Difference between revisions of "Wicd (Italiano)"

From ArchWiki
Jump to: navigation, search
m (Installazione)
(Messaggio di errore di connessione con Dbus: ck-launch-session not supported. dbus is started by systemd.)
Line 125: Line 125:
  
 
=== Messaggio di errore di connessione con Dbus ===
 
=== Messaggio di errore di connessione con Dbus ===
Assicurarsi di utilizzare il seguente comando nel proprio {{ic|.xinitrc}}:
 
exec ck-launch-session [la sessione preferita qui]
 
 
Come ad esempio, nel caso di [[Openbox (Italiano)|Openbox]]:
 
exec ck-launch-session openbox-session
 
  
 
Altrimenti si otterranno errori relativi a dbus e non sarà possibile connettersi alle reti.
 
Altrimenti si otterranno errori relativi a dbus e non sarà possibile connettersi alle reti.

Revision as of 04:28, 20 June 2013

Template:Article summary start Template:Article summary text Template:Article summary heading Template:Article summary text Template:Article summary end

Wicd è un gestore delle connessioni capace di gestire sia le interfacce wireless che quelle cablate, simile ed alternativo a Network Manager. Wicd è scritto in Python e GTK+, e necessita dell'installazione di un minor numero di dipendenze rispetto agli altri network manager. Alternativamente, una versione di Wicd per KDE, scritta con le Qt, è disponibile su AUR. Wicd può anche essere eseguito da terminale, utilizzando una interfaccia disegnata con le librerie curses, non necessita di un server grafico avviato oppure un di un vassoio di sistema o di un area di notifica (si veda il paragrafo Eseguire Wicd).

Installazione

Installare il pacchetto wicd dai repository ufficiali.

Questo installerà Wicd (il client da linea di comando, l'interfaccia ncurses ed il demone) e tutte le dipendenze necessarie.

Se non si utilizza GNOME (oppure il suo demone di notifica), è possibile installare xfce4-notityd dai reopository ufficiali, prima di installare l'interfaccia wicd-gtk per evitare di installare il demone di notifica di GNOME e le sue relative dipendenze, che non sempre sono necessarie.

Installare quindi il pacchetto wicd-gtk per ottenere l'interfaccia scritta in GTK e l'icona nell'aria di notifica.

Nota: Questo pacchetto comprende solo l'interfaccia scritta in GTK, non è quindi necessario se si intende utilizzare Wicd tramite l'interfaccia da linea di comando (CLI).

Per installare il client per KDE sarà necessario il pacchetto wicd-kdeAUR presente su AUR.

Nota: Questo pacchetto comprende solo l'interfaccia per KDE ed installerà wicd come dipendenza.
Nota: A partire dal 20-3-2011 il pacchetto "wicd" dai repositroy standard è stato suddiviso in più pacchetti:

wicd: Include tutto il necessario per eseguire il demone wicd, il client per linea di comando(wicd-cli) e l'interfaccia da terminale(wicd-curses).

wicd-gtk: Include il necessario per eseguire la sola interfaccia GTK di wicd ed il file per l'avvio automatico per l'icona nell'aria di notifica.

Alternative

Lo script di build wicd-bzrAUR è disponibile su AUR, il quale effettuerà la compilazione dell'ultimo ramo di sviluppo.

Se si necessita di una versione alternativa o se si vuole modificare il pacchetto, sarà possibile compilarlo in maniera semplice usando ABS.

Per Iniziare

Configurazione Iniziale

Wicd fornisce un demone che deve essere avviato.

Attenzione: Eseguire diversi network manager contemporaneamente porterà problemi, quindi è importante disabilitare l'avvio di tutti gli altri demoni di gestione delle reti.

Per prima cosa, fermare tutti i network manager in esecuzione:

# rc.d stop network
# rc.d stop dhcpcd
# rc.d stop networkmanager

Quindi, modificare il file /etc/rc.conf come utente root:

# nano /etc/rc.conf

Disabilitare (facendoli precedere dal simbolo "!") tutti i demoni di gestione delle reti presenti nell'array DAEMONS, compresi network, dhcpcd e networkmanager.

Adesso, aggiungere dbus (se non è già presente) e wicd all'interno dell'array DAEMONS, mantenendo questo ordine. L'array DAEMONS dovrebbe ora assomigliare a questo:

/etc/rc.conf
.....
DAEMONS=(syslog-ng '''dbus''' !network !dhcdbd !networkmanager '''wicd''' ...)
Nota: Se si usa hal, assicurarsi che dbus preceda hal nell'array DAEMONS.

