Xfce (Italiano)

From ArchWiki
Revision as of 08:19, 29 August 2012 by Dartfira (Talk | contribs)

Jump to: navigation, search

Tango-view-refresh-red.pngThis article or section is out of date.Tango-view-refresh-red.png

Reason: please use the first argument of the template to provide a brief explanation. (Discuss in Talk:Xfce (Italiano)#)
Attenzione: Questa pagina è in fase di revisione e potrebbe non essere aggiornata. Seguite per ora le istruzioni della versione inglese.

Template:Article summary start Template:Article summary text Template:Article summary text Template:Article summary heading Template:Article summary text} Template:Article summary end

Tratto da Xfce - About:

Xfce incarna la filosofia UNIX tradizionale di modularità e riutilizzabilità. Si compone di una serie di componenti che forniscono la completa funzionalità che si può aspettare da un ambiente desktop moderno. Essi sono distribuiti separatamente e si può scegliere tra i pacchetti disponibili per creare un ambiente ottimale di lavoro personale.

Contents

Che cos'è Xfce?

Xfce è un ambiente Desktop come GNOME o KDE. Include una collezione di applicazioni come un'applicazione di finestre root, un gestore di finestre, un file manager, un pannello, ecc. Xfce è scritto usando le librerie GTK2, e contiene il proprio ambiente di sviluppo (librerie, demoni, ecc) proprio come gli altri grandi ambienti desktop. Diversamente da GNOME o KDE, Xfce è un ambiente leggero e realizzato a immagine e somiglianza di CDE piuttosto che di Windows o di Mac. Ha un ciclo di sviluppo molto più lento, ma è molto stabile ed estremamente veloce e snello. Per questo motivo, è consigliato per sistemi con hardware datato.

Perché usare Xfce?

Ecco una lista (soggettiva) di ragioni per le quali usare Xfce:

  • È veloce, più veloce degli altri grandi ambienti.
  • È stabile. Da quando è uscito, solo una manciata di bug sono stati scoperti, nonostante sia usato e seguito da molta gente.
  • È carino. Usa le GTK2 e gli si possono applicare svariati temi. Potete rendere Xfce veramente bello alla vista. I font sono sottoposti anche all'AA.
  • Funziona perfettamente con monitor multipli. Il supporto di Xfce a Xinerama è forse il migliore mai visto fra i vari ambienti.
  • Non "sta fra i piedi". Troverete che Xfce si limiterà ad aiutare il vostro lavoro, piuttosto che rendersi sempre "presente".
  • È fornito di un compositor integrato che permette vere trasparenze e altre cosette molto carine.

Perchè non usare Xfce?

Ecco una lista (soggettiva) di ragioni per le quali non usare Xfce:

  • Non ha tutte le caratteristiche e integrazioni degli altri ambienti più famosi.
  • Ha un ciclo di sviluppo molto lento.
  • È basato sul design di CDE, il che può non risultare molto familiare ai più.

Come installare Xfce

Xfce è modulare. Ciò significa che non è necessario installarlo in ogni sua parte, ma che si può scegliere solo gli elementi che si preferisce. Per questo motivo, Xfce ha alcuni speciali pacchetti Arch.

Installare Xfce

Assicurarsi di aver installato e configurato a dovere Xorg prima di procedere all'installazione.

Per installare il sistema di base Xfce, eseguire:

# pacman -S xfce4

Pacman chiederà di selezionare i pacchetti da installare, probabilmente si desidererà installarli tutti premendo semplicemente invio.

Nota: O si può voler installare solo alcuni pacchetti necessari, i cosidetti core packages:
# pacman -S xfwm4 xfce4-panel xfdesktop thunar xfce4-session xfce4-settings xfce4-appfinder xfce-utils xfconf

Se si desiderano degli extra, come i plugin del pannello, eseguire:

# pacman -S xfce4-goodies

Come prima, pacman chiederà quali pacchetti si desidera installare.

Nota: xfce4-xfapplet-plugin (Un plugin che permette l'uso degli applet di GNOME nel pannello di Xfce4) fa parte del gruppo di xfce4-goodies e dipende da gnome-panel, che a sua volta dipende da gnome-desktop. Si potrebbe voler tenerne conto prima di installare, dato che rappresenta un significativo numero di dipendenze extra.

