices" e si selezioni "Monitor of [nome scheda audio]" come sorgente di registrazione.

Configurazione dell'uscita HDMI

Come sottolineato in ftp://download.nvidia.com/XFree86/gpu-hdmi-audio-document/gpu-hdmi-audio.html#_issues_in_pulseaudio, a causa di un bug di Pulseaudio, usando una scheda video con supporto HDMI, non verrà riprodotto alcun suono a meno che la porta HDMI sia impostata come primo dispositivo di output. La soluzione proposta sotto, consiste nello scoprire quale output HTMI funziona usando l'utility aplay, contenuta nel pacchetto alsa-utils.

Il titolo originale di questa sezione assumeva che il problema fosse relativo alle sole schede nvidia, ma come si è visto in questo thread, anche altre schede video potrebbero esserne affette. Il resto dell'articolo, userà una scheda nvidia come esempio, ma la soluzione dovrebbe applicarsi anche agli utilizzatori di schede diverse.

Trovare l'output HDMI

# aplay -l
sample output:
 **** List of PLAYBACK Hardware Devices ****
 card 0: NVidia [HDA NVidia], device 0: ALC1200 Analog [ALC1200 Analog]
   Subdevices: 1/1
   Subdevice #0: subdevice #0
 card 0: NVidia [HDA NVidia], device 3: ALC1200 Digital [ALC1200 Digital]
   Subdevices: 1/1
   Subdevice #0: subdevice #0
 card 1: NVidia_1 [HDA NVidia], device 3: HDMI 0 [HDMI 0]
   Subdevices: 1/1
   Subdevice #0: subdevice #0
 card 1: NVidia_1 [HDA NVidia], device 7: HDMI 0 [HDMI 0]
   Subdevices: 0/1
   Subdevice #0: subdevice #0
 card 1: NVidia_1 [HDA NVidia], device 8: HDMI 0 [HDMI 0]
   Subdevices: 1/1
   Subdevice #0: subdevice #0
 card 1: NVidia_1 [HDA NVidia], device 9: HDMI 0 [HDMI 0]
   Subdevices: 1/1
   Subdevice #0: subdevice #0

Identificare la scheda corretta

Ora che si dispone di un elenco di tutte le schede rilevate, è necessario scoprire quale di esse invia l'output al tv/monitor:

# aplay -D plughw:1,3 /usr/share/sounds/alsa/Front_Right.wav

Dove 1 rappresenta la scheda e 3 è il device (i valori sono quelli elencati nella sezione precedente). Se non viene riprodotto alcun suono, si provi ad usare un device differente (nel mio caso ho dovuto usare la scheda 1 e il subdevice 7).

Configurare Pulseaudio per rilevare l'uscita HDMI Nvidia

Una volta ricavato il dispositivo funzionante, è necessario forzare Pulseaudio ad usarlo. Si modifichi /etc/pulse/default.pa, aggiungendo la seguente linea:

# load-module module-alsa-sink device=hw:1,7

Dove 1 e 7 rappresentano i valori trovati nella sezione precedente.

Si riavvii quindi Pulseaudio:

# killall pulseaudio

Si apra il pannello impostazioni del suono, e ci si assicuri che, sotto la scheda "Hardware", l'audio HDMI della scheda video sia impostato su "Digital Stereo (HDMI) Output" (L'audio della mia scheda video era identificato con "GF100 High Definition Audio Controller").

Si apra quindi la scheda "Output", dove dovrebbero ora apparire due output HDMI per la scheda video. Si verifichi quale dei due funziona selezionandolo e poi aprendo un programma per la riproduzione audio (ad esempio, si usi VLC per riprodurre un filmato: se non si ottiene nessun suono, selezionare l'altra uscita).

Streaming audio via rete attraverso Pulseaudio

Una delle caratteristiche più interessanti di Pulseaudio è la possibilità di effettuare lo streaming audio dai clients, attraverso i protocollo TCP, al server che ha in esecuzione il demone Pulseaudio, permettendo all'audio di essere trasmesso in streaming attraverso la propria LAN.

Affinché questo funzioni, è necessario abilitare il relativo modulo in Pulseaudio e copiare il pulse-cookie sui clients.