Salvare e chiudere.

Aggiungere il proprio account utente al gruppo network:

# gpasswd -a NOMEUTENTE network
Nota: Il gruppo Unix a cui dbus concede l'accesso a Wicd è soggetto a cambiamenti, e potrebbe essere diverso da network. Controllare quale gruppo viene indicato nella policy presente in /etc/dbus-1/system.d/wicd.conf, ed aggiungere il proprio utente a questo gruppo.

Riavviare il sistema oppure avviare i demoni:

# rc.d start dbus 

oppure

# rc.d start hal

ed infine

# rc.d start wicd

Se è stato necessario aggiungere l'utente ad un nuovo gruppo, sarà necessario effettuare un logout ed accedere nuovamente al sistema.

Eseguire Wicd

Per avviare l'interfaccia di Wicd, eseguire:

$ wicd-client

Oppure se il proprio desktop environment non comprende una area di notifica, eseguire:

$ wicd-client -n
Nota: Questo funziona solo se è stato installato wicd-gtk. Se non è stato installato, allora usare i comandi wicd-cli oppure wicd-curses.

Sarà possibile aggiungere wicd-client nell'avvio automatico del proprio DE/WM, in modo da avviare il programma ad ogni accesso.

Nota: Alcuni utenti hanno ricontrato che il programma viene avviato due volte usando questo metodo. Esiste una discussione al riguardo nel forum internazionale di Arch ed su Arch bug reports (vedere Collegamenti esterni).

Sembra che il pacchetto wicd inserisca un file nel percorso /etc/xdg/autostart/wicd-tray.desktop, che avvierà il client all'accesso del proprio DE/WM. Se ci si trova in questo caso si avranno due processi wicd-client in esecuzione, se si è aggiunto manualmente l'avvio del client al proprio DE/WM.

Se dovesse succedere, questo conferma l'esistenza del file wicd-tray.desktop nel percorso /etc/xdg/autostart; quindi, sarà sufficiente aver inserito wicd nella lista di demoni in /etc/rc.conf.

Sarà inoltre possibile eseguire wicd come applicazione curses dal terminale con:

$ wicd-curses
Nota: Wicd non richiederà l'inserimento di chiavi per le reti wireless. Per accedere a reti criptate (WPA/WEP), sarà necessario utilizzare le opzioni avanzate della rete alla quale ci si vuole connettere ed inserire le informazioni necessarie. Espandere la rete a cui ci si vuole connettere, cliccare il pulsante Advanced ed inserire le informazioni necessarie.

Risoluzione di problemi

Errore nell'acquisizione dell'indirizzo IP

Se wicd ripetutamente fallisce nell'acquisizione di un indirizzo IP usando il client di default dhcpcd, provare installando ed usando dhclient:

# pacman -S dhclient

Non dimenticare di selezionare dhclient come client dhcp predefinito, all'interno delle impostazioni di wicd.

Se wicd riesce ad ottenere un indirizzo IP per l'interfaccia cablata ma rimane inutilizzabile per le interfacce wireless, provare a disabilitare le impostazioni di risparmio energetico della scheda wireless:

# iwconfig wlan0 power off

Importing pynotify failed, notifications disabled

Nel caso che il pacchetto non venga installato automaticamente -- il nome del pacchetto è python-notify:

Messaggio di errore di connessione con Dbus

Altrimenti si otterranno errori relativi a dbus e non sarà possibile connettersi alle reti.

  • NOTA: Se wicd smette improvvisamente di funzionare ed il responsabile è dbus, è molto probabile che sia necessario rimuovere completamente wicd, incluse le sue configurazioni, e successivamente reinstallarlo:
# pacman -R wicd
# rm -rf /etc/wicd /var/log/wicd /etc/dbus-1/system.d/wicd*
# pacman -S wicd

Visitare questo sito per maggiori dettagli.

Wicd-client restituisce messaggi di errore relativi a dbus ("Could not connect to wicd's D-Bus interface.") quando il demone wicd non è in esecuzione a causa di un problema con un file di configurazione. Può capitare che un account vuoto venga aggiunto al file /etc/wicd/wired-settings.conf, in questo caso basterà modificare il file rimuovendo questa linea:

[] 

e riavviare wicd.

