Difference between revisions of "Wicd (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
(translated summary and oveview)
m (Problem changing from wicd to another network manager: translated)
Line 216: Line 216:
 
NB. This only works in my institution by commenting subject_match, which is not secure, but at least it connects.
 
NB. This only works in my institution by commenting subject_match, which is not secure, but at least it connects.
  
===Problem changing from wicd to another network manager===
+
===Problemi al passaggio da wicd ad un altro network manager===
 +
Per passare ad un altro demone di gestione delle reti (senza disinstallare wicd), modificare il file {{Filename|/etc/rc.conf}} ed anteporre il simboblo di {{Codeline|!}} al demone {{Codeline|wicd}} e rimuovere quello che precede il gestore di rete che si intende utilizzare(oppure inserire il demone nell'array se non è presente). Dopo aver riavviato, il demone {{Codeline|wicd}} non verrà caricato, però alcuni utenti hanno riscontrato che il client cerca sempre di avviarsi, restituendo un errore di mancata esecuzione del demone. Questo anche se non si è inserito il client nel proprio autostart, il problema risiede in {{Filename|/etc/xdg/autostart}}, quindi editare il file:
  
When I tried to switch back to the knetworkmanager, without uninstalling wicd, I edited /etc/rc.conf and put a '!' in front of wicd, removed it from networkmanager, rebooted and obviously wicd did not load. When I started KDE though I got a message saying that wicd-client could not start normally because wicd was not running. Wicd-client should not have started as it is not in autostart. The trick stop it from loading is to go to /etc/xdg/autostart and do:
+
# nano /etc/xdg/autostart/wicd-tray.desktop
  
# nano wicd-tray.desktop
+
e rendere nastosto l'avvio dell'applicazione, oppure se si pensa di non avviare automaticamente wicd-client, sarà possibile cancellare il file.
 
+
and make it hidden on startup, or if you are not planning to autostart wicd-client again just remove the file.
+
  
 
===Due processi wicd-client (ed eventualmente due icone nell'aria di notifica)===
 
===Due processi wicd-client (ed eventualmente due icone nell'aria di notifica)===

Revision as of 10:16, 1 May 2011

This template has only maintenance purposes. For linking to local translations please use interlanguage links, see Help:i18n#Interlanguage links.


Local languages: Català – Dansk – English – Español – Esperanto – Hrvatski – Indonesia – Italiano – Lietuviškai – Magyar – Nederlands – Norsk Bokmål – Polski – Português – Slovenský – Česky – Ελληνικά – Български – Русский – Српски – Українська – עברית – العربية – ไทย – 日本語 – 正體中文 – 简体中文 – 한국어


External languages (all articles in these languages should be moved to the external wiki): Deutsch – Français – Română – Suomi – Svenska – Tiếng Việt – Türkçe – فارسی

Tango-preferences-desktop-locale.pngThis article or section needs to be translated.Tango-preferences-desktop-locale.png

Notes: please use the first argument of the template to provide more detailed indications. (Discuss in Talk:Wicd (Italiano)#)
Nota: Questo articolo è in fase di traduzione. Seguite per ora le istruzioni della versione inglese.

Template:Article summary start Template:Article summary text Template:Article summary heading Template:Article summary text Template:Article summary end

Wicd è un gestore delle connessioni capace di gestire sia le interfacce wireless che quelle cablate, simile ed alternativo a Network Manager. Wicd è scritto in Python e GTK+, e necessita dell'installazione di un minor numero di dipendenze rispetto agli altri network manager. Alternativamente, una versione di Wicd per KDE, scritta con le Qt, è disponibile su AUR. Wicd può anche essere eseguito da terminale, utilizzando una inferfaccia disegnata con le librerie cureses, non necessita di un server grafico avviato oppure un di un vassoio di sistema o di un area di notifica (vedi il paragrafo Eseguire Wicd).

Installazione

Wicd è disponibile nei repository standard:

# pacman -S wicd

Questo installerà Wicd(il client da linea di comando, l'interfaccia ncurses ed il demone) e tutte le dipendenze necessarie.

Se non si utilizza GNOME (oppure il suo demone di notifica), è possibile installare Template:Package Official dal repository extra, prima di installare l'interfaccia Template:Package Official per evitare di installare il demone di notifica di GNOME e le sue relative dipendenze, che non sempre sono necessarie.

# pacman -S xfce4-notifyd

Per installare l'interfaccia scritta in GTK e l'icona nell'aria di notifica:

# pacman -S wicd-gtk
Nota: Questo pacchetto comprende solo l'interfaccia scritta in GTK, non è quindi necessario se si intende utilizzare Wicd tramite l'interfaccia da linea di comando(CLI).

Per installare il client per KDE sarà necessario il pacchetto wicd-client-kde presente su AUR.

Nota: Questo pacchetto comprende solo l'interfaccia per KDE ed installerà wicd come dipendenza.


