rc.conf (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 13:37, 28 February 2012 by 4javier (Talk | contribs)

Jump to: navigation, search

This template has only maintenance purposes. For linking to local translations please use interlanguage links, see Help:i18n#Interlanguage links.


Local languages: Català – Dansk – English – Español – Esperanto – Hrvatski – Indonesia – Italiano – Lietuviškai – Magyar – Nederlands – Norsk Bokmål – Polski – Português – Slovenský – Česky – Ελληνικά – Български – Русский – Српски – Українська – עברית – العربية – ไทย – 日本語 – 正體中文 – 简体中文 – 한국어


External languages (all articles in these languages should be moved to the external wiki): Deutsch – Français – Română – Suomi – Svenska – Tiếng Việt – Türkçe – فارسی

Summary help replacing me
Dettagli sul principale file di configurazione usato in Arch Linux.
Articoli relativi
Arch Boot Process (Italiano)

/etc/rc.conf è il file di configurazione di sistema per le impostazioni specifiche di Arch. Al suo interno è possibile impostare alcuni dei settaggi più comuni come timezone, keymap, moduli del kernel e demoni da caricare all'avvio, etc.

Introduzione

L'aspetto generale del file rc.conf è molto cambiato nel corso di Gennaio 2012. Molti dei commenti sono stati rimossi e trasferiti in maniera più esplicativa all'interno della pagina di manuale relativa. Di seguito un esempio di come apparirà il file /etc/rc.conf su di un sistema aggiornato (sorgente).

/etc/rc.conf
#
# /etc/rc.conf - Main Configuration for Arch Linux
#	
# See 'man 5 rc.conf' for more details
# 

# LOCALIZATION
# ------
HARDWARECLOCK="UTC"
TIMEZONE="Europe/Rome"
KEYMAP="us"
CONSOLEFONT=
CONSOLEMAP=
LOCALE="it_IT.UTF-8"
DAEMON_LOCALE="yes"
USECOLOR="yes"


# HARDWARE
# -------
MODULES=()
USEDMRAID="no"
USEBTRFS="no"
USELVM="no"

# NETWORKING
# --------
HOSTNAME="myhost"
interface=
address=
netmask=
broadcast=
gateway=

NETWORK_PERSIST="no"

# DAEMONS
# --------
#
DAEMONS=(syslog-ng network crond)

Localizzazione

  • HARDWARECLOCK (OPZIONALE): specifica se l'orologio di sistema, che viene sincronizzato ad ogni avvio e spegnimento del sistema, utilizza il formato UTC o localtime. Se questa variabile non viene impostata, il sistema utilizzerà il valore memorizzato da hwclock all'interno di /var/lib/hwclock/adjtime. UTC semplifica di molto i cambi di fuso orario e di ora, facendo risparmiare tempo. D'altro canto localtime è necessario se Arch Linux è installato in dual boot con un sistema operativo che supporta solo la gestione locale dell'orologio, come Windows.
Nota: Il sistema effettua i cambiamenti dell'ora legale quando HARDWARECLOCK è impostato su UTC, indipendentemente dal fatto che fosse in esecuzione sul sistema l'ora legale o meno. Quando invece HARDWARECLOCK è impostato su localtime, il sistema non effettua il passaggio, in quanto considera che sul computer potrebbe esserci un'altro sistema operativo, e che l'altro sistema si occupa dei cambiamenti all'ora legale. In tal caso, il cambiamento dell'ora legale deve essere impostato manualmente.
Nota: Windows Vista SP2 and Windows 7 dispongono del supporto ad UTC. La soluzione è aggiungere una DWORD con valore esadecimale 1 HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\TimeZoneInformation\RealTimeIsUniversal nel registro (tramite regedit). Windows XP e Windows Vista SP1 dispongono di un supporto parziale ad UTC che può essere attivato nella stessa maniera, ma è presente un bug dopo il resume dalla sospensione/ibernazione che resetta l'impostazione su localtime, è quindi sconsigliato usare questo metodo con tale sistema operativo.
  • TIMEZONE (OPZIONALE): Specifica il proprio fuso orario. I possibili valori sono i percorsi relativi al proprio fuso orario all'interno della directory /usr/share/zoneinfo. Il fuso orario standard italiano sarà quindi Europe/Rome, che fa riferimento al file /usr/share/zoneinfo/Europe/Rome. Se questa variabile non viene impostata, la timezone viene lasciata così com'è, e può essere resettata modificando manualmente /etc/localtime.
  • KEYMAP: Il layout di tastiera che si desidera utilizzare. Lo standard italiano è "it". I possibii valori sono consultabili in /usr/share/kbd/keymaps. Il settaggio di questo campo imposta la tastiera solo ed esclusivamente per la console, non è valido per il server grafico X.
  • CONSOLEFONT Definisce il font che deve essere caricato all'avvio tramite il comando setfont per essere utilizzato nella console. I possibili valori sono consultabili in /usr/share/kbd/consolefonts. Per maggiori informazioni cosultare: Fonts in console
  • CONSOLEMAP: Definisce la mappa di console da caricare all'avvio con il comando setfont. Le possibili mappe sono consultabili in /usr/share/kbd/consoletrans. E' consigliabile impostare una mappa compatibile con il proprio locale (8859-1 per Latin1, ad esempio). Se normalmente utilizzate X11 non preoccupatevene, questa impostazione influenza solo ed esclusivamente la console.
  • LOCALE: Qui viene impostata la lingua di sistema, che verrà utilizzata da tutte le applicazioni i18n-compatibili. Potete avere un elenco completo di tutte le lingue disponibili eseguendo locale -a da linea di comando. All'inizio troverete l'impostazione per l'inglese US, per impostare l'italiano come lingua di sistema inserite "it_IT.utf8" (ricordatevi poi di decommentare la relativa linea nel file /etc/locale.gen e di eseguire il comando locale-gen per rigenerare i file di sistema relativi alla lingua). La variabile LANG all'interno di /etc/locale.conf, se impostata ha la precedenza, e gli utenti di shell di login che non possono effettuare il source di /etc/rc.conf, dovrebbero servirsi di quest'ultima.
  • USECOLOR: Abilita (o disabilita) i messaggi di stato colorati all'avvio.