Se non si vuole che il pacchetto xfce4-xfapplet-plugin sia installato, installare xfce4-goodies in questo modo:

# pacman -S $(pacman -Sgq xfce4-goodies | egrep -v xfce4-xfapplet-plugin)

Per installare le icone menu standard:

# pacman -S gnome-icon-theme

Se volete gli avvisi 'Tips and Tricks' dopo il login, installare il pacchetto fortune-mod:

# pacman -S fortune-mod

Per far sì che xfce4-mixer funzioni bene con ALSA, è necessario installare gstreamer0.10-base-plugins. (Vedere più sotto per informazioni su OSS)

# pacman -S gstreamer0.10-base-plugins
Installare e configurare i demoni

Installare dbus:

# pacman -S dbus

Per avviarlo automaticamente al boot, occorre aggiungere dbus alla propria lista DAEMONS in /etc/rc.conf:

DAEMONS=(syslog-ng dbus network crond)

Se si ha la necessità di avviare dbus senza riavviare, lanciare

# /etc/rc.d/dbus start

Installare gamin (il successore di fam). È configurato in maniera tale da girare in background automaticamente, non serve quindi aggiungerlo nel rc.conf.

# pacman -S gamin


Avviare Xfce

Automaticamente al momento del boot

Consultare Display Manager per installare e configurare un display manager. Assicurarsi di configurarlo correttamente per PolicyKit.

Manualmente

É possibile avviarlo semplicemente lanciando

$ startxfce4

dalla console oppure configurare xinitrc ed usare xinit o startx

Se non si è creato ancora un ~/.xinitrc, da console lanciare:

$ cp /etc/skel/.xinitrc ~/.xinitrc

e aggiungere la seguente riga:

exec ck-launch-session dbus-launch --exit-with-session startxfce4

Esempio:

#!/bin/sh
#
# ~/.xinitrc
#
# Executed by startx (run your window manager from here)

# exec gnome-session
# exec startkde
# exec startxfce4
# ...or the Window Manager of your choice
 exec ck-launch-session dbus-launch --exit-with-session startxfce4

dbus-launch avvia un'istanza dbus-daemon per stabilire una comunicazione con PolicyKit. ck-launch-session avvia una sessione consolekit pulita, richiesta da Xfce per la gestione energia, l'automount, lo spegnimento-riavvio, ecc. Le funzionalità ConsoleKit/PolicyKit possono essere gestite automaticamente da un display manager come gdm. Da notare che dbus-launch dev'essere posizionato dopo ck-launch-session, o ci saranno problemi durante il montaggio di dischi.

Spegnere, riavviare e montare automaticamente da Xfce
  • Verificare che dbus sia abilitato nella stringa DAEMONS in /etc/rc.conf.
  • Assicurarsi di essere membri del gruppo power per poter spegnere e riavviare.
  • Assicurarsi di essere membri del gruppo storage per effettuare l'automounting.
  • Assicurarsi che si stia utilizzando exec ck-launch-session startxfce4 in ~/.xinitrc o un display manager con capacità di gestione ConsoleKit/PolicyKit, come per esempio GDM o SLiM. (si veda sopra)

Consigli utili

Panello

Come personalizzare lo sfondo del pannello di xfce

Al solito, modificare {filename|~/.gtkrc-2.0.}} ( foo.bar è il percorso all'immagine desiderata ) Da notare che occorre prima spostare l'immagine nella stessa cartella della configurazione, che è ~/. Non è possibile difatti specificare il percorso all'immagine, altrimenti non funzionerà.

 style "panel-background" {
   bg_pixmap[NORMAL]        = "foo.bar"
   bg_pixmap[PRELIGHT]      = "foo.bar"
   bg_pixmap[ACTIVE]        = "foo.bar"
   bg_pixmap[SELECTED]      = "foo.bar"
   bg_pixmap[INSENSITIVE]   = "foo.bar"
 }
 widget_class "*Panel*" style "panel-background"

Sostituire l'applet 'menu' di default nel pannello

Il "Pannello di Sistema di Ubuntu", l'applet del pannello di Gnome, ha caratteristiche similari a quelle che si possono trovare in KDE v.4.2. Lo si può aggiungere al pannello di Xfce tramite il gestore degli applet 'XfApplet', che permette all'applet di Gnome di essere visualizzato in Xfce.