Supporto TCP (streaming audio via rete)

Per abilitare il modulo TCP, aggiungere questa riga (o decommentarla, se già presente) al file /etc/pulse/default.pa:

load-module module-native-protocol-tcp

Nota: Se si riscontrano problemi di connessione, si usi (sul server):

pacmd>> list-modules

È persino possibile caricare i moduli da qui!

Publishing attraverso Zeroconf (avahi)

Affinché il server Pulseaudio remoto appaia nel Device Chooser di Pulseaudio (padevchooser), sarà necessario aggiungere avahi-daemon all'array DAEMONS in rc.conf, sia sui clients che sul server.

Cambiare il server Pulseaudio usato dai clients X locali

Per scegliere tra diversi server sul client da dentro X, è possibile utilizzare il comando pax11publish. Per esempio, per usare, al posto di quello di default, il server avviato sulla macchina con hostname foo:

$ pax11publish -e -S foo

Oppure, per tornare al server di default:

$ pax11publish -e -r

Si noti che, affinché il cambio abbia effetto, è necessario riavviare i programmi che usano Pulseaudio.

Quando ogni altro tentativo risulta vano

Si noti che quanto presentato di seguito, è un fix temporaneo e non rappresenta una soluzione permanente.

Sul server:

$ paprefs

Accesso alla rete -> Abilitare l'accesso per i dispositivi audio locali (Selezionare sia 'Permetti discover' che 'Non richedere autenticazione').

Sul client:

$ export PULSE_SERVER=server.ip && mplayer test.mp3

Pulseaudio attraverso JACK (il metodo ancora più nuovo)

Questo metodo funzionerà solo con jackdbus (JACK compilato con il supporto a D-Bus).

load-module module-jackdbus-detect

Come descritto sulla pagina relativa alla pacchettizzazione di Jack-DBUS:

L'autoavvio del server è implementato come una chiamata a D-Bus che attiva automaticamente il servizio D-Bus relativo a Jack, nel caso in cui non sia già stato avviato automaticamente, ed inizializza il server Jack. L'interazione corretta con PulseAudio avviene attraverso un sistema di "acquisizione/rilascio" della scheda audio basato su D-Bus. Quando il server Jack si avvia, richiede al servizio D-Bus di prendere possesso della scheda audio e PulseAudio la rilascia immediatamente. Al contrario, quando il server viene fermato, è quest'ultimo a rilasciare la scheda audio che potrà così essere di nuovo gestita da PulseAudio.

module-jackdbus-detect.so carica e rimuove dinamicamente i moduli module-jack-sink e module-jack-source quando jackdbus viene avviato o fermato.

Pulseaudio attraverso JACK (nuovo metodo)

Uccidere Pulseaudio non è una buona idea, poichè potrebbe far crashare le applicazioni che lo stanno utilizzando ed interrompere la riproduzione dell'audio.

Si procederà come segue:

  1. PulseAudio rilascia la scheda audio
  2. Jack ne prende possesso e si avvia
  3. Lo script redirige PulseAudio a JACK
  4. inviare manualmente l'output delle applicazioni PulseAudio a JACK (pavucontrol potrebbe essere d'aiuto in questo caso)
  5. usare programmi JACK
  6. attraverso lo script, smettere di redirigere l'output di PulseAudio a JACK
  7. uccidere JACK e rilasciare la scheda audio
  8. PulseAudio riprende possesso della scheda e redirige l'audio di conseguenza

Con QJackCTL, implementare questi script:

Script da eseguire all'avvio: pulse-jack-pre-start.sh

#!/bin/bash
pacmd suspend true

Script da eseguire dopo l'avvio: pulse-jack-post-start.sh

#!/bin/bash
pactl load-module module-jack-sink channels=2
pactl load-module module-jack-source channels=2
pacmd set-default-sink jack_out
pacmd set-default-source jack_in

Script da eseguire allo spegnimento: pulse-jack-pre-stop.sh

#!/bin/bash
SINKID=$(pactl list | grep -B 1 "Name: module-jack-sink" | grep Module | sed 's/[^0-9]//g')
SOURCEID=$(pactl list | grep -B 1 "Name: module-jack-source" | grep Module | sed 's/[^0-9]//g')
pactl unload-module $SINKID
pactl unload-module $SOURCEID
sleep 5

Script da eseguire dopo lo spegnimento: pulse-jack-post-stop.sh

#!/bin/bash
pacmd suspend false

Pulseaudio attraverso JACK (vecchio metodo)

Il JACK-Audio-Connection-Kit è popolare tra chi lavora in ambito audio, ed è ampiamente supportato dalle relative applicazioni Linux. Si inserisce in una nicchia d'uso simile a quella occupata da Pulseaudio, ma è più adatto ad essere usato da chi lavora in ambito multimediale. In particolare, applicazioni audio come Ardour e Audacity (recentemente), funzionano bene con Jack.

