WPA supplicant (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 16:40, 8 October 2013 by Hilinus (Talk | contribs) (Configurazione)

Jump to: navigation, search

Template:Article summary start Template:Article summary text Template:Article summary heading Template:Article summary wiki Template:Article summary wiki Template:Article summary end


wpa_supplicant è un Supplicant WPA con supporto a WPA e WPA2 (IEEE 802.11i / RSN (Robust Secure Network)) adatto all'uso con PC desktop e portatili e in sistemi embedded. wpa_supplicant è il componente IEEE 802.1X/WPA utilizzato dai client, implementa la negoziazione della chiave con un WPA Authenticator, controlla il roaming e l'associazione / autenticazione del driver wlan.

Installazione

Si installi wpa_supplicant dai repository ufficiali.

È inoltre possibile installare wpa_supplicant_gui; un frontend grafico per wpa_supplicant che utilizza il toolkit qt4.

Connessione tramite wpa_cli

Per associarsi ad un Access Point wireless utilizzando wpa_supplicant, utilizzare il tool a riga di comando wpa_cli, incluso nel pacchetto. Per utilizzare wpa_cli è necessario specificare una interfaccia di controllo nel file di configurazione, aggiungendo una linea simile a ctrl_interface=/var/run/wpa_supplicant.

Suggerimento: Si faccia riferimento al file /etc/wpa_supplicant/wpa_supplicant.conf per ulteriori informazioni.

Per abilitare il salvataggio delle modifiche effettuate tramite wpa_cli, si aggiunga update_config=1 al file di configurazione, quindi si avvii wpa_supplicant come segue:

# wpa_supplicant -B -i interface -c /percorso/al/file/di/configurazione

Si invochi wpa_cli senza argomenti per ottenere un prompt interattivo (>). Il prompt supporta la tab completion e contiene le descrizioni dei comandi autocompletati. Ad esempio, il comando scan avvia una scansione delle reti wireless vicine ed invia una notifica una volta che l'operazione è stata completata.

Si esegua quindi:

> scan_results
bssid / frequency / signal level / flags / ssid
00:00:00:00:00:00 2462 -49 [WPA2-PSK-CCMP][ESS] MYSSID
11:11:11:11:11:11 2437 -64 [WPA2-PSK-CCMP][ESS] ANOTHERSSID

Per associarsi con MYSSID sarà necessario informare wpa_supplicant. Ogni rete è numerata a partire da zero ed è possibile inserire la PSK senza apici, alternativamente all'inserimento della passphrase proposto nell'esempio sotto:

> add_network
0
> set_network 0 ssid "MYSSID"
> set_network 0 psk "passphrase"
> enable_network 0
<2>CTRL-EVENT-CONNECTED - Connection to 00:00:00:00:00:00 completed (reauth) [id=0 id_str=]

Per salvare le informazioni di rete nel file di configurazione si esegua:

> save_config
OK

Sarà ora possibile ottenere un indirizzo IP tramite dhcpcd o iproute2.

Configurazione

wpa_supplicant fornisce un file di configurazione d'esempio situato in /etc/wpa_supplicant/wpa_supplicant.conf che documenta in modo dettagliato tutte le opzioni disponibili e relative configurazioni.

Il contenuto minimo richiesto dal file di configurazione è un network block; ad esempio:

/etc/wpa_supplicant/foobar.conf
network={
    ssid="..."
  }

Quanto sopra può essere facilmente generato utilizzando il tool wpa_passphrase:

$ wpa_passphrase essid passphrase
network={
   ssid=essid
   #psk=passphrase
   psk=f5d1c49e15e679bebe385c37648d4141bc5c9297796a8a185d7bc5ac62f954e3
}

È ora possibile combinare l'utilizzo di wpa_supplicant e wpa_passphrase per collegarsi a praticamente tutte le reti WPA2 personali:

# wpa_supplicant -B -i interfaccia -c <(wpa_passphrase essid passphrase)
# dhcpcd interfaccia

Gestire una configurazione personalizzata

Nota: Per identificare il nome dell'interfaccia di rete in uso, utilizzare il comando ip link.