Tale menù potete trovarlo su AUR

Come rimuovere le voci dal menu di sistema

Con l'editor del menu integrato, non potete rimuovere le voci dal menu Sistema. Ecco come fare per nasconderle:

  1. Andare nella cartella /usr/share/applications, si digiti il seguente comando nel terminale (Xfce menu > Sistema > Terminale):
$ cd /usr/share/applications
  1. Questa cartella sarà piena di file .desktop. Per vedere quanti, usate il comando
$ ls

Per esempio, supponendo che la voce che si vuole modificare sia Firefox. Scrivere nel terminale:

$ sudo mousepad firefox.desktop
  1. In fondo al file, scrivere
NoDisplay=true
  1. Salvare ed uscire. Adesso Firefox non sarà più presente nel menu di Sistema. È possibile ottenere lo stesso con qualsiasi altro programma.

Un altro metodo consiste nel copiare l'intero contenuto della cartella delle applicazioni globali sopra la propria cartella di applicazioni locali, quindi procedere a modificare e/o disabilitare le scorciatoie .desktop indesiderate. Questo permetterà di mantenere gli aggiornamenti delle applicazioni che scriveranno le modifiche su /usr/share/applications/.

  1. In un terminale, copiare tutto da /usr/share/applications in ~/.local/share/applications/:
    $ cp /usr/share/applications/* ~/.local/share/applications/
  2. Per qualsiasi elemento non desiderato nel menù, aggiungere l'opzione NoDisplay=true:
    $ echo "NoDisplay=true" >> ~/.local/share/applications/foo.desktop

È possibile anche editare la categoria delle applicazioni modificando il file .desktop con un editor di testi e modificare la Categories= linea.

Cosa posso fare con le voci che non sono in /usr/share/applications (ad es. i programmi installati con Wine)?

Alcuni collegamenti che appaiono nella categoria "Altri" (quella che usa Wine) si trovano in questa cartella: ~/.local/share/applications/wine/

Desktop

Perchè il mio desktop non si autoaggiorna?

Xfce 4.6 usa il demone FAM (File Alteration Monitor) o gamin (successore di FAM) per rendersi conto delle modifiche eventuali che avvengono in una cartella o in un file. Se si decide di utilizzare FAM, non dimenticare di aggiungere 'fam' alla lista dei demoni DAEMONS in /etc/rc.conf. Questo accorgimento non è necessario per gamin.

NOTA: Dopo gli ultimi aggiornamenti, FAM ha evidenziato alcuni problemi nella gestione di alcune risorse, come punti di mount sshfs, coi quali gamin non ha problemi.

Usare uno sfondo trasparente per il testo delle icone sul Desktop

Per cambiare lo sfondo bianco di default del testo delle icone sul Desktop con qualcosa di più carino, modificate il file .gtkrc-2.0 nella vostra cartella home (se non c'è, createlo) aggiungendo:

style "xfdesktop-icon-view" {
XfdesktopIconView::label-alpha = 10
base[NORMAL] = "#000000"
base[SELECTED] = "#71B9FF"
base[ACTIVE] = "#71FFAD"
fg[NORMAL] = "#ffffff"
fg[SELECTED] = "#71B9FF"
fg[ACTIVE] = "#71FFAD" }
widget_class "*XfdesktopIconView*" style "xfdesktop-icon-view"

Nascondere delle partizioni selezionate sul desktop

Se si desidera evitare che alcune partizioni o dispositivi appaiano sul desktop, è possibile creare una regola di udev, ad esempio il file /etc/udev/rules.d/10-local.rules:

KERNEL=="sda1", ENV{UDISKS_IGNORE}="1"
KERNEL=="sda2", ENV{UDISKS_IGNORE}="1"

mostrerà sul desktop tutte le partizioni eccetto sda1 e sda2.

