The Arch Way (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 09:32, 6 May 2007 by Axelgenus (Talk | contribs) (Finita la sezione "Filosofia")

Jump to: navigation, search

Template:I18n links start Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n entry Template:I18n links end

I principi e la filosofia di Arch

Questa pagina cerca di descrivere i principi e la filosofia di Arch Linux. Tempo fa non c'erano documenti scritti riguardo il "metodo Arch"; molto probabilmente non succederà più. In breve, il "metodo Arch" sta per "libertà di scelta, semplicità, apprendimento e controllo da parte dell'utente".

Principi

Io, Judd Vinet, ho cominciato a costruire Arch per due ragioni:

  1. Non trovavo nessun'altra distribuzione che condividesse i miei ideali. Alcune andavano molto vicino a ciò che volevo ma trovavo noiosi cavilli e inutili complessità che spaventavano più che aiutare;
  2. Per divertimento - dare qualcosa all'intera comunità del software libero, dalla quale ho preso così tanto.

Per sua natura, Arch è:

  • Leggera e semplice. Non significa comunque che sia per chiunque...
  • NON è stata creata come una distribuzione per i novellini; è stata pensata per gli utenti più esperti. L'obiettivo è di sviluppare Arch come una base perfetta, per quanto umanamente possibile. Una base non include strumenti elaborati e meccanismi di auto-configurazione ma, piuttosto, contiene strumenti per la configurazione manuale e poche funzioni, in modo che gli utenti possano ulteriormente sviluppare e/o imparare da soli.
  • Un regalo, ripeto, "...dare qualcosa all'intera comunità del software libero, dalla quale ho preso così tanto." Quando ricevi un regalo da qualcuno, solitamente ci si aspetta qualcosa in cambio. In questo modo, gli utenti sono i benvenuti nel contribuire con le loro idee, strumenti e suggerimenti.
  • Coscente del fatto che ci sono due gruppi di persone che contribuiscono ad Arch Linux: gli sviluppatori e gli utenti. Non vi aspettate che i due gruppi convergano ma che abbiano una relazione di scambio grazie alla quale chiunque può prendere ciò che vuole aggiungere alla propria macchina; I nostri OBIETTIVI sono di:
  • NON lasciare che gli strumenti di configurazione / le interfaccie grafiche controllino il sistema ma che siano loro ad essere controllate dall'utente. Non c'è niente di sbagliato nelle interfaccie grafiche fintanto che seguano questo principio.
  • NON essere controllati o dipendenti da quello che gli strumenti offrono. Quando si sviluppa o si sceglie uno strumento di utilità, dovrebbe essere scritto in un linguaggio di programmazione leggibile/modificabile per permettere agli utenti di modificarlo, se così scelgono.
  • Lo sviluppo centrale di Arch Linux NON fornirà, nel prossimo futuro, nessuna interfaccia grafica o utilità per i novellini.
  • Noi umili sviluppatori continueremo a fornire Arch come una base solida per chiunque. Se volete renderla bella, fatene un "rip". Libertà di parola, birra gratis e tutto il resto.

Filosofia

Il Sistema di valori sui quali Arch è sviluppata:

  • KISS (acronimo inglese che sta per "Keep It Simple, Stupid", cioè "fai cose semplici, stupido") è la base dello sviluppo di Arch.
  • In Arch, 'semplice' non ha sempre lo stesso significato che ha in altre distribuzioni. La nostra filosofia è che imparare è più importante di riuscire a fare le cose facilmente.
  • Affidarsi ad interfacce grafiche per costruire ed utilizzare il proprio sistema alla fine danneggia l'utente. Ad un certo punto l'utente avrà bisogno di conoscere tutto quello che alcune interfacce grafiche nascondono.
  • Se provi a nascondere la complessità del sistema, ti ritroverai con un sistema ancora più complesso. Invece, prova a creare un sistema più semplice e più logico.
  • Prima o dopo, dovrai cercare informazioni sul web e su usenet (se man non è abbastanza). Capire come e dove cercarle sulla rete dovrebbe essere la prima cosa che un novelinno deve imparare.
  • Alcuni utenti dicono "... questa e quest'altra distribuzione non sono come questa e quest'altra", Arch permette all'utente di contribuire nella maniera che si preferisce fintanto che non si vada contro gli ideali di design o della filosofia.
  • Arch Linux è diversa dalle altre: in Arch, l'utente non è l'unico interesse. Minimizzare lo sviluppo di nuovi strumenti e documenti, massimizzare la comprensione dei meccanismi interni di Linux, manterere un occhio vigile sull'obiettivo del "KISS" e sulla filosofia di Arch Linux in generale è quello che rende il "metodo Arch" veramente diverso.
  • La cosa migliore del contribuire è che non hai bisogno del permesso di nessuno per farlo. (Vedi?) Nessuno può fisicamente fermarti dallo scrivere qualcosa che tu ritieni (personalmente) utile, anche se "chi di dovere" non vede questo come una benedizione. Scrivilo e mettilo nel forum "Contributi degli utenti" (Contributions forum). Se piacerà ad altra gente, riceverai risposte. Se farà schifo virtualmente a tutti tranne che a te, riceverai sicuramente delle risposte - ma a chi importa? Ci hai messo venti minuti per scriverlo e hai imparato qualcosa strada facendo. Comunque è una situazione vincente.
  • È ciò che tu crei.

Commenti

What users have said about Arch:

  • "After spending a lot of time with other distributions (debian, gentoo, mandrake, redhat, fedora, slackware) and even FreeBSD. I think that I finally found the distribution I was looking for."
  • Same thing with (k)ubuntu, Mandriva, and several others. Well, openSUSE is nice and easy (that's the one I would advice for my sister); but Arch is the One which really *rocks*.
  • "I have tried several distro's and even took (tired?) RHCE (took it BACK?), but there was always something I disliked about each."
  • "My dream distro was always the simplicity of Slackware with real dependency support like Debian's, and guess what - that's Arch."
  • "I also found Arch my final distro."
  • "After trying out almost all the available distributions, I have to agree that Arch is the best."
  • "Hi all. I just registered here so I could report all the problems I'm having, and ask for help. Funny thing is, I HAVE NO PROBLEMS!!! I really can't believe this, but everything is just working! I installed Arch today, had a little trouble with xorg and sound setup, but found all the answers I needed in the documentation and the forums!"
  • "I tried Mandrake, Yoper, FC3/4, Mepis and Ubuntu. I was looking for the perfect distro. I am glad that I found Arch."

Prò e Contro

Prò

  • i686-optimized
  • pacman: 'System Upgrade' is ONE command: "pacman -Suy"
  • pacman: Dependency-control, no X/GUI needed
  • ABS: the package-building function need only be done once - building another version of a package is extremely easy
  • ABS: you can build all the packages on your machine with one command
  • fully up-to-date packages at your request, and fully customizable
  • the people behind the scenes are gentle, motivated and able
  • less than 20 minutes to create a fully functional system
  • the perfect environment to learn Linux in
  • not really popular, because not known (still relevant?)

Contro

  • pacman: needs a fast internet connection to stay always up-to-date easily (less of a problem as time marches forward)
  • some conflicts from using the newest libs ("bleeding edge")
  • lack of newbie-friendly features
  • very little hardware detection (relevant?)
  • info files are almost always way more detailed than man-pages (gcc.info e.g.)
  • not really popular, because not known