Come si è visto sopra, è possibile utilizzare wpa_passphrase per generare una configurazione di base a cui aggiungere poi reti aggiuntive ed opzioni di propria scelta, che potrebbero essere necessarie in caso di configurazioni di rete avanzate che utilizzano EAP in modo estensivo.

Innanzitutto, si generi un file di configurazione minimale con wpa_passphrase:

# wpa_passphrase essid passphrase > /etc/wpa_supplicant/foobar.conf
Suggerimento: Alcune passphrase particolarmente complesse potrebbero dover essere immesse in un file prima dell'utilizzo: # wpa_passphrase foobarssid < passphrase.txt > /etc/wpa_supplicant/foobar.conf.

Si aggiunga quindi l'opzione ctrl_interface, in modo da poter controllare il demone wpa_supplicant. È possibile autorizzare wpa_cli ad effettuare modifiche al file con l'opzione update_config=1.

/etc/wpa_supplicant/foobar.conf
ctrl_interface=DIR=/run/wpa_supplicant GROUP=wheel # consente ai membri del gruppo 'wheel' di controllare il demone
  update_config=1
  ap_scan=1

  network={
     ssid="foobarssid"
     psk=f5d1c49e15e679bebe385c37648d4141bc5c9297796a8a185d7bc5ac62f954e3
  }

È possibile aggiungere network blocks multipli al file di configurazione di cui sopra.

Per connettersi alla rete prescelta si eseguano i seguenti comandi:

# ip link set interfaccia up
# wpa_supplicant -B -D nl80211 -i interfaccia -c /etc/wpa_supplicant/foobar.conf
# dhcpcd -A interfaccia
Nota: È preferibile utilizzare nl80211 rispetto al driver wext, da considerarsi deprecato. Per ottenere un elenco dei driver supportati, si esegua wpa_supplicant -h.

Per reti di complessità crescente si studino gli esempi forniti nel file di configurazione di default sito in /etc/wpa_supplicant/wpa_supplicant.conf.

Avvio tramite systemd

Per avviare la connessione wireless automaticamente al boot, si abiliti il servizio wpa_supplicant sull'interfaccia interessata. Se la propria connessione ottiene gli indirizzi tramite DHCP, abilitare anche dhcpcd.service. Per gestire eventuali connessioni ethernet si installi ifplugd e si abiliti il relativo servizio sull'interfaccia interessata.

I comandi da eseguire potrebbero essere simili ai seguenti:

# systemctl enable wpa_supplicant@wlp3s1
# systemctl enable dhcpcd
# systemctl enable ifplugd@enp5s2

wpa_supplicant gestirà il roaming per tutti i SSID contenuti nel suo file di configurazione e ifplugd configurerà automaticamente l'interfaccia ethernet spegnendo quella wireless all'inserimento di un cavo ethernet nella macchina, mentre dhcpcd si occuperà dell'asegnazione degli indirizzi IP alle varie interfacce.

È necessario modificare il servizio wpa_supplicant@.service per farlo puntare al file di configurazione corretto. Per ridefinire il valore della riga ExecStart= si crei il seguente file:

/etc/systemd/system/wpa_supplicant@.service.d/foo.conf
  [Service]
  ExecStart=
  ExecStart=/usr/bin/wpa_supplicant -c/etc/wpa_supplicant/bar.conf -i%i

La direttva WantedBy del .service correntemente fornito non è corretta (si veda questo bug report). Se la riga nel servizio wpa_supplicant@.service non corrisponde al nome della propria interfaccia di rete (wlan0), sarà necessario copiare il servizio in /etc/systemd/system ed apportare le dovute modifiche.

[Install]
WantedBy=multi-user.target

Link correlati