Passare al vecchio menu del tasto destro sul desktop senza le aggiunte di Thunar

xfconf-query -c xfce4-desktop -v --create -p /desktop-icons/style -t int -s 0

Suggerimenti per le Applicazioni

Una console a discesa come quake

# pacman -S tilda

Il comando installerà Tilda, una console a discesa, simile a yakuake. Un'alternativa più leggera sarebbe stjerm, reperibile su AUR. Per configurare tilda, dare il comando

# tilda -C

che aprirà una finestra di configurazione in X.

Guake

Un'altra alternativa funzionale è guake, che è disponibile nel repository community:

# pacman -S guake

XFWM4

Come attivare il compositor di Xfce 4.6

Xfce 4.6 include un compositor che aggiunge le opzioni per gli effetti delle finestre, le ombre, la trasparenza ecc. Può essere attivato nel menù Window Manager Tweaks ed è attivabile al momento. Non sono necessarie ulteriori impostazioni nel file /etc/xorg.conf. Per abilitarlo e configurare le impostazioni andare in:

Menu --> Settings --> Window Manager Tweaks

Posizionamento fisso della finestra di ogni applicazione

Comandi per il gestore delle configurazioni

Non c'è una documentazione ufficiale per i comandi eseguiti dal gestore delle configurazioni. Potete dare un'occhiata ai file .desktop presenti nella cartella /usr/share/applications. Per quelli che vogliono sapere esattamente cosa sta eseguendo il pc, ecco una lista dei comandi che vengono eseguiti, utile per capirne un po' di più:

xfce-setting-show backdrop
xfce-setting-show display
xfce-setting-show keyboard
xfce4-menueditor
xfce-setting-show sound
xfce-setting-show mouse
xfce-setting-show session
xfce-setting-show
xfce-setting-show splash
xfce-setting-show ui
xfce-setting-show xfwm4
xfce-setting-show wmtweaks
xfce-setting-show workspaces
xfce-setting-show printing_system
xfce4-appfinder
xfce4-autostart-editor
xfce4-panel -c

Per avere una lista di tutti i comandi installati a disposizione del manager delle configurazioni, eseguite questo comando nel terminale:

$ grep xfce-setting-show /usr/share/applications/xfce*settings*

Sessione

Personalizzare l'avvio delle Applicazioni

Ciò include l'ottenimento delle variabili d'ambiente necessarie nel tempo d'avvio della GUI.

  • Copiare il file /etc/xdg/xfce4/xinitrc in ~/.config/xfce4/
  • Modificare questo file. Ad esempio, si può aggiungere qualcosa del genere da qualche parte a metà:
   source $HOME/.bashrc
   # start rxvt-unicode server
   urxvtd -q -o -f

Cambiare utente

E 'possibile passare tra le sessioni X grazie a xfswitch-plugin . Una volta installato aggiunge un'icona al pannello Xfce, attualmente il pacchetto richiede gdm per poter funzionare.

xfswitch-plugin è reperibile pressoAUR

Modificare le impostazioni dei file XML direttamente

Potrebbe essere utile, specialmente quando si effettua un aggiornamento, editare manualmente i file con estensione .xml nella cartella ~/.config/xfce4/xfconf/. Ad esempio per le scorciatoie di tastiera delle applicazioni, il file è ~/.config/xfce4/xfconf/xfce-perchannel-xml/xfce4-keyboard-shortcuts.xml. È più veloce copiare ed incollare la chiave XML piuttosto che ricorrere all'interfaccia grafica.


Come aggiungere temi a Xfce

1. Andare sul sito xfce-look.org e cliccare "Themes" nella opzioni di scelta a sinistra. Scegliere un tema e cliccare su "Download".

2. Aprire la cartella dove è stato scaricato il file ed estrarne il contenuto usando Squeeze/Xarchiver/CLI o qualunque altro tool di vostro gradimento.

3. Spostare la cartella estratta in /usr/share/themes se si desidera che il tema possa essere usato da tutti gli utenti, incluso root, o ~/.themes se volete utilizzare il tema nel solo account attuale.

