Difference between revisions of "Resolv.conf (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
m (Usare resolv.conf.head)
(wikify some external links, use https for archlinux.org)
(11 intermediate revisions by 2 users not shown)
Line 1: Line 1:
[[Category:Networking (English)]]
+
[[Category:Networking (Italiano)]]
{{i18n|Resolv.conf}}
+
[[en:Resolv.conf]]
{{translateme}}
+
[[es:Resolv.conf]]
{{note|Questo articolo è in fase di traduzione. Seguite per ora le istruzioni della versione inglese.}}
+
Dalla pagina di manuale [http://www.kernel.org/doc/man-pages/online/pages/man5/resolv.conf.5.html resolv.conf(5)]:
The  resolver is a set of routines in the C library that provide access to the Internet Domain Name System (DNS). The resolver configuration file contains information that is read by the resolver routines the first time they are invoked by a process. The file is designed to be human readable and contains a list of keywords with values that provide various types of resolver information.
+
:''"Il resolver è una serie di routine della libreria C, che consentono l'accesso al DNS(Domain Name System). Il file di configurazione contiene le informazioni che verranno lette dalle suddette routine(resolver) ogni volta che un processo le richiama. Il file è strutturato in modo che sia di facile comprensione, esso contiene una lista di parole chiave e di valori che verranno passate al resolver.''
  
On  a  normally  configured  system this file should not be necessary. The only name server to be queried will be on the local machine; the domain name is determined from the host name and the domain search path is constructed from the domain name.
+
:''In un sistema correttamente configurato questo file potrebbe non essere necessario. L'unico server dei nomi(DNS) che verrà interrogato sarà la macchina stessa; il nome dominio(domain name) è determinato dal nome macchina ed il percorso del dominio di ricerca è costruito dal nome dominio."''
  
==Preserve DNS settings==
+
==Mantenere le impostazioni dei DNS==
 +
{{Pkg|dhcpcd}}, [[NetworkManager (Italiano)|NetworkManager]], ed altri processi possono sovrascrivere il file {{ic|/etc/resolv.conf}}. Questo funzionamento spesso è corretto, ma in alcuni casi i DNS devono essere impostati manualmente(ad esempio se si usa un indirizzo IP statico). Ci sono diversi modi per evitare la modifica del file. Se si utilizza Network Manager, consultare [https://bbs.archlinux.org/viewtopic.php?id=45394 questa discussione sul forum internazionale] su come evitare che il file {{ic|/etc/resolv.conf}} venga modificato.
  
Dhcpcd, NetworkManager, and various other processes can overwrite {{Filename|/etc/resolv.conf}}.  This is usually desirable behavior, but sometimes DNS settings need to be set manually (e.g. when using a static IP).  There are several ways to accomplish this. If you are using NetworkManager, see [http://bbs.archlinux.org/viewtopic.php?id=45394 this thread] on how to prevent it from overriding your resolv.conf.
+
===Modificare la configurazione di dhcpcd===
 
+
Il file di configurazione di dhcpcd può essere modificato per impedire di sovrascrivere il file {{ic|/etc/resolv.conf}}. Per fare ciò sarà necessario aggiungere la seguente linea nell'ultima sezione del file {{ic|/etc/dhcpcd.conf}}:  
===Modify the dhcpcd Config===
+
Dhcpcd's configuration file may be edited to prevent the dhcpcd daemon from overwriting {{Filename|/etc/resolv.conf}}. To do this, add the following to the last section of {{Filename|/etc/dhcpcd.conf}}:  
+
  
 
  nohook resolv.conf
 
  nohook resolv.conf
  
===Usare resolv.conf.head===
+
===Usare /etc/resolv.conf.head===
Alternativamente, è possibile creare un file chiamato {{Filename|/etc/resolv.conf.head}} contenente i propri server DNS. Dhcpcd inserirà il contenuto del file all'inizio del file {{Filename|resolv.conf}}. Ecco un esempio del file {{Filename|/etc/resolv.conf.head}} per chi usa OpenDNS:
+
Alternativamente, è possibile creare un file chiamato {{ic|/etc/resolv.conf.head}} contenente i propri server DNS. dhcpcd inserirà il contenuto del file all'inizio del file {{ic|/etc/resolv.conf}}. Ecco un esempio del file {{ic|/etc/resolv.conf.head}} per chi usa [[OpenDNS]]:
  