Nota: A partire dal 20-3-2011 il pacchetto "wicd" dai repositroy standard è stato suddiviso in più pacchetti:

Template:Package Official: Include tutto il necessario per eseguire il demone wicd, il client per linea di comando(wicd-cli) e l'interfaccia da terminale(wicd-curses).

Template:Package Official: Include il necessario per eseguire la sola interfaccia GTK di wicd ed il file per l'avvio automatico per l'icona nell'aria di notifica.

Alternative

Lo script di build wicd-bzr è disponibile su AUR, il quale effettuerà la compilazione dell'ultimo ramo di sviluppo.

Se si necessita di una versione alternativa o se si vuole modificare il pacchetto, sarà possibile compilarlo in maniera semplice usando ABS.

Per Iniziare

Configurazione Iniziale

Wicd fornisce un demone che deve essere avviato.

Attenzione: Eseguire diversi network manager contemporaneamente porterà problemi, quindi è importante disabilitare l'avvio di tutti gli altri demoni di gestione delle reti.

Per prima cosa, fermare tutti i network manager in esecuzione:

# /etc/rc.d/network stop
# /etc/rc.d/dhcpcd stop
# /etc/rc.d/networkmanager stop

Quindi, modificare il file Template:Filename come utente Template:Codeline:

# nano /etc/rc.conf

Disabilitare (antecedendo con il simbolo "!") tutte le periferiche presenti nell'array Template:Codeline, che si vogliono gestire tramite Wicd. Ad esempio:

Template:File

Disabilitare (antecedendo con il simbolo "!") tutti i demoni di gestione delle reti presenti nell'array Template:Codeline, compresi Template:Codeline, Template:Codeline e Template:Codeline.

Adesso, aggiungere Template:Codeline (se non è già presente) e Template:Codeline all'interno dell'array Template:Codeline, mantenendo questo ordine. L'array Template:Codeline dovrebbe ora assomigliare a questo:

Template:File

Nota: Se si usa Template:Codeline, assicurarsi che Template:Codeline preceda Template:Codeline nell'array Template:Codeline.

Salvare e chiudere.

Aggiungere il proprio account utente al gruppo Template:Codeline:

# gpasswd -a NOMEUTENTE network
Nota: Il gruppo Unix a cui Template:Codeline concede l'accesso a Wicd è soggetto a cambiamenti, e potrebbe essere diverso da Template:Codeline. Controllare quale gruppo viene indicato nella policy presente in Template:Filename, ed aggiungere il proprio utente a questo gruppo.

Riavviare il sistema oppure avviare i demoni:

# /etc/rc.d/dbus start 

oppure

# /etc/rc.d/hal start

ed infine

# /etc/rc.d/wicd start

Se è stato necessario aggiungere l'utente ad un nuovo gruppo, sarà necessario effettuare un logout ed accedere nuovamente al sistema.

Eseguire Wicd

Per avviare l'interfaccia di Wicd, eseguire:

$ wicd-client

Oppure se il proprio desktop environment non comprende una area di notifica, eseguire:

$ wicd-client -n
Nota: Questo funziona solo se è stato installato Template:Package Official. Se non è stato installato, allora usare i comandi Template:Codeline oppure Template:Codeline.


Sarà possibile aggiungere Template:Codeline nell'avvio automatico del proprio DE/WM, in modo da avviare il programma ad ogni accesso.

Nota: Alcuni utenti hanno ricontrato che il programma viene avviato due volte usando questo metodo. Esiste una discussione al riguardo nel forum internazionale di Arch ed su Arch bug reports (vedere Collegamenti esterni).

Sembra che il pacchetto wicd inserisca un file nel percorso Template:Filename, che avvierà il client all'accesso del proprio DE/WM. Se ci si trova in questo caso avremo due processi Template:Codeline in esecuzione, se si è aggiunto manualmente l'avvio del client al proprio DE/WM.

Se dovesse succedere, questo conferma l'esistenza del file Template:Filename nel percorso Template:Filename; quindi, sarà sufficiente aver inserito Template:Codeline nella lista di demoni in Template:Filename.

Sarà inoltre possibile eseguire wicd come applicazione curses dal terminale con:

$ wicd-curses
Nota: Wicd non richiederà l'inserimento di chiavi per le reti wireless. Per accedere a reti criptate (WPA/WEP), sarà necessario utilizzare le opzioni avanzate della rete alla quale ci si vuole connettere ed inserire le informazioni necessarie. Espandere la rete a cui ci si vuole connettere, cliccare il pulsante Advanced ed inserire le informazioni necessarie.

Risoluzione dei problemi

Errore nell'acquisizione dell'indirizzo IP

Se wicd ripetutamente fallisce nell'acquisizione di un indirizzo IP usando il client di default Template:Codeline, provare installando ed usando Template:Package Official:

# pacman -S dhclient

Non dimenticare di selezionare Template:Codeline come client dhcp predefinito, all'interno delle imostazioni di wicd.

