Rc.conf (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 16:43, 4 March 2008 by NICFury (Talk | contribs) (New page: {{i18n_links_start}} {{i18n_entry|English|Rc.conf}} {{i18n_entry|Italiano|Rc.conf (Italiano)}} {{i18n_links_end}} =Introduzione= Il file rc.conf (/etc/rc.conf) è il principale file di co...)

(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

Template:I18n links start Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n links end

Introduzione

Il file rc.conf (/etc/rc.conf) è il principale file di configurazione utilizzato in Arch Linux. Al suo interno è possibile impostare alcuni dei settaggi più comuni come timezone, keymap, moduli del kernel e demoni da caricare all'avvio, etc. mantenendo così il sistema pulito e facilmente cofigurabile da un unico file principale di configurazione.

Di seguito un esempio di come troverete il file rc.conf subito dopo l'installazione.

#
# /etc/rc.conf - Main Configuration for Arch Linux
#

#
# -----------------------------------------------------------------------
# LOCALIZATION
# -----------------------------------------------------------------------
#
# LOCALE: available languages can be listed with the 'locale -a' command
# HARDWARECLOCK: set to "UTC" or "localtime"
# TIMEZONE: timezones are found in /usr/share/zoneinfo
# KEYMAP: keymaps are found in /usr/share/kbd/keymaps
# CONSOLEFONT: found in /usr/share/kbd/consolefonts (only needed for non-US)
# CONSOLEMAP: found in /usr/share/kbd/consoletrans
# USECOLOR: use ANSI color sequences in startup messages
#
LOCALE="en_US.utf8"
HARDWARECLOCK="localtime"
TIMEZONE="Canada/Pacific"
KEYMAP="us"
CONSOLEFONT=
CONSOLEMAP=
USECOLOR="yes"

#
# -----------------------------------------------------------------------
# HARDWARE
# -----------------------------------------------------------------------
#
# Scan hardware and load required modules at bootup
MOD_AUTOLOAD="yes"
# Module Blacklist - modules in this list will never be loaded by udev
MOD_BLACKLIST=()
#
# Modules to load at boot-up (in this order)
#   - prefix a module with a ! to blacklist it
#
MODULES=()
# Scan for LVM volume groups at startup, required if you use LVM
USELVM="no"

#
# -----------------------------------------------------------------------
# NETWORKING
# -----------------------------------------------------------------------
#
HOSTNAME="myhost"
#
# Use 'ifconfig -a' or 'ls /sys/class/net/' to see all available
# interfaces.
#
# Interfaces to start at boot-up (in this order)
# Declare each interface then list in INTERFACES
#   - prefix an entry in INTERFACES with a ! to disable it
#   - no hyphens in your interface names - Bash doesn't like it
#
# Note: to use DHCP, set your interface to be "dhcp" (eth0="dhcp")
#
eth0="eth0 192.168.0.2 netmask 255.255.255.0 broadcast 192.168.0.255"
INTERFACES=(eth0)
#
# Routes to start at boot-up (in this order)
# Declare each route then list in ROUTES
#   - prefix an entry in ROUTES with a ! to disable it
#
gateway="default gw 192.168.0.1"
ROUTES=(!gateway)
#
# Enable these network profiles at boot-up.  These are only useful
# if you happen to need multiple network configurations (ie, laptop users)
#   - set to 'menu' to present a menu during boot-up (dialog package required)
#   - prefix an entry with a ! to disable it
#
# Network profiles are found in /etc/network-profiles
#
#NET_PROFILES=(main)

#
# -----------------------------------------------------------------------
# DAEMONS
# -----------------------------------------------------------------------
#
# Daemons to start at boot-up (in this order)
#   - prefix a daemon with a ! to disable it
#   - prefix a daemon with a @ to start it up in the background
#
DAEMONS=(syslog-ng network netfs crond)


# End of file


Localizzazione

  • LOCALE: Qui viene impostata la lingua di sistema, che verrà utilizzata da tutte le applicazioni i18n-compatibili. Potete avere un elenco completo ddi tutte le lingue disponibili eseguendo "locale -a" da linea di comando. All'inizio troverete l'impostazione per l'inglese US, per impostare l'italiano come lingua di sistema inserite "it_IT.utf8" (ricordatevi poi di decommentare la relativa linea nel file /etc/locale.gen e di eseguire il comando locale-gen per rigenerare i file di sistema relativi alla lingua).
  • HARDWARECLOCK: Viene specificato se l'orologio di sistema, che viene sincronizzato ad ogni avvio e spegnimento del sistema, utilizza il formato UTC, o è gestito localmente. UTC semplifica di molto i cambi di fuso orario e di ora, facendo risparmiare tempo. D'altro canto localtime è necessario se Arch Linux è installato in dual boot con un sistema operativo che supporta solo la gestione locale dell'orologio, come Windows.
  • TIMEZONE: Specifica il proprio fuso orario. I possibili valori sono i percorsi relativi al proprio fuso orario all'interno della directory /usr/share/zoneinfo. Il fuso orario standard italiano sarà quindi Europe/Rome, che fa riferimento al file /usr/share/zoneinfo/Europe/Rome.
  • KEYMAP: Il layout di tastiera che si desidera utilizzare. Lo standard italiano è "it". I possibii valori sono consultabili in /usr/share/kbd/keymaps. Il settaggio di questo campo imposta la tastiera solo ed esclusivamente per la console, non è valido per il server grafico X.
  • CONSOLEFONT: Definisce il font che deve essere caricato all'avvio tramite il comando setfont per essere utilizzato nella console. I possibili valori sono consultabili in /usr/share/kbd/consolefonts. Per maggiori informazioni cosultare: Fonts in console
  • CONSOLEMAP: Definisce la mappa di console da caricare all'avvio con il comando setfont. Le possibili mappe sono consultabili in /usr/share/kbd/consoletrans. E' consigliabile impostare una mappa compatibile con il proprio locale (8859-1 per Latin1, ad esempio). Se normalmente utilizzate X11 non preoccupatevene, questa impostazione influenza solo ed esclusivamente la console.
  • USECOLOR: Abilita (o disabilita) i messaggi di stato colorati all'avvio.

Hardware

  • MOD_AUTOLOAD: Se impostato a "yes", Arch controllerà l'harware all'avvio cercando di caricare automaticamente i moduli necessari. Questo è fatto tramite l'utility hwdetect.
  • MOD_BLACKLIST: Questo è una lista di moduli da NON caricare all'avvio. Per esempio, se non volete il noioso altoparlante del case (il bip per intenderci), potete aggiungere alla lista il modulo pcspkr.
  • MODULES: In questa lista vanno elencati tutti i moduli che si vogliono caricare all'avvio senza necessità di collegarli ad una specifica device hardware in modprobe.conf. E sufficiente aggiungere qua il modulo, e aggiungere le eventuali opzioni deisderate in modprobe.conf. Facendo precedere il nome del modulo da un punto esclamativo ('!') eviterà il suo caricamento (non è però la stessa cosa che includerlo nella lista MOD_BLACKLIST!). Un beneficio di aggiungere i moduli relativi alle schede di rete in questo array è che le schede ethernet verranno riconosciute esattamente nello stesso ordine dei moduli inseriti. Una soluzione migliore sarebbe comunque quella di gestire le schede di rete usando etichette statiche, questo è possibile configurando appropriatamente udev.
  • USELVM: Scansiona i volumi LVM all'avvio, necessario se usate LVM. Se impostato a "YES" effettua vgchange durante il sysinit.

Gestione della rete

  • HOSTNAME: Imposta il nome dell'host, tralasciando il dominio. Può essere impostato arbitariamente, utilizzando però solo caratteri di tipo lettera, numero e pochi altri come "-".
  • INTERFACES: Qua è possibile difinire i settaggi per le interfacce di rete. Sono presenti righe di default e svariati commenti che si spiegano facilmente da soli. Se non si usa il DHCP per configurare un'interfaccia di rete, si tenga presente che il valore della variabile (il quale nome deve essere uguale all'interfaccia da configurare) deve essere uguale a quello da utilizzare configurando l'interfaccia manualmente con ifconfig.
  • ROUTES: Qua è possibile difinire le proprie network routes statiche con nomi arbitrari. Dare un'occhiata all'esempio presente per un gateway di default per farsi un'idea. Essenzialmente il valore deve essere quello passato al comando route se eseguito manualmente.
  • NET_PROFILES: Abilita determinati profili di rete all'avvio. I profili di rete sono un modo conveniente per gestire configurazioni diverse per reti differenti. E' presente un file di template che può essere usato per creare nuovi profili di rete.

Demoni

  • DAEMONS: Questo array è una semplice lista di nomi, corrispondenti ai nomi dei file contenuti in /etc/rc.d/, utili all'avvio dei demoni desiderati durante il bootup del sistema. Se il nome di un demone viene preceduto da un "!" il corrispettivo script non sarà avviato. Se invece viene usato il prefisso "@" il demone verrà avviato in background, ovvero la sequenza di boot non attenderà il termine dell'esecuzione del relativo script per proseguire. Questa è la modalità in cui Arch gestisce quello che normalmente le altre distribuzioni gestiscono tramite collegamenti simbolici ad una directory init.d.

Note: L'ordine dei demoni nell'array è importante, infatti verranno caricati nell'ordine specificato. Quindi ad esempio dbus deve essere caricato prima di hal.