Problemi dopo l'aggiornamento del pacchetto

A volte il client di wicd non si avvia dopo un aggiornamento, a causa di errori di dbus.

Una soluzione consiste nel rimuovere i file di configurazione nella directory /etc/wicd/

# rc.d stop wicd
# rm /etc/wicd/*.conf
# rc.d start wicd

Alcune note sui front-end grafici per sudo

Se si ottiene un errore da wicd, che non trova un programma grafico per sudo, eseguire uno dei seguenti comandi:

$ ktsuss wicd-client -n
$ gksudo wicd-client -n
$ kdesu wicd-client -n

Questi comandi richiedono rispettivamente l'installazione del pacchetto ktsussAUR (che si trova su AUR), gksu e kdesu.

Configurare wicd per eduroam

Nota: Si consiglia di provare prima il pacchetto presente su AUR wicd-eduroamAUR. Apparirà in wicd l'opzione per "eduroam". Se non funziona, provare la seguente procedura.

Questo profilo funzionerà solamente per le istituzioni eduroam che usano il protocollo TTLS ma non funzionerà nel caso venga usato il protocollo PEAP

Creare il seguente file /etc/wicd/encryption/templates/ttls-80211

/etc/wicd/encryption/templates/ttls-80211
name = TTLS for Wireless
author = Alexander Clouter
version = 1
require anon_identity *Anonymous_Username identity *Identity password *Password 
optional ca_cert *Path_to_CA_Cert cert_subject *Certificate_Subject
-----
ctrl_interface=/var/run/wpa_supplicant
network={
       ssid="$_ESSID"
       scan_ssid=$_SCAN

       key_mgmt=WPA-EAP
       eap=TTLS

       ca_cert="$_CA_CERT"
       subject_match="$_CERT_SUBJECT"
 
       phase2="auth=MSCHAPv2 auth=PAP"

       anonymous_identity="$_ANON_IDENTITY"
       identity="$_IDENTITY"
       password="$_PASSWORD"
}

Aprire un terminale e digitare:

cd /etc/wicd/encryption/templates
echo ttls-80211 >> active

Aprire wicd, scegliere TTLS per la cifratura, nelle impostazioni del profilo eduroam ed inserire i parametri appropriati per la propria connessione. Il formato per il soggetto dovrebbe essere un valore simile a "/CN=server.example.com".

Nota: Questa impostazione funziona in alcuni casi commentando subject_match, che rende la connessione meno sicura, però garantisce comunque la connessione.

Problemi al passaggio da wicd ad un altro network manager

Per passare ad un altro demone di gestione delle reti (senza disinstallare wicd), modificare il file /etc/rc.conf ed anteporre il simbolo di ! al demone wicd e rimuovere quello che precede il gestore di rete che si intende utilizzare (oppure inserire il demone nell'array se non è presente). Dopo aver riavviato, il demone wicd non verrà caricato, però alcuni utenti hanno riscontrato che il client cerca sempre di avviarsi, restituendo un errore di mancata esecuzione del demone. Questo anche se non si è inserito il client nel proprio autostart, il problema risiede in /etc/xdg/autostart, quindi editare il file:

# nano /etc/xdg/autostart/wicd-tray.desktop

e rendere nascosto l'avvio dell'applicazione, oppure se si pensa di non avviare automaticamente wicd-client, sarà possibile cancellare il file.

Due processi wicd-client (ed eventualmente due icone nell'aria di notifica)

Leggere le note nel paragrafo Eseguire Wicd riguardo all'avvio automatico ed al file nella cartella /etc/xdg/autostart, consultare anche il post sul forum internazionale ed il bug report indicati in Collegamenti esterni. Essenzialmente, se il file /etc/xdg/autostart/wicd-tray.desktop è presente sul proprio sistema, basterà inserire il demone wicd nella lista dei demoni in avvio nel file /etc/rc.conf, e non sarà necessario avviare il client nel file (o nelle configurazioni) di avvio automatico del proprio DE/WM.

Password errata usando PEAP con TKIP/MSCHAPV2

Il template di connessione PEAP con TKIP/MSCHAPV2 richiede che l'utente inserisca il percorso per un certificato emesso da una CA oltre a richiedere un nome utente ed una password. Tuttavia questo può causare problemi e wicd notificherà un errore di password errata *. Una possibile soluzione consiste nell'uso di PEAP con GTC anzichè TKIP/MSCHAPV2 dato che esso non necessita del certificato.

Altre risorse