Hardware

  • MOD_AUTOLOAD: Se impostato a "yes", Arch controllerà l'hardware all'avvio cercando di caricare automaticamente i moduli necessari. Questo è fatto tramite udev.
Nota: MOD_AUTOLOAD è deprecato a partire dalla versione 2011.06.1-1 del pacchetto initscripts e non ha effetto. È possibile utilizzare le regole di udev per ottenere le stesse funzionalità.
  • MODULES: In questa lista vanno elencati tutti i moduli che si vogliono caricare all'avvio in aggiunta a quelli caricati automaticamente.
Nota: Il blacklisting dei moduli all'interno di /etc/rc.confrc.conf è da considerarsi una procedura obsoleta, e non è più supportato a partire dalla versione 2011.06.1-1 degli initscripts. Tutte le istruzioni per il blacklisting devono essere specificate all'interno di /etc/modprobe.d/.
Nota: Non è detto che i metodi qui elencati, vengano effettivamente caricati nello stesso ordine, in quanto potrebbero anche venire caricati su richiesta da udev. Ad es., per essere certi che le interfaccie di rete non cambino nome ad ogni riavvio, la cosa migliore è creare [(Italiano)#Ordinamento delle periferiche.2C schede di rete.2Faudio che cambiano ordine ad ogni avvio|una regola di udev apposita].
  • USELVM: Scansiona i volumi LVM all'avvio, necessario se usate LVM. Se impostato a "YES" effettua vgchange durante il sysinit.

Gestione della rete

  • HOSTNAME: Imposta il nome dell'host, tralasciando il dominio. Può essere impostato arbitrariamente, utilizzando però solo caratteri tipo lettere, numeri e pochi altri come "-".
  • Sono disponibili due metodi per configurare la gestione della rete tramite /etc/rc.conf. Il metodo "A Interfaccia Singola" (interface,address,netmask,gateway), ed il metodo NETWORKS/ netcfg. La variabile DAEMONS dovrebbe riflettere il metodo scelto.
    • Interfaccia Singola:
    1. Modificare le quattro variabili interface, address, netmask, e gateway in /etc/rc.conf.
    2. Caricare il demone network nell'array DAEMONS.
    1. Configurare i profili di netcfg in /etc/network.d.
    2. elencarli all'interno di NETWORKS nel file /etc/rc.conf.
    3. Caricare il demone net-profiles nell'array DAEMONS

Demoni

  • DAEMONS: Questo array è una semplice lista di nomi, corrispondenti ai nomi dei file contenuti in /etc/rc.d/, utili all'avvio dei demoni desiderati durante il bootup del sistema. Se il nome di un demone viene preceduto da un "!" il corrispettivo script non sarà avviato. Se invece viene usato il prefisso "@" il demone verrà avviato in background, ovvero la sequenza di boot non attenderà il termine dell'esecuzione del relativo script per proseguire. Di solito non è necessario modificare le impostazioni predefinite per ottenere un sistema funzionante, ma si dovrà modificare questa stringa ogni volta che si installa un qualche servizio di sistema, come ad esempio sshd, e si vuole avviarlo automaticamente durante il boot. Questa è la modalità in cui Arch gestisce quello che normalmente le altre distribuzioni gestiscono tramite collegamenti simbolici ad una directory init.d. Per ulteriori informazioni, consultare Writing rc.d scripts
Nota: L'ordine dei demoni nell'array è importante, infatti verranno caricati nell'ordine specificato.