Pulseaudio fornisce i moduli jack-source e jack-sink, che gli permettono di essere avviato come sound server sopra al demone JACK. Ciò consente di impostare valori di volume personalizzati per ogni applicazione che lo necessiti, applicazioni play-back per filmati ed audio, consentendo al tempo stesso di stabilire una interconnettività a bassa latenza per applicazioni di sound processing che si connettono a JACK.

Tuttavia, ciò impedirà a Pulseaudio di scrivere direttamente nei buffers della scheda audio, cosa che aumenterà l'uso complessivo della CPU.

Per provare ad utilizzare Pulseaudio su JACK, è necessario caricare i relativi moduli all'avvio:

pulseaudio -L module-jack-sink -L module-jack-source

Per usare Pulsaudio con JACK, questo deve essere caricato prima di Pulseaudio, usando un metodo di vostra scelta. Pulseaudio deve quindi essere avviato avendo cura di caricare due moduli rilevanti. Si modifichi /etc/pulse/default.pa, cambiando la seguente parte:

### Load audio drivers statically (it is probably better to not load
### these drivers manually, but instead use module-hal-detect --
### see below -- for doing this automatically)
#load-module module-alsa-sink
#load-module module-alsa-source device=hw:1,0
#load-module module-oss device="/dev/dsp" sink_name=output source_name=input
#load-module module-oss-mmap device="/dev/dsp" sink_name=output source_name=input
#load-module module-null-sink 
#load-module module-pipe-sink
### Automatically load driver modules depending on the hardware available
.ifexists module-udev-detect.so
load-module module-udev-detect
.else
### Alternatively use the static hardware detection module (for  systems that
### lack udev support)
load-module module-detect
.endif

In questo modo:

### Load audio drivers statically (it is probably better to not load
### these drivers manually, but instead use module-hal-detect --
### see below -- for doing this automatically)
#load-module module-alsa-sink
#load-module module-alsa-source device=hw:1,0
#load-module module-oss device="/dev/dsp" sink_name=output source_name=input
#load-module module-oss-mmap device="/dev/dsp" sink_name=output source_name=input
#load-module module-null-sink
#load-module module-pipe-sink
load-module module-jack-source
load-module module-jack-sink
### Automatically load driver modules depending on the hardware available
#.ifexists module-udev-detect.so
#load-module module-udev-detect
#.else
### Alternatively use the static hardware detection module (for  systems that
### lack udev support)
#load-module module-detect
#.endif

Sostanzialmente, viene qui impedito il caricamento del modulo udev-detect, il quale cercherà di prendere il controllo della vostra scheda audio. (JACK ha già effettutato questa operazione, perciò si otterrà un errore se il modulo viene caricato). Inoltre, i moduli jack-source e jack-sink, devono essere caricati esplicitamente.

QjackCtl con script di avvio/shutdown

Usando le impostazioni descritte sopra, è possibile usare QjackCtl per eseguire uno script all'avvio e allo spegnimento per avviare/terminare Pulseaudio. Una delle ragioni percui si possa voler fare una cosa simile è che i cambiamenti riportati sopra disabilitano i moduli di Pulseaudio che si occupano dell'autorilevazione dell'hardware.

Le impostazioni che seguono, sono adatte per utilizzare Pulseaudio con JACK, benché gli script possano essere modificati per essere usati con un setup diverso da questo. Terminare e riavviare Pulseaudio mentre dei programmi lo stanno utilizzando potrebbe rivelarsi problematico.