4. Il tema GTK è ora disponibile per l'attivazione.

Per applicare la combianzione dei colori del tema appena installato, andate su:

Menu --> Impostazioni --> Aspetto

Per applicare lo stile del nuovo tema alle finestre, andare su:

Menu --> Impostazioni --> Gestore delle finestre

Cursori

Di base, X usa un cursore nero semplice. Nel caso si abbiano installati cursori di X alternativi, Xfce può trovarli in

Menu --> Impostazioni --> Mouse --> Temi

Per installare nuovi temi di cursore, si installi xcursor-themes o un altro pacchetto xcursor, o si veda X11 Cursors.

Fonts

Se si riscontrano problemi di visualizzazione dei font predefiniti, provate ad aprire Impostazioni>Interfaccia Utente, cliccate sulla scheda "fonts" ed impostate "Usa Hinting" su "Totale"

Si potrebbe anche provare a utilizzare un impostazione DPI personalizzata.

Suoni

Come fare per utilizzare Xfce4-mixer con OSS4

Xfce 4.6 utilizza gstreamer come backend per il controllo del volume, quindi per prima cosa bisogna far cooperar gstreamer con Xfce4-mixer.

 pacman -S xfce4-mixer gstreamer0.10-base-plugins

(Opzionale) Si potrebbe aver bisogno anche delle librerie opzionali gstreamer0.10-good-plugins e gstreamer0.10-bad-plugins

 pacman -S gstreamer0.10-good-plugins gstreamer0.10-bad-plugins

É necessario riavviare la sessione, oppure rimuovere il plugin del mixer e aggiungerlo nuovamente. Se nonostante ciò non dovesse funzionare, allora si dovà ricompilare manualmente la libreria gstreamer0.10-good-plugins.

Per ricompilare scaricare il PKGBUILD e gli altri file richiesti da ABS oppure qui, modificare il PKGBUILD, aggiungendo --enable-oss.

 ./configure --prefix=/usr --sysconfdir=/etc --localstatedir=/var --enable-oss\
   --disable-static --enable-experimental \
   --enable-ladspa \
   --with-package-name="GStreamer Good Plugins (Arch Linux)" \
   --with-package-origin="http://www.archlinux.org/" || return 1

Successivamente lanciate il comando makepkg -i.

 makepkg -i

Se anche in questo modo non dovesse funzionare, allora è possibile recuperare un pacchetto appositamente modificato su AUR gstreamer0.10-good-plugins-ossv4, modificando la stringa pkgver alla più recente nel PKGBUILD dovrebbe funzionare.

LINK utili: OSS forum

Cambiare il volume con i tasti multimediali della tastiera

Andare in Impostazioni > Tastiera. Cliccare sulla scheda "Scorciatoie" e cliccare sul pulsante "Aggiungi". Aggiungere inserendo il comando desiderato, quindi premere il tasto corrispondente nella schermata successiva:

ALSA

Per il pulsante che aumenta il volume

amixer set Master 5%+

Per il pulsante che abbassa il volume

amixer set Master 5%-

Per il pulsante muto/non-muto

amixer set Master toggle

È possibile anche lanciare questi comandi per impostare i comandi indicati sopra con le scorciatoie standard di XF86Audio:

xfconf-query -c xfce4-keyboard-shortcuts -p /commands/custom/XF86AudioRaiseVolume -n -t string -s "amixer set Master 5%+"
xfconf-query -c xfce4-keyboard-shortcuts -p /commands/custom/XF86AudioLowerVolume -n -t string -s "amixer set Master 5%-"
xfconf-query -c xfce4-keyboard-shortcuts -p /commands/custom/XF86AudioMute -n -t string -s "amixer set Master toggle"

Se amixer set Master toggle non dovesse funzionare, provare invece con il canale PCM (amixer set PCM toggle).


Il canale deve avere una opzione 'mute' per passare il comando. Per verificare se il proprio canale Master supporta la commutazione mute, eseguire alsamixer in un terminale e cercare la doppia M (MM) con il canale Master. Se non sono presenti non supporta l'opzione muto. Se, per esempio, si desidera cambiare il tasto toggle affinché usi il canale PCM, assicurarsi di impostare anche il canale PCM come Mixer Track nelle proprietà del Mixer di Xfce.

