Systemd (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 11:10, 29 April 2011 by NeXTWay (Talk | contribs) (Created page with "systemd è un gestore di servizi per Linux, compatibile con SysV e gli script d'avvio LSB. systemd è in grado di parallelizzare aggressivamente, utilizza il socket e l'attivazio...")

(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

systemd è un gestore di servizi per Linux, compatibile con SysV e gli script d'avvio LSB. systemd è in grado di parallelizzare aggressivamente, utilizza il socket e l'attivazione via D-Bus per avviare i processi, offre l'avvio su richiesta dei demoni, tiene traccia dei processi utilizzando i Linux cgroups, supporta il salvataggio ed il ripristino dello stato di sistema, gestisce i punti di mount e di automount ed implementa un'elaborata logica di controllo servizi basata sulle dipendenze. Può funzionare come sostituto di sysvinit.

Leggi l'articolo sul blog Lennart's per un'introduzione più lunga, e per i due aggiornamenti di stato da quel momento. Controlla anche l'articolo su Wikipedia e la pagina del progetto.

Installazione

Per provare systemd su Arch si deve:

  • Installare initscripts-systemd (e le sue dipendenze) dal repository della comunità
  • Aggiungere init=/bin/systemd alla fine della linea del kernel su GRUB.

Tenere presente che systemd può essere installato a fianco dei normali initscript di Arch, e che si può decidere di volta in volta quale utilizzare aggiungendo/rimuovendo il parametro init=/bin/systemd .

  • Per beneficiare del metodo di avvio servizi di systemd, è consigliabile installare systemd-arch-units package.
Warning: systemd non supporta /usr su una partizione separata. Non sarete in grado di avviare il sistema senza libdbus accessibile sulla partizione di root.