Importing pynotify failed, notifications disabled

Nel caso che il pacchetto non venga installato automaticamente -- il nome del pacchetto è Template:Package Official:

# pacman -S python-notify

Messaggio di errore di connessione con Dbus

Assicurarsi di utilizzare il seguente comando nel proprio Template:Filename:

exec ck-launch-session [la sessione preferita quì]

Come ad esempio il nel caso di si usi Openbox:

exec ck-launch-session openbox-session

Altrimenti si otterranno errori relativi a dbus e non sarà possibile connettersi alle reti.

  • NOTA: Se wicd smette improvvisamente di funzionare ed il responsabile è dbus, è molto probabile che sia necessario rimuovere completamente wicd, incluse le sue configurazioni, e successivamente reinstallarlo:
# pacman -R wicd
# rm -rf /etc/wicd /var/log/wicd /etc/dbus-1/system.d/wicd*
# pacman -S wicd

Visitare questo sito per maggiori dettagli.

Wicd-client restituisce messaggi di errore relativi a dbus ("Could not connect to wicd's D-Bus interface.") quando il demone Template:Codeline non è in esecuzione a causa di un problema con un file di configurazione. Può capitare che un account vuoto venga aggiunto al file Template:Filename, in questo caso basterà modificare il file rimuovendo questa linea:

[] 

e riavviare wicd.

Problemi dopo l'aggiornamento del pacchetto

A volte il client di wicd non si avvia dopo un aggiornamento, a causa di errori di dbus.

Una soluzione consiste nel rimuovere i file di configurazione nella directory Template:Filename.

# /etc/rc.d/wicd stop
# rm /etc/wicd/*.conf
# /etc/rc.d/wicd start

Alcune note sui front-end grafici per Template:Codeline

Se si ottiene un errore da wicd, che non trova un programma grafico per Template:Codeline, eseguire uno dei seguenti comandi:

$ ktsuss wicd-client -n
$ gksudo wicd-client -n
$ kdesu wicd-client -n

Questi comandi richiedono rispettivamente l'installazione del pacchetto Template:Codeline (che si trova su AUR), Template:Package Official e Template:Package Official.

Making eduroam work with wicd

This profile will only work for eduroam institutions which use TTLS and will not work for PEAP.

Save the following as /etc/wicd/encryption/templates/ttls-80211

name = TTLS for Wireless
author = Alexander Clouter
version = 1
require anon_identity *Anonymous_Username identity *Identity password *Password 
optional ca_cert *Path_to_CA_Cert cert_subject *Certificate_Subject
-----
ctrl_interface=/var/run/wpa_supplicant
network={
       ssid="$_ESSID"
       scan_ssid=$_SCAN

       key_mgmt=WPA-EAP
       eap=TTLS

       ca_cert="$_CA_CERT"
       subject_match="$_CERT_SUBJECT"
 
       phase2="auth=MSCHAPv2 auth=PAP"

       anonymous_identity="$_ANON_IDENTITY"
       identity="$_IDENTITY"
       password="$_PASSWORD"
}

Open a terminal

cd /etc/wicd/encryption/templates
echo ttls-80211 >> active

Open wicd, choose TTLS for Wireless in the properties of eduroam, and enter the appropriate settings for your institution. The format of the subject match should be something like "/CN=server.example.com".

NB. This only works in my institution by commenting subject_match, which is not secure, but at least it connects.

Problemi al passaggio da wicd ad un altro network manager

Per passare ad un altro demone di gestione delle reti (senza disinstallare wicd), modificare il file Template:Filename ed anteporre il simboblo di Template:Codeline al demone Template:Codeline e rimuovere quello che precede il gestore di rete che si intende utilizzare(oppure inserire il demone nell'array se non è presente). Dopo aver riavviato, il demone Template:Codeline non verrà caricato, però alcuni utenti hanno riscontrato che il client cerca sempre di avviarsi, restituendo un errore di mancata esecuzione del demone. Questo anche se non si è inserito il client nel proprio autostart, il problema risiede in Template:Filename, quindi editare il file:

# nano /etc/xdg/autostart/wicd-tray.desktop

e rendere nastosto l'avvio dell'applicazione, oppure se si pensa di non avviare automaticamente wicd-client, sarà possibile cancellare il file.

Due processi wicd-client (ed eventualmente due icone nell'aria di notifica)

Leggere le note nel paragrafo Eseguire Wicd rigurardo all'avvio automatico ed al file nella cartella Template:Filename, consultare anche il post sul forum internazionale ed il bug report indicati in Collegamenti esterni. Essenzialmente, se il file Template:Filename è presente sul proprio sistema, basterà inserire il demone Template:Codeline nella lista dei demoni in avvio nel file Template:Filename, e non sarà necessario avviare il client nel file(o nelle configurazioni) di avvio automatico del proprio DE/WM.

Collegamenti esterni