OSS

Utilizzare uno di questi scripts: [1]


Se si utilizza ossvol (raccomandato), aggiungere:

ossvol -i 1

per il pulsante che aumenta il volume

ossvol -d 1

per il pulsante che diminuisce il volume

ossvol -t

per il pulsante muto/non-muto


Catturare schermate

Creare uno screenshots col tasto stamp

Un metodo semplice è quello di utilizzare una utility da linea di comando per creare uno screenshot:

# pacman -S scrot

Successivamente

Xfce-menu  -->  Settings  -->  Keyboard >>>  Application Shortcuts.

Aggingete il comando "scrot" per utilizzare il tasto "PrintScreen".

Tutte le immagini verranno salvate nella cartella del vostro utente, con un nome univoco come questo:

"2009-02-19-063052_1280x1024_scrot.png".


Screenshooter

In alternativa esiste un plugin per il pannello di Xfce che gestisce gli screenshot, reperibile in extra:

# pacman -S xfce4-screenshooter

È possibile aggiungere un collegamento alla tastiera con il comando

xfce4-screenshooter -f

al posto di "scrot". Si otterrà una finestra di dialogo dopo aver premuto il tasto "stamp" dove sarà possibile copiare l'immagine negli appunti o salvarla.

Cambiare le impostazioni di montaggio

Un problema comune quando si montano in automatico periferiche USB formattate con filesystem FAT è l'incapacità di mostrare correttamente i caratteri come ñ, ß, etc. Questo problema può essere risolto facilmente cambiando la iocharset di default impostandola in utf8, per far ciò basta agiungere una stringa al file /etc/xdg/xfce4/mount.rc:

[vfat]
uid=<auto>
shortname=winnt
utf8=true
# FreeBSD specific option
longnames=true
Nota: Si noti che quando si usa UTF-8, il sistema distingue tra maiuscole e minuscole, questo potrebbe potenzialmente corrompere i propri file. Fare attenzione.

È anche consigliabile montare dispositivi vfat con l'opzione flush, per fare in modo che la barra di avanzamento di thunar visualizzi una percentuale di avanzamento più realistica, anziché una stima approssimativa, tramite le operazioni di flush più frequenti.

[vfat]
flush=true

Dispositivi rimovibili

Se si desidera che un'icona appaia sul desktop e in thunar quando si collegano dispositivi esterni, assicurarsi d'aver installato gvfs

# pacman -S gvfs

È una buona idea installare anche thunar-volman

# pacman -S thunar-volman

Risoluzione dei problemi

Le scorciatoie da tastiera non funzionano

Con Xfce 4,6 c'è un problema per cui le scorciatoie da tastiera dell'utente funzionano ad intermittenza. Questo è di solito il caso in cui l'assistente delle impostazioni non è in esecuzione o è stato avviato in modo improprio a causa di un conflitto. Questo bug è stato risolto in Xfce 4.8, che ha preso il posto del 4.6 nel repository principale.

Una soluzione è disabilitare xfce4-settings-helper-autostart da autostarting nella sessione di un utente. Il demone settings helper si avvia, comunque, nel momento del caricamento di una sessione di Xfce. I seguenti due passaggi sembrano aver risolto questo problema.

Rimuovere o rinominare il file di sistema autostart .desktop:

mv /etc/xdg/autostart/xfce4-settings-helper-autostart.desktop /etc/xdg/autostart/xfce4-settings-helper-autostart.desktop.disabled

Rimuovere o rinominare il file locale autostart .dekstop:

mv ~/.config/autostart/xfce4-settings-helper-autostart.desktop ~/.config/autostart/xfce4-settings-helper-autostart.desktop.disabled

Dopo aver effettuato il logout, accedere nuovamente alla sessione, ora i tasti di scelta rapida dovrebbero funzionare corretamente.

Ripristinare le impostazioni predefinite

Se per qualche ragione si ha la necessità di ripristinare le configurazioni ritornando a quelle predefinite, per prima cosa rinominare i file ~/.config/xfce4-session/ e ~/.config/xfce4/

$ mv ~/.config/xfce4-session/ ~/.config/xfce4-session-bak
$ mv ~/.config/xfce4/ ~/.config/xfce4-bak

Uscire e riaccedere alla sessione per fare in modo che i cambiamenti abbiano effetto.

Articoli correlati

Fonti Esterne