L'esempio seguente può essere usato e modificato secondo le proprie necessità in uno script d'avvio che avvia Pulseaudio in modalità demone e carica il programma padevchooserAUR (opzionale, va compilato dopo averlo scaricato da AUR) chiamato jack_startup:

#!/bin/bash
#Load PulseAudio and PulseAudio Device Chooser
pulseaudio -D
padevchooser&

Segue uno script di shutdown che termina Pulseaudio, chiamato jack_shutdown, da posizionare anch'esso nella propria home directory:

#!/bin/bash
#Kill PulseAudio and PulseAudio Device Chooser
pulseaudio --kill
killall padevchooser

Entrambi gli script devono essere resi eseguibili:

chmod +x jack_startup jack_shutdown

Poi, una volta avviato QjackCtl, fare click sul pulsante setup, selezionare il tab Opzioni e spuntare "Execute Script after Startup" e "Execute Script on Shutdown", quindi specificare il percorso relativo ai due script appena visti, avendo cura di salvare le modifiche apportate.

Pulseaudio attraverso OSS

Si aggiunga la seguente riga ad /etc/pulse/default.pa

load-module module-oss

Poi si avvii Pulseaudio come al solito. Dovrebbero essere disponibili sinks e sorgenti per i propri dispositivi OSS.

Pulseaudio da chroot

Poiché un ambiente di chroot definisce una root alternativa per l'ingabbiamento e l'utilizzo delle applicazioni, Pulseaudio deve essere installato all'interno dello stesso (pacman -S pulseaudio dato da dentro l'ambiente di chroot).

Se Pulseaudio non è configurato per connettersi ad un server specifico (si può ovviare modificando /etc/pulse/client.conf, usando la variabile d'ambiente PULSE_SERVER, oppure tramite l'annuncio alle proprietà locali di X11 usando il modulo x11-publish), tenterà di connettersi al server Pulseaudio locale, fallendo ed avviando una nuova istanza dello stesso. Ogni server Pulseaudio è identificato da un ID univoco basato sul valore machine-id contenuto in /var/lib/dbus. Affinché le applicazioni eseguite all'interno del chroot possano accedere al server, le seguenti directory devono essere montate nel chroot:

/var/run
/var/lib/dbus
/tmp
~/.pulse

Si consiglia di montare anche /dev/shm per ottenere le massime performance ed efficienza. Si noti che montando la /home, è possibile condividere la cartella ~/.pulse.

Per istruzioni specifiche su come effettuare i vari mount, si faccia riferimento al wiki relativo all'installazione di un ambiente chroot a 32 bit, specialmente si legga la sezione aggiuntiva relativa a Pulseaudio.


Equalizzatore di sistema

La qualità del suono di Pulseaudio può essere migliorata usando un equalizzatore di sistema: ci sono diversi tools per farlo. Ulteriori informazioni sui pro e i contro di ogni tool, sono reperibili qui. Ogni applicazione può essere esclusa tramite pavucontrol.

pulseaudio-equalizer

Un semplice ed user-friendly tool gtk, che è possibile scaricare da AUR a questo indirizzo.

Nota: Se si rimuove pulseaudio-equalizer, è necessario commentare la relativa sezione generata in $HOME/.pulse/default.pa, o potrebbero verificarsi strani problemi.
Nota: Se il livello del volume si imposta automaticamente al massimo, o se si verificano degli stridii durante il cambio delle sorgenti sonore, si segua quanto scritto qui. Trovare poi la sezione chiamata "Equalized audo configuration" in $HOME/.pulse/default.pa e commentare la linea set-sink-volume.

qpaeq

Un semplice tool in qt che è fornito di default con Pulseaudio e supporta più bande rispetto a pulseaudio-equalizer (si ridimensioni la finestra in senso orizzontale), ma manca di presets facilmente accessibili. Potrebbe essere necessario impostarlo manualmente come equalizzatore predefinito. Si trova in /usr/bin/qpaeq e richiede python2-pyqt per essere eseguito.

Nota: Se qpaeq crasha all'avvio, ci si assicuri che load-module module-equalizer-sink sia presente in /etc/pulse/default.pa o $HOME/.pulse/default.pa.
Nota: Se l'equalizzatore non ha effetto (ad esempio, se non viene inibita la riproduzione dei suoni impostando a zero la barra di preampiflicazione di "qpaeq"), potrebbe essere necessario collegare i sink audio delle applicazioni in uso all'equalizzatore. Per farlo, si aggiunga set-default-sink equalized a /etc/pulse/default.pa o a $HOME/.pulse/default.pa.