 
  # OpenDNS servers
 
  # OpenDNS servers
Line 23: Line 22:
 
  nameserver 208.67.220.220
 
  nameserver 208.67.220.220
  
===Write-protect resolv.conf===
+
Se non si desidera utilizzare i server DNS di OpenDNS è possibile utilizzare in alternativa i [http://code.google.com/speed/public-dns/ server DNS di Google].
Another way to protect your resolv.conf from being edited by anything is setting the write-protection attribute:
+
 
 +
# Google nameservers
 +
nameserver 8.8.8.8
 +
nameserver 8.8.4.4
 +
 
 +
===Proteggere dalla scrittura /etc/resolv.conf===
 +
Un ulteriore metodo per proteggere il proprio {{ic|/etc/resolv.conf}} dall'essere modificato, consiste nell'impostare l'attributo di protetto da scrittura(write-protection) sul file:
 
  chattr +i /etc/resolv.conf
 
  chattr +i /etc/resolv.conf
 +
 +
=== Usare l'opzione timeout per ridurre il tempo di loockup dei nomi host ===
 +
Se si notano tempi molto lunghi durante il lookup dei nomi host (sia in [[Pacman (Italiano)|pacman]] che durante la navigazione) spesso può essere utile definire un piccolo timeout dopo il quale verrà utilizzato un diverso {{ic|nameserver}}. Per fare ciò creare un file chiamato {{ic|/etc/resolv.conf.tail}} ed inserire la seguente linea:
 +
 +
options timeout:1
 +
 +
Dopodiché riavviare il demone utilizzato per la rete e controllare se si sono ottenuti dei miglioramenti.

Revision as of 14:53, 4 December 2012

Dalla pagina di manuale resolv.conf(5):

"Il resolver è una serie di routine della libreria C, che consentono l'accesso al DNS(Domain Name System). Il file di configurazione contiene le informazioni che verranno lette dalle suddette routine(resolver) ogni volta che un processo le richiama. Il file è strutturato in modo che sia di facile comprensione, esso contiene una lista di parole chiave e di valori che verranno passate al resolver.
In un sistema correttamente configurato questo file potrebbe non essere necessario. L'unico server dei nomi(DNS) che verrà interrogato sarà la macchina stessa; il nome dominio(domain name) è determinato dal nome macchina ed il percorso del dominio di ricerca è costruito dal nome dominio."

Mantenere le impostazioni dei DNS

dhcpcd, NetworkManager, ed altri processi possono sovrascrivere il file /etc/resolv.conf. Questo funzionamento spesso è corretto, ma in alcuni casi i DNS devono essere impostati manualmente(ad esempio se si usa un indirizzo IP statico). Ci sono diversi modi per evitare la modifica del file. Se si utilizza Network Manager, consultare questa discussione sul forum internazionale su come evitare che il file /etc/resolv.conf venga modificato.

Modificare la configurazione di dhcpcd

Il file di configurazione di dhcpcd può essere modificato per impedire di sovrascrivere il file /etc/resolv.conf. Per fare ciò sarà necessario aggiungere la seguente linea nell'ultima sezione del file /etc/dhcpcd.conf:

nohook resolv.conf

Usare /etc/resolv.conf.head

Alternativamente, è possibile creare un file chiamato /etc/resolv.conf.head contenente i propri server DNS. dhcpcd inserirà il contenuto del file all'inizio del file /etc/resolv.conf. Ecco un esempio del file /etc/resolv.conf.head per chi usa OpenDNS:

# OpenDNS servers
nameserver 208.67.222.222
nameserver 208.67.220.220

Se non si desidera utilizzare i server DNS di OpenDNS è possibile utilizzare in alternativa i server DNS di Google.

# Google nameservers
nameserver 8.8.8.8
nameserver 8.8.4.4

Proteggere dalla scrittura /etc/resolv.conf

Un ulteriore metodo per proteggere il proprio /etc/resolv.conf dall'essere modificato, consiste nell'impostare l'attributo di protetto da scrittura(write-protection) sul file:

chattr +i /etc/resolv.conf

Usare l'opzione timeout per ridurre il tempo di loockup dei nomi host

Se si notano tempi molto lunghi durante il lookup dei nomi host (sia in pacman che durante la navigazione) spesso può essere utile definire un piccolo timeout dopo il quale verrà utilizzato un diverso nameserver. Per fare ciò creare un file chiamato /etc/resolv.conf.tail ed inserire la seguente linea:

options timeout:1

Dopodiché riavviare il demone utilizzato per la rete e controllare se si sono ottenuti